Il card. Cupich, arcivescovo di Chicago (U.S.A.), che ha ricevuto la berretta cardinalizia da Papa Francesco nel novembre 2016, ha scritto un articolo per il giornale diocesano. Scrive in maniera un po’ laterale ma chiara per chi capisce, come Phil Lawler, esperto giornalista di cose vaticane. Ecco il suo commento, nella mia traduzione, ripreso da Catholic Culture

 

Foto: card. Blase Cupich
Foto: card. Blase Cupich

 

Prendendo spunto dal cardinale McElroy – e ignorando i forti ammonimenti dell’arcivescovo Aquila e dell’arcivescovo Naumann (qui in italiano), tra gli altri – il cardinale di Chicago Blase Cupich ha scritto una rubrica sul giornale della sua arcidiocesi chiedendo la piena inclusione degli omosessuali attivi nella vita della Chiesa.

In realtà il cardinale non menziona l’omosessualità nella sua rubrica. Ma chiunque conosca gli attuali dibattiti all’interno della Chiesa saprà cosa intende quando si lamenta: “Ci sono voci che insistono sul fatto che la Chiesa deve escludere i peccatori da una più piena partecipazione alla vita della Chiesa finché non si saranno ravveduti, per rispetto alla giustizia di Dio”. Il cardinale Cupich non dice che gli omosessuali attivi dovrebbero essere ammessi alla Comunione, ma la sua argomentazione porta chiaramente a questa conclusione. E naturalmente la stessa logica suggerirebbe di accogliere all’Eucaristia tutti quei cattolici che sono divorziati e risposati, o che sostengono l’aborto legale, o che si fanno beffe degli insegnamenti della Chiesa su altre questioni morali.

Ormai, purtroppo, siamo abituati a sentire leader cattolici di spicco che mettono in discussione gli insegnamenti fondamentali della Chiesa e si rifiutano di sostenere norme morali chiare. Tuttavia, questa rubrica del cardinale Cupich è sorprendente perché travisa così palesemente il pensiero di coloro che sostengono la perenne tradizione cattolica, in particolare il defunto Papa Benedetto XVI.

Il cardinale apre la sua rubrica con l’osservazione che la ferma convinzione dell’infinito potere della grazia di Dio è uno dei “molti punti di convergenza tra il defunto Papa Benedetto XVI e Papa Francesco”. È vero, ma poiché questa convinzione è un aspetto fondamentale della fede cristiana, non sorprende che due Pontefici romani la condividano. Perché allora il cardinale Cupich si preoccupa di invocare Papa Benedetto? Questo diventa chiaro pochi paragrafi dopo.

Dopo aver citato gli avvertimenti di Papa Francesco contro la “fredda e dura logica gnostica”, il cardinale scrive:

Quindi un approccio pastorale che esclude preventivamente qualcuno dalla vita della Chiesa e dal suo ministero è una questione seria e deve essere messa in discussione.

Puoi nominare qualcuno – chiunque – che escluderebbe preventivamente qualcuno dalla vita della Chiesa? Non posso. La Chiesa cattolica ci accoglie tutti e, poiché siamo tutti peccatori, ci istruisce su come crescere nella vita di grazia. Allo stesso tempo, la Chiesa – seguendo l’ammonimento di San Paolo – ci avverte che perdiamo questa grazia e mettiamo a rischio la nostra anima se riceviamo l’Eucaristia in stato di peccato grave. Il cardinale Cupich non fa la distinzione elementare tra invitare qualcuno a unirsi alla Chiesa nella preghiera e invitare quella persona a condividere l’Eucaristia, forse fino alla sua stessa dannazione.

Abbiamo forse dimenticato che ammonire il peccatore è sempre stato considerato dalla Chiesa un’opera di misericordia? Non stiamo escludendo qualcuno dalla vita della Chiesa quando lo esortiamo a seguire le norme morali che nostro Signore ci ha tramandato; lo stiamo spingendo verso la piena comunione.

Il cardinale Cupich pone comprensibilmente, e giustamente, grande enfasi sulla misericordia di Dio. È qui che invoca Papa Benedetto, che ha detto che la misericordia di Dio – la sua disponibilità a perdonare – “è così grande da mettere Dio contro se stesso, il suo amore contro la sua giustizia”.

Questo passaggio sorprendente della Deus Caritas Est (n. 10), tuttavia, non nega le esigenze della giustizia divina. Dio è pronto a perdonare, ansioso di perdonare, un peccatore pentito. Ma certamente non incoraggerà il peccatore a continuare sulla strada dell’autodistruzione.

Infatti, come il cardinale Cupich sa bene, prima della sua elezione al papato, il cardinale Ratzinger era ben noto per le dichiarazioni ammonitrici che rilasciava dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, mettendo in guardia contro la ricezione della Comunione da parte di cattolici divorziati e risposati illecitamente, o che erano importanti sostenitori dell’aborto legale. Pertanto, l’affermazione che Ratzinger/Benedetto sostenga l’argomentazione di Cupich è, nella migliore delle ipotesi, fuorviante.

Una rappresentazione più onesta del pensiero di Papa Benedetto non lascerebbe dubbi sul fatto che egli rifiuta il ragionamento che il cardinale Cupich avanza. Si consideri il chiaro linguaggio della dichiarazione rilasciata dalla sua Congregazione nel 1986, Sulla cura pastorale delle persone omosessuali:

Tuttavia, un numero crescente di persone oggi, anche all’interno della Chiesa, sta esercitando enormi pressioni sulla Chiesa affinché accetti la condizione omosessuale come se non fosse disordinata e condoni l’attività omosessuale… I ministri della Chiesa devono assicurarsi che le persone omosessuali affidate alle loro cure non siano fuorviate da questo punto di vista, così profondamente contrario all’insegnamento della Chiesa.

Il cardinale Cupich non avrebbe scritto questa rubrica se avesse ascoltato il consiglio offerto dal cardinale Ratzinger in quello stesso documento: “Tenendo presente ciò, questa Congregazione desidera chiedere ai Vescovi di essere particolarmente cauti nei confronti di qualsiasi programma che possa cercare di fare pressione sulla Chiesa per cambiare il suo insegnamento, anche se afferma di non farlo”.

Il cardinale Cupich termina la sua rubrica con un appello per “una conversione per essere santi come Dio è santo, per amare perfettamente, come Dio ama perfettamente, rivolgendoci contro noi stessi e verso l’amore che perdona”. Ironicamente, questa esortazione è superficialmente simile a quella offerta dal cardinale Ratzinger in quel documento del 1986, in cui suggerisce che gli omosessuali dovrebbero essere incoraggiati a essere santi, a rivoltarsi contro i loro impulsi e a cercare il perdono di Dio.

La differenza fondamentale tra queste due esortazioni – differenza che è chiara nelle dichiarazioni di Ratzinger, ma camuffata nella colonna di Cupich – è che un prelato sfida i peccatori a cambiare vita e a entrare più pienamente nella vita della Chiesa, mentre l’altro vuole cambiare non i peccatori ma la Chiesa.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments