Negli ultimi due anni, gli americani hanno accettato più danni ai bambini in cambio di meno danni agli adulti. Un articolo di David Leonhardt, pubblicato sul New York Times che vi propongo nella mia traduzione.

 

bullismo bambino triste scuola classe compiti

 

I bambini americani iniziano il 2022 in crisi.

Sono stato a lungo consapevole che la pandemia stava sconvolgendo la vita dei bambini. Ma finché non ho passato del tempo a raccogliere dati e leggere rapporti, non ho capito quanto allarmante fosse diventata la situazione.

La newsletter di oggi offre una panoramica di questa crisi.

Il pedaggio

I bambini sono rimasti molto indietro a scuola durante il primo anno della pandemia e non hanno recuperato. Tra i bambini dalla terza all’ottava classe, i livelli di matematica e lettura erano tutti più bassi del normale questo autunno, secondo NWEA, un gruppo di ricerca. Le carenze sono state maggiori per gli studenti neri e ispanici, così come gli studenti nelle scuole con alti tassi di povertà.

“Non abbiamo mai visto questo tipo di crisi accademica a memoria d’uomo”, ha detto a Politico Michael Petrilli del Thomas B. Fordham Institute.

Molti bambini e adolescenti stanno sperimentando problemi di salute mentale, aggravati dall’isolamento e dallo sconvolgimento della pandemia. Tre gruppi medici, tra cui l’American Academy of Pediatrics, hanno recentemente dichiarato lo stato di emergenza nazionale per la salute mentale dei bambini. Hanno citato “aumenti drammatici nelle visite al dipartimento di emergenza per tutte le emergenze di salute mentale”.

I tentativi di suicidio sono aumentati, leggermente tra i ragazzi adolescenti e bruscamente tra le ragazze adolescenti. Il numero di visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio da parte di ragazze dai 12 ai 17 anni è aumentato del 51% dall’inizio del 2019 all’inizio del 2021, secondo il C.D.C.

La violenza con armi da fuoco contro i bambini è aumentata, come parte di un più ampio aumento della criminalità a livello nazionale. A Chicago, per esempio, 101 residenti sotto i 20 anni sono stati uccisi l’anno scorso, contro i 76 del 2019. Anche le sparatorie nelle scuole sono aumentate: il Washington Post ha contato 42 l’anno scorso negli Stati Uniti, il più alto in assoluto e in aumento rispetto ai 27 del 2019.

Molte scuole non sono ancora tornate alla normalità, peggiorando la perdita di apprendimento e l’isolamento sociale. Gli aspetti una volta normali della vita scolastica – ora di pranzo, attività extracurricolari, assemblee, gite scolastiche, conferenze genitori-insegnanti, orari affidabili degli autobus – sono stati modificati se non eliminati.

Quando The Morning ha chiesto a genitori e insegnanti della situazione nelle loro scuole locali, abbiamo sentito un’esplosione di angoscia:

  • “Questo non è un modo per far crescere i bambini”, ci ha detto Jackie Irwin, una lettrice dell’Oklahoma. “È esasperante”.
  • “Per molti bambini, la scuola rappresenta un luogo sicuro, confortevole e affidabile, ma non più da quasi due anni”, ha detto Lisa Durstin di Strafford, Vt.
  • “Molta della gioia e del cameratismo che indicano una cultura scolastica felice e produttiva sono scomparsi”, ha detto Maria Menconi, una consulente scolastica ed ex sovrintendente con sede in Arizona.

I problemi di comportamento sono aumentati. “Le scuole di tutto il paese dicono che stanno vedendo un aumento dei comportamenti dirompenti”, ha riferito Kalyn Belsha di Chalkbeat. “Alcuni sono evidenti e visibili, come gli studenti che distruggono i bagni, litigano per i post sui social media o corrono fuori dalle aule. Altri sono richieste di aiuto più tranquille, come gli studenti che abbassano la testa e si rifiutano di parlare”.

Kelli Tuttle, un’insegnante di Madison, Wis, ci ha detto: “Ci sono un sacco di parolacce, vandalismo e alcune risse”. Un’insegnante della California del Nord ha detto di aver assistito ai “commenti più meschini e inappropriati nei confronti degli insegnanti” nei suoi 15 anni di lavoro nelle scuole.

La variante Omicron sta di nuovo sconvolgendo la vita dei bambini. La maggior parte delle scuole sono rimaste aperte questa settimana, ma molte hanno cancellato sport, giochi e altre attività. Alcuni distretti hanno chiuso le scuole, per un giorno o più, nonostante le prove che la maggior parte dei bambini fatica a imparare a distanza, come riporta la mia collega Dana Goldstein. Chiusure stanno avendo luogo ad Atlanta, Cleveland, Milwaukee, Newark e diversi sobborghi di New York City, tra gli altri posti.

“È il caos”, ha detto a Dana Keri Rodrigues, presidente dell’Unione Nazionale dei Genitori. “La cosa numero 1 che i genitori e le famiglie chiedono a gran voce è la stabilità”.

Scelte difficili

Negli ultimi due anni, gran parte della società americana ha deciso che danneggiare i bambini era un effetto collaterale inevitabile della Covid-19. E questo era probabilmente vero nella primavera del 2020, quando quasi tutta la società si è fermata per rallentare la diffusione di un virus mortale e misterioso.

Ma l’approccio è stato meno difendibile nell’ultimo anno e mezzo, dato che abbiamo imparato di più sia sulla Covid che sull’entità della sofferenza dei bambini a causa delle restrizioni pandemiche.

I dati ora suggeriscono che molti cambiamenti alla routine scolastica sono di valore discutibile nel controllare la diffusione del virus. Alcuni ricercatori sono scettici sul fatto che la chiusura delle scuole riduca i casi di Covid nella maggior parte dei casi. Altri interventi, come costringere gli studenti a sedersi lontano dai loro amici a pranzo, possono anche avere poco beneficio.

Una ragione: Le forme gravi di Covid, compreso il Covid lungo, sono estremamente rare nei bambini. Per loro, il virus assomiglia a una tipica influenza. I bambini affrontano più rischi dalle corse in auto che dalla Covid.

La diffusa disponibilità di vaccini dalla scorsa primavera solleva anche una questione etica: I bambini dovrebbero soffrire per proteggere gli adulti non vaccinati – che stanno volontariamente accettando il rischio Covid per se stessi e aumentando anche il rischio di tutti gli altri? In questo momento, gli Stati Uniti stanno effettivamente dicendo di sì.

Per essere chiari, ci sono alcune decisioni difficili e compromessi inevitabili. La Covid può portare all’ospedalizzazione o peggio per una piccola percentuale di adulti vaccinati, specialmente quelli che sono anziani o immunocompromessi, e permettere ai bambini di riprendere la vita normale potrebbe creare ulteriori rischi. L’ondata di Omicron potrebbe aumentare questo rischio, lasciando le scuole senza opzioni interessanti.

Negli ultimi due anni, tuttavia, molte comunità negli Stati Uniti non hanno realmente affrontato il trade-off. Hanno cercato di minimizzare la diffusione della Covid – un obiettivo degno in assenza di altri fattori – piuttosto che minimizzare il danno che la Covid fa alla società. Hanno accettato più danni ai bambini in cambio di meno danni agli adulti, spesso senza riconoscere il dilemma o valutare quali decisioni portano a meno danni complessivi.

Date le scelte che il paese ha fatto, non dovrebbe sorprendere che i bambini stiano soffrendo così tanto.

 

 

Facebook Comments