Foto: Orban, Primo Ministro ungherese

Foto: Orban, Primo Ministro ungherese

 

Orban combatte la denatalità con i vecchi metodi: sostiene le famiglie numerose. Un articolo di Dorothy Cummings McLean nella mia traduzione.

 

Il governo ungherese vuole invertire il proprio declino demografico alla vecchia maniera: rendendo più facile per i cittadini del paese avere famiglie più numerose.

A tal fine, il governo del Primo Ministro Victor Orbán sta avviando una consultazione formale con gli ungheresi per raccogliere le loro idee su come lo Stato possa dare un sostegno più efficace alle famiglie. I moduli di indagine saranno inviati a circa 8 milioni di famiglie nel corso del prossimo mese. Il sottosegretario di Stato parlamentare Csaba Dömötör ha dichiarato che i temi da discutere includeranno il sostegno alle giovani coppie sposate, modi per incoraggiare le coppie ad avere più figli e orari di lavoro flessibili per le madri lavoratrici.

Secondo il sito web pro-Orbán “About Hungary”, la politica demografica dell’Ungheria – che evita la migrazione di massa a favore dei bambini cresciuti in casa – ha già avuto un effetto di rafforzamento sulle famiglie del paese:

“Dal 2010, anno di insediamento del governo del Primo Ministro Orbán, la politica demografica ungherese ha dato risultati concreti: nel 2017, il numero di aborti è diminuito di oltre un terzo, da 40.449 a 28.500, i divorzi hanno registrato un netto calo (da 23.873 nel 2010 a 18.600 nel 2017), e il numero di matrimoni è aumentato del 42 per cento circa.”

Ci sono stati 35.520 matrimoni ungheresi nel 2010 e 50.600 nel 2017.

“About ‘Ungheria” ha anche riferito che dall’elezione di Orbán, 83.000 famiglie ungheresi hanno ricevuto sussidi per l’acquisto di case, hanno risparmiato sulle tasse e hanno scoperto il 50% in più di posti di custodia dei bambini.

Lo studente universitario ungherese Alexander Masir, 22 anni, ha detto a LifeSiteNews che le politiche di Orbán hanno avuto un effetto sulla nazione.

“Penso che le sue riforme siano un moderato successo”, ha detto. “Il tasso di natalità è in crescita e la sua riforma fiscale significa che le famiglie con quattro o più figli non pagano praticamente nessuna imposta sul reddito o altri contributi”.

Masir, che sta studiando all’Università di Glasgow, dice che le politiche hanno aiutato anche la sua famiglia.

“La mia famiglia, sebbene più piccola, beneficia anche di una recente legislazione, ricevendo principalmente sostegno per il mio fratellino”.

Le politiche di Orbán sono in contrasto con quelle dell’Unione Europea, che enfatizzano le frontiere porose e la migrazione di massa invece che le identità nazionali.  A luglio Orbán ha tenuto un discorso in cui ha offerto cinque principi politicamente scorretti per “costruire” i paesi dell’Europa centrale, a cominciare dalla difesa delle culture cristiane europee e della famiglia tradizionale.

“Il primo è che ogni Paese europeo ha il diritto di difendere la propria cultura cristiana e il diritto di rifiutare l’ideologia del multiculturalismo”, ha detto.  
 
“Il nostro secondo principio è che ogni paese ha il diritto di difendere il modello familiare tradizionale, e ha il diritto di affermare che ogni bambino ha diritto a una madre e a un padre”, ha continuato. “Il terzo principio dell’Europa centrale è che ogni paese dell’Europa centrale ha il diritto di difendere i settori economici strategici a livello nazionale e i mercati che per esso sono di importanza cruciale”.

“Il quarto principio è che ogni paese ha il diritto di difendere le proprie frontiere e ha il diritto di rifiutare l’immigrazione”.

“E il quinto principio è che ogni paese europeo ha il diritto di insistere sul principio di una nazione, un voto sulle questioni più importanti, e che questo diritto non deve essere negato nell’Unione europea. In altre parole, noi centroeuropei sosteniamo che c’è una vita al di là del globalismo, che non è l’unica via. La strada dell’Europa centrale è la strada di un’alleanza di nazioni libere”, ha concluso Orbán.   
  
Le idee di Orbán sono anche un significativo allontanamento dai precedenti governi ungheresi, ha detto Masir a LifeSiteNews.

“I governi precedenti, in particolare prima del 2010, hanno sottolineato l’autonomia individuale invece del ragionevole dovere di contribuire alla comunità che ci ha cresciuto”, ha detto il nativo di Kecskemét. “Non si è detto nulla delle decine di migliaia di giovani che si trasferiscono all’estero per lavorare, dei villaggi e delle campagne in via di spopolamento”.

“Accanto alle importanti riforme, la più recente delle quali è la CSOK, un programma di benefici per la costruzione o l’acquisizione di una prima casa per nuove famiglie, i giovani sono invitati a rimanere nel paese, a stabilirsi e ad avere famiglie grandi e stabili”, ha continuato. “È stato chiarito che il luogo di lavoro è solo una delle tante opzioni disponibili per le donne. Tuttavia, c’è stata anche una risposta al modello urbano più occidentale che alcune famiglie stanno seguendo, e così il governo ha iniziato a costruire molti nuovi asili nido”.

Nel frattempo, Masir crede che Orbán non abbia ancora invertito la tendenza demografica.

“Direi che il programma si muove nella giusta direzione”, ha detto lo studente. “Tuttavia, finora non è riuscito a ribaltare la perdita demografica [anche se] c’è un miglioramento anche in questo campo. Fanno molto per le famiglie numerose, sia tra quelle povere che nella classe media; tuttavia, c’è meno successo nel convincere i giovani professionisti ad avere il loro primo o secondo figlio”.

Se consultato su come rendere l’Ungheria ancora più accogliente per la famiglia, Masir suggerirebbe al governo di collaborare più strettamente con la Chiesa cattolica.

“C’è ancora un legame evidente che viene trascurato tra fede e famiglia”, ha detto Masir. “Le famiglie più grandi e più sane delle mie classi erano tutte cristiane praticanti, e la maggior parte di queste cattoliche; consiglierei di integrare l’azione del governo con quella della Chiesa”.

 

Fonte: Lifesitenews

Facebook Comments