Il massimo scienziato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto durante un briefing con i media martedì che non ci sono prove che i bambini e gli adolescenti sani abbiano bisogno di richiami e che l’obiettivo deve essere quello di proteggere specifiche popolazioni vulnerabili.

Lo riporta un articolo di Ryan Saavedra pubblicato su The Daily Wire, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

 

Il massimo scienziato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto durante un briefing con i media martedì che non ci sono prove che i bambini e gli adolescenti sani abbiano bisogno di richiami e che l’obiettivo deve essere quello di proteggere specifiche popolazioni vulnerabili.

“L’obiettivo è quello di proteggere i più vulnerabili, di proteggere quelli a più alto rischio di malattie gravi e di morire”, ha detto Soumya Swaminathan, capo scienziato dell’OMS. “Queste sono le nostre popolazioni anziane, gli immunocompromessi, le persone con condizioni di base, ma anche gli operatori sanitari, perché se molti operatori sanitari vengono infettati come vediamo ora, possono essere fuori malati e non vogliamo che si ammalino gravemente”.

“Non c’è nessuna prova ora che i bambini sani o gli adolescenti sani abbiano bisogno di richiami”, ha aggiunto. “Nessuna prova”.

Il Dr. Michael Ryan, direttore esecutivo per il programma di emergenza sanitaria dell’OMS, ha detto che non hanno determinato quante dosi di vaccino si dirà che la gente ha bisogno o quanto spesso la gente avrà bisogno di farsi le iniezioni.

“Penso che la gente abbia una certa paura che questa cosa dei richiami sia tipo ogni due o tre mesi e che tutti debbano andare a farsi un richiamo”, ha detto Ryan. “E non credo che abbiamo ancora la risposta a questo”.

ha riferito la CNBC:

Ha detto che gli scienziati possono alla fine ridefinire quante dosi sono necessarie nella serie primaria di iniezioni di Covid. Mentre la maggior parte delle persone sane può avere bisogno solo di due iniezioni, ha detto che gli anziani o immunocompromessi possono avere bisogno di tre o quattro.

I commenti di Swaminathan e Ryan arrivano all’incirca due settimane dopo che i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno approvato i richiami per gli adolescenti dai 12 ai 17 anni nel mezzo dell’attuale ondata di casi di coronavirus dovuti alla variante omicron, altamente contagiosa.

Le osservazioni arrivano mentre la variante Omicron del coronavirus si è rapidamente diffusa in tutto il mondo, portando a un’impennata di casi, mentre sembra anche non essere così mortale come i ceppi precedenti.

Il presidente democratico Joe Biden ha promesso in campagna elettorale che avrebbe “spento il virus”, ma sotto la sua guida i casi sono saliti alle stelle a nuovi massimi e ora sono morti più americani per il coronavirus sotto la sua guida che sotto l’ex presidente Donald Trump.

L’indice di approvazione di Biden in un sondaggio mainstream di sinistra è crollato al 33% la scorsa settimana, mentre gli americani sono alle prese con la continua pandemia, i problemi della catena di approvvigionamento, l’inflazione e altre questioni.

“Gli americani danno al presidente Joe Biden una valutazione negativa di approvazione del lavoro del 33 – 53%, mentre il 13% non ha offerto un’opinione”, ha riferito la Quinnipiac University. “Nel novembre 2021, gli americani hanno dato a Biden un rating negativo di approvazione del lavoro del 36-53 per cento, con il 10 per cento che non offre un’opinione”.

L’indice di approvazione di Biden da parte dei democratici è affondato di due cifre, dall’87% di novembre al 75% del nuovo sondaggio. La percentuale di democratici che ora lo disapprova è raddoppiata dal 7% al 14%. Solo 1 indipendente su 4 approva il lavoro di Biden, mentre solo il 2% (non è un errore di battitura) dei repubblicani approva il lavoro di Biden.

Biden ha ottenuto punteggi negativi su questioni importanti, tra cui:

  • economia: il 34% approva, mentre il 57% disapprova;
  • politica estera: Il 35% approva, mentre il 54% disapprova;
  • la risposta al coronavirus: 39 per cento approva, mentre il 55 per cento disapprova.

 

 

 

Facebook Comments