La guerra prevista da anni dal gen. Mark Milley è una seconda guerra fredda che rischia la terza guerra mondiale. Non è nell’interesse dell’America e di nessuno prolungare questo conflitto. Di seguito vi propongo un articolo di Patrick Buchanan, un politico statunitense. Egli è stato consigliere dei presidenti statunitensi Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan. L’articolo è apparso sul suo blog

 

Guerra Ucraina_macerie_carroarmato (foto: afp)
Immagine di repertorio (foto: afp)

 

Parlando della guerra di sette settimane in Ucraina innescata da Vladimir Putin, il gen. Mark Milley, presidente dei Capi di Stato Maggiore, ci avverte di aspettarci una guerra che durerà anni.

“Penso che questo sia un conflitto molto prolungato… misurato in anni”, ha detto Milley al Congresso. “Non so un decennio, ma almeno anni, di sicuro”.

Come prima risposta, ha detto Milley, dovremmo costruire più basi militari in Europa orientale e iniziare a ruotare le truppe statunitensi dentro e fuori.

Eppure questo suona come una prescrizione per una seconda guerra fredda che l’America dovrebbe evitare, non combattere. Perché l’integrità territoriale e la sovranità dell’Ucraina, pur essendo un obiettivo dichiarato della politica statunitense, non è un interesse vitale degli Stati Uniti per giustificare il rischio di una guerra calamitosa con la Russia.

La prova di questa realtà politica sta nei fatti politici.

Per 40 anni di guerra fredda, l’Ucraina è stata parte integrante dell’Unione Sovietica. Nel 1991, Bush I avvertì i secessionisti ucraini, che volevano rompere i legami con la Russia, di non indulgere in tale “nazionalismo suicida”.

E anche se abbiamo portato 14 nuove nazioni nella NATO dopo il 1991, Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama non hanno mai portato l’Ucraina.

Infatti, durante le sette settimane di questa guerra, il presidente Joe Biden ha rifiutato di trasferire all’Ucraina i 28 MIG-29 che la Polonia ha offerto di mettere a disposizione, se gli Stati Uniti avessero voluto sostituire i MIG polacchi con jet da combattimento statunitensi.

Biden ha avvertito che questo avrebbe potuto innescare una collisione con la Russia che avrebbe potuto portare alla terza guerra mondiale. E lui non ha intenzione di rischiare una terza guerra mondiale che potrebbe degenerare in una guerra nucleare, per l’Ucraina.

Cosa sta dicendo Biden negando i MIG all’Ucraina?

Che impedire alla Russia di amputare Donbas, Crimea e la costa del Mar Nero dell’Ucraina non è un interesse degli Stati Uniti così vitale da valere il rischio di una guerra con la Russia. L’Ucraina non è solo fuori dalla NATO; è fuori dal perimetro degli interessi vitali degli Stati Uniti che giustificano la guerra.

Questa crisi in Ucraina richiama una domanda più grande:

Per chi e per cosa gli Stati Uniti dovrebbero andare in guerra con una nazione con un arsenale nucleare più grande del nostro, ma che non ci minaccia direttamente?

Attualmente, i falchi della guerra di Beltway e i neocons sono infuriati con le richieste che gli Stati Uniti mandino i MIG in Ucraina, e il sistema di difesa aerea S-300, e i missili antinave per affondare la flotta russa del Mar Nero.

Ci dicono che Putin sta bluffando quando suggerisce che Mosca potrebbe usare armi nucleari tattiche piuttosto che accettare la sconfitta e l’umiliazione in Ucraina.

Eppure, guardando un’analisi costi-benefici della continuazione di questa guerra, sembrerebbe che prima finisce, meglio è.

Perché chi sarebbero i probabili vincitori e i perdenti del “conflitto prolungato” di Milley che durerà “almeno anni di sicuro”?

I più grandi perdenti sarebbero la nazione e il popolo dell’Ucraina.

Già in sette settimane, 10 milioni di ucraini sono stati sradicati dalle loro case, e 4 milioni di loro sono fuggiti dal paese. Questo è un quarto della nazione sradicata, e un decimo perso per l’Ucraina.

Migliaia di soldati e civili ucraini sono morti resistendo all’invasione. Migliaia potrebbero essere stati uccisi. Città come Kharkiv sono state orribilmente danneggiate, con Mariupol sul Mar d’Azov distrutta.

La disponibilità del presidente Volodymyr Zelensky a negoziare con Putin dopo le atrocità provate e ad accettare l’occupazione temporanea di parte dell’Ucraina suggerisce che egli sa che, da qui in avanti, l’Ucraina, che ha vinto le prime battaglie, potrebbe perdere costantemente la guerra più lunga.

Infatti, se le note enormi perdite per l’Ucraina sono venute dalle prime sette settimane di combattimento, quali saranno le perdite di una seconda settimana, o di una terza, sulla strada sanguinosa della lunga guerra di Milley?

La Russia di Putin è un secondo perdente in questa guerra.

L’invasione iniziale non è riuscita a catturare Kiev o Kharkiv. L’esercito russo intorno a Kiev è partito e, secondo quanto riferito, molte migliaia di truppe russe sono state uccise, ferite, catturate o disperse.

L’economia russa sta soffrendo a causa delle severe sanzioni.

Eppure oltre l’80% del popolo russo sostiene ancora Putin e la sua guerra. E la rinnovata spinta della Russia nel Donbas e per prendere la costa ucraina del Mar Nero dalla Crimea a Odessa non è ancora persa.

Ma mentre l’Ucraina e la Russia hanno sofferto molto, gli Stati Uniti e la NATO non hanno sofferto affatto. Nemmeno la Cina, che si trova ad essere il maggior beneficiario quando una Russia sanguinante e isolata va in cerca di sostegno.

Ciò di cui gli americani devono preoccuparsi è la lunga guerra che il gen. Milley sta predicendo, e la possibilità che la continua emorragia della Russia la induca a ricorrere ad armi nucleari tattiche per porre fine alle perdite e all’umiliazione e prevenire una sconfitta totale.

Quindi, prima finisce questa guerra, meglio è per noi e per i nostri amici – anche se questo significa dover parlare con l’uomo che Biden non può smettere di chiamare un criminale di guerra e chiedere a gran voce che sia processato.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email