Vi propongo un articolo di padre Thomas G. Weinandy, OFM, un importante teologo a livello mondiale. L’articolo è apparso su The Catholic Thing e ve lo propongo nella mia traduzione.

 

Raffaello, San Paolo parla agli ateniesi, 1517-1519, arazzo
Raffaello, San Paolo parla agli ateniesi, 1517-1519, arazzo

 

Recentemente qualcuno mi ha citato: “Predica il Vangelo e, se necessario, usa le parole”. Questa massima è attribuita a San Francesco d’Assisi. Dubito che Francesco l’abbia detta davvero, perché è uno degli adagi più insensati mai pronunciati. Sì, le nostre azioni possono testimoniare il Vangelo, ma senza parole le nostre azioni possono essere inspiegabili. Pietro ha dichiarato che dobbiamo essere pronti a rendere conto “della speranza” con cui viviamo, cioè della nostra fede in Gesù Cristo come nostro Signore e Salvatore (1 Pt 3,15). Per i cristiani, predicare la Parola di Dio con le parole è di estrema importanza.

Questa necessità trova il suo fondamento teologico nella stessa Trinità. Il Padre pronuncia eternamente la sua Parola. Il Padre non tace mai, ma è eternamente l’Annunciatore della Verità. Il Verbo è la Parola perfetta, perché possiede la verità consumata del Padre. Il Verbo, quindi, è il Figlio del Padre, perché, in quanto Figlio, è l’immagine perfetta e piena di verità del Padre. Essi rispecchiano completamente la somiglianza reciproca.

Attraverso la sua Parola, il Padre porta tutto all’esistenza, e così tutto riflette la verità che risiede nel Padre. Essendo stati fatti a immagine del Verbo, e quindi figli del Padre, siamo in grado di conoscere la verità, soprattutto la verità di chi è Dio. Ora, avendo creduto alla menzogna di Satana, colui nel quale non risiede alcuna verità, l’umanità non viveva più in comunione con la fonte di ogni verità, il Padre e il Figlio. Ciononostante, il Padre ha mandato suo Figlio nel mondo e il suo Verbo si è fatto carne e ha abitato in mezzo a noi.

In quanto Verbo incarnato, Gesù è l’annunciatore definitivo della verità del Padre. Per questo motivo, Gesù ha dichiarato: “Devo predicare la buona novella del Regno di Dio anche alle altre città, perché a questo scopo sono stato mandato” (Lc 4,43). Coloro che ascoltano Gesù non devono rifiutare la sua parola, perché come egli stesso afferma: “Non ho parlato con la mia autorità; il Padre che mi ha mandato mi ha dato egli stesso l’ordine di ciò che devo dire e di ciò che devo parlare. . . .Quello che dico, dunque, lo dico come il Padre mi ha ordinato”. (Gv 12, 49-50)

Ascoltare la voce di Gesù significa quindi ascoltare la voce stessa del Padre, la Parola del Padre. Inoltre, come noi siamo stati creati a immagine del Figlio, così il Verbo incarnato ci ricrea a sua immagine e somiglianza. Essendo morto per il nostro peccato e avendo sconfitto la morte, il nostro Signore e Salvatore risorto ci ricrea riversando lo Spirito Santo su tutti coloro che credono in lui. Lo Spirito di Verità della Parola ci trasforma nell’immagine piena di verità del Figlio del Padre. Essendo così trasformati, i cristiani sono incaricati di essere annunciatori della Parola pieni di Spirito.

Dopo aver pregato, Gesù “ne designò dodici, che chiamò apostoli, perché stessero con lui e fossero mandati a predicare”. (Mc 3,14) La parola “apostolo” significa “inviato”. Come il Padre ha mandato suo Figlio nel mondo per essere il Verbo incarnato, così Gesù manda i suoi “Inviati” nel mondo per essere annunciatori del Verbo.

Le ultime parole di Gesù ai suoi apostoli sono quelle della Grande Commissione: “A me è stata data ogni autorità in cielo e in terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato; ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. (Mt 28,19-20) Fino alla venuta di Gesù alla fine dei tempi, i suoi apostoli devono proclamare il Vangelo e insegnare tutto ciò che ha rivelato. Così facendo, tutti coloro che crederanno alle loro parole saranno battezzati nella vita stessa della Trinità.

Nessuno probabilmente ha riconosciuto questo incarico meglio di San Paolo. Con umiltà, Paolo confessa di non avere “alcun motivo di vanto”. “Perché la necessità è posta su di me. Guai a me se non predicassi il Vangelo! Perché se lo faccio di mia volontà, ho una ricompensa; ma se non lo faccio di mia volontà, mi viene affidato un incarico”. (1 Cor 9, 16-17)

Paolo non ha dubbi sulla necessità della predicazione. Sia i Giudei che i Greci sono chiamati alla fede in Gesù Cristo come loro Signore e Salvatore. “Ma come potranno gli uomini invocare colui nel quale non hanno creduto? E come potranno credere in colui di cui non hanno mai sentito parlare? E come possono ascoltare senza un predicatore? E come possono gli uomini predicare se non sono mandati? Come sta scritto: “Quanto sono belli i piedi di coloro che annunciano la buona novella!””. (Rm 10, 1415). Se si vogliono salvare sia gli ebrei che i gentili, il buon esempio non sarà sufficiente.

Paolo non usa mezzi termini: “Vi esorto alla presenza di Dio e di Cristo Gesù, che giudicherà i vivi e i morti, e alla sua apparizione e al suo regno: predica la parola, insisti in ogni occasione favorevole e sfavorevole, convinci, rimprovera, esorta con ogni tipo di insegnamento e pazienza”. Ci saranno falsi insegnamenti e gli uomini li accetteranno “con orecchie pungenti”, ma per quanto riguarda “Ma tu sii vigilante in ogni cosa, sopporta le sofferenze, svolgi il compito di evangelista, adempi fedelmente il tuo ministero.”. (2 Tim. 4:1-5).

A partire da San Giovanni Paolo II, la Chiesa ha chiesto una “nuova evangelizzazione”. Tale evangelizzazione è urgente, perché le false dottrine si affermano in mezzo a noi. Molti di noi, che si dichiarano cristiani, non sono riusciti a proclamare la Parola, perché non siamo ancora stati trasformati in annunciatori della Parola. Se conoscessimo e sperimentassimo veramente Gesù, lo Spirito di Verità ci spingerebbe ad annunciare con gioia, amore e convinzione la buona notizia di Gesù Cristo.

Dobbiamo quindi supplicare lo Spirito Santo di ravvivare la nostra fede in Gesù. Non possiamo pretendere che il “buon esempio” sia sufficiente. Solo se diventiamo diffusori della Parola pieni di Spirito, ci uniremo a coloro il cui incarico è di essere inviati: gli apostoli.

Thomas G. Weinandy, OFM

 

Thomas G. Weinandy, OFM, scrittore prolifico e uno dei più importanti teologi viventi, è un ex membro della Commissione Teologica Internazionale del Vaticano. Il suo ultimo libro è il terzo volume di Jesus Becoming Jesus: A Theological Interpretation of the Gospel of John: The Book of Glory and the Passion and Resurrection Narratives.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email