Ma Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Carl E. Olson e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

Cresciuto in una casa e in una cappella biblica protestante fondamentalista, avevo più di qualche idea sbagliata (e persino selvaggiamente falsa) sulla Chiesa cattolica. La maggior parte di queste riguardava Maria e il papato. I cattolici venerano Maria! I cattolici credono che Maria sia la quarta Persona della Trinità! I cattolici venerano il Papa!

Credevamo, basandoci in parte sugli scritti magistrali della teologa presbiteriana Lorraine Boettner (1901-1990), sui fumetti altrettanto magistrali di Jack Chick (1924-2016) e sulla traduzione di Re Giacomo della Bibbia, giustamente interpretata, che la Chiesa cattolica fosse un’enorme e misteriosa organizzazione pseudocristiana costruita sui falsi insegnamenti di vari papi. E i papi, pensavamo, potevano inventare e cambiare le credenze cattoliche per un empio capriccio. Se Papa A diceva: “Adora Maria”, allora i cattolici adoravano Maria. E se Papa B avesse detto qualcosa di diverso, i cattolici avrebbero invertito la rotta con un’obbedienza doverosa e sconsiderata.

Circa trent’anni fa, studiando l’effettivo insegnamento della Chiesa e una discreta quantità di storia, ho scoperto quanto queste percezioni fossero tristemente sbagliate, persino bizzarre. Gli scritti dei padri e dei dottori della Chiesa e i documenti dei numerosi concili sono stati istruttivi. Il capitolo II della Dei Verbum del Vaticano II, per esempio, ha messo diversi tasselli al loro posto:

Ma il compito di interpretare autenticamente la parola di Dio, scritta o tramandata, è stato affidato esclusivamente al magistero vivo della Chiesa, la cui autorità è esercitata nel nome di Gesù Cristo. Questo magistero non è al di sopra della Parola di Dio, ma la serve, insegnando solo ciò che è stato tramandato, ascoltandolo devotamente, custodendolo scrupolosamente e spiegandolo fedelmente secondo un incarico divino e con l’aiuto dello Spirito Santo, trae da questo unico deposito della fede tutto ciò che presenta alla fede come divinamente rivelato. (par. 10; cfr. Lumen Gentium, capitolo III).

È curioso, quindi, scoprire che uno dei prelati più “progressisti” della Chiesa, il cardinale Jean-Claude Hollerich del Lussemburgo, sembra sottoscrivere una qualche forma di comprensione fondamentalista del papato. In una recente e lunga intervista al settimanale croato Glas Koncila, Hollerich è stato interrogato sulla possibilità che le donne vengano ordinate sacerdote. Ha risposto che la Lettera apostolica Ordinatio Sacerdotalis di Papa Giovanni II del 1994 “è sicuramente un vero insegnamento per il suo tempo, e non possiamo metterlo da parte. Ma penso che ci potrebbe essere un po’ di spazio per espandere l’insegnamento – per vedere quali argomenti di Papa Giovanni Paolo II potrebbero essere sviluppati. Ma per il momento, se Papa Francesco mi dice che non è un’opzione, non è un’opzione”. E poi:

Se è così, come possiamo sapere con certezza se un Papa ha ragione nel suo insegnamento?

Non c’è modo di andare rigorosamente contro l’insegnamento del Papa, eppure a volte c’è un’evoluzione del pensiero che può portare a conclusioni diverse. Ma se fossi io a saltare a queste conclusioni, sarebbe assurdo. È tutta la Chiesa, insieme a Pietro, che deve riconoscere che c’è stato uno sviluppo.

L’uso di “sviluppo” qui è, molto probabilmente, un appello ai famosi scritti di Newman sull’argomento, che affermano – in modo semplice – che l’autentico sviluppo della dottrina è una maturazione coesa, non un cambiamento o una rottura. Si tenga presente che Giovanni Paolo II, nella sua Lettera, piuttosto concisa e chiara, ha affermato che “l’insegnamento che l’ordinazione sacerdotale deve essere riservata ai soli uomini è stato conservato dalla costante e universale Tradizione della Chiesa e fermamente insegnato dal Magistero”, ma che, poiché alcuni continuavano a fare il diavolo a quattro e a dire il contrario, egli avrebbe risolto la questione:

Pertanto, affinché sia eliminato ogni dubbio su una questione di grande importanza, che riguarda la stessa costituzione divina della Chiesa, in virtù del mio ministero di confermare i fratelli (cfr. Lc 22,32) dichiaro che la Chiesa non ha alcuna autorità di conferire l’ordinazione sacerdotale alle donne e che questo giudizio deve essere definitivamente sostenuto da tutti i fedeli della Chiesa”.

Ma, secondo Hollerich, quello era allora, questo è oggi, e il suo dito è al vento, per quanto educatamente. Ma è molto più serio che dire “non sono d’accordo con quel Papa su questa questione di fede e di morale”, perché, come nota Giovanni Paolo II rifacendosi a un testo di Paolo VI del 1975, questo insegnamento sull’ordinazione della donna è radicato nella Sacra Scrittura e nella Tradizione, cioè nella rivelazione divina. E i papi, in definitiva, sono servitori della Parola di Dio divinamente rivelata.

Hollerich crede quindi che la rivelazione divina possa essere sbagliata? Oppure pensa che il Magistero si sia sbagliato su alcune questioni di fede e di morale? Inoltre, pensa davvero che se “tutta la Chiesa” e il Papa decidono improvvisamente che la Chiesa si è sbagliata per 2000 anni su X, Y o Z (e questo è un “se” sostanziale e delirante), la Chiesa può davvero continuare a essere ciò che ha sempre detto di essere: il Corpo di Cristo, “la casa di Dio” e “la colonna e il fondamento della verità” (1 Tim 3, 15)?

Naturalmente, Hollerich è abbastanza intelligente da evitare direttamente queste domande. Tuttavia, è abbastanza audace da introdurre sofismi penosi quando si tratta di quello che, a quanto pare, è il suo progetto preferito: minare e rifare completamente gli insegnamenti della Chiesa sulla sessualità. Così, la dottrina perenne della Chiesa sull’omosessualità è superata, dice, perché “il termine omosessualità non esisteva nemmeno [nella Chiesa primitiva]. Omosessualità è una parola nuova; anche al tempo di San Paolo non si aveva idea che potessero esistere uomini e donne attratti dallo stesso sesso”. Questo è, in parole povere, falso, come ha sottolineato il biblista anglicano N. T. Wright quasi due decenni fa.

Tuttavia, questo è solo un problema. “Ma come si possono condannare persone che non possono amare se non lo stesso sesso?”, dice. “Per alcuni di loro è possibile essere casti, ma richiamare altri alla castità sembra come parlare egiziano con loro”. Chi non può amare se non lo stesso sesso? L’amore, a quanto pare, è un’emozione sacra e fatalista al tempo stesso, che non può essere negata. Hollerich è un vescovo cattolico o uno scrittore di romanzi trasgressivi? Non crede che la grazia di Cristo sia sufficiente? Inoltre, se la castità è impossibile per alcuni, allora potrebbe essere che astenersi dal razzismo, dalla pederastia, dalla poligamia, dai combattimenti tra cani e dal neo-pelagianesimo intollerante sia altrettanto impossibile per altri?

Ma il Cardinale, che non ha mai nascosto il suo amore per il Vangelo della sociologia di tendenza, insiste: “Una persona omosessuale amerà sempre persone dello stesso sesso”. Per citare una famosa squadra musicale del New Jersey: “Voi date all’amore un brutto nome”.

Inoltre, Hollerich afferma che “le persone omosessuali devono sentirsi benvenute nella nostra casa. Altrimenti se ne andranno”. Si tratta, ovviamente, sempre di sentimenti. Mi viene in mente la frase: “Quando il giovane udì questo, se ne andò addolorato, perché aveva molti beni” (Mt 19,22). Veniamo al dunque: le emozioni e le passioni sono i grandi beni del nostro tempo. Molti abbandoneranno il Re e il Regno a causa dei loro desideri passionali e delle loro ostinate inclinazioni. Purtroppo, Hollerich sembra convinto che la Chiesa alla fine si allineerà alla sua visione degli anni ’60 della sessualità e dell’amore. Onestamente, sembra intenzionato a essere il John A. T. Robinson del nostro tempo, trattando la sessualità con una sorta di ingenuità (o, forse, di calcolata ideologia).

Dopo aver travisato dottrina, teologia e storia, Hollerich si rivolge alle Scritture:

Quando Gesù incontra una persona come Zaccheo, non dice: “Devi cambiare vita, ragazzo mio, e poi, forse, se fai penitenza, potrei pensare di farti visita”. No, il suo sguardo su questa persona la mette a suo agio e la fa sentire accettata. Poi Gesù va a casa loro e solo allora cambiano. Non escludo il cambiamento, ma esso avviene dopo l’incontro con Gesù.

Si noti, ancora una volta, l’enfasi sul “sentirsi”. Si tratta di una sciocchezza polemica, volta a diffamare i cattolici ortodossi come odiatori che insistono sul fatto che Gesù non avrà nulla a che fare con i peccatori finché non si saranno ripuliti a dovere prima di incontrarlo. Zaccheo, infatti, viene presentato da San Luca in voluto contrasto con il giovane e ricco sovrano. Quest’ultimo aveva osservato i comandamenti, ma non riusciva a donarsi completamente a Cristo, trattenendo l’unica cosa che desiderava tenere per sé.

Zaccheo, visto da tutti come un peccatore, riceve Cristo con gioia e offre tutto ciò che ha, con totale abbandono. L’accostamento è sia morale che soteriologico. La moralità è radicata nell’amore autentico, non nei sentimenti, ma nel dono volontario di sé; la salvezza passa attraverso la morte a se stessi e la vita a Dio. Tutti noi siamo chiamati ad abbandonare qualcosa; il cardinale Hollerich vorrebbe fare delle eccezioni per alcune persone. Perché? Forse perché è prigioniero dello Zeitgeist?

Infine, notiamo che Hollerich, nell’affrontare queste varie questioni, mina direttamente San Papa Giovanni Paolo II. Questo è evidente con la questione dell’ordinazione femminile. Le sue osservazioni sulla sessualità sono completamente contrarie alla teologia del corpo di Giovanni Paolo II e, naturalmente, al Catechismo, che il defunto pontefice promulgò nel 1994. E le osservazioni di Hollerich sui sentimenti e sull’amore, così come su Zaccheo, gettano ombra su Veritatis Splendor e su Dives in Misericordia e altri testi. (L’antipatia ossessiva di Veritatis Splendor da parte di quasi tutti i membri della cerchia ristretta di Papa Francesco è ovvia e importante, come ho indicato in precedenza).

Alla fine, il problema più profondo è che Hollerich e Co. hanno una comprensione così distorta della rivelazione divina, del Papato e del Magistero e dello sviluppo della dottrina. Così come della sessualità, della dottrina morale e della coscienza. Per certi versi è la stessa vecchia assurdità progressista degli anni Sessanta e seguenti; per altri versi, meno evidenti, è stranamente fondamentalista.

Carl E. Olson

 

Carl E. Olson è redattore di Catholic World Report e Ignatius Insight. È autore di Did Jesus Really Rise from the Dead?, Will Catholics Be “Left Behind”?, coeditore/contribuente di Called To Be the Children of God, coautore di The Da Vinci Hoax (Ignatius) e autore delle guide di studio “Catholicism” e “Priest Prophet King” per Bishop Robert Barron/Word on Fire. I suoi recenti libri sulla Quaresima e l’Avvento – Pregare il Padre Nostro in Quaresima (2021) e Preparare la via del Signore (2021) – sono pubblicati dalla Catholic Truth Society. Collabora inoltre con il giornale “Our Sunday Visitor”, la rivista “The Catholic Answer”, “The Imaginative Conservative”, “The Catholic Herald”, “National Catholic Register”, “Chronicles” e altre pubblicazioni.


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments