Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Mons. Charles Fink, pubblicato su The Catholic Thing. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata.

 

Roma, basilica papale di san Pietro, 15 maggio 2011: all'altare della Cattedra, il card. Brandmüller celebra la Santa Messa secondo il rito tradizionale
Roma, basilica papale di san Pietro, 15 maggio 2011: all’altare della Cattedra, il card. Brandmüller celebra la Santa Messa secondo il rito tradizionale

 

Voglio essere perfettamente chiaro, come piace dire ai politici: Non ho alcun interesse a promuovere la Messa latina tradizionale. Anzi, sono stato allevato come episcopale e quindi, se fossi preso da un attacco di nostalgia, mi struggerei per la versione di Re Giacomo della Bibbia e per una liturgia modellata sull’inglese insuperabilmente elegante del vecchio Book of Common Prayer. Inoltre, sono entrato nella Chiesa cattolica dopo la chiusura del Concilio Vaticano II e non ho vissuto l’esperienza di una Messa tridentina fino a quando, dopo una trentina d’anni di sacerdozio, sono stato direttore della formazione spirituale in un seminario.

Se non ricordo male, quella Messa veniva offerta una volta al semestre, in modo che i seminaristi la conoscessero bene. Non so dire quanti siano stati trasportati dall’esperienza. Io non lo sono stato. A volte scherzo sul fatto che il motivo principale che ha spinto lo Spirito Santo a permettere l’abbandono quasi totale della liturgia latina a favore di quella vernacolare è stato quello di rendere possibile la mia ordinazione, perché dubito fortemente che avrei mai potuto padroneggiare il latino. E anche ora, se improvvisamente venissero ripristinate e rese obbligatorie le Messe in latino, probabilmente dovrei scivolare nell’invisibilità e chiedere il permesso di offrire Messe private in inglese.
Non sono certo, quindi, uno strenuo sostenitore o promotore della Messa latina tradizionale e ancor più non metto in dubbio la validità o l’efficacia della Messa che celebro quotidianamente da quasi cinquant’anni. Detto questo, posso affermare senza esitazione che alcuni dei più bravi, dedicati, pastorali e fedeli sacerdoti che ho conosciuto nel corso di questi decenni, sacerdoti di tutte le età, hanno amato la Messa latina tradizionale e hanno desiderato, e continuano a desiderare, che sia resa disponibile ai fedeli la cui esperienza è stata molto diversa dalla mia.

Molti di questi fedeli sono giovani, e tra loro non pochi sentono il richiamo di una vocazione religiosa. Alcuni di loro possono essere estremi nella loro critica al Novus Ordo e nel loro desiderio, se dovessero essere ordinati, di servire solo coloro la cui visione liturgica coincide con la loro. Ma sono l’eccezione, non la regola.

Mi chiedo allora come sia possibile che in una Chiesa dai molteplici riti liturgici approvati e dai molti adattamenti culturali della pratica liturgica, una Chiesa che è disposta a tendere la mano senza riserve alla Cina comunista (che perseguita brutalmente le minoranze religiose) e alla comunità LGBTQ, che recentemente ha mostrato il suo totale disprezzo per tutto ciò che è cattolico trasformando una liturgia funebre nella Cattedrale di St. Patrick’s Cathedral di New York in un circo, il Vaticano non riesca a trovare nel suo cuore compassionevole e accompagnatore la possibilità di permettere ai cattolici che amano la Messa latina tradizionale, che esiste da secoli, di celebrare il culto nel modo che desiderano, con la benedizione della Chiesa.

Ciò potrebbe persino contribuire ad alleviare la fatica di dover celebrare Messe in decine di lingue in una stessa domenica nella stessa diocesi.

Anni fa, in una parrocchia in cui ero parroco, una donna anziana mi si avvicinò con le lacrime agli occhi. Non la vedevo da tempo e voleva spiegarmi. Mi disse che amava la nostra parrocchia, ma che, soprattutto dopo la morte del marito, era emotivamente svuotata, in lutto e cercava di sentirsi a casa con il Novus Ordo come con la Messa tridentina. Così aveva trovato una parrocchia in cui si sentiva a casa e confortata. Continuò a sostenere la nostra parrocchia, ma la domenica si recava in un’altra chiesa, che sono abbastanza sicuro non fosse all’epoca approvata da Roma.

Che cosa ha da dire il Vaticano a una persona del genere: “Lasciatela mangiare la torta”? Certo, era anziana ed emotivamente legata a qualcosa che aveva conosciuto e amato per la maggior parte della sua vita. Certo, questo non è il caso della maggior parte di coloro che sono attualmente innamorati della Messa latina tradizionale. Tuttavia, molti di questi cattolici sperimentano Dio, la Sua grazia e il Suo amore trascendente in questa Messa, come non fanno con il Novus Ordo (come, ripeto, faccio io). Perché mettere in dubbio le loro motivazioni? Perché deriderli? Perché ostracizzarli?

A quanto pare l’FBI considera i cattolici tradizionali una seria minaccia per ciò che resta della nostra democrazia. Se questo è ciò che chiamano tenerci al sicuro, mi sento davvero molto insicuro. Il Vaticano, in un mondo di caos morale, di massicce defezioni dalla Chiesa tra i cattolici di base e di una perdita ancora maggiore di fede nella verità cattolica fondamentale, sembra pronto a spendere il suo capitale morale, limitato e in diminuzione, per emarginare i cattolici che desiderano la Messa latina tradizionale, per raggiungere coloro che disprezzano apertamente tutto ciò che rappresentiamo e per blaterare di cambiamento climatico e di altre questioni di tendenza. Se questo è ciò che passa per saggezza, allora segnatemi come uno sciocco.

Non molto tempo fa, in un’intervista con Colm Flynn di EWTN, il dottor Jordan Peterson si è preoccupato ad alta voce che la Chiesa cattolica avesse perso la fede nel suo messaggio fondamentale. Mi piacerebbe pensare che non sia vero, ma certamente sembra che qualcosa sia andato perso. Potrebbe essere il coraggio? Dopotutto, è molto più facile fare il bullo con un ometto che non rappresenta una minaccia per nessuno, piuttosto che affrontare i veri bulli che hanno dalla loro parte la maggior parte dei media, compresa l’industria dello spettacolo, e gran parte dell’intellighenzia occidentale.

Comunque sia, ecco un ex-episcopale che ama celebrare il Novus Ordo, ma che augura ogni bene a tutti gli amanti della Messa latina tradizionale. Almeno quando si tratta di una cosa del genere, chiamatemi “pro-choice”.

Mons. Charles Fink

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments