“La NATO è servita principalmente come alibi per l’aggressione statunitense, aggiungendo una patina di legittimità multilaterale al suo militarismo ampiamente unilaterale”. La nuova posizione della Nato nei confronti di Pechino mette in discussione la sua pretesa di essere un’alleanza “difensiva”.

L’articolo di seguito è stato scritto da Jonathan Cook, ed è apparso originariamente su Middle East Eye. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Joe Biden
Joe Biden

 

Come dice il proverbio, se hai solo un martello, ogni problema sembra un chiodo. L’Occidente ha l’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO), un’alleanza militare autodichiarata “difensiva” – quindi qualsiasi Paese che rifiuti i suoi dettami deve essere, per definizione, una minaccia militare offensiva.

Questo è uno dei motivi per cui la NATO ha pubblicato un nuovo documento di “concetto strategico” la scorsa settimana, in occasione del vertice di Madrid, dichiarando per la prima volta che la Cina rappresenta una “sfida sistemica” per l’alleanza, accanto alla “minaccia” primaria della Russia.

Pechino considera questa nuova designazione come un passo decisivo da parte della NATO nel percorso che la porterà a dichiarare anch’essa una “minaccia”, riecheggiando l’approccio escalatorio dell’alleanza nei confronti di Mosca nell’ultimo decennio. Nella sua precedente dichiarazione di missione, rilasciata nel 2010, la NATO sosteneva “un vero partenariato strategico” con la Russia.

Secondo un articolo del New York Times, la scorsa settimana la Cina sarebbe stata apertamente classificata come “minaccia” se non fosse stato per la Germania e la Francia. Queste ultime hanno insistito affinché la terminologia più ostile fosse attenuata per non danneggiare i loro legami commerciali e tecnologici con la Cina.

In risposta, Pechino ha accusato la NATO di “attaccarla e diffamarla maliziosamente” e ha avvertito che l’alleanza sta “provocando il confronto”. Non a torto, Pechino ritiene che la NATO sia uscita dalla sua sfera di presunti interessi “difensivi”: il Nord Atlantico.

La NATO è stata fondata all’indomani della Seconda guerra mondiale espressamente come baluardo contro l’espansione sovietica in Europa occidentale. La guerra fredda che ne è seguita è stata soprattutto una battaglia territoriale e ideologica per il futuro dell’Europa, con la minaccia sempre presente dell’annientamento nucleare.

Come si inserisce dunque la Cina – dall’altra parte del globo – nella storica missione “difensiva” della NATO? In che modo le truppe o i missili cinesi minacciano ora l’Europa o gli Stati Uniti come non facevano prima? In che modo gli americani o gli europei sono improvvisamente sotto la minaccia di una conquista militare da parte della Cina?

 

Creare nemici

L’attuale logica della NATO recita più o meno così: L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia a febbraio è la prova che il Cremlino ha l’ambizione di ricreare il suo ex impero sovietico in Europa. La Cina sta accrescendo la sua potenza militare e ha progetti imperiali simili nei confronti dello Stato rivale e separatista di Taiwan e delle isole del Pacifico occidentale. E poiché Pechino e Mosca stanno rafforzando i loro legami strategici di fronte all’opposizione occidentale, la NATO deve presumere che il loro obiettivo comune sia quello di far crollare la civiltà occidentale.

O come ha proclamato la settimana scorsa la dichiarazione di missione della NATO: “La crescente partnership strategica tra la Repubblica Popolare Cinese e la Federazione Russa e i loro tentativi, che si rafforzano a vicenda, di minare l’ordine internazionale basato sulle regole sono contrari ai nostri valori e interessi”.

Ma se c’è qualcuno che sta sovvertendo l'”ordine internazionale basato sulle regole”, uno standard che l’Occidente invoca regolarmente ma non definisce mai, sembra essere la NATO stessa – o gli Stati Uniti, in quanto mano che brandisce il martello della NATO.

Questo è certamente il modo in cui appare a Pechino. Nella sua risposta, la Cina ha sostenuto che: “Trent’anni dopo la fine della Guerra Fredda, [la NATO] non ha ancora abbandonato il suo pensiero e la sua pratica di creare ‘nemici’… È la NATO che sta creando problemi in tutto il mondo”.

La Cina non ha tutti i torti. Un problema delle burocrazie – e la NATO è la più grande burocrazia militare del mondo – è che sviluppano rapidamente un impegno istituzionale prevalente per garantire la loro esistenza permanente, se non addirittura la loro espansione. Le burocrazie diventano naturalmente potenti lobby per la propria autoconservazione, anche quando hanno esaurito la loro utilità.

Se non c’è una minaccia da cui “difendersi”, allora bisogna creare una minaccia. Questo può significare due cose: o inventare una minaccia immaginaria, o provocare la stessa minaccia che la burocrazia è stata progettata per evitare o sventare. Sembra che la NATO – che ora abbraccia 30 Paesi – stia facendo entrambe le cose.

Ricordiamo che la NATO avrebbe dovuto sciogliersi dopo la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991. Ma tre decenni dopo, è più grande e più avida di risorse che mai.

Contro ogni consiglio e in violazione delle sue promesse, la NATO si è rifiutata di mantenere un “cuscinetto di sicurezza” neutrale tra sé e la Russia. Si è invece espansa fino ai confini della Russia, insinuandosi furtivamente anche in Ucraina, la porta attraverso la quale gli eserciti hanno storicamente invaso la Russia.

 

Alleanza offensiva

Indubbiamente, la Russia ha dimostrato di essere una vera e propria minaccia per l’integrità territoriale della vicina Ucraina, conquistando la sua regione orientale – dove vive una grande comunità etnica russa che il Cremlino sostiene di voler proteggere. Ma anche se rifiutiamo le ripetute affermazioni del presidente russo Vladimir Putin, secondo cui Mosca non ha ambizioni più grandi, le perdite sostanziali dell’esercito russo suggeriscono che non ha molte speranze di estendere la sua portata militare molto più in là.

Anche se Mosca sperasse di rivolgere la sua attenzione alla Polonia o agli Stati baltici, o alle ultime reclute della NATO, Svezia e Finlandia, una tale mossa rischierebbe chiaramente un confronto nucleare. Questo è forse il motivo per cui il pubblico occidentale sente parlare così tanto di Putin come di una sorta di megalomane squilibrato da parte dei politici e dei media.

L’affermazione di un imperialismo russo dilagante e rinvigorito non sembra essere fondata su alcuna realtà evidente. Ma è un modo molto efficace per i burocrati della NATO di giustificare l’allargamento dei loro bilanci e del loro potere, mentre le industrie di armi che si nutrono della NATO e sono insediate nelle capitali occidentali aumentano sostanzialmente i loro profitti.

L’impressione che questo possa essere stato il progetto della NATO per gestire Mosca è sottolineata solo dal modo in cui ora tratta la Cina, con ancora meno giustificazioni. La Cina non ha recentemente invaso alcun territorio sovrano, a differenza degli Stati Uniti e dei suoi alleati, mentre l’unico territorio che potrebbe minacciare – Taiwan – dista circa 12.000 chilometri dalla terraferma statunitense e una distanza altrettanto lunga dalla maggior parte dell’Europa.

L’argomentazione secondo cui l’esercito russo potrebbe sconfiggere l’Ucraina e poi rivolgere la sua attenzione verso la Polonia e la Finlandia si accorda almeno con una qualche possibilità geografica, per quanto remota. Ma l’idea che la Cina possa invadere Taiwan e poi dirigere la sua forza militare verso la California e l’Italia è un’illusione assurda.

La nuova posizione della NATO nei confronti di Pechino mette in discussione la sua caratterizzazione di alleanza “difensiva”. Sembra proprio che sia all’offensiva.

 

Linee rosse russe

In particolare, la NATO ha invitato al vertice per la prima volta quattro Stati della regione Asia-Pacifico: Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud.

La creazione di una “Asia-Pacific Four” alleata della NATO è senza dubbio intesa a suggerire a Pechino un parallelo con il graduale reclutamento da parte della NATO di Stati dell’Europa orientale a partire dalla fine degli anni ’90, culminato nel più recente flirt con l’Ucraina e la Georgia, da sempre linee rosse per la Russia.

Alla fine, il corteggiamento della NATO nei confronti dei vicini della Russia ha portato agli attacchi di Mosca prima alla Georgia e poi all’Ucraina, rafforzando opportunamente la narrativa della “minaccia russa”. L’intenzione di simili passi avanti verso i “Quattro dell’Asia-Pacifico” potrebbe essere quella di provocare Pechino ad assumere una posizione militare più aggressiva nella propria regione, per giustificare l’espansione della NATO ben oltre il Nord Atlantico, rivendicando l’intero globo come proprio cortile?

Ci sono già chiari segnali in tal senso. A maggio, il presidente americano Joe Biden ha giurato che gli Stati Uniti – e di conseguenza la NATO – sarebbero intervenuti in aiuto militare di Taiwan in caso di attacco. Pechino considera Taiwan, a circa 200 chilometri dalla sua costa, come territorio cinese.

Allo stesso modo, il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha chiesto la settimana scorsa che i Paesi della NATO inviino armi avanzate a Taiwan, nello stesso modo in cui la NATO ha armato l’Ucraina, per assicurare all’isola “la capacità di difesa di cui ha bisogno”.

Questo fa eco alla narrativa della NATO sui suoi obiettivi in Ucraina: che sta pompando armi in Ucraina per “difendere” il resto dell’Europa. Ora la NATO si propone come guardiano anche della regione Asia-Pacifico.

 

Coercizione economica

Ma in realtà non si tratta solo di minacce militari concorrenti. C’è un ulteriore livello di interesse occidentale, nascosto dietro le dichiarazioni di un’alleanza “difensiva”.

Pochi giorni prima del vertice della NATO, il G7, il gruppo delle sette principali nazioni industrializzate che costituiscono il nucleo della NATO, ha annunciato l’intenzione di raccogliere 600 miliardi di dollari da investire nei Paesi in via di sviluppo.

Questa mossa non è stata dettata dall’altruismo. L’Occidente è profondamente preoccupato dalla crescente influenza di Pechino sulla scena mondiale attraverso la Belt and Road Initiative, annunciata nel 2013 e costata un trilione di dollari.

La Cina è aggressiva, ma per ora solo nell’esercizio del soft power. Nei prossimi decenni, intende investire nelle infrastrutture di decine di Paesi in via di sviluppo. Finora più di 140 Paesi hanno aderito all’iniziativa.

L’obiettivo della Cina è quello di diventare il fulcro di una rete globale di nuovi progetti infrastrutturali – da autostrade e porti a telecomunicazioni avanzate – per rafforzare le sue connessioni commerciali economiche con Africa, Medio Oriente, Russia ed Europa.

Se ci riuscirà, la Cina imprimerà il suo dominio economico sul mondo – e questo è ciò che preoccupa davvero l’Occidente, in particolare gli Stati Uniti e la loro burocrazia militare della NATO. La chiamano “coercizione economica”.

Questa settimana, i capi dell’FBI e dell’MI5 – i servizi segreti nazionali di Stati Uniti e Regno Unito – hanno tenuto una conferenza stampa congiunta senza precedenti a Londra per avvertire che la Cina è la “più grande minaccia a lungo termine per la nostra sicurezza economica e nazionale”. Sottolineando le priorità occidentali, hanno aggiunto che qualsiasi attacco a Taiwan “rappresenterebbe una delle più terribili interruzioni commerciali che il mondo abbia mai visto”.

 

Aggressione unilaterale

All’epoca della Guerra Fredda, Washington non era solo, o addirittura principalmente, preoccupata di un’invasione militare sovietica. La dottrina nucleare della distruzione reciproca assicurata significava che nessuno dei due aveva interesse a un confronto diretto.

Invece, ciascuna delle due parti trattava i Paesi in via di sviluppo come pedine in una guerra economica per le risorse da saccheggiare e i mercati da controllare. Ciascuna delle due parti cercava di espandere la propria cosiddetta “sfera d’influenza” sugli altri Stati e di assicurarsi una fetta più grande della ricchezza del pianeta, per alimentare la propria economia interna ed espandere le proprie industrie militari.

La retorica occidentale sulla Guerra Fredda ha enfatizzato una battaglia ideologica tra le libertà occidentali e l’autoritarismo sovietico. Ma a prescindere dal significato che si attribuisce a questa lotta retorica, la battaglia più importante per ciascuna parte era dimostrare agli altri Stati la superiorità del modello economico nato dalla propria ideologia.

Nei primi anni della Guerra Fredda, va ricordato, i partiti comunisti erano in prima fila per vincere le elezioni in diversi Stati europei – cosa che era ben evidente ai redattori del trattato NATO.

Gli Stati Uniti hanno investito così tanto in armi – oggi il loro bilancio militare supera la spesa combinata dei nove Paesi successivi – proprio per costringere le nazioni più povere a entrare nel loro campo e punire quelle che si rifiutavano. Questo compito è stato reso più facile dopo la caduta dell’Unione Sovietica. In un mondo unipolare, Washington ha potuto definire chi sarebbe stato trattato come amico, e a quali condizioni, e chi come nemico.

La NATO è servita principalmente come alibi per l’aggressione statunitense, aggiungendo una patina di legittimità multilaterale al suo militarismo ampiamente unilaterale.

 

Schiavitù del debito

In realtà, l'”ordine internazionale basato sulle regole” comprende un insieme di istituzioni economiche controllate dagli Stati Uniti, come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, che dettano condizioni oppressive a Paesi poveri sempre più risentiti – spesso ex colonie dell’Occidente – che hanno un disperato bisogno di investimenti. La maggior parte di essi è finita nella schiavitù permanente del debito.

La Cina sta offrendo loro un’alternativa e nel processo minaccia di erodere gradualmente il dominio economico degli Stati Uniti. Le evidenti capacità della Russia di sopravvivere alle sanzioni economiche dell’Occidente, mentre queste ultime si abbattono sulle economie occidentali, sottolineano la fragilità del primato economico di Washington.

Più in generale, Washington sta perdendo la sua presa sull’ordine globale. Il gruppo rivale dei BRICS – Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica – si sta preparando ad espandersi includendo Iran e Argentina nel suo blocco di potere. E sia la Russia che la Cina, costrette a un’alleanza più profonda dall’ostilità della NATO, hanno cercato di rovesciare il sistema commerciale internazionale sganciandolo dal dollaro statunitense, pilastro centrale dello status egemonico di Washington.

Il documento “NATO 2030”, pubblicato di recente, sottolinea l’importanza che la NATO rimanga “pronta, forte e unita per una nuova era di crescente competizione globale”. La visione strategica della scorsa settimana elencava i peccati della Cina che cerca di “controllare i settori tecnologici e industriali chiave, le infrastrutture critiche, i materiali strategici e le catene di approvvigionamento”. Ha aggiunto che la Cina “usa la sua leva economica per creare dipendenze strategiche e rafforzare la sua influenza”, come se questo non fosse esattamente ciò che gli Stati Uniti hanno fatto per decenni.

Il timore più grande di Washington è che, con l’atrofizzarsi della sua forza economica, i legami commerciali vitali dell’Europa con la Cina e la Russia vedano i suoi interessi economici – e alla fine la sua lealtà ideologica – spostarsi verso est, invece di rimanere saldamente nel campo occidentale.

La domanda è: fino a che punto gli Stati Uniti sono disposti a spingersi per impedirlo? Finora, sembrano fin troppo pronti a trascinare la NATO in un sequel militare della Guerra Fredda, rischiando di spingere il mondo sull’orlo dell’annientamento nucleare.

 

Jonathan Cook ha vinto il Premio speciale Martha Gellhorn per il giornalismo. I suoi ultimi libri sono Israele e lo scontro di civiltà: Iraq, Iran and the Plan to Remake the Middle East (Pluto Press) e Disappearing Palestine: Israel’s Experiments in Human Despair (Zed Books). Il suo sito web è www.jonathan-cook.net. Questo articolo è apparso originariamente su Middle East Eye.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email