“Come Desmet, crediamo che le popolazioni siano ora suscettibili di forme ancora più draconiane e violente di totalitarismo, in parte perché le élite sono impegnate nell’installazione di un numero crescente di strutture di controllo totalitarie, in parte perché le popolazioni sono ora desiderose di evitare la verità su ciò di cui sono state protagoniste, e in parte perché forse il 95% delle persone è diventato più povero e più arrabbiato come risultato dello sfruttamento durante il loro ‘stato di folla’”.

Di seguito vi propongo un interessante saggio scritto dal prof. Paul Frijters, dalla prof.ssa Gigi Foster e da Michael Baker sulla follia della popolazione quando si trasforma in “folla” a commento del libro di Matthias Desmet “La psicologia del totalitarismo“. Il saggio è stato pubblicato su The Brownstone Institute. Eccolo nella mia traduzione. 

 

conformismo omologazione regime

 

Mentre le persone emergono lentamente dalla nebbia che è scesa su di loro nel marzo 2020, il senso di disorientamento e ansia è palpabile. Alcuni di coloro che hanno preso parte al fanatismo e alla prepotenza stanno riscrivendo o archiviando nella memoria ciò che hanno effettivamente detto e fatto. Altri hanno proposto un’amnistia pandemica, come se tutti si fossero svegliati dopo una notte di sbronza e si fossero ricordati vagamente di aver fatto qualcosa che probabilmente non avrebbero dovuto fare, ma ehi, era tutto nelle migliori intenzioni. Tutti commettono errori, quindi andiamo avanti.

Che cosa è successo in realtà ai milioni di persone che hanno tenuto in piedi il circo Covid? Quali forze hanno agito sulle loro menti che ora cominciano finalmente a recedere? Scenderà un’altra follia, e se sì, perché e quando?

Nel suo libro “Psicologia del totalitarismo”, il professore di psicologia clinica Matthias Desmet parla di “formazione della massa”, un fenomeno a cui storicamente è stato dato il nome di “formazione della folla”. Desmet sostiene che la maggior parte della popolazione mondiale si è riunita in una folla all’inizio del 2020. La narrazione di questa folla è arrivata a dominare la sfera pubblica, la sfera politica e la sfera privata, rendendola classicamente “totalitaria”, un evento che Desmet colloca in un’ampia prospettiva storica e tecnologica. Le questioni che solleva sono fondamentali per comprendere ciò che probabilmente accadrà in seguito e per tracciare il nostro ruolo di membri del Team Sanity nei prossimi anni.

 

Folle formate all’inizio del 2020

La tesi centrale di Desmet ci trova pienamente d’accordo ed è quasi identica a quella che appare nei nostri scritti: le popolazioni di molti Paesi sono diventate folle nel febbraio-marzo 2020, ossessionate dalla ricerca di protezione da un nuovo virus. Le élite hanno risposto all’appello al sacrificio e alla sicurezza, diffondendo propaganda e ordinando rituali sanitari che sono stati accolti con entusiasmo e amplificati dalle popolazioni. Le persone hanno abbandonato la loro individualità e il loro pensiero critico, usando le loro menti non per mettere in discussione i controlli totalitari che hanno eliminato le loro libertà di base, ma per razionalizzarle ed evangelizzarle.

Nel descrivere il modo in cui gli individui pensano e si comportano in queste folle, Desmet attinge a secoli di pensiero sociologico, tra cui le opere di Elias Canetti, Gustav Le Bon, Hannah Arendt e in particolare la Scuola di Francoforte. Nell’intervista rilasciata a John Waters nel luglio 2022 (e di nuovo in un’intervista quasi identica con Tucker Carlson nel settembre 2022) ha ammesso di aver impiegato alcuni mesi nel 2020 per riconoscere che si erano formate delle folle. Anche noi abbiamo riconosciuto la formazione della folla solo diversi mesi dopo la follia, circa nel giugno 2020. Era da così tanto tempo che in Occidente non si verificava un fenomeno di questa portata che la possibilità stessa sembra essere sfuggita alla nostra coscienza collettiva. Non conosciamo nessun commentatore che abbia identificato la formazione della folla fin dall’inizio e ne abbia scritto.

Sebbene le folle del COVID si stiano ora lentamente disperdendo, il danno è così grande e le lezioni che le azioni dell’umanità in questo periodo ci hanno insegnato sono così sgradevoli e impegnative che fanno rabbrividire chi di noi non ha partecipato.

 

La popolazione ha guidato il governo, non il contrario.

Un’implicazione chiave della dinamica della folla è che non c’è un singolo colpevole, una testa del serpente, un nemico che ha pianificato la saga del Covid secoli fa. Nelle folle, sia la popolazione che i suoi leader vengono presi nel vortice della narrazione adottata, trascinando tutti in una corsa sfrenata che, a differenza di una giostra in un parco divertimenti, non ha un percorso o un finale prevedibile. Sì, le élite assumono il ruolo di carcerieri e autocrati, ma si tratta di ruoli richiesti dalle loro stesse popolazioni. Se dovessero rifiutarsi di svolgere il ruolo richiesto, verrebbero rapidamente messi da parte e sostituiti da altri che sono pronti a svolgere il lavoro. Come sottolinea Desmet, la rimozione di una parte delle élite non avrebbe fatto alcuna differenza, così come non la farebbe ora.

Un esempio eloquente di questa dinamica si è svolto a Londra nel marzo 2020. Rishi Sunak, l’allora Tesoriere del Regno Unito (ora Primo Ministro), ci ha recentemente ricordato cosa accadde in quei giorni: l’establishment medico e i politici cercarono effettivamente di seguire la saggezza ricevuta da 100 anni di scienza medica e si opposero ai lockdown, ma tale fu il clamore nella popolazione britannica che il governo cedette e istigò comunque le chiusure.

Uno di noi si trovava a Londra all’epoca e può verificare per esperienza personale che le cose andarono esattamente così. La debole resistenza del governo britannico si sgretolò sotto un’ondata di paura. Dopo che i politici avevano ceduto alle pressioni dell’opinione pubblica, i medici istituzionali si misero in riga, spingendo in prima linea i segugi dei media come Neil Ferguson, che aveva una particolare inclinazione a creare scenari apocalittici che si prestavano a soluzioni totalitarie.

Implicitamente, Desmet respinge l’idea che dietro a tutto questo ci siano i cinesi, o che il World Economic Forum, la CIA, l’OMS, o qualche piccolo gruppo di medici pro-lockdown abbiano tramato la catastrofe come i geni del male che si vedono nei film di James Bond. Certo, diversi gruppi hanno fiutato la possibilità di ottenere più potere una volta che l’ondata è stata avviata, o hanno avanzato i loro programmi e le loro liste di desideri di lunga data, ma nessuno ha previsto tutto questo o ha capito come manipolare miliardi di persone per convincerle.

La traiettoria delle azioni in quei primi giorni ha esemplificato le sorprese: enormi cali (tra cui, ad esempio, nel settore Big Tech) nel febbraio-marzo 2020, seguiti da enormi aumenti per particolari settori (come, ad esempio, Big Tech) dopo il maggio 2020, quando i mercati hanno iniziato a capire cosa fosse realmente accaduto e chi stesse beneficiando delle nuove realtà. Se qualcuno avesse saputo in anticipo come sarebbero andate le cose, oggi sarebbe la persona più ricca del mondo.

Siamo completamente d’accordo con il pensiero di Desmet su tutto questo, anche se l’implicazione di non avere una “grande cospirazione” è irritante per molti del Team Sanity che amano la semplicità di un colpevole a cui dare la colpa di tutto. È la via d’uscita più facile. Tuttavia, è davvero probabile che i molti giudici statunitensi che in tutto il Paese si sono dimostrati riluttanti ad applicare la Costituzione degli Stati Uniti fossero in qualche modo tutti diretti da cinesi nefasti?

È utile pensare che le decisioni dei singoli paesi dell’Unione europea di far mettere la mascherina e di iniettare ai bambini piccoli fino a ridurli in fin di vita facciano davvero parte di un complotto del WEF ordito 20 anni fa? No. Si dovrebbero incolpare i giudici statunitensi e i legislatori dell’UE per ciò che hanno deciso di fare, sia perché l’alternativa della “grande cospirazione” è straordinariamente improbabile, sia perché l’attribuzione di colpe individuali per azioni individuali è un pilastro del pensiero giudiziario occidentale. Ritenere che le persone siano responsabili di ciò che hanno fatto è molto più impegnativo e politicamente difficile che esternare la colpa, ma è ciò che deve essere fatto affinché la giustizia sia ristabilita.

 

Troppo “illuminismo” ha preparato le popolazioni alla formazione delle folle?

Desmet sostiene – e qui ci separiamo da lui – che negli ultimi decenni le popolazioni sono state psicologicamente predisposte alla formazione di folle. Propone anche soluzioni che non ci convincono.

Desmet identifica il razionalismo, il pensiero meccanicistico e l’atomizzazione della società moderna come cause congiunte di un elevato livello ambientale di solitudine e ansia. Sostiene poi che l’aumento di questi fenomeni ha creato un grande gruppo di persone desiderose di adottare una causa comune, in modo da riempire il vuoto nelle loro vite. Si tratta in realtà di un vecchio argomento, portato avanti anche da Theodor Adorno della Scuola di Francoforte, negli anni Cinquanta. Il brillante film di Charlie Chaplin Tempi moderni aveva un sapore simile: un operaio alla catena di montaggio, sentendosi alienato dagli altri, solo e impressionabile, diventa un bersaglio facile per il richiamo della folla.

È facile essere d’accordo con Desmet se si guarda solo agli Stati Uniti o alla Cina. Si può facilmente sostenere che in questi due Paesi, nel periodo precedente al Covid, l’alienazione era crescente e meccanicistica e il pensiero “razionale” aveva creato la convinzione che i complessi problemi sociali potessero essere controllati e risolti con la tecnologia. Si può dire che le ulteriori tendenze al consumismo prima del 2020 e la graduale sostituzione di molte relazioni sociali con interazioni dirette con lo Stato nei settori della sanità, dell’istruzione e in altri ambiti abbiano catalizzato l’emergere di una popolazione atomizzata e solitaria, alla disperata ricerca di minacce comuni che la legassero.

La diffusione di quelli che altrove abbiamo definito “lavori di merda”, che lasciano le persone senza un senso di valore o di dignità, i sostituti digitali delle relazioni e delle comunità personali, che non possono offrire la sicurezza e l’affermazione disponibili dalle varietà personali, e gli alti livelli di disuguaglianza che fanno sentire molte persone inferiori, sono stati probabilmente come benzina sul fuoco. Tutti questi elementi sono coerenti con la tesi di Desmet secondo cui la modernità stessa ha preparato l’umanità a una nuova era di folla.

Tuttavia, se consideriamo un punto di vista più ampio, questo ragionamento inizia a sembrare meno valido come spiegazione di ciò che è accaduto all’inizio del 2020.

Innanzitutto, il panico da covid è dilagato in tutto il mondo, in molte culture diverse e in molti tipi di economie diverse. Affinché la storia di Desmet sia vera, lo stesso argomento dell'”accendino secco della modernità” dovrebbe valere ovunque, e dovrebbe anche essere vero che i pochi Paesi in cui la follia è stata evitata (Svezia, Nicaragua, Tanzania, Bielorussia) dovrebbero essere uniti nella mancanza di quell’accendino secco.

Tuttavia, il panico non ha trasformato in folla solo i popoli del solitario Occidente, ma anche quelli che vivono nelle regioni emotivamente più calde dell’America Latina, nelle società prevalentemente agricole dell’Africa subsahariana, nei Paesi del Golfo arabo, fortemente religiosi e orientati alla famiglia, e nello Stato super-secolare di Singapore.

Perché alcuni Paesi sono sfuggiti alla follia, se non perché sono sfuggiti agli elementi corrosivi della modernità? Le ragioni principali sembrano avere a che fare più con la fortuna casuale che con il rapporto di questi Paesi con la tecnologia o con le convinzioni razionaliste dell’Illuminismo. Il presidente della Tanzania ha immediatamente contrastato la narrazione, cercando di proteggere il suo Paese. Il Nicaragua ha diffidato di qualsiasi storia medica proveniente da oltre i suoi confini.

La Bielorussia era gestita da una dittatura che in quel momento non voleva indebolire il proprio Paese. La Svezia era ricca di pensatori razionali meccanicisti, ma aveva anche una serie di istituzioni sanitarie piuttosto particolari, gestite da persone particolari, Anders Tegnell e Johan Giesecke, che si opposero a nome delle persone che servivano. Se dovessimo mettere queste storie separate sotto un unico titolo, potrebbe essere “patriottismo coraggioso che emerge serendipicamente nel posto giusto al momento giusto”.

In quanto empirici, non possiamo fare a meno di osservare che il modello internazionale di formazione delle folle visto nel 2020 non corrisponde all’argomentazione secondo cui la modernità ha creato la “polvere secca” presumibilmente necessaria per la formazione delle folle da Covid. Non corrisponde all’affermazione del nostro collega Thorsteinn Siglaugsson, che seguiva l’argomentazione di Desmet, secondo cui “una società sana non soccombe alla formazione delle masse“. Riteniamo che questa affermazione sia troppo ottimistica, e per di più troppo comoda.

Anche i dati empirici non si adattano alla spiegazione di Giorgio Agamben. Egli osserva che decenni di prese di potere perpetrate sotto il teatro della sicurezza hanno creato una popolazione abituata a essere governata dalla paura e governanti abituati a esercitare la paura. Questa storia è vera per l’Italia (su cui Agamben stava commentando), ma non spiega l’emergere di folle covili in tutto il mondo nel 2020.

 

 

Un altro dato discordante con l’ipotesi Desmet è che il benessere e le connessioni sociali sono in realtà migliorati per decenni in Europa nel periodo precedente al 2020, come si evince dai dati grafici sopra riportati. I primi anni 2000 sono stati un’epoca d’oro per la psicologia positiva, con migliaia di libri di auto-aiuto sulla consapevolezza e il benessere che hanno venduto milioni di copie e interi Paesi che hanno adottato politiche di formazione della comunità come le iniziative per il benessere della Lotteria nazionale del Regno Unito. Forse gli Stati Uniti sono diventati più solitari negli ultimi 30 anni, ma questo non vale per gran parte dell’Europa, che sembra aver capito come avere società pacifiche e prospere. Società con molti governi corrotti e un’elevata disuguaglianza, certo, ma con popolazioni felici e socievoli.

Un buon esempio di luogo estremamente connesso socialmente e felice, pieno di cittadini fiduciosi che credono in se stessi, è la Danimarca, un Paese che per un decennio è stato costantemente tra i primi cinque Paesi più felici del mondo. Eppure, la Danimarca è stata una delle prime a chiudere i battenti (dopo l’Italia). I danesi ne sono usciti in tempi relativamente brevi, ma inizialmente sono stati trascinati come tutti gli altri, nonostante l’elevata coesione sociale, i bassi livelli di corruzione e la mancanza di solitudine.

Ne deduciamo che non c’era nulla di speciale nella mentalità dell’umanità nel gennaio 2020 che la rendesse più suscettibile alla formazione di folle. A nostro avviso, un racconto più convincente è che in ogni gruppo e in ogni società c’è sempre il potenziale per trasformarsi in una folla, semplicemente risvegliato da una forte ondata emotiva. Nel caso del Covid, si è trattato di un’ondata di paura, risvegliata da una bufera di notizie di emergenza sui mezzi di comunicazione di massa relative a un nuovo virus respiratorio.

L’elemento chiave che spiega come la paura del covid sia dilagata in tutto il mondo sono i media (sociali). I nuovi sistemi di informazione hanno permesso che un’ondata di ansia auto-rinforzante venisse trasmessa da persona a persona, su scala mondiale, attraverso i mezzi di condivisione delle informazioni, in un evento esteso e mortale di super-diffusione mondiale.

Certo, quell’ondata è stata manipolata e amplificata per ogni sorta di motivo, ma l’esistenza di social media condivisi in tutto il mondo è stato il vero fattore scatenante dell’emergere delle folle Covid. I mass media sono l’innesco per la formazione di folle globali, non una visione meccanicistica del mondo, il razionalismo dell’Illuminismo o la presunta solitudine di persone con lavori senza senso. A nostro avviso, l’umanità non ha bisogno di essere ansiosa per essere plasmata in una folla. Tutto ciò che serve è un megafono di un tipo o di un altro, un mezzo attraverso il quale l’eccitazione viene condivisa con molti. Con i mezzi di comunicazione di massa diffusi in tutto il mondo, prima o poi si sarebbe scatenato un grande panico mondiale.

 

Dobbiamo voltare le spalle all'”illuminismo”?

Desmet si oppone esplicitamente agli ideali dell’Illuminismo, seguendo la stessa linea di pensiero della Scuola di Francoforte. L’argomentazione è che il processo di ragionamento sugli altri crea una “alterità”, in virtù del fatto che gli altri diventano un oggetto di analisi e quindi qualcosa che viene posto leggermente al di fuori della portata dell’empatia più immediata. Desmet osserva che questo “alterare” disconnette le persone dalla propria empatia.

Ha ragione sugli effetti dell'”alterità”, ma questo effetto non è esclusivo della ragione. Qualsiasi forma di commento sugli altri, come il tentativo di spiegare il comportamento degli altri in termini, ad esempio, di relazione con un dio, ha lo stesso effetto di trasformare le altre persone in oggetti di pensiero. La giustificazione religiosa dell'”alterità” degli eretici nel Medioevo ha permesso alle folle di bruciare i loro compagni sul rogo.

Un’argomentazione simile vale per le visioni del mondo meccanicistiche. Gli esseri umani hanno usato strumenti per influenzare la natura per millenni, modificando l’ambiente in modo mirato e costante. Sebbene l’Illuminismo abbia visto l’avvento di un tipo specifico di pensiero sugli altri e di una serie di strumenti completamente nuovi, non ha inventato l’alterità e la modellazione dell’ambiente, ma piuttosto ha portato alla sostituzione di modi precedenti di fare queste cose che non erano meno ” alterità” o avulsi dalla natura.

Per fare un semplice esempio, si potrebbe riflettere sul fatto che l’Inghilterra era virtualmente coperta di foreste prima che l’uomo la colonizzasse, dopodiché c’è stato un costante declino della copertura forestale per secoli, man mano che i terreni venivano utilizzati per l’agricoltura, e la copertura forestale è tornata ad aumentare solo negli ultimi 100 anni (vedi sotto). È difficile sostenere che il periodo illuminista (successivo al 1700) sia particolarmente “avulso dalla natura”.

 

 

Il pensiero meccanicista e razionalista ha anche portato all’umanità enormi benefici che non possiamo immaginare che la nostra specie rinunci. Agricoltura meccanizzata, trasporti di massa meccanizzati, istruzione di massa, informazione di massa, produzione di massa: sono parti essenziali dell’economia moderna che hanno aiutato l’umanità a passare dai 300 milioni di poveri dell’epoca romana ai quasi 8 miliardi di persone molto più ricche e longeve di oggi.

Non si può tornare indietro rispetto a questo progresso. L’umanità non rinuncia all’ascia che ha inventato per tagliare la legna solo perché l’ascia sarà usata anche per uccidere altri. Piuttosto, l’umanità sviluppa scudi, come contromisura all’aumentato potenziale di uccisione, mentre perfeziona ulteriormente l’ascia come strumento per tagliare la legna. È sicuramente quello che faremo anche questa volta. Non regrediremo sulla tecnologia, comprese le tecnologie della mente che in questo momento stanno funzionando così bene per noi in così tanti settori.

Più in profondità, pur comprendendo e condividendo l’appello di Desmet a riconoscere i limiti della razionalità, il bisogno umano di misticismo e di connessione empatica e il bene che deriva da un processo decisionale coraggioso e basato su principi, non crediamo che tali appelli aiutino le società a fare molti progressi. In primo luogo, gli appelli morali lanciati dai margini suonano sempre un po’ disperati. I veri potenti hanno eserciti e mezzi di comunicazione per imporre la loro volontà e schiacciare qualsiasi appello di questo tipo nell’oblio. Inoltre, quando la società vuole davvero ricordare le lezioni del futuro, cerca qualcosa da scrivere nei libri di storia che sia meno volubile della morale.

Edmund Burke, il filosofo conservatore inglese, ha colto bene questo fatto sostenendo che è attraverso l’istruzione, le leggi e le altre istituzioni che ricordiamo la profonda conoscenza appresa nel corso dei secoli su ciò che funziona e ciò che non funziona. Imparare dai nostri errori attuali avrà un effetto a lungo termine anche attraverso il cambiamento delle nostre istituzioni. Non interromperemo l’istruzione di massa, i trasporti di massa, la tassazione nazionale o la maggior parte delle altre attività che le società hanno adottato nel corso dei millenni per prosperare in competizione con altre società. Semplicemente, modificheremo le istituzioni coinvolte nell’attuale serie di problemi, utilizzando le conoscenze acquisite dagli errori e dai successi dell’ultimo ciclo storico.

Nel lungo periodo, quindi, il nome del gioco non è appelli morali ma evoluzione istituzionale. Persino i rivoluzionari francesi e i bolscevichi, che hanno entrambi usato metodi brutali per revisionare le loro società, in realtà hanno mantenuto la stragrande maggioranza delle istituzioni esistenti. I rivoluzionari francesi non distrussero le strutture burocratiche o dell’esercito ereditate dalla corte reale dei Borboni, ma le ampliarono e le modernizzarono.

I sovietici non eliminarono le grandi proprietà agricole ereditate dall’aristocrazia russa, ma le collettivizzarono. I francesi non eliminarono le istituzioni scientifiche esistenti alla fine del XVIII secolo, che erano state commissionate dal re, ma le destinarono ad altri compiti.

I sovietici non demolirono i porti e le altre infrastrutture che gli zar avevano lasciato loro, ma ne costruirono altri. Allo stesso modo, dovremmo aspettarci che il nostro tempo lasci la sua impronta sulle istituzioni tramandate alle generazioni future. Per noi, pensare a come cambiare e adattare le nostre istituzioni è il principale programma intellettuale del Team Sanity: avere pronti dei buoni piani su come migliorare le cose in molti settori, sia a livello locale che nazionale.

Mentre Desmet sogna apertamente la “fine” del pensiero meccanicista, razionalista e illuminista, noi non vediamo questi elementi scomparire a breve. Certo, l’umanità potrebbe imbattersi in migliori narrazioni comunitarie e riuscire a incorporare un maggiore apprezzamento generale dei limiti della ragione e del controllo – un’area in cui abbiamo molti suggerimenti da offrire – ma questa non è davvero la fine della modernità.

 

Le folle sono davvero pazze?

Ancora più profondamente, non siamo d’accordo con Desmet sul fatto che le folle siano intrinsecamente “fuori di testa”. Desmet stesso evita la parola “psicosi”, ma parla di membri della folla come se fossero sotto ipnosi. Avendo assistito alla devastazione provocata dalle folle covid in tutto il mondo, è attraente definire come “alterità” il fenomeno della folla in sé e metterlo, e coloro che vi soccombono, in una scatola etichettata come “cattiva salute mentale”. Tuttavia, le folle sono più simili a gruppi ad alto numero di ottani: funzionano a un livello insolitamente alto di intensità e connessione, sono estremamente focalizzate e non consentono alcuna diversità di opinioni apertamente espresse o di interessi perseguiti.

Le folle possono portare alla distruzione, ma sono semplicemente più intense, più veloci nell’agire e più aggressive verso i non credenti rispetto ai gruppi “normali”. Sono folli dal punto di vista di chi non le segue, ma emergono o sopravvivono a causa di una disfunzionalità – una psicosi? Se è così, allora la maggior parte del mondo è psicotica, il che mette in discussione il vero significato di questa parola.

Le folle possono infatti essere agenti di distruzione creativa, lasciando spesso i loro Paesi con nuove istituzioni che si rivelano utili e vengono mantenute per secoli. Basti pensare ai nostri sistemi di istruzione di massa che spingono a una visione comune della storia, combinata con un’unica lingua, un unico insieme di ideali codificati nella legge, feste nazionali, fedeltà alla bandiera e così via.

Sociologi e scrittori come Elias Canetti hanno da tempo riconosciuto che tutto questo è propaganda diffusa dalla folla. Si tratta della cosiddetta funzione di “socializzazione” dell’educazione, che fa parte dell’eredità delle folle nazionaliste dei secoli XVIII-XX, mantenuta perché così efficace nel galvanizzare i popoli in Stati nazionali.

La visione di Desmet delle folle è medicalizzata, ma nel lungo arco della storia le folle e le guerre che innescano possono essere viste come meccanismi di distruzione sociale creativa. Le folle sono certamente estremamente pericolose, ma non bisogna solo temerle. Proprio come i nostri antenati, ci troviamo di fronte a problemi sociali profondi, come la disuguaglianza, per i quali le folle in fuga possono essere l’unica soluzione realistica.

 

Dove va la fuga disordinata?

Concordiamo pienamente con il giudizio di Desmet, secondo il quale la fuga non è ancora finita, anche se in molti luoghi la follia del covid sta giungendo a una chiara conclusione. Come lui, crediamo che le popolazioni siano ora suscettibili di forme ancora più draconiane e violente di totalitarismo, in parte perché le élite sono impegnate nell’installazione di un numero crescente di strutture di controllo totalitarie, in parte perché le popolazioni sono ora desiderose di evitare la verità su ciò di cui sono state protagoniste, e in parte perché forse il 95% delle persone è diventato più povero e più arrabbiato come risultato dello sfruttamento durante il loro “stato di folla”.

L’osservazione chiave di Desmet è che in molti Paesi e regioni occidentali le élite politiche, amministrative e aziendali si sono ormai abituate al controllo totalitario. Queste élite usano la propaganda per sopraffare il pensiero indipendente della popolazione, mantenendo così in vita la folla, passando da una scusa all’altra fino a quando non saranno disarcionate. Tale disfatta richiederà un crollo delle loro strutture totalitarie, che probabilmente avverrà solo quando la folla diventerà ancora più distruttiva.

In una recente intervista, Desmet ha affermato che è facile che ci aspettino altri otto anni di follia della folla in gran parte dell’Occidente. Pensiamo allo stesso modo e per lo stesso motivo di fondo: le strutture del totalitarismo si sono rafforzate, in particolare con l’accettazione normalizzata della propaganda governativa adottata dalle aziende mediatiche private e la condivisione incessante di tale propaganda sulle piattaforme dei social media, che sono anche impegnate a censurare le opinioni alternative. Le élite si sono rese conto della reale portata del potere che esercitano e sono affamate di altro. Non si fermeranno finché non saranno spodestate. Le persone con questo tipo di potere raramente, se non mai, lo fanno.

Come Desmet, anche noi crediamo che il totalitarismo alla fine crollerà, perché è molto inefficiente e perde rispetto ad altri modelli di società. Ci aspettano comunque tempi bui, almeno per anni.

 

Che fare?

Questo ci porta all’ultimo e più speculativo aspetto del pensiero di Desmet: il suo appello a “parlare la verità”. Vuole che il Team Sanity dica sinceramente la verità alle folle, ritenendo che le folle inizino a sterminare i rivali ideologici dall’interno non appena la verità sgradita non ronza più in giro, e che questo processo porti alla frattura finale della folla.

Non potremmo essere più d’accordo con il modo in cui Desmet descrive il ruolo dell’oratore della verità. Ognuno di noi ha svolto questo ruolo durante questi tempi e ha sentito personalmente le tendenze poetiche ed empatiche che esso richiama e valorizza. Questo è stato e continua ad essere un viaggio profondamente spirituale.

Eppure, giocare quel ruolo è sufficiente per nutrirci intellettualmente o per ispirare gli altri. Dobbiamo agire partendo dal presupposto – la convinzione – che alla fine vinceremo.

Ciò significa che il Team Sanity dovrebbe rivolgere le proprie energie mentali alla progettazione di istituzioni diverse o modificate che l’intera società possa adottare quando la follia sarà crollata. Dovremmo competere per lo spazio con i totalitari, dove possibile. I gruppi locali che educano i propri figli sono importanti, anche se rappresentano una sfida aperta e quindi un po’ rischiosa al totalitarismo. Lo stesso vale per le organizzazioni sanitarie, le iniziative dei consumatori del Team Sanity, le nuove accademie libere e altre strutture in cui tutti possiamo vivere più liberamente.

Se il mondo interiore dell’oratore della verità può essere il nostro ultimo rifugio, anche se sentiamo di non avere nient’altro e di essere completamente sopraffatti da fanatici totalitari che ci negano ogni altro spazio e compagnia, dobbiamo pensare e agire in modo molto più ampio. Non siamo così piccoli o oppressi, né così isolati. Possiamo vincere e lo faremo.

 

Paul Frijters, Senior Scholar del Brownstone Institute, è professore di Economia del benessere presso il Dipartimento di Politica sociale della London School of Economics, Regno Unito. È specializzato in microeconometria applicata, tra cui l’economia del lavoro, della felicità e della salute.

 

Gigi Foster, borsista senior del Brownstone Institute, è professore di economia presso l’Università del Nuovo Galles del Sud, in Australia. Le sue ricerche coprono diversi campi, tra cui l’istruzione, l’influenza sociale, la corruzione, gli esperimenti di laboratorio, l’uso del tempo, l’economia comportamentale e la politica australiana. È coautrice di The Great Covid Panic.

 

Michael Baker ha conseguito una laurea in economia presso la University of Western Australia. È un consulente economico indipendente e giornalista freelance con un background nella ricerca politica.

 

 

Facebook Comments