I consiglieri comunali della città gallese di Bangor hanno nominato come sindaco un “genderqueer”, “agender”, “non-binario” di 23 anni di nome Owen J. Hurcum. Come pronome personale richiede non “lui”, non “lei”, ma “loro”.

Un articolo di Clare Marie Merkowsky, pubblicato su Lifesitenews, nella mia traduzione.

 

Owen J. Hurcum, sindaco
Owen J. Hurcum, sindaco

 

I consiglieri comunali della città gallese di Bangor hanno nominato come sindaco un “genderqueer”, “agender”, “non-binario” di 23 anni di nome Owen J. Hurcum.

Hurcum, che sembra essere un maschio biologico e si fa chiamare “loro”, è a quanto pare il primo sindaco “non-binario” al mondo.

La BBC ha riferito che Hurcum si identifica come “genderqueer” o “agender” ed è anche il più giovane sindaco del Galles. Ha servito come consigliere per cinque anni e come vicesindaco per un anno.

È stato eletto all’unanimità dai suoi colleghi consiglieri lo scorso giugno, ma è stato appena nominato dopo un ritardo dovuto ai regolamenti e alle restrizioni COVID-19. Il consiglio “ha dato il benvenuto a Cllr Hurcum nel loro [sic] nuovo ruolo”, ha riferito il sito web del governo di Bangor l’11 maggio 2021.

“Quando  due anni fa ho fatto coming out”, ha twittato, “ero così preoccupato di essere ostracizzato dalla mia comunità o peggio. Oggi la mia comunità mi ha eletto sindaco della nostra grande città. Il più giovane sindaco del Galles. Il primo sindaco apertamente non binario di qualsiasi città, ovunque”.

“C’era una trepidazione perché, ovviamente, il governo locale ha questa ingiusta reputazione di essere vecchio e arretrato”, ha detto, “ed ero preoccupato che queste opinioni potessero venire dai colleghi consiglieri”.

“Ma io ho avuto l’esatto contrario. Ogni singolo consigliere è stato estremamente solidale, e il sindaco precedente mi ha chiamato quando ha visto che ho ricevuto odio online, e ha detto che è lì se ho bisogno di lui”, ha continuato Hurcum. “È stato davvero bello”.

A marzo, Hurcum si è dimesso dal partito Plaid Cymru dopo aver affermato che il partito “continua a dare spazio a coloro che promuovono la transfobia”.

Questo è accaduto dopo che il membro del partito Helen Mary Jones ha twittato la sua opposizione ai cambiamenti alla legge sul riconoscimento di genere. Secondo la BBC, in un tweet, ha detto di essere “preoccupata, come molte persone, comprese le persone trans, per i possibili impatti delle modifiche proposte al Gender Recognition Act e i diritti di donne e ragazze”.

“Le femministe critiche del genere non stanno attaccando le persone trans”, ha scritto in un tweet precedente. “Stiamo facendo domande”.

“Voglio che Helen Mary Jones si scusi in un modo che non sia ‘mi dispiace che tu ti sia offeso'”, ha chiesto Hurcum.

“Voglio delle scuse sincere e voglio che faccia uno sforzo per conoscere la comunità e capire perché sta perpetrando la transfobia”.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1