Di seguito vi propongo nella mia traduzione un articolo scritto dall Staff della Catholic News Agency.

 

Nancy Pelosi, Speaker della Camera USA
Nancy Pelosi, Speaker della Camera USA

 

Rispondendo pubblicamente per la prima volta al divieto del suo arcivescovo di ricevere la Santa Comunione nella sua diocesi di origine, la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha continuato a difendere martedì il suo sostegno all’aborto.

L’arcivescovo Salvatore Cordileone ha annunciato il 20 maggio che la democratica californiana non potrà più ricevere la Santa Comunione nell’arcidiocesi di San Francisco dopo aver sostenuto pubblicamente l’aborto come politico cattolico. La sua decisione, ha detto Cordileone, è di natura pastorale e non politica.

Nel corso degli anni, la Pelosi ha difeso l’aborto citando la sua fede cattolica. La Chiesa cattolica considera l’aborto – la distruzione di una persona umana – un grave male.

Martedì, Pelosi non ha dato alcuna indicazione che la sua posizione sull’aborto, e il modo in cui ne parla come cattolica, cambierà.

“Mi interrogo sulla pena di morte, alla quale sono contraria. Anche la Chiesa lo è. Ma non prendono provvedimenti contro le persone che non condividono il loro punto di vista”, ha detto durante il programma “Morning Joe” della MSNBC.

Pelosi non ha detto se intende continuare a presentarsi alla Comunione. L’ordine di Cordileone è applicabile solo all’interno dell’arcidiocesi di San Francisco e, sebbene il cardinale Wilton Gregory dell’arcidiocesi di Washington non abbia commentato pubblicamente l’azione di Cordileone, non ha dato istruzioni ai sacerdoti di rifiutare la Comunione a nessuno.

Secondo quanto riportato da Politico Playbook, la Pelosi avrebbe fatto la Comunione alla Messa domenicale delle 9 del 22 maggio presso la Holy Trinity Catholic Church di Georgetown, ma il rapporto non identifica la fonte di tale informazione. Martedì una portavoce della parrocchia ha rinviato le domande dei media sul rapporto all’Arcidiocesi di Washington, che non ha risposto alla richiesta di commento della CNA.

In risposta alle azioni di Cordileone, il vescovo Robert Vasa della diocesi di Santa Rosa, in California – dove si trova la casa di villeggiatura di Pelosi a Napa – ha dichiarato che anche lui impedirà a Pelosi la Santa Comunione.

Durante la sua apparizione a “Morning Joe”, la Pelosi ha citato Cordileone una volta sola, per criticarlo di essere “veementemente contro i diritti LGBTQ”.

Il conduttore Joe Scarborough ha elogiato l’oratore per aver vissuto il Vangelo di Matteo servendo i “veri svantaggiati”.

Gesù non menziona l’aborto nei Vangeli, ha detto Scarborough. Invece, in Matteo 25, Gesù ha detto ai suoi discepoli: “Saremo accolti nel Regno dei Cieli se daremo acqua agli assetati, daremo da mangiare agli affamati, vestiremo i poveri e porteremo speranza a chi è senza speranza”.

La Pelosi ha affermato, senza ulteriori spiegazioni, che i pro-vita rifiutano in gran parte questo messaggio evangelico.

“Grazie per aver fatto riferimento al Vangelo di Matteo, che è una sorta di programma della Chiesa che viene rifiutato da molti che si schierano a favore dell’interruzione di gravidanza”, ha detto. Potete vedere l’intervista nel video qui sotto.

 

 

La Pelosi ha anche fatto riferimento alla bozza della Corte Suprema trapelata nel caso dell’aborto Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization, che segnala che i giudici si stanno preparando a rovesciare Roe v. Wade, il caso del 1973 che ha legalizzato l’aborto a livello nazionale.

“Questa decisione, che ci porta alla privacy e ai precedenti, è molto pericolosa per la vita di molti cittadini americani”, ha dichiarato l’autrice. “E, ancora una volta, non è coerente con il Vangelo di Matteo”.

In un altro momento, l’oratrice ha fatto riferimento alla sua formazione cattolica.

“Vengo da una famiglia cattolica italo-americana largamente favorevole alla vita, quindi rispetto le opinioni delle persone su questo tema”, ha detto, riferendosi all’aborto. “Ma non rispetto il fatto che lo si imponga agli altri”.

Pelosi ha anche affermato che, in quanto cattolica, in passato ha cercato invano di parlare con i repubblicani per sostenere “ciò che la Chiesa cattolica ci chiedeva di fare per la pianificazione familiare globale, la pianificazione familiare naturale, che la nostra legge consente di fare”.

“Penso che sia molto offensivo per le donne che la loro capacità di prendere una decisione sia ostacolata dalla politica”, ha commentato Pelosi. “Questo non avrebbe mai dovuto essere politicizzato”.

Pelosi ha definito l’aborto una “copertura per molte altre cose che l’estrema destra vuole realizzare” e ha concluso che, ora, la “decisione di una donna” sull’aborto è una “questione da tavolo da cucina”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments