Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Melkulangara Bhadrakumar un diplomatico indiano con esperienza trentennale, di cui la metà passata in paesi come la Russia. L’articolo è pubblicato sul blog di Bhadrakumar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

Il Presidente turco Recep Erdogan (sin) e il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky (des) con il Presidente Biden e il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg (Cen), Vertice NATO, Vilnius, 11 luglio 2023.jpg
Il Presidente turco Recep Erdogan (sin) e il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky (des) con il Presidente Biden e il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg (Cen), Vertice NATO, Vilnius, 11 luglio 2023.jpg

 

Il vertice NATO di Vilnius (11-12 luglio) ha segnalato che non c’è assolutamente alcuna possibilità di colloqui per risolvere la guerra in Ucraina in un futuro prevedibile. La guerra non farà che intensificarsi, poiché gli Stati Uniti e i loro alleati sperano ancora di infliggere una sconfitta militare alla Russia, sebbene ciò sia chiaramente al di là delle loro capacità.

Il 14 luglio, il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti degli Stati Uniti, ha dichiarato che la controffensiva ucraina è “tutt’altro che un fallimento”, ma che la lotta che ci attende sarà “lunga” e “sanguinosa”. Milley ha la reputazione di dire ciò che la Casa Bianca vuole sentire, a prescindere dal suo giudizio professionale.

Infatti, il 19 luglio, l’amministrazione Biden ha annunciato un’assistenza aggiuntiva per la sicurezza di circa 1,3 miliardi di dollari per l’Ucraina. Il Pentagono ha dichiarato che l’annuncio “rappresenta l’inizio di un processo di contrattazione per fornire ulteriori capacità prioritarie all’Ucraina”. In altre parole, gli Stati Uniti utilizzeranno i fondi del programma Ukraine Security Assistance Initiative, che consente all’amministrazione di acquistare armi dall’industria piuttosto che attingere dalle scorte di armi statunitensi.

Secondo il Pentagono, l’ultimo pacchetto comprende quattro National Advanced Surface-to-Air Missile Systems (NASAMS) e munizioni, proiettili di artiglieria da 152 mm, attrezzature per lo sminamento e droni.

Nel frattempo, in uno sviluppo inquietante, non appena la Russia ha lasciato scadere l’accordo sul grano negoziato dalle Nazioni Unite il 17 luglio, il Presidente ucraino Vladimir Zelensky ha rivelato di aver inviato lettere ufficiali al Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e al Presidente turco Tayyip Erdogan, suggerendo di continuare l’accordo sul grano senza la partecipazione della Russia.

Il giorno successivo, Kiev ha inviato una lettera ufficiale all’Organizzazione marittima internazionale dell’ONU per delineare un nuovo corridoio marittimo che passa attraverso le acque territoriali e la zona economica marittima esclusiva della Romania nella parte nord-occidentale del Mar Nero.

Evidentemente, Kiev ha agito di concerto con la Romania (un Paese membro della NATO in cui è schierata la 101a Divisione aviotrasportata dell’esercito statunitense). Presumibilmente, gli Stati Uniti e la NATO sono al corrente mentre si sta organizzando l’imprimatur dell’ONU. Va da sé che la NATO sta lavorando da tempo a una nuova rotta marittima nel Mar Nero.

Si tratta di uno sviluppo grave, in quanto sembra un precursore del coinvolgimento della NATO in qualche modo per sfidare il dominio della Russia nel Mar Nero. In effetti, il comunicato del vertice NATO di Vilnius (11 luglio) aveva previsto che l’Alleanza si stesse preparando per una presenza notevolmente rafforzata nella regione del Mar Nero, storicamente appannaggio della Russia, che dispone di importanti basi militari.

Il paragrafo pertinente del comunicato della NATO affermava che: “La regione del Mar Nero è di importanza strategica per l’Alleanza. Ciò è ulteriormente evidenziato dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Sottolineiamo il nostro continuo sostegno agli sforzi regionali alleati volti a sostenere la sicurezza, la protezione, la stabilità e la libertà di navigazione nella regione del Mar Nero, compresa, se del caso, la Convenzione di Montreux del 1936. Monitoreremo e valuteremo ulteriormente gli sviluppi nella regione e miglioreremo la nostra conoscenza della situazione, con particolare attenzione alle minacce alla nostra sicurezza e alle potenziali opportunità di una più stretta cooperazione con i nostri partner nella regione, come appropriato“. [corsivo aggiunto].

Occorre notare quattro cose:

  • uno, il conflitto in Ucraina è stato individuato come contesto; l’attenzione è rivolta alla Crimea;
  • due, “libertà di navigazione” significa una presenza navale americana assertiva; il riferimento alla Convenzione di Montreux del 1936 allude al ruolo della Turchia, sia come Paese membro della NATO che come custode degli stretti dei Dardanelli e del Bosforo;
  • tre, la NATO segnala l’intenzione di migliorare la propria “consapevolezza situazionale”, che come termine militare implica 4 fasi: osservazione, orientamento, decisione e azione. La consapevolezza situazionale ha due elementi principali: la propria conoscenza della situazione e, in secondo luogo, la conoscenza di ciò che gli altri stanno facendo e potrebbero fare se la situazione dovesse cambiare in un certo modo. In poche parole, la sorveglianza della NATO sulle attività russe nel Mar Nero si intensificherà,
  • quattro, la NATO cerca una più stretta cooperazione con “i nostri partner nella regione” (leggi Ucraina).

