Se la variante Omicron dovesse confermarsi più mite della Delta, allora la corsa al richiamo del vaccino è sbagliata perché il vero vaccino sarebbe proprio la variante Omicron. 

Ecco un interessante articolo di Daniel Horowitz, pubblicto su The Blaze. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

coronavirus: Particelle del virus SarsCoV2 (in violetto) sulla superficie di una cellula (fonte: NIAID)
coronavirus: Particelle del virus SarsCoV2 (in violetto) sulla superficie di una cellula (fonte: NIAID)

 

In modo bizzarro, invece di concentrarsi sui fallimenti del vaccino per affrontare il ceppo esistente e più mortale del coronavirus, i governi globali stanno usando la nuova variante più mite come pretesto per il controllo semplicemente perché “più nuovo” significa sempre più spaventoso. Come tale, stanno spingendo il vaccino più che mai, anche se ora c’è un chiaro quadro di dati che mostra che il virus è così mite che non c’è bisogno di un vaccino, inoltre il vaccino in realtà lo rende peggiore. Quindi, basandosi sulla loro premessa che Omicron è causa di panico, non dovrebbe esserci un vero e proprio divieto delle iniezioni sulla base dei dati provenienti da più paesi?

Secondo lo Statens Serum Institut di Copenhagen, al 13 dicembre, il 90,5% di tutti i casi di Omicron in Danimarca, un paese dove la nuova variante si sta diffondendo rapidamente, erano vaccinati. Confrontando i tassi di vaccinazione complessivi, questo significa che i vaccinati con doppia dose hanno più del doppio delle probabilità di prendere Omicron rispetto ai non vaccinati. Detto altrimenti, Omicron ha rappresentato l’8% dei casi nei vaccinati con tripla dose, il 5,5% nei vaccinati con doppia dose e l’1,2% nei non vaccinati. Scorgete un schema?

L’esperienza danese finora si armonizza molto bene con un’analisi del CDC dei primi 43 casi noti di Omicron negli Stati Uniti, dove l’80% è stato sottoposto a doppia vaccinazione. Dall’altra parte del mondo, in Israele, il ministero della salute del paese ha annunciato che al 12 dicembre il 76% dei casi di Omicron è tra i tripli vaccini. Anche se Israele ha la più alta percentuale di booster nel mondo, la percentuale di tripli vaccinati nella popolazione complessiva è ancora solo del 58%. Anche il governatore della California Gavin Newsom ha ammesso: “La stragrande maggioranza [dei casi di Omicron] è stata tra le persone completamente vaccinate”.

Così, se Omicron è ora il nuovo stratagemma per tornare all’autoritarismo governativo stile marzo 2020, i governi non dovrebbero vietare del tutto le iniezioni piuttosto che promuoverle e persino renderle obbligatorie? Fauci prevede che gli ospedali saranno “sopraffatti” quando Omicron diventerà dominante. Obbligare le iniezioni, secondo la sua visione sbagliata di Omicron, è come esigere una fiamma ossidrica per “estinguere” un incendio. Infatti, Fauci ha anche ammesso all’inizio di questa settimana che il Sudafrica, un paese con un basso tasso di vaccinazione, non ha sperimentato molte malattie critiche da Omicron a causa dell’immunità acquisita.

Inoltre, poiché tutti riconoscono che questa versione del virus si diffonde molto rapidamente, la cosa peggiore che potresti fare ora (se credi che Omicron debba essere evitato) è farti un’iniezione. Gli studi hanno dimostrato che le iniezioni inizialmente sopprimono il tuo sistema immunitario per diverse settimane prima di far aumentare gli anticorpi. Pertanto, nel momento in cui avresti la protezione teorica (che sembra non funzionare per Omicron comunque), probabilmente avresti comunque preso il virus. Uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno dallo Statens Serum Institut ha scoperto che gli operatori sanitari entro sette giorni dalla prima iniezione avevano più del doppio delle probabilità di essere infettati rispetto a quelli non vaccinati. Questo sarà solo amplificato da questa variante, con una diffusione più rapida che avviene proprio mentre i governi stanno aumentando le campagne di vaccinazione obbligatoria.

Tuttavia, fortunatamente, sembra che non avrà nemmeno importanza se il vaccino peggiora la situazione o no. Tutti i rapporti e i dati che stiamo vedendo da Omicron indicano che è mite come un comune raffreddore e infinitamente meglio da prendere che la Delta. Infatti, l’unica ragione per dire alla gente di chiudersi ora non è a causa di Omicron ma per dare altre due settimane in modo che Omicron metta fuori gioco Delta!

In Israele, il 60% dei casi stimati di Omicron sono asintomatici. In Danimarca, proprio come in Sudafrica, non vediamo alcuna pressione aggiuntiva sugli ospedali – un completo disaccoppiamento tra casi e ricoveri.

Come riporta il Telegraph del Regno Unito, il tasso di mortalità per il virus in Sudafrica è ora di uno su 200 – il più basso di tutta la pandemia e 10 volte più basso dello scorso settembre. Il tasso di ospedalizzazione per caso COVID è sceso del 91% rispetto all’ondata Delta. Attualmente ci sono solo 509 persone in terapia intensiva – meno di una per ospedale – nonostante diverse settimane di rapida diffusione di Omicron. Per portare avanti questo punto, l’Associated Press riferisce che i funzionari di Orange County, Florida, hanno scoperto che quasi il 100% dei ceppi di SARS-CoV-2 nei rifugi della città erano Omicron. Eppure, Orange County ha a malapena qualcuno in ospedale, e pochi si sono preoccupati di fare i test. Almeno per ora, Omicron è così “pericoloso” che la gente non fa nemmeno i test. La ragione per cui gli ospedali sono ancora carichi negli stati del nord che stanno vivendo la loro ondata stagionale è a causa dei casi Delta esistenti.

Un nuovo preprint dell’Università di Hong Kong getta un po’ di luce patofisiologica sui dati e le osservazioni che stiamo vedendo a livello clinico. Isolando la variante Omicron SARS-CoV-2 nel tessuto polmonare umano e confrontandola con il ceppo originale, i ricercatori hanno scoperto che colpisce appena i polmoni ed è principalmente un’infezione delle vie respiratorie superiori, come un raffreddore.

Hanno scoperto che la nuova variante Omicron si replica più velocemente del virus originale SARS-CoV-2 e della variante Delta nel bronco umano. A 24 ore dall’infezione, la variante Omicron si è replicata circa 70 volte di più della variante Delta e del virus originale SARS-CoV-2. Al contrario, la variante Omicron si è replicata in modo meno efficiente (più di 10 volte inferiore) nel tessuto polmonare umano rispetto al virus originale SARS-CoV-2, il che può suggerire una minore gravità della malattia.

Ciò che ha reso il COVID così pericoloso, e la variante Delta probabilmente potenziata dal vaccino in particolare, è che attacca i polmoni e genera un’infiammazione polmonare aggressiva. Il fatto che questa variante rimanga più in alto nel sistema spiega perfettamente perché sia così contagiosa attraverso la faringe nasale ma anche così lieve. Spiegherebbe anche perché sembra che anche alcuni di quelli con un’infezione precedente si infettino. Dopo tutto, il corpo non immagazzina cellule di memoria per un comune raffreddore.

Quindi, i funzionari della sanità pubblica non possono avere entrambe le cose. O Omicron è un vaccino de facto stesso e la soluzione alla pandemia e dovrebbe essere abbracciato, o, se è in qualche modo un messaggero di sventura, i vaccini sono il problema e dovrebbero essere vietati perché lo stanno chiaramente diffondendo.

 

 

 

Facebook Comments