Propongo alla riflessione dei lettori di questo blog un articolo scritto da David Carlin. Esso è stato pubblicato su The Catholic Thing. Ve lo segnalo nella mia traduzione. 

 

Rivoluzione sessuale

 

In generale, una buona poesia non riguarda principalmente il suo argomento apparente: ad esempio, amore, odio, uccelli, fiori, morte, guerra, pace, automobili, camion, aerei, ecc. No, si tratta principalmente di parole e combinazioni di parole. Si tratta solo secondariamente del suo argomento.

Lo stesso vale per la rivoluzione sessuale. Non si tratta in primo luogo del suo argomento apparente: pornografia, sesso prematrimoniale, convivenza non matrimoniale, divorzio facile, promiscuità, aborto, omosessualità, matrimonio omosessuale, poliamore, transgenderismo, ecc. Si tratta solo in seconda battuta di queste cose. Si tratta anzitutto della distruzione del cristianesimo.

Quando parlo di cristianesimo, mi riferisco ad alcune forme classiche di cristianesimo: il cattolicesimo, il cristianesimo ortodosso e il protestantesimo evangelico. Non sto pensando al cristianesimo liberale o modernista, che ha ceduto così tanto alla rivoluzione sessuale e alle forze anticristiane che si celano dietro questa rivoluzione da non essere più considerato veramente cristiano.

Il cristianesimo liberale si trova soprattutto nelle chiese protestanti principali, che stanno rapidamente scomparendo. Ma negli ultimi tempi questa strana perversione del cristianesimo ha fatto capolino tra i cattolici; e se continuerà a prosperare tra i cattolici, in particolare tra alcuni vescovi del Nord Europa, anche il cattolicesimo si estinguerà.

Se il cristianesimo è una vera religione, allora la rivoluzione sessuale è stata una cosa molto negativa, che ha introdotto idee e pratiche tossiche nella vita del mondo moderno. Alla fine, la rivoluzione potrebbe distruggere questo mondo moderno, distruggendo le menti e la morale di tutti coloro che lo abitano. Se, invece, la rivoluzione sessuale è una cosa buona, allora il cristianesimo è una cosa cattiva, molto cattiva. E per chi ci crede, prima la Fede sparirà dal mondo, meglio sarà per tutti.

C’è una contraddizione tra il cristianesimo e la rivoluzione sessuale. Se uno è giusto, l’altro è sbagliato. Poiché la maggior parte degli americani di oggi, soprattutto quelli sotto i 40 o 50 anni, approva la rivoluzione sessuale, ne consegue che disapprova il cristianesimo. Ma non tutti coloro che disapprovano il cristianesimo si rendono conto di disapprovarlo.

Molte persone, tra cui molti cattolici americani, hanno la capacità di abbracciare due idee contraddittorie allo stesso tempo. Danno la loro approvazione, o almeno la loro semi-approvazione, alla rivoluzione sessuale pur continuando a immaginare di credere ancora negli insegnamenti della Chiesa cattolica.

Una volta i college americani, sia cattolici che non, richiedevano ai loro studenti un corso di logica elementare, in cui si imparava, tra le altre cose, che due proposizioni contraddittorie non possono essere vere allo stesso tempo. Peccato che i college non lo richiedano più.

La guerra moderna contro il cristianesimo iniziò in Inghilterra alla fine del XVII secolo e prese la forma del deismo, che era una reazione anticristiana agli eccessi del puritanesimo che aveva afflitto l’Inghilterra e la Scozia nella prima metà del secolo. Molti si convertirono o si semi-convertirono al deismo, il che permise loro di decidere che il cristianesimo non dovesse più essere preso sul serio.

Questo portò un vescovo anglicano, Joseph Butler (autore del famoso libro “L’analogia della religione”), a commentare:

Non so come, molte persone danno per scontato che il cristianesimo non sia più un argomento di indagine, ma che ora si sia scoperto che è fittizio. E di conseguenza lo trattano come se, nell’epoca attuale, questo fosse un punto condiviso da tutte le persone dotate di discernimento, e non restasse altro che proporlo come principale argomento di divertimento e di scherno, come se si trattasse di una rappresaglia, per aver interrotto così a lungo i piaceri del mondo.

Leggendo queste parole, si potrebbe pensare che il vescovo Butler abbia guardato alcuni dei nostri programmi televisivi di intrattenimento notturno.

In alcuni film, il cattivo, anche se apparentemente ucciso, non è ancora morto; e così riprende la sua pistola e riprende a sparare al buono. In “Attrazione fatale” (a mio parere, uno dei migliori film mai realizzati), la pazza e assassina Glenn Close, apparentemente annegata e quindi non più una minaccia, esce dalla vasca da bagno brandendo un coltello. Nei film di Martin Scorsese, gli assassini di solito sparano alle loro vittime morte tre o quattro volte in più, per sicurezza.

I rivoluzionari sessuali sono come gli assassini di Scorsese; svuotano le loro pistole nella vittima, il cristianesimo. Si potrebbe pensare che abbiano inferto una ferita mortale al cristianesimo quando hanno ottenuto l’accettazione generalizzata dell’aborto, perché non è ovvio che se l’uccisione dei bambini non nati è giusta, allora il cristianesimo è sbagliato? Ma no, per assicurarsi che il danno inferto al cristianesimo sia mortale, i rivoluzionari sessuali sparano una moltitudine di colpi per sicurezza: omosessualità, matrimonio omosessuale, rapporti a tre, ecc.

Mi è stato detto che l’approvazione del transgenderismo è la fase più recente della rivoluzione sessuale. Ma forse mi sbaglio. Può darsi che, anche mentre scrivo questo saggio, i rivoluzionari sessuali siano passati all’approvazione dell’incesto (ma solo tra adulti consenzienti) e che nel 2025 (credo che rimanderanno questo nuovo sviluppo a dopo le elezioni presidenziali del 2024) ci venga detto che solo i bigotti dalla mentalità ristretta si oppongono al fatto che uomini adulti facciano sesso con ragazzine di scuola media – a condizione, ovviamente, che non ci sia solo il consenso reciproco, ma anche un genuino sentimento d’amore tra i partner.

Credo che solo nel 2030 ci verrà detto che tutti, tranne i fascisti, approvano il sesso con gli animali, ma solo quando gli animali danno chiare indicazioni del loro consenso, ad esempio scodinzolando.

Se siete cattolici, dovete essere (a mio modesto parere) qualcosa di assolutamente idiota per sperare che il prossimo Sinodo sulla sinodalità affronti le questioni LGBTQA+ in modo tale che una grande varietà di traviati sessuali non si senta più “esclusa” dalla Chiesa. Oh, i sentimenti feriti dei traviati sessuali! E i sentimenti di compassione di quei cattolici che, affinché questi traviati possano sentirsi “inclusi”, acconsentiranno alla distruzione della loro religione.

David Carlin

 

David Carlin è un professore in pensione di sociologia e filosofia presso il Community College di Rhode Island, nonché autore di The Decline and Fall of the Catholic Church in America e, più recentemente, di Three Sexual Revolutions: Catholic, Protestant, Atheist .

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email