Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Marina Zhang e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

neuroni-sinapsi-cervello
neuroni-sinapsi-cervello

 

Prima del 2021, Ruth Davy correva per più di tre miglia al giorno e poteva percorrere fino a 46 miglia in bicicletta, nonostante i suoi 60 anni.

Ma la sua vita è cambiata 15 minuti dopo aver ricevuto la prima delle due dosi di vaccino COVID-19.

“Mi sentivo come sedata”, ha raccontato Davy a The Epoch Times, parlando della sua esperienza dopo la prima dose. “Tutto il mio corpo si stava spegnendo”.

Davy non è nuova agli effetti collaterali neurologici dei vaccini. Nel 2008 ha sviluppato la sindrome di Guillain-Barré a causa dell’assunzione di Vivaxim e Dukoral per i viaggi. Le gambe le cedettero e fu costretta a letto, anche se i sintomi scomparvero dopo l’assunzione di protocolli di integrazione.

Nel 2021, la vaccinazione COVID-19 è stata resa obbligatoria sul posto di lavoro, così la donna si è sottoposta al vaccino COVID-19 per mantenere il suo posto di lavoro.

Dopo ogni dose, si sono manifestati nuovi sintomi neurologici. Dopo la seconda dose, Davy ha perso il controllo dei muscoli del polpaccio destro, che sono rimasti contratti.

“Sono rimasta paralizzata per una settimana”, ha raccontato. “I muscoli del polpaccio destro si sono solidificati al punto che non potevo allungare le gambe”.

Dopo più di una settimana di protocolli sanitari, le contrazioni muscolari di Davy si sono attenuate.

Il suo reumatologo le ha detto che aveva sviluppato una nuova patologia autoimmune in seguito alla vaccinazione, anche se non è ancora stata fatta una diagnosi precisa.

 

Disturbi del movimento con sintomi del tutto nuovi

Mentre le autorità sanitarie affermano che gli eventi avversi post-vaccino sono rari, Davy ha detto che i suoi medici specialisti locali le hanno detto di avere “centinaia di pazienti” con sintomi post-vaccino simili ai suoi, relativi a disturbi del movimento.

“Non sono rara, sono piuttosto comune”, ha detto.

I disturbi del movimento si manifestano a causa di anomalie cerebrali e neurali causate da infezioni, infiammazioni, neurodegenerazione, effetti avversi di farmaci e malattie croniche.

I pazienti possono sviluppare un rallentamento dei movimenti, come nel caso del morbo di Parkinson e della paralisi, o un aumento dei movimenti, come scatti involontari e tic. Altri sintomi includono movimenti danzanti (corea), disturbi dell’andatura, rigidità degli arti e del tronco, linguaggio confuso, difficoltà di deglutizione e molto altro.

La neurologa Suzanne Gazda, che ha curato diverse centinaia di pazienti post-vaccino, ha dichiarato al The Epoch Times che la maggior parte dei disturbi del movimento post-vaccino sono stati presentati in modo del tutto nuovo, il che significa che “non rientrano in una diagnosi convenzionale”.

Pertanto, per i medici è stata una grande sfida diagnosticare e trattare i pazienti.

Gazda ha detto che i pazienti possono presentare sintomi simili a quelli della sclerosi multipla, dell’ictus e del morbo di Alzheimer, ma non del tutto coerenti. Anche gli esami di laboratorio e le scansioni spesso danno risultati normali, il che può indurre un medico poco informato a concludere che il paziente è perfettamente sano nonostante i sintomi debilitanti.

 

Casi insoliti

Gazda ha fatto l’esempio di pazienti che sviluppano convulsioni simili a crisi epilettiche che durano ore, anche se in genere le crisi durano da pochi secondi a pochi minuti.

Il dottor Robert Lowry, chirurgo specializzato in lesioni cerebrali, ha dichiarato che diversi pazienti hanno sviluppato una mielite trasversa insolita in seguito alla vaccinazione COVID-19.

La mielite trasversa si verifica quando una sezione del midollo spinale si infiamma, causando la debolezza e la disfunzione di muscoli e organi. In genere, vengono colpiti uno o due segmenti vertebrali consecutivi, ma i pazienti di Lowry hanno spesso tre o più segmenti vertebrali coinvolti in successione.

Il dottor Pierre Kory, specialista in cure critiche, che ora gestisce con l’infermiere Scott Marsland una clinica privata che si occupa da tempo di vaccinazioni e lesioni da vaccino, ha dichiarato a The Epoch Times di aver visto pazienti la cui debolezza muscolare era in procinto di essere diagnosticata come sclerosi multipla. Anche le loro scansioni mostravano lesioni e danni ai nervi, ma l’aspetto insolito è che le lesioni non sempre corrispondevano alla localizzazione dei sintomi. La debolezza muscolare dei pazienti può anche essere episodica, con le aree colpite che cambiano di giorno in giorno.

 

Molti casi sono diagnosticati come psicosomatici, il che comporta un rischio

Questi nuovi e complessi disturbi del movimento nei soggetti vaccinati possono creare molta confusione nei medici. Molti di questi pazienti sono stati diagnosticati erroneamente come affetti da disturbi funzionali.

“Il disturbo neurologico funzionale (FND), noto anche come disturbo di conversione e disturbo da sintomi neurologici funzionali, si riferisce a un gruppo di comuni disturbi neurologici del movimento causati da un’anomalia nel funzionamento del cervello. La FND non è causata da un altro disturbo e non presenta danni strutturali significativi nel cervello. La causa esatta della FND è sconosciuta. La FND è stata considerata un ‘disturbo di conversione’ da Sigmund Freud, che riteneva che un disturbo psicologico si convertisse in un disturbo neurologico”, spiega il National Institute of Neurological Disorders and Stroke.

Questa diagnosi viene solitamente formulata quando i sintomi dei pazienti non corrispondono a nessuna malattia neurologica nota e le scansioni e gli esami non mostrano danni al cervello o ai neuroni.

Poiché questa diagnosi viene data solo quando non viene rilevata alcuna lesione, si presume che i sintomi dei pazienti siano causati da una cattiva salute psicologica o dallo stress. Pertanto, il trattamento prevede consulenza, terapia del trauma, mindfulness e terapia fisica e occupazionale.

Gazda ha dichiarato di aver visto solo pochi casi di disturbo funzionale in oltre 30 anni di pratica clinica. Dopo la pandemia di COVID-19, circa il 90% dei suoi pazienti vaccinati con effetti collaterali neurologici è stato diagnosticato con un disturbo neurologico funzionale prima dell’invio.

Diversi casi di studio hanno documentato disturbi neurologici funzionali con problemi di movimento dopo la vaccinazione. Ad esempio, uno studio canadese pubblicato nel dicembre 2022 ha rilevato che a circa la metà dei 21 pazienti che hanno sviluppato sintomi dopo l’infezione o la vaccinazione è stato diagnosticato un disturbo funzionale.

I disturbi neurologici funzionali sono aumentati anche prima della vaccinazione, con uno studio che ha osservato un aumento del 90 e di quasi il 60% dei pazienti affetti da disturbi funzionali in età pediatrica e adulta rispettivamente nel 2020.

Gazda e Kory hanno sostenuto che i disturbi neurologici funzionali negli individui vaccinati probabilmente non sono funzionali, ma causati dalla proteina spike, la parte patogena centrale del virus COVID-19, generata anche dal vaccino. Questo ragionamento si basa sul fatto che i pazienti con diagnosi di disturbo funzionale sono migliorati una volta sottoposti a un trattamento mirato alla rimozione della proteina spike.

Una diagnosi errata di disturbo funzionale può ritardare il trattamento, ostacolando la guarigione con il peggioramento dei sintomi. Per esempio, Kory ha raccontato il caso di un ragazzo che ha sviluppato strani sintomi di disturbo del movimento dopo il vaccino ed è stato trattato come paziente con disturbo funzionale per due anni. I sintomi del ragazzo sono peggiorati man mano che veniva trattato in vari centri per disturbi funzionali, ma alla fine ha avuto dei miglioramenti quando è stato riconosciuto e trattato come paziente danneggiato da vaccino.

Secondo Gazda, è pericoloso diagnosticare i pazienti con disturbi neurologici funzionali. Con il passare del tempo, i pazienti possono iniziare a credere che tutti i loro sintomi siano solo mentali e possono smettere di cercare un trattamento per i loro sintomi fisici.

 

Le cause dei disturbi del movimento tra i vaccinati

I medici ritengono che il primo responsabile delle reazioni post-vaccino sia la proteina spike, una proteina di superficie che il virus utilizza per invadere le cellule umane. Nei soggetti vaccinati, le cellule dell’organismo producono la proteina spike per innescare la reazione del sistema immunitario, in modo da ottenere una protezione dal COVID-19.

La proteina spike è stata scelta come bersaglio per lo sviluppo del vaccino COVID-19 perché una volta che l’organismo forma un’immunità contro la proteina spike, i suoi anticorpi possono neutralizzare e bloccare direttamente le infezioni da COVID-19.

Sia il vaccino contro l’mRNA di COVID-19 che quello contro l’adenovirus causano la produzione da parte dell’organismo di quantità probabilmente elevate di proteine spike virali per un periodo di tempo imprecisato (pdf). Il vaccino Novavax, invece, non induce l’organismo a produrre proteine spike, ma inietta nell’organismo proteine spike già prodotte.

Tuttavia, i ricercatori e i medici si rendono conto che la proteina spike è potenzialmente tossica e infiammatoria e potrebbe non essere un buon candidato per la vaccinazione.

Secondo Kory, la neuroinfiammazione dovuta all’esposizione alle proteine spike può contribuire ai disturbi del movimento nei pazienti vaccinati.

Gli studi hanno dimostrato che le proteine spike possono attraversare la barriera emato-encefalica e causare l’infiammazione e la degenerazione delle cellule immunitarie, note anche come cellule della microglia. Le cellule microgliali puliscono i detriti e le infezioni nel cervello, ma una volta accese è difficile spegnerle; pertanto, il cervello della persona può trovarsi in uno stato cronico di infiammazione.

I medici possono utilizzare la risonanza magnetica e un software di imaging specializzato per individuare l’infiammazione e il restringimento del cervello e dei nervi. Tuttavia, potrebbero non riconoscere l’infiammazione precoce e la malattia, poiché le differenze sono minime e indistinguibili. Gazda ha detto che una volta che la patologia diventa visibile sulla risonanza magnetica di routine, il paziente può avere una progressione clinica significativa.

La neuroinfiammazione è stata implicata nei disturbi del movimento, tra cui il morbo di Parkinson, la sindrome di Tourette, i movimenti involontari e molti altri. Il fatto che i pazienti con disturbi del movimento migliorino dopo l’assunzione di terapie antinfiammatorie è un segno che la neuroinfiammazione è un fattore sottostante, ha detto Kory.

Altri effetti potenziali della proteina spike sono la sua capacità di indurre l’autoimmunità. Uno studio condotto dall’immunologo Aristo Vojdani ha rilevato che gli anticorpi prodotti contro le proteine spike possono agire contro 28 diversi tessuti umani, compresi vari tessuti del sistema nervoso.

Le proteine spike possono anche indurre la coagulazione. Gli studi hanno rilevato che le proteine spike dell’infezione COVID-19 possono indurre la formazione di microcoaguli nel sangue.

Lowry ritiene che la formazione di microcoaguli sia un motivo significativo per le lesioni da vaccino, avendo osservato diversi casi di ictus atipico in cui sono stati rilevati coaguli di sangue nei vasi sanguigni in uscita dal cervello, suggerendo che il sangue possa aggregarsi nel cervello. L’ictus è tipicamente causato da un’emorragia o da un coagulo proveniente dall’esterno del cervello che lo priva di sangue.

 

Riconoscere le lesioni da vaccino è importante per il trattamento

Gazda e Kory hanno sottolineato che i medici dovrebbero conoscere i danni da proteina spike per riconoscere le potenziali reazioni ai vaccini e prescrivere un trattamento mirato alla causa principale.

Quando il disturbo neurologico di un paziente ha una forte associazione temporale con il vaccino, Kory si chiede se trattare il paziente per il suo danno da vaccino sia più utile che prescrivere un trattamento convenzionale per la specifica malattia neurologica. Tuttavia, la mancanza di riconoscimento delle reazioni ai vaccini significa che non sono stati condotti studi che confrontino l’efficacia del trattamento.

La dottoressa Diane Counce, neurologa, che ha assistito a un aumento dei pazienti vaccinati che presentano il Parkinson, ha dichiarato all’Epoch Times di prescrivere ai soggetti vaccinati sia la terapia convenzionale sia quella mirata al vaccino, nella speranza di migliorare la prognosi dei pazienti.

Nel trattamento della neuroinfiammazione, oltre ai comuni farmaci antinfiammatori come l’ivermectina e il naltrexone a basso dosaggio, Kory ha scoperto che i pazienti affetti da disturbi del movimento hanno risposto anche al blu di metilene, ai corticosteroidi e agli inibitori del glutammato.

Il blu di metilene non dovrebbe essere assunto con agenti serotoninergici come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina. I corticosteroidi non sono generalmente raccomandati per l’uso a lungo termine. Alcune persone possono essere allergiche agli ingredienti degli inibitori del glutammato e alcune condizioni di salute, come la pressione sanguigna e le malattie coronariche, possono controindicare l’uso di questi farmaci.

Le infusioni di anticorpi come l’IVIG possono trattare i disturbi del movimento legati all’autoimmunità. Tuttavia, poiché il trattamento non è approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per i disturbi del movimento, l’autoimmunità deve essere dimostrata per ottenere il rimborso assicurativo, secondo Gazda.

Counce raccomanda anticoagulanti, come l’aspirina e la nattokinasi, per prevenire la formazione di coaguli di sangue. La serrapeptasi e la nattochinasi possono anche aiutare a scomporre le proteine di punta, evitando ulteriori danni.

 

Alla ricerca di alternative

Kory ha detto che le lesioni da vaccino COVID e COVID-19 sono state molto diverse da tutte le precedenti malattie che ha trattato. In precedenza, c’erano tendenze e modelli solidi che poteva riconoscere con i sintomi e il modo in cui i pazienti rispondevano al trattamento. Tuttavia, non è stato lo stesso con i pazienti affetti da long-COVID e da lesioni da vaccino; due pazienti con gli stessi sintomi possono reagire in modo diverso a un trattamento.

Un’altra difficoltà nel trattamento di questi pazienti è che non c’è modo di verificare se le proteine dei picchi sono state eliminate. Secondo Gazda, i medici temono che queste proteine possano persistere e scatenare nuovamente le reazioni.

Nonostante i problemi, la dottoressa ha dichiarato che il trattamento di questi pazienti è stato molto gratificante, in quanto i medici stanno cercando di trattare la causa principale della malattia piuttosto che concentrarsi esclusivamente sui sintomi.

La comparsa di lesioni da vaccino COVID-19 potrebbe anche aver inavvertitamente spinto i medici a introdurre pratiche mediche alternative nelle loro cliniche. Per esempio, Counce, una neurologa allopatica, ha detto di aver iniziato a studiare la terapia della luce rossa e altre terapie che inizialmente sarebbero state considerate ai margini della medicina moderna.

Piuttosto che prescrivere farmaci per controllare i sintomi, Gazda ha detto che i medici stanno ora cercando di curare i pazienti utilizzando cambiamenti nella dieta e nello stile di vita che permettono ai pazienti di diventare più sani piuttosto che mascherare i loro sintomi.

Marina Zhang

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments