Continua la persecuzione contro la Chiesa cattolica in Nicaragua. Il governo socialista sandinista di Daniel Ortega e consorte (vicepresidente del governo dittatoriale) continua a violare la libertà di culto e i diritti dei singoli fedeli cattolici, sacerdoti e vescovi. Dopo aver espulso il Nunzio apostolico e la congregazione delle Missionarie della Carità dal paese, Ortega ha chiuso diverse emittenti radiofoniche cattoliche ree di aver espresso opinioni critiche sul governo e aver difeso diritti fondamentali.

Ad inizio agosto, le immagini del vescovo di Matagalpa mons. Álvarez mentre sfidava la polizia benedicendo col Santissimo Sacramento hanno fatto il giro del mondo. Mons. Álvarez, nominato vescovo di Matagalpa da Benedetto XVI nel 2011, era agli arresti domiciliari, assieme ad altri cinque sacerdoti e due seminaristi, dal 3 agosto con l’accusa di “organizzare gruppi violenti” antigovernativi. Il giornalista nicaraguense Emiliano Chamorro (in esilio negli Stati Uniti) ha informato che il regime di Ortega ha proposto al vescovo di Matagalpa di lasciare il paese in cambio della libertà.

Secondo quanto riferisce il quotidiano La Prensa, venerdì 19 agosto alle tre del mattino la polizia ha fatto irruzione nella Curia portando via il vescovo e tre sacerdoti. Allo stesso tempo le forze dell’ordine irrompevano in casa dei genitori del vescovo. “Il vescovo sarebbe stato portato via da solo in una camionetta della polizia, separato dal resto del gruppo”, riferisce la giornalista italo-venezuelana Marinellys Tremamunno.

In questa situazione drammatica desta stupore tra i cattolici nicaraguensi il silenzio di Papa Francesco. Mentre la Santa Sede ha espresso “preoccupazione” attraverso il sacerdote monsignor Juan Antonio Cruz Serrano, osservatore permanente del Vaticano presso l’OSA (Organizzazione degli Stati Americani), con una dichiarazione in cui ha auspicato di trovare “vie di intesa, basate sul rispetto e sulla fiducia reciproca”, dirette al “bene comune e la pace”, nessun appello, nessuna presa di posizione, è arrivata dal Papa in difesa dei fedeli cattolici che vivono in un clima politico di terrore.

In questi giorni 26 ex capi di Stato e di Governo, membri del Forum internazionale non governativo “Iniziativa democratica della Spagna e delle Americhe” (IDEA), hanno fatto appello pubblico a papa Francesco chiedendogli, come «capo della Chiesa cattolica universale», «una ferma posizione di difesa del popolo nicaraguense e della sua libertà religiosa».

A dare voce ai cattolici nicaraguensi è il noto giornalista argentino Andres Oppenheimer che, sulle colonne del Nuevo Herald di Miami e sul Miami Herald, si chiede il perché ti questo silenzio. Riportiamo integralmente la traduzione italiana del suo articolo pubblicato il 12 agosto, prima ancora del brutale arresto notturno di mons. Álvarez da parte della polizia di Daniel Ortega.

Miguel Cuartero Samperi

 

mons. Rolando Álvarez, vescovo di Matagalpa (Nicaragua)
mons. Rolando Álvarez, vescovo di Matagalpa (Nicaragua)

 

Il silenzio di papa Francesco su Nicaragua

 

Difficile dire cosa  sia più scandaloso: la decisione del dittatore nicaraguense Daniel Ortega di chiudere sette stazioni radio della Chiesa cattolica e mettere agli arresti domiciliari un vescovo e i suoi collaboratori, o il silenzio totale di papa Francesco su questi attacchi contro il suo stesso popolo.

Ortega e sua moglie, la vicepresidente Rosario Murillo, hanno chiuso tutte e sette le radio cattoliche il 1° agosto. Erano gestite dalla diocesi di Matagalpa, un dipartimento nel nord del Nicaragua il cui vescovo Rolando Álvarez ha più volte condannato apertamente le violazioni dei diritti umani da parte della coppia regnante. Poche ore dopo la chiusura delle stazioni radio cattoliche, la polizia di Ortega ha fatto irruzione nella parrocchia Divina Misericordia nel comune di Sébaco, a Matagalpa, sede di una delle stazioni radiofoniche. La Parrocchia ha trasmesso in diretta sul suo canale Facebook l’arrivo e l’ingresso forzato in chiesa dei militari. Giorni dopo, agenti di polizia armati hanno impedito al vescovo di Matagalpa, Rolando Álvarez, e a sei sacerdoti che lo stavano accompagnavano, di lasciare la sua residenza per recarsi in cattedrale a celebrare la Santa Messa. Il vescovo e i sacerdoti sono da allora agli arresti domiciliari, ha riferito l’agenzia di stampa cattolica. Il regime di Ortega-Murillo accusa Álvarez ei suoi sacerdoti di cercare di “organizzare gruppi violenti” per destabilizzare il governo.

A marzo il governo aveva espulso dal Paese il Nunzio pontificio, mons. Waldemar Stanislaw Sommertag. Per chi ha seguito le notizie dal Nicaragua, non c’è dubbio che Ortega stia portando avanti una delle più grandi campagne repressive contro il dissenso politico nel mondo occidentale. Dall’inizio dell’anno, il regime ha chiuso 1.406 organizzazioni non governative, dai piccoli gruppi di produzione teatrale agli enti di beneficenza supportati a livello internazionale che garantiscono l’accesso ai servizi sanitari e al cibo in uno dei paesi più poveri dell’America Latina, secondo la rivista nicaraguense Confidential. La rivista, così come praticamente tutti gli altri punti media indipendenti, è stata chiusa in Nicaragua e lavora online dal Costa Rica. Ortega si è auto-rieletto in un’elezione truccata nel novembre 2021, dopo aver messo fuori legge i principali partiti di opposizione e aver incarcerato i sette principali candidati dell’opposizione. Tutti loro rimangono in prigione o agli arresti domiciliari fino ad oggi.

Nel 2018, più di trecento nicaraguensi sono stati uccisi e duemila feriti dalla polizia e dalle truppe paramilitari di Ortega durante massicce manifestazioni antigovernative. Quando ho intervistato Ortega nella sua residenza a Managua quell’anno, mi ha detto senza battere ciglio che i gruppi per i diritti umani mentono e che solo 195 persone erano morte. Il direttore della rivista Confidencial, Carlos Fernando Chamorro, questa settimana mi ha riferito che il motivo per cui Ortega sta attaccando la Chiesa cattolica è che la Chiesa è “l’ultimo spazio per la società civile rimasto nel Paese”.

Ma ciò che è ancora più difficile da spiegare è perché papa Francesco non abbia condannato, e nemmeno menzionato, la recente ondata di repressione di Ortega contro la sua stessa Chiesa. Il rappresentante vaticano presso l’Organizzazione degli Stati americani ha espresso tardivamente il 12 agosto la “preoccupazione” della Santa Sede per gli eventi in Nicaragua, ma il Papa non ha ancora rilasciato una dichiarazione in merito. “Il silenzio di papa Francesco sulla persecuzione della Chiesa cattolica è inammissibile”, mi ha detto Tamara Taraciuk, esperta di America Latina presso il gruppo di Advocacy Human Rights Watch. “Se gli stessi membri del clero cattolico nicaraguense rischiano la propria vita e la propria libertà per denunciare gli abusi di Ortega, cosa aspetta il Papa per esprimersi e sostenerli?” Il silenzio del Papa sul Nicaragua è solo una delle numerose omissioni recenti sorprendenti da parte sua. Il papa deve ancora visitare l’Ucraina, vittima della più grande invasione straniera dell’Europa dalla seconda guerra mondiale. Eppure, ha recentemente trovato il tempo per fare un viaggio di sei giorni in Canada, per chiedere perdono per gli abusi della Chiesa nel XIX secolo e negli anni ’70. Cosa era più importante in questo momento? La tragedia del Nicaragua è stata oscurata nelle cronache dalla guerra in Ucraina, dalle tensioni tra Cina e Stati Uniti su Taiwan e dallo scandalo per l’apparente furto di documenti segreti della Casa Bianca da parte dell’ex presidente Donald Trump. Ma quanto sta accadendo in Nicaragua dovrebbe essere denunciato dai difensori della democrazia e dei diritti umani nel mondo, a cominciare da papa Francesco.

Andres Oppenheimer

 

Andrés Oppenheimer (nato a Buenos Aires, Argentina) è il redattore e editorialista di affari esteri per The Miami Herald, conduttore di “Oppenheimer Presenta” sulla CNN in spagnolo e autore di sette libri, molti dei quali sono stati pubblicati in inglese, spagnolo, portoghese e giapponese. La sua rubrica, “The Oppenheimer Report“, appare due volte a settimana sul Miami Herald e su più di 60 giornali statunitensi e internazionali, tra cui il Miami Herald, El Mundo (Spagna), La Nación (Argentina), Reforma (Messico) El Mercurio (Cile) ed El Comercio (Perù). È autore di Saving the Americas (Random House, 2007) e di altri sei libri, ed è un analista politico della CNN in spagnolo. I suoi precedenti incarichi al Miami Herald includevano capo dell’ufficio di Città del Messico, corrispondente estero e gli affari esteri. In precedenza ha lavorato per cinque anni con l’Associated Press a New York e ha collaborato come freelance per The New York Times, The Washington Post, The New Republic, BBC, “60 Minutes” della CBS e El Pais (Spagna).

Nel 1993 è stato selezionato dalla Forbes Media Guide come uno dei “500 giornalisti più importanti” degli Stati Uniti e da Poder Magazine come una delle “100 persone più potenti” dell’America Latina nel 2002 e 2008.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments