La risposta della Gran Bretagna a Covid è destinata ad essere drasticamente ridimensionata all’inizio del prossimo anno come parte di una “exit strategy” pandemica dal nome in codice Rampdown. I particolari del piano segreto sono giunti al DailyMail. Ecco la sintesi in questo articolo di ISABEL OAKESHOTT e MARK HOOKHAM,  pubblicato appunto sul DailyMail che vi propongo nella mia traduzione.

 

Boris Johnson, Primo Ministro britannico
Boris Johnson, Primo Ministro britannico

 

La risposta della Gran Bretagna a Covid è destinata ad essere drasticamente ridimensionata all’inizio del prossimo anno come parte di una “exit strategy” pandemica dal nome in codice Rampdown.

Il piano segreto di Whitehall è dettagliato in documenti ufficiali del governo trapelati al Mail on Sunday. Essi descrivono come gran parte del programma di emergenza da 37 miliardi di sterline del governo per affrontare il virus sarà smantellato e il paese sarà preparato a vivere con Covid “per gli anni a venire”.

Lo straordinario dossier di 160 pagine include una serie di documenti contrassegnati come “ufficialmente sensibili” redatti dagli alti funzionari del governo incaricati di concludere la battaglia della Gran Bretagna contro la pandemia.

Il dossier rivela come il governo sia pronto a:

Eliminare l’obbligo legale per coloro che prendono il virus di auto-isolarsi per dieci giorni;
Mettere fine ai test Covid gratuiti e permettere invece alle aziende private di far pagare i test di flusso laterale e PCR;
Chiudere il sistema nazionale “Test and Trace”, che identifica coloro che possono essere stati esposti al virus;
Concentrare la lotta contro il Covid su come affrontare i focolai locali e proteggere le ” strutture a più alto rischio”, come le case di cura;
Rottamare i pagamenti di 500 sterline per quelli a basso reddito che devono stare in quarantena.
Nei documenti, gli esperti dicono che il Covid rimarrà a livelli “endemici” per anni e che i ceppi mutanti del virus “rimarranno anche un rischio molto reale”. Ma, in modo cruciale, l’ipotesi di pianificazione centrale del governo – descritta come lo scenario “che partirà presto” – prevede che non ci sarà “nessuna recrudescenza invernale” del virus.

Le rivelazioni arrivano mentre il numero di nuovi casi di Covid è crollato di più di un quarto in poco più di tre settimane – da 52.009 al giorno a 38.351 – e più di 12 milioni di persone hanno avuto i loro vaccini di richiamo.

I piani di Rampdown trapelati saranno salutati dagli imprenditori e dalle famiglie esauste dalla battaglia di due anni della Gran Bretagna contro il virus.

Il professor Robert Dingwall della Nottingham Trent University, uno dei principali sociologi del Regno Unito ed ex consigliere del governo, ha detto: “Accolgo con molto favore il fatto che la gente stia pianificando la fine dell’emergenza e il ripristino della vita quotidiana. Trattare il Covid come qualsiasi altra infezione respiratoria dovrebbe incoraggiare la gente a ridurre la paura e l’ansia che hanno tormentato il paese negli ultimi due anni”.

Ma una fonte di Whitehall ha detto a The Mail on Sunday che alcuni sistemi per monitorare la diffusione della malattia sono già stati disattivati, scatenando l’allarme tra gli scienziati del governo.

Un’altra fonte ha anche detto che un gran numero di esperti sanitari che hanno condotto la lotta contro il virus per 18 mesi “se ne stanno andando” dal governo, causando un’enorme “perdita di conoscenza”.

“È totalmente finita, nella mente dei ministri”, ha detto la fonte. Ma cosa succede se arriva una nuova variante e hanno appena chiuso l’intera infrastruttura nazionale? Stiamo conservando sufficiente conoscenza dall’investimento di 37 miliardi di sterline negli ultimi due anni? Non credo proprio che lo stiamo facendo”.

La strategia Rampdown è stata elaborata come parte di una revisione di sei settimane del “regime di test, tracciamento e isolamento” del governo da parte dei funzionari della UK Health Security Agency, un nuovo organismo guidato dall’ex vice ufficiale medico Jenny Harries.

I documenti rivelano che i funzionari stanno esaminando “quali attività possiamo iniziare a ridurre prima di aprile?” e quale dovrebbe essere lo “stato finale” della risposta britannica a Covid dopo aprile.

Le loro conclusioni devono essere completate dal dottor Harries e da altri funzionari chiave questo fine settimana prima di essere presentate al segretario alla salute Sajid Javid. È probabile che il governo sveli il piano entro la fine dell’anno, a meno che non ci sia una recrudescenza dei casi causata da un nuovo ceppo ingestibile del virus.

In particolare, i documenti rivelano che i ministri sono pronti ad abbandonare i tentativi di fermare la diffusione del Covid-19 “a tutti i costi”.

Invece, i funzionari sanitari giudicheranno le politiche future contro lo stesso tipo di analisi costi-benefici utilizzati per decidere se il servizio sanitario nazionale può permettersi nuovi farmaci costosi.

“Non daremo più la priorità ai precedenti obiettivi di rompere le catene di trasmissione a tutti i costi”, ha dichiarato un documento.

Un altro documento, discusso all’inizio di questo mese, ha dichiarato che il governo “porrà fine alle politiche nazionali di tracciamento e auto-isolamento” e “passerà dagli approcci all’intera popolazione al focalizzarsi sui più vulnerabili”.
Gli addetti ai lavori dicono che la strategia Rampdown è stata in parte guidata dalla necessità di contenere le ingenti somme spese per la pandemia.

Il controverso servizio Test and Trace è stato istituito nel maggio 2020 con un enorme budget di 22 miliardi di sterline. Ha ricevuto altri 15 miliardi di sterline quest’anno, ma il suo finanziamento dovrebbe essere drasticamente tagliato l’anno prossimo.

‘Essenzialmente devono eseguire tutto entro la fine di marzo perché poi il finanziamento sarà finito’, ha detto una fonte. Nel frattempo, una seconda grande revisione, chiamata in codice Rising Tide, sta elaborando piani per come rispondere a qualsiasi nuovo ceppo mutante del virus che arriva nel Regno Unito.

Ai ministri verrà presentata una lista di “funzioni fondamentali” che saranno necessarie per rispondere a qualsiasi futura epidemia devastante.

Un portavoce del governo ha detto ieri sera: ‘Abbiamo pubblicato il piano autunnale e invernale per gestire la risposta al coronavirus, che rimane un grave rischio.

Manteniamo il nostro approccio sotto controllo, e nessuna decisione è stata presa per il prossimo anno”.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email