Sicuramente, una nuova rotta marittima nelle regioni nord-occidentali e occidentali del Mar Nero lungo la Romania, la Bulgaria e la Turchia (tutti Paesi membri della NATO) taglierà fuori la guarnigione russa in Transnistria (Moldava) e aumenterà la capacità di Kiev di colpire la Crimea. Il coinvolgimento della NATO complicherebbe qualsiasi futura operazione russa per liberare anche Odessa, che è storicamente una città russa.

Oltre all’enorme eredità culturale e storica, Odessa è un porto per i prodotti industriali di Russia e Ucraina. L’oleodotto per l’ammoniaca Togliatti-Odessa (che i sabotatori ucraini hanno fatto esplodere di recente) è uno dei migliori esempi. Il gasdotto di 2.471 km, il più lungo al mondo per l’ammoniaca, collegava il più grande produttore di ammoniaca al mondo, Togliatti-Azot, nella regione russa di Samara, con il porto di Odessa.

In termini strategici, senza il controllo di Odessa, la NATO non può avere una proiezione di forza nella regione del Mar Nero o sperare di far risorgere l’Ucraina come avamposto anti-Russia. Né la NATO può avanzare verso il Transcaucaso e il Caspio (al confine con l’Iran) e l’Asia centrale senza dominare la regione del Mar Nero.

Per le stesse ragioni, la Russia non può permettersi di cedere la regione del Mar Nero alla NATO. Odessa è un anello vitale di qualsiasi ponte terrestre lungo la costa del Mar Nero che colleghi l’entroterra russo con la sua guarnigione in Transnistria, in Moldavia (che gli Stati Uniti stanno tenendo d’occhio come potenziale membro della NATO). In effetti, la sicurezza della Crimea sarà messa in pericolo se forze ostili si stabiliranno a Odessa. (L’attacco al ponte di Kerch nell’ottobre 2022 è stato organizzato da Odessa).

È chiaro che l’intero progetto statunitense sulla nuova rotta marittima mira a impedire alla Russia di ottenere il controllo di Odessa. Il progetto tiene conto della forte probabilità che, con il fallimento dell’offensiva ucraina, la Russia possa presto lanciare la sua controffensiva in direzione di Odessa.

Dal punto di vista russo, questo diventa un momento esistenziale. La NATO ha praticamente accerchiato la Marina russa nel Mare del Nord e nel Mar Baltico (con l’ingresso di Svezia e Finlandia come membri). La libertà di navigazione della Flotta del Baltico e il dominio nel Mar Nero, quindi, diventano ancora più cruciali per la Russia, che può accedere liberamente al mercato mondiale tutto l’anno.

Mosca ha reagito con forza. Il 19 luglio, il Ministero della Difesa russo ha comunicato che “tutte le navi che navigano nelle acque del Mar Nero verso i porti ucraini saranno considerate potenziali vettori di carichi militari. Di conseguenza, i Paesi di appartenenza di tali navi saranno considerati coinvolti nel conflitto ucraino al fianco del regime di Kiev”.

La Russia ha inoltre comunicato che “le parti nord-occidentali e sud-orientali delle acque internazionali del Mar Nero sono state dichiarate temporaneamente pericolose per la navigazione”. Le ultime notizie suggeriscono che le navi da guerra della Flotta del Mar Nero stanno provando la procedura di abbordaggio delle navi straniere che navigano nelle acque ucraine. Di fatto, la Russia sta imponendo un blocco marittimo all’Ucraina.

In un’intervista a Izvestia, l’esperto militare russo Vasily Dandykin ha dichiarato che ora si aspetta che la Russia fermi e ispezioni tutte le navi in navigazione verso i porti ucraini. “Questa pratica è normale: lì c’è una zona di guerra e negli ultimi due giorni è stata teatro di attacchi missilistici. Vedremo come funzionerà nella pratica e se ci sarà qualcuno disposto a inviare navi in queste acque, perché la questione è molto seria”.

La Casa Bianca ha accusato la Russia di aver piazzato mine per bloccare i porti ucraini. Naturalmente, Washington spera che l’ingresso della NATO come garante del corridoio del grano, al posto della Russia, abbia risonanza nel Sud globale. La propaganda occidentale fa la caricatura della Russia come creatrice di scarsità di cibo a livello globale. Invece, il dato di fatto è che l’Occidente non ha mantenuto la sua parte dell’accordo per consentire l’esportazione di grano e fertilizzanti russi, come è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite e dalla Turchia.

Resta da vedere se, al di là dell’infuria della guerra dell’informazione, qualche Paese della NATO oserà sfidare il blocco marittimo della Russia. Le possibilità sono scarse, nonostante lo scoraggiante dispiegamento della 101a Divisione aviotrasportata nella vicina Romania.

Melkulangara Bhadrakumar

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments