Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’intervista rilasciata dal dott. Florian Schilling e pubblicata su Multipolar magazine. Visitate il sito per leggere l”intervista nella sua interezza e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’intervista nella traduzione automatica e, per quanto possibile, controllata. Non si escludono errori e per questo me ne scuso in anticipo

vaccini-COVID

 

“Nessuno vuole far rotolare questa pietra”
Nuovi documenti confermano: Pfizer ha utilizzato due diversi processi per produrre i preparati corona. Uno era pulito e costoso ed è stato utilizzato nel processo di autorizzazione. L’altro era economico, ma ha portato a iniezioni contaminate e a un aumento massiccio di gravi effetti collaterali (sulla contaminazione dei vaccini COVID su questo blog abbiamo parlato tante volte, leggi qui, ndr). La sostanza così prodotta è stata iniettata nel resto della popolazione mondiale. Il medico Florian Schilling spiega perché “qualsiasi dichiarazione di consenso legalmente valida da parte di persone vaccinate non è valida” per questo motivo. (con correzione e aggiunta 9.11.)

 

PAUL SCHREYER, 8 novembre 2023, 6 Commenti, PDF


Multipolar: Le implicazioni di ciò di cui stiamo parlando oggi sono quasi impossibili da cogliere. I documenti interni di Pfizer dimostrano che nell’ambito dello studio di approvazione dei preparati per il coronavirus sono state testate altre sostanze rispetto a quelle che sono state poi somministrate alla popolazione. Lei, signor Schilling, lo ha recentemente sottolineato in un articolo dettagliato. I ricercatori israeliani Joshua Guetzkow e Retsef Levi sono stati i primi a rendere noti i fatti; i due hanno esaminato i documenti della Pfizer, che da tempo vengono resi noti uno per uno in lunghi procedimenti, e hanno descritto lo scandalo in una lettera pubblicata sul British Medical Journal nel maggio di quest’anno (2022, ndr). Finora senza alcuna risposta significativa da parte del pubblico. Nessuno denuncia. Anche voi stessi ne siete venuti a conoscenza solo di recente.

I fatti: secondo i documenti, esistevano due processi di produzione fondamentalmente diversi. Pfizer si riferisce ai due processi internamente come “Processo 1” e “Processo 2”. Il “Processo 1” è il processo utilizzato per produrre i preparati che sono stati iniettati nei 22.000 soggetti sottoposti a test nell’ambito della procedura di autorizzazione. I dati ottenuti da questi soggetti vengono utilizzati per formulare dichiarazioni sull’efficacia e sugli effetti collaterali delle iniezioni. Per la vendita a livello mondiale, invece, è stato utilizzato un processo di produzione completamente diverso, il “Processo 2”. Il fattore decisivo in questo caso è che le sostanze prodotte con il “Processo 2” e commercializzate in tutto il mondo hanno un profilo di efficacia e sicurezza drammaticamente diverso rispetto ai preparati del “Processo 1” della procedura di autorizzazione. Può iniziare spiegando in termini semplici come si differenziano i due processi di produzione?

Schilling: Il processo utilizzato negli studi di autorizzazione è un processo sterile. È puramente in vitro. Ciò significa che l’RNA viene amplificato meccanicamente mediante PCR. Il vantaggio è che non ci possono essere contaminazioni. Otteniamo un prodotto altamente puro che per il momento consiste essenzialmente di RNA. L’altro metodo, utilizzato per la popolazione, si basa sul fatto che l’RNA non viene copiato in modo sterile dalla macchina, ma dai batteri.

Multipolar: il fatto che i preparati di coronavirus siano stati prodotti con l’aiuto di batteri è stato riportato dai media anche all’inizio della campagna di vaccinazione nel febbraio 2021. Un portavoce dell’industria farmaceutica ha parlato all’ARD in quel momento, spiegando che l’RNA replicato dai batteri era inizialmente circondato da “DNA e molti altri enzimi e altri fattori” e quindi doveva essere “super-pulito” da queste sostanze batteriche indesiderate. Anche Der Spiegel spiegò il processo all’epoca, ma rassicurò i lettori: “L’Istituto Paul Ehrlich, gestito dallo Stato, controlla campioni casuali e monitora gli impianti di produzione”. Le informazioni rese pubbliche all’epoca erano quindi: “Si tratta di un nuovo processo. Per prima cosa è necessario pulire il preparato con molta attenzione, il che non è affatto un problema. L’Istituto Paul Ehrlich controlla tutto. Ma torniamo al processo: L’RNA viene copiato con l’aiuto di batteri, cosa succede esattamente?

Schilling: A questi batteri viene fornito il genoma desiderato. Questo viene impiantato nel genoma di questi batteri. La divisione dei batteri può essere stimolata in modo specifico, questo è il bioreattore di cui stiamo parlando. A ogni divisione, il genoma target viene copiato e duplicato. Infine, i batteri vengono uccisi, lisati e il genoma desiderato viene rimosso mediante un processo di purificazione. Lo svantaggio di questa procedura è evidente: non disponiamo di materiale sterile fin dall’inizio, ma dobbiamo portare questo materiale, fortemente contaminato da componenti batterici, a uno stato di sterilità. Questo richiede molto tempo, soprattutto sulla scala di cui stiamo parlando, quella in cui è avvenuta la produzione. È evidente che in questo caso ci sono notevoli deficit di qualità.

Multipolar: Ci sono documenti dell’EMA, l’Agenzia Europea per i Medicinali, responsabile dell’autorizzazione dei preparati alla fine del 2020, che dimostrano che l’EMA sapeva fin dall’inizio che c’erano grossi problemi a questo proposito. Parola chiave: integrità dell’RNA nei vaccini. Cosa dicono questi documenti? Cosa ha criticato l’EMA all’epoca? E cosa è successo alla fine del 2020, poco prima dell’autorizzazione?

Schilling: Dopo la consegna dei primi lotti alla popolazione, si scoprì che la qualità del materiale di questi vaccini fornito da Pfizer non corrispondeva a quanto noto dai campioni casuali degli studi di autorizzazione. L’integrità dell’RNA è semplicemente lo stato del filamento di RNA confezionato nelle nanoparticelle. Esattamente come dovrebbe essere secondo il progetto. Quindi non manca nulla e non c’è nulla che non dovrebbe esserci. Si è scoperto che è presente un numero estremamente elevato di frammenti di RNA. Ciò significa che questo codice genetico non è presente secondo il progetto, ma piuttosto parti di esso, frammenti.

Il problema è che, in primo luogo, non si produce l’esatta proteina che dovrebbe essere prodotta secondo il piano, in questo caso la spike. Quando questi frammenti vengono letti, vengono prodotte in modo incontrollato piccole proteine, i cosiddetti peptidi, che non sono stati analizzati in precedenza e che non sono nemmeno previsti. Non si sa cosa facciano questi peptidi nell’organismo. Si verificano quindi due effetti: In primo luogo, il prodotto finale effettivamente desiderato non viene più prodotto dalle cellule a partire da tali frammenti. In secondo luogo, vi è un elevato rischio che vengano prodotte proteine non desiderate, con effetti completamente sconosciuti nell’organismo. L’EMA lo ha riconosciuto e ha presentato una segnalazione a Pfizer.

Multipolar: Qual era l’entità delle impurità riscontrate dall’EMA all’epoca?

Schilling: Enorme. Il requisito era che le deviazioni dall’RNA target fossero dell’ordine di poche parti per milione (ppm). In altre parole, una frequenza di genomi difettosi compresa tra uno su 300.000 e uno su un milione. Questo era l’intervallo che l’EMA aveva dichiarato accettabile in anticipo. Tuttavia, si è scoperto che l’integrità era drammaticamente inferiore. Stiamo parlando di un intervallo percentuale. In effetti, solo il 55% circa dell’RNA di questi primi lotti era intatto. Il 45% era spazzatura, di cui nessuno sa cosa ne verrà fuori.

Multipolar: Come ha reagito l’EMA?

Schilling: L’EMA si è riunita con Pfizer per discuterne. Il processo di produzione era già molto avanzato e in teoria i primi lotti avrebbero dovuto essere completamente distrutti e il processo di produzione interrotto fino a quando non fossero stati riconosciuti e corretti i difetti di qualità. Questo sarebbe stato ovviamente un disastro in termini di campagna di vaccinazione, che avrebbe dovuto essere ritardata indefinitamente. E se questo fosse stato comunicato onestamente, si sarebbero dovuti evidenziare i rischi molto specifici di questa tecnologia, che poi sono stati pienamente realizzati al primo tentativo. Ecco perché all’epoca l’EMA accettò di allentare gli standard di qualità con Pfizer. Nei contratti è stato scritto che è del tutto sufficiente che il 55% dell’RNA sia intatto. Quindi, ciò che prima non era conforme è stato reso conforme attraverso un successivo adeguamento dei contratti di fornitura.

Multipolar: Alla faccia della professionalità e dell’indipendenza dell’EMA.

Schilling: Sì, questo è già di per sé un grande scandalo. A peggiorare la situazione è il fatto che non è stata condotta alcuna indagine o ricerca sugli effetti di questi frammenti di RNA. Se si è deciso di introdurre questo materiale nella popolazione, sarebbe stato almeno possibile prendersi la briga di indagare sulle probabili conseguenze. Questo porta a reazioni infiammatorie più forti? Che tipo di peptidi vengono prodotti? Quali rischi sono associati? Mi sarebbe piaciuto vedere almeno un esperimento su larga scala sugli animali. Ma non è successo nulla. Gli standard di qualità sono stati silenziosamente e segretamente allentati. I rischi che potevano derivare da questo – ed era chiaro a tutti i soggetti coinvolti che potevano derivare da questo – sono stati ignorati e non sono stati indagati ulteriormente.

Multipolar: Le autorità di regolamentazione, credo in Australia, hanno riscontrato che i lotti più pesantemente contaminati hanno avuto un numero considerevole di effetti collaterali. Cosa si sa al riguardo?

Schilling: Ora esiste un database. È stato creato da un’iniziativa degli Stati Uniti e si chiama: How bad is my batch? (Quanto è cattivo il mio lotto?). Hanno esaminato il sistema di segnalazione americano, il VAERS. In questo caso, ogni segnalazione sospetta di un effetto collaterale e di una complicazione da vaccinazione deve includere il numero del lotto di vaccinazione. Prendiamo il VAERS così com’è. Ha enormi punti deboli, ma per ora li ignoreremo. Il VAERS mostra se la frequenza delle reazioni avverse è uniformemente distribuita tra tutti i lotti. Se i vaccini avessero uno standard qualitativo omogeneo in fase di produzione, gli effetti collaterali dovrebbero verificarsi più o meno con la stessa frequenza in ogni lotto. Si disperderebbero un po’, ma alla fine si troverebbe una media statistica. Non è stato così. Ciò che è emerso da questa analisi è che la maggior parte delle complicazioni da vaccinazione sono causate da un piccolo numero di lotti.

Qui abbiamo una situazione in cui più della metà di tutti gli effetti collaterali segnalati sono causati da meno del 5% dei lotti. Ci sono linee di produzione davvero pericolose, dove in alcuni casi sono stati segnalati centinaia di decessi per un singolo lotto. Allo stesso tempo, ci sono lotti in cui non ci sono praticamente segnalazioni o in cui la gravità delle segnalazioni non è di per sé altamente pericolosa. La domanda che ci si pone ora, ovviamente, è come sia possibile. Alla luce di quanto abbiamo appreso, il processo di produzione presenta notevoli carenze qualitative. In primo luogo, ci sono troppi frammenti di RNA, cioè non RNA intatto, e in secondo luogo la contaminazione con componenti batterici, compreso il DNA batterico. E questo, ovviamente, varia enormemente e spiega le enormi differenze nella frequenza degli effetti collaterali.

Multipolar: per riassumere ancora una volta: Pfizer ha due processi di produzione. Il secondo processo è stato sviluppato completamente di recente, è gravato da molte incertezze e rischi e il risultato è stato somministrato a quasi tutta la popolazione mondiale. Tuttavia, la procedura di autorizzazione si basa su un processo di produzione completamente diverso, in cui questi rischi non possono verificarsi in linea di principio. In che modo Pfizer ha testato l’efficacia e la sicurezza di queste iniezioni contaminate prodotte con il “Processo 2”?

Schilling: Pfizer ha assicurato alle autorità regolatorie che verrà effettuato un controllo di qualità interno di questi lotti prodotti per via batterica con un certo ritardo. Questo dovrebbe consistere nel confrontare 250 persone vaccinate con questo lotto di ogni lotto prodotto con un gruppo di riferimento di 250 vaccinati dello studio di autorizzazione che hanno ricevuto il materiale sterile. L’obiettivo è verificare se l’efficacia – come la formazione di anticorpi – e la frequenza e la gravità degli effetti collaterali siano di livello comparabile. Pfizer lo ha fatto solo una volta. Ci sono solo i dati di esattamente 250 persone. Tutto qui. Invece di estenderlo agli altri lotti, invece di renderlo un processo continuo. Questo è il problema numero uno.

Problema numero due: questi lotti prodotti battericamente non sono stati somministrati alla stessa coorte, in termini di composizione, dello studio. Nello studio c’è una certa distribuzione dell’età. Abbiamo anche una certa proporzione di persone con malattie pregresse e una ragionevole distribuzione di genere. Le coorti non sono composte in modo casuale, ma si cerca di rappresentare un certo spaccato della popolazione. E non è stato così quando il vaccino prodotto per via batterica è stato somministrato a queste 250 persone. Sono state vaccinate solo persone molto giovani, di età inferiore ai 22 anni. Questo significa di per sé che tutto ciò che è stato misurato qui non può essere trasferito alle persone più anziane, soprattutto non al principale gruppo a rischio. Né l’immunità che si sviluppa né il rischio di effetti collaterali. E nemmeno questi 250 dati sono stati confrontati con una coorte di riferimento statisticamente significativa. Si tratta di un campione di confronto del tutto inadeguato a più livelli.

Multipolar: Nonostante questo confronto campionario inadeguato, come lei dice, queste iniezioni con i vaccini del “Processo 2” hanno provocato il 40% di effetti collaterali più gravi, secondo le informazioni fornite dalla stessa Pfizer. Nei documenti interni Pfizer commenta che questo risultato catastrofico era “come previsto”. Ciò significa che Pfizer era consapevole della qualità inferiore e della nocività della procedura. Quanto sono affidabili questi dati di Pfizer?

Schilling: Vanno trattati con estrema cautela. E non intendo dire che siano irrealisticamente negativi, anzi. La stessa Pfizer sta registrando un aumento massiccio, soprattutto per quanto riguarda le complicazioni gravi. Tuttavia, ora abbiamo a che fare con una coorte di vaccinati molto giovane e molto sana: non malata in precedenza, di età inferiore ai 22 anni. Se ora si vuole trasferire questo dato a fasce di popolazione più suscettibili, le cifre saranno molto probabilmente completamente diverse. È possibile farlo confrontando alcuni effetti collaterali che si sono verificati durante la campagna di vaccinazione con la frequenza di questi effetti collaterali misurati negli studi di autorizzazione.

C’è stato uno studio di coorte in cui è stato analizzato il sanguinamento vaginale come effetto collaterale di questa vaccinazione contro l’RNA. In altre parole, il sanguinamento mestruale non programmato. Lo studio è stato condotto su donne di diverse fasce d’età. Hanno esaminato la frequenza di questo fenomeno nelle donne vaccinate e hanno scoperto che riguarda il 13,1%. Hanno poi esaminato la frequenza di questo fenomeno negli studi di autorizzazione, cioè con il vaccino sterile prodotto con la PCR. La frequenza è stata dello 0,7%. Ciò significa che questo specifico sintomo, questo specifico effetto collaterale, il sanguinamento vaginale, si è verificato con una frequenza superiore del 1.800% nella pratica con il vaccino prodotto battericamente rispetto agli studi di autorizzazione con il materiale sterile.

Se si trasferisce questo ordine di grandezza, non si tratta di un aumento del 40%, come afferma Pfizer in questo studio interno, ma del 1800%, un ordine di grandezza completamente diverso. Sono un pessimista di professione, ma bisogna anche pensare a complicazioni da vaccinazione più gravi del sanguinamento vaginale. Non voglio minimizzare le emorragie vaginali, ma se si pensa a cose come emorragie cerebrali, attacchi cardiaci e malattie autoimmuni, la cosa assume un peso completamente diverso.

Multipolar: Pfizer ha condotto ulteriori studi sull’efficacia e la sicurezza di queste iniezioni “Process 2” dopo l’inizio della somministrazione di massa in tutto il mondo? Oppure Pfizer ha proseguito gli studi di autorizzazione solo con l’altro processo produttivo?

Schilling: È esattamente quello che è successo. Pfizer si è sostanzialmente affidata ai sistemi di reporting invece che ai controlli di qualità interni.

Multipolar: Non è stato condotto uno studio separato?

Schilling: No. Pfizer ha sostenuto relativamente presto che i valori empirici della pratica erano molto positivi. I sistemi di segnalazione non avrebbero prodotto alcun segnale di allarme rilevante. A questo proposito, non sarebbe stato opportuno duplicare in modo permanente questo sforzo elevato e condurre parallelamente studi di coorte interni per effettuare un confronto di qualità.

Multipolar: Questo è di per sé illogico, dato che la stessa Pfizer ha misurato il 40% in più di effetti collaterali gravi.

Schilling: Esattamente. A questo punto, le autorità regolatorie avrebbero dovuto intervenire e tirare il freno a mano al più tardi ora – e nel caso in cui Pfizer si rifiutasse di eseguire i test di qualità qui, avrebbero dovuto sospendere l’autorizzazione all’immissione in commercio o iniziare immediatamente a condurre i propri studi di coorte per tenere d’occhio il problema. Purtroppo, le autorità regolatorie hanno seguito questa linea di argomentazione. Hanno adottato l’argomentazione che i valori empirici della pratica sono abbastanza buoni e che non ci sono segnali di allarme in questo caso, quindi non vogliono gravare i produttori con questo sforzo inutile.

Multipolar: Qual è la sua personale conclusione di tutto questo?

Schilling: Un punto è che, a mio avviso, qualsiasi dichiarazione di consenso da parte di persone vaccinate non è valida. Anche una persona vaccinata che si è informata al meglio delle proprie conoscenze e convinzioni, che magari ha anche letto gli studi di autorizzazione per farsi un’idea dei rischi che sta correndo e dei benefici che può aspettarsi, ha fatto affidamento su altri dati. Anche i media, tra l’altro. Tutto ciò che è stato detto dai media sull’efficacia e la sicurezza si basa sul processo di produzione sterile che utilizza la PCR. Ciò significa che qualsiasi “consenso informato”, come si dice in inglese, qualsiasi dichiarazione di consenso legalmente valida, non è in realtà valida. Questo non è avvenuto. A mio avviso, ciò solleva un’importante questione legale: Chi è effettivamente responsabile del danno? Finora è stato possibile scaricare la colpa sulla persona vaccinata, in quanto io accetto i rischi dando il mio consenso. Ufficialmente, lo faccio volontariamente. Dal mio punto di vista, ora non è più così. Questo è un punto importante.

Il secondo punto importante è la creazione di profili di effetti collaterali per queste vaccinazioni. Diciamo che facciamo del nostro meglio per creare un foglietto illustrativo ottimizzato. Poi, naturalmente, cerchiamo nei sistemi di segnalazione i problemi emersi negli studi di autorizzazione, tra le altre cose. Gli studi di autorizzazione ci danno indicazioni sulla direzione da seguire e su ciò a cui bisogna prestare particolare attenzione. Naturalmente, questo non è valido perché i vaccini prodotti per via batterica producono effetti collaterali completamente diversi e con una frequenza completamente diversa rispetto a quelli degli studi di autorizzazione. Anche se le informazioni specialistiche fornite ai vaccinatori sono ragionevolmente complete, non corrispondono a ciò che il medico che somministra la vaccinazione deve aspettarsi. Questo ha anche un effetto a catena sulle attività di segnalazione. Se il medico non sa cosa è possibile fare e i problemi si presentano in seguito, è più difficile per lui classificarli e fare una segnalazione significativa. Naturalmente, ciò contribuisce anche all’enorme numero di casi non segnalati nei sistemi di sicurezza. Che si tratti dell’Istituto Paul Ehrlich in Germania o del VAERS negli Stati Uniti.

In questo modo, tutti i valori di efficacia riportati in questa sede non sono validi. La formazione di anticorpi in questo studio di coorte interno di Pfizer su soggetti di età inferiore ai 22 anni è stata piuttosto scarsa. Questo dato è stato analizzato esattamente in 4 soggetti. 4 soggetti! Stiamo parlando di una campagna di vaccinazione mondiale a seguito di una modifica del processo di produzione e la formazione di anticorpi è stata analizzata in 4 soggetti. E uno di loro non ha prodotto alcun anticorpo.

Multipolar: È il 25%.

Schilling: Sì. Ma ora utilizziamo questi valori di efficacia negli studi epidemiologici e anche, naturalmente, in tutta questa modellistica. Qualche tempo fa, c’è stata una pubblicazione adottata dall’OMS, in cui si sosteneva che tanti milioni di persone in tutto il mondo erano state salvate dalla vaccinazione. Si tratta di modelli basati sui valori di efficacia degli studi di autorizzazione e non sui dati reali di questo vaccino batterico. L’ultima cosa è che si fa ancora riferimento a questi studi di autorizzazione. Ora abbiamo una situazione in cui i vaccini vengono aggiornati con grande regolarità. Non stiamo più parlando di una vaccinazione di richiamo, ma di una vaccinazione di richiamo simile alla vaccinazione antinfluenzale. Di norma, questi vaccini aggiornati vengono testati solo sui topi. Perché le autorità di regolamentazione lo permettono? Perché dicono che all’inizio sono stati condotti studi di autorizzazione approfonditi, in cui tutto sembrava a posto. E non ci sono segnali di sicurezza dai sistemi di segnalazione. Quindi ci accontentiamo di alcuni studi sui topi e poi facciamo passare i vaccini aggiornati. Così il processo si moltiplica. Le lacune nella sicurezza diventano sempre più grandi. Le incognite sono sempre più grandi. In linea di principio, nessuno sa cosa facciano realmente i vaccini aggiornati in circolazione.

Multipolar: Infine, una domanda sulla gestione di questo scandalo. L’intero caso è stato portato all’attenzione del pubblico da scienziati esterni al settore. I due ricercatori israeliani citati all’inizio, Joshua Guetzkow e Retsef Levi, non sono virologi o immunologi, ma un criminologo e un matematico. Ora stanno cercando di utilizzare le loro limitate risorse per portare avanti la rivalutazione globale. Ma tutti gli esperti che lavorano nelle società specializzate e nelle autorità di controllo non sembrano fare nulla. Come valuta questa situazione?

Schilling: Devo dirlo senza mezzi termini. Si tratta di una sorta di omertà.

Multipolar: Quindi è un cartello di omertà di tipo mafioso.

Schilling: Fondamentalmente, le autorità regolatorie come l’EMA o la FDA ricevono gran parte dei loro finanziamenti dall’industria farmaceutica. In particolare, le persone che occupano posizioni critiche, i responsabili delle decisioni, passano regolarmente dal loro lavoro presso l’autorità a posizioni altamente remunerate nell’industria farmaceutica. Si tratta del ben noto effetto “porta girevole”. Ci sono quindi enormi dipendenze finanziarie e incentivi finanziari. In una parola, si tratta di un sistema estremamente corrotto. Questo è un aspetto che gioca un ruolo importante.

Il secondo punto è che nessuno vuole esporsi ora. Se un solo mattone di questo castello di carte cade ufficialmente, alla fine cadrà tutto il castello di carte. E nessuno vuole esserne responsabile. Nessuno vuole far rotolare la pietra. E poi, naturalmente, tutto questo pasticcio si traduce in competenze e responsabilità assolutamente poco chiare. Chi è il responsabile finale di eventuali danni da vaccino? Sono i produttori che hanno fornito una qualità inferiore? Sono le autorità di regolamentazione che hanno autorizzato questa qualità inferiore? Sono i medici che non si sono occupati nel dettaglio di questi problemi di qualità? Non lo sappiamo. E quando ci sono richieste di risarcimento poco chiare per miliardi di euro, la volontà di gridare “ecco, siamo stati noi” è naturalmente piuttosto bassa.

Bisogna anche rendersi conto che non esiste una grande competenza indipendente nella ricerca stessa, grazie alla ricerca finanziata da terzi. Dovremmo approfondire l’epidemiologia. Dovremmo condurre studi di coorte retrospettivi e prospettici e analizzare questi aspetti con un numero ragionevole di soggetti. Ma chi paga per questo? La ricerca finanziata da terzi significa che l’80% dei fondi per la ricerca proviene dall’industria. Tuttavia, l’industria non sarà coinvolta nel far emergere gli scheletri nell’armadio. E anche se avessimo un istituto che si occupa di queste cose, dovremmo pubblicarle. La maggior parte delle riviste specializzate si rifiuta di pubblicare articoli critici di questo tipo. Non vengono nemmeno bocciati nel processo di peer review – cioè dicono che ci sono alcune carenze qualitative – ma non vengono affatto accettati per la peer review. Ce ne sono alcuni che spiccano qui. Vorrei citare in particolare il BMJ (British Medical Journal), che in questo caso tiene alta la bandiera con grande coraggio. Ma a parte questo, è una vera e propria vergogna. In breve, la maggior parte di coloro che potrebbero fare ricerca non vogliono farla. Dei pochi che lo vogliono, la maggior parte non può farlo. E quelli che sono disposti e capaci e che scoprono qualcosa probabilmente non lo pubblicano.

Multipolar: Quello che lei descrive è la capitolazione della scienza indipendente e critica.

Schilling: Ciò che trovo preoccupante è che questa piattaforma di produzione è ormai consolidata. La prospettiva è che sempre più malattie infettive saranno affrontate sulla base di vaccini a RNA. E posso già prevedere come funzionerà: Gli studi di autorizzazione saranno nuovamente condotti con un vaccino basato sulla PCR e poi diremo: “La produzione di plasmidi si è dimostrata così meravigliosa nella pratica con Corona che la rifaremo”. Quindi una rivalutazione del fatto che non ha funzionato – da dove verrebbe? E dato che non ci sarà, probabilmente continueremo con questo schema.


 

Informazioni sull’intervistato: Florian Schilling, nato nel 1981, 2001-2004 ha studiato medicina (pre-clinica) presso l’Università Ludwig Maximilian di Monaco, 2004-2006 si è formato come naturopata presso il Centro di Naturopatia di Monaco, 2006-2017 ha lavorato nel proprio studio con particolare attenzione all’oncologia e alla neuroinfiammazione, 2018-2019 project manager presso il Bumrungrad Hospital di Bangkok, con particolare attenzione all’oncologia integrativa e alle malattie neurodegenerative, dal 2020 direttore scientifico di Mitocare, Monaco. Schilling è autore di diversi libri su coronavirus, long covid e sindrome post-vaccinale.

Correzione e aggiunta 9.11.: un lettore ha fatto notare alla redazione che le informazioni di base discusse in questa intervista erano già state rese pubbliche nel 2021 dalla biologa cellulare Vanessa Schmidt-Krüger. Abbiamo quindi modificato la formulazione del paragrafo introduttivo da “mostrare nuovi documenti” a “confermare nuovi documenti”. Le dichiarazioni rilevanti della Schmidt-Krüger sono state rilasciate in un’intervista video al Comitato Corona il 5 febbraio 2021 (qui a partire dal minuto 3.45) e sono state riassunte per iscritto in un articolo pubblicato su RT il 6 giugno 2021. In esso si legge, tra l’altro, che:

“La carenza di mRNA era dovuta a un cambiamento nel processo di produzione. Nella fase di sviluppo erano necessarie solo quantità molto piccole e si utilizzavano tecniche costose, per cui si usavano prodotti finali di elevata purezza. L’attuale produzione di massa richiede processi economici. Ciò comporta l’uso di batteri, ad esempio. L’mRNA necessario si ottiene introducendo e amplificando il DNA modificato nei batteri e poi estraendolo e linearizzandolo. Ciò comporterebbe pericoli e rischi, soprattutto per quanto riguarda le impurità. (…) Nel nuovo processo sono stati trovati lotti con forse solo il 55% di RNA buono. Un RNA incompleto porta a una biosintesi altrettanto incompleta, con proteine accorciate. Nel peggiore dei casi, verrebbero prodotte così poche proteine che la risposta immunitaria indotta dalla vaccinazione non si concretizzerebbe. Queste questioni devono ancora essere chiarite. (…) Il problema delle proteine incomplete non è (…) il loro potenziale di danno, ma la loro inefficacia per la vaccinazione. La contaminazione con il DNA è molto più problematica. Questo è presente anche in forma lineare. Se una cellula umana è in fase di divisione cellulare, tale DNA può essere integrato nel genoma dell’organismo. Questo è il rischio. I geni possono essere attivati e disattivati, regolati in alto e in basso, il cancro può svilupparsi e la porta è davvero aperta. Non è possibile controllare dove esattamente questo DNA si integri nel genoma”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments