Mark Brumley, presidente e amministratore delegato di Ignatius Press, ha scritto questo interessante e molto puntuale articolo sulla questione delle diaconesse. È interamente da leggere. L’articolo è stato pubblicato su The Catholic World Report. Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

Papa Francesco incontra indigeni dell’Amazzonia (foto: Vatican media/Lapress)

Papa Francesco incontra indigeni dell’Amazzonia (foto: Vatican media/Lapress)

 

La raccomandazione di alcuni al Sinodo amazzonico circa l’ordinazione al sacerdozio dei viri probati sposati, uomini di provata esperienza, può essere o meno una buona idea, ma in ogni caso è nell’ambito della possibilità, secondo l’insegnamento ricevuto, sviluppato, moderno, della Chiesa sull’Ordine Sacro. Il cattolicesimo di rito orientale ha sacerdoti sposati. C’è un piccolo numero di sacerdoti cattolici di rito latino. È possibile.

Tuttavia, la Chiesa insegna che l’ordinazione delle donne al diaconato non è possibile. La Chiesa insegna che solo un uomo battezzato può ricevere validamente l’ordinazione sacramentale. Sì, alcune persone rifiutano questo insegnamento e dicono che è possibile. Essi interpretano l’antica pratica delle diaconesse come l’equivalente femminile del diaconato maschile. Rifiutano semplicemente come falso l’insegnamento sacramentale sviluppato della Chiesa che solo gli uomini possono ricevere validamente il sacramento dell’Ordine. (Catechismo della Chiesa Cattolica 1577; CC 1024; CCEO 754).

Naturalmente dall’altra parte ci sono molti teologi e altri che affermano l’insegnamento della Chiesa.

Mentre il Santo Padre ha permesso un altro studio della questione, e i risultati a quanto pare sono stati portati sulla sua scrivania, la sua stessa descrizione dei risultati è che sono stati inconcludenti. In ogni caso, l’insegnamento moderno della Chiesa non è semplicemente che le donne non potrebbero o non dovrebbero essere ordinate diaconi; è che le donne non possono essere ordinate diaconi. L’atto è invalido, non semplicemente illecito.

Di conseguenza, qualunque cosa fossero le antiche diaconesse, non erano destinatarie del sacramento dell’Ordine sacro come lo erano i diaconi.

Naturalmente si discute l’esatto livello di quell’insegnamento di donne-diacono ordinate in modo non sacramentale. Tuttavia, se è stato insegnato dal Magistero Ordinario Universale, come qualcosa da ritenere in maniera  definitiva, che il sacramento dell’ordine sacro può essere ricevuto validamente solo dagli uomini, allora la questione è chiusa, da una prospettiva cattolica. Che piaccia o no.

D’altra parte, se è stato insegnato in modo autorevole ma non definitivo, allora l’insegnamento potrebbe essere cambiato. Potrebbe essere non vuol dire che è, naturalmente. La Chiesa potrebbe ancora insegnare definitivamente qualcosa che finora ha insegnato in modo autorevole ma non definitivo. Lo status di non-definitivo di un insegnamento non significa automaticamente che possa cambiare.

Tra i resoconti degni di nota del Sinodo amazzonico c’è il fatto che alcune persone sostengono evidentemente facilmente che l’attuale insegnamento della Chiesa sia semplicemente sbagliato. Altrimenti, come si spiegherebbe la richiesta di ordinazione delle donne al diaconato? Questo ha senso solo se i suoi sostenitori dissentono dall’insegnamento autorevole.

Una cosa è chiedere un esame della questione per vedere se qualcosa sia possibile, persino considerando l’attuale insegnamento al contrario. Un’altra cosa è chiedere di fare la cosa, di fronte all’autorevole insegnamento della Chiesa che dice che non si può fare, specialmente quando la Chiesa presenta il suo autorevole insegnamento come la volontà di Gesù Cristo.

Il cardinale Müller, nel suo libro Sacerdozio e diaconato, conferma l’insegnamento della Chiesa sulla natura distintamente maschile del sacerdozio e del diaconato. Per quanto riguarda il diaconato, la sua posizione è quella di Aime Georges Martimort, in Diaconesse: Uno studio storico. Sì, il ministero delle diaconesse esisteva nell’antica Chiesa, ma non era, così va detto, lo stesso che è stato conferito agli uomini nel sacramento dell’Ordine Santo, così come lo intendiamo oggi, alla luce dello sviluppo della dottrina.

I vescovi del Sinodo decideranno diversamente? Vedremo come si svolgerà la discussione e cosa dirà il documento finale, e come il Santo Padre risponderà ad essa. Papa Francesco ha già indicato che la discussione sull’ordinazione delle donne al sacerdozio è chiusa. Ha permesso che la questione dell’ordinazione al diaconato venisse nuovamente studiata – è stata esaminata due volte negli ultimi cinquant’anni – ma non dà alcuna indicazione che pensi che l’insegnamento della Chiesa sull’argomento possa o debba cambiare. Almeno non lo ha fatto finora.

Tuttavia, alcuni hanno proposto lo sviluppo di un nuovo diaconato femminile che non riguarderebbe il sacramento dell’Ordine, ma che sarebbe simile a quelli che un tempo erano chiamati “ordini minori”. Questi “ordini minori”, generalmente soppressi nel rito latino della Chiesa cattolica e sostituiti dai ministeri “insediati” del lettore e dell’accolito, sono stati intesi come creazioni della Chiesa piuttosto che come sviluppi di un insieme di ministeri ordinati stabiliti divinamente, come l’episcopato, il sacerdozio e il diaconato che sono insegnati dalla Chiesa che siano in questo modo. Ci sono molti problemi con questa idea, non ultimo il fatto che probabilmente la maggior parte dei fautori dell’ordinazione femminile la rifiuterebbe come una sorta di sacramento di seconda classe. Resta da vedere se sarà perseguito seriamente.

Come minimo, possiamo dire che viviamo certamente in tempi interessanti. Oremus.

 

_____________________

[wpedon id=”15469″ align=”center”]

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1