Il governo cinese sta prelevando organi dai prigionieri mentre sono ancora in vita per rifornire la sua lucrativa industria dei trapianti di organi, ha dichiarato a LifeSiteNews Steven Mosher, leader esperto. È colui che ha scoperto la politica del figlio unico imposta in Cina.

C’è lo racconta Diane Montagna nel suo articolo che propongo alla riflessione dei lettori di questo blog nella mia traduzione.

Steven Mosher, un leader esperto sulla Cina

Steven Mosher, un leader esperto sulla Cina

 

Il governo cinese sta prelevando organi dai prigionieri mentre sono ancora in vita per rifornire la sua lucrativa industria dei trapianti di organi, ha dichiarato a LifeSiteNews un leader esperto sulla Cina.

Chiede quindi al Vaticano di far sentire la sua voce.

Steven Mosher, fondatore e presidente del ‘Population Research Institute (Istituto di ricerca sulla popolazione, ndr), si è fermato questa settimana a Roma per un’intervista con il direttore di LifeSiteNews John-Henry Westen (vedere il video completo qui sotto).

Westen ha parlato con Mosher alla conferenza del 20-21 maggio presso l’Accademia Giovanni Paolo II per la Vita Umana e la Famiglia sulla “Morte cerebrale: Una costruzione medico-legale: Prove scientifiche e filosofiche”.

Mosher ha detto che la Cina – leader mondiale nei trapianti di organi – è passata a una versione “più avanzata” della sua pratica decennale di esecuzione dei prigionieri per i loro organi, e ora sta “paralizzando la loro vittima” per estrarre i loro organi mentre sono ancora in vita.

La politica cinese di esecuzione dei prigionieri per [prelevare] i loro organi “cominciò all’inizio degli anni ’90, quando [gli adepti] della setta buddista nota come Falun Gong venivano arrestati a centinaia di migliaia di persone”, ha detto. “Abbiamo iniziato ad ottenere orribili testimonianze in prima persona di come alcuni prigionieri venivano portati fuori e giustiziati appositamente per i loro organi”.

“All’inizio, era fatto in modo piuttosto crudele”, ha spiegato Mosher. “Costringevano il prigioniero a inginocchiarsi, a sparargli nella parte posteriore della testa, e poi avevano un veicolo di emergenza proprio lì con un tavolo operatorio, ed estraevano gli organi – il cuore, le cornee, tutti gli organi di valore che potevano essere venduti per decine di migliaia di dollari”.

Gli organi venivano poi messi in contenitori frigoriferi e portati in sala operatoria dove potevano essere trapiantati, ha detto.

Mosher ha spiegato che, più recentemente, la Cina è passata ad una “versione più avanzata” semplicemente paralizzando la vittima. “La vittima è ancora viva e respira ma non può muoversi perché i muscoli sono paralizzati e prelevano gli organi mentre l’individuo è ancora in vita – il cuore, il fegato, i reni, tutto quello che si può immaginare abbia valore monetario viene tolto”.

“C’è un’enorme quantità di denaro, naturalmente, nei trapianti di organi”, ha detto, “e la Cina fa più trapianti di organi del resto del mondo messo insieme”.

 

Perché il basso tempo di attesa?

 

Mosher ha osservato che c’è sempre stato “qualcosa di particolare” nell’industria dei trapianti di organi in Cina. In Occidente, ha detto, “si può aspettare sei mesi o un anno o per sempre per una partita di tessuti per un rene o un cuore”. Ma in Cina, “ci sono tessuti compatibili non appena si arriva [in ospedale]” e “generalmente entro la settimana e a volte entro 24-48 ore si ha il cuore, il rene, il fegato che si stava aspettando”.

“L’unico modo per cui ciò può accadere è di avere un milione di persone nel braccio della morte in Cina che sono già state classificate”, ha detto Mosher. “Hanno messo il tessuto del potenziale acquirente dell’organo nel computer e quando uno compatibile arriva quella persona viene eseguito, e i loro organi vengono prelevati e trapiantati immediatamente nel compratore”.

 

Rifiuto e copertura

 

Mosher ha detto che il governo cinese ha “fatto di tutto per negare che questo stia accadendo.

Nel 2010, ha detto, il regime ha creato un programma per suggerire che “le donazioni volontarie di organi stanno aumentando drammaticamente” e sono legalmente acquisite “da persone che danno il loro consenso informato”.

Ma Mosher, che per primo ha rivelato la politica del figlio unico cinese, ha sottolineato che ci sono domande su cosa significhi in realtà “consenso informato” in Cina. Egli ha detto che sotto la politica del figlio unico la Cina ha costretto le donne ad abortire i loro figli “a sette mesi di gravidanza”, sostenendo di avere il loro “consenso informato”.

Ha detto che la nuova affermazione del governo cinese secondo cui ci sarebbe stato un “aumento lineare” nella donazione volontaria di organi è propaganda “chiaramente fabbricata”. “È chiaramente una storia di copertura propagandata dai medici responsabili del programma di trapianto di organi ….. per convincere il mondo che, sì, abbiamo milioni di cinesi che ora donano volontariamente i loro organi”.

 

Il Vaticano parlerà?

 

Mosher anche ha detto che il governo cinese ha fatto notevoli sforzi per convincere l’Accademia cinese delle scienze che è sta facendo sul serio nel porre fine agli abusi nel programma di trapianto di organi.

“Sarebbe [quindi] molto utile se la Pontificia Accademia delle Scienze, presieduta dall’arcivescovo Marcelo Sorondo, si pronunciasse davvero contro la continua pratica del prelievo di organi in Cina da parte di persone giustiziate per i loro organi”, ha detto.

Nel febbraio 2018, l’arcivescovo Sorondo ha ricevuto dure critiche dopo aver elogiato il regime comunista cinese per essere “il miglior Stato in cui si attua la dottrina sociale della Chiesa”. Il Prefetto della Pontificia Accademia delle Scienze ha aggiunto nella stessa intervista che “la Cina ha difeso la dignità della persona umana”.  

Mosher ha detto a LifeSite di aver inviato all’arcivescovo Sorondo un recente studio che dimostra che i dati della Cina sono stati fabbricati, insieme alle storie delle vittime. “Beh”, ha aggiunto, “in questo caso non si può davvero parlare di vittime, perché le vittime sono tutte morte, ma testimoni che hanno testimoniato che l’uccisione dei prigionieri continua”.

“Se si mette tutto insieme – la velocità con cui si può ottenere un trapianto, i dati fabbricati, le segnalazioni di consenso estorto a persone – non è un’immagine bella”, ha detto. “Abbiamo ancora massicce violazioni dei diritti umani in Cina. Si tratta di uccidere letteralmente le persone per i loro organi per trarne profitto”.  

Mosher ha anche fatto notare che, il mese scorso, gli Stati Uniti hanno chiesto un’indagine sul problema dell’esecuzione dei prigionieri per i loro organi, e ha invitato il Vaticano a fare altrettanto.

“Penso che molte persone stiano parlando di questo all’unisono, e sarebbe utile se l’arcivescovo Sanchez Sorondo aggiungesse la sua voce a quella di coloro che chiedono alla Cina di porre fine a questa orribile violazione dei diritti umani”, ha detto.

“Questo è un grande affare”, ha detto. “Sono affari di cui probabilmente approfittano i funzionari del Partito Comunista, ed è un business a cui difficilmente vorranno rinunciare a meno che non ci siano enormi pressioni internazionali”.

Eppure, ha aggiunto, per la Cina questo è ordinaria amministrazione. “Ricordate, questo è un governo specializzato in violazioni dei diritti umani”. Ha spiegato:

 

Se nominate un diritto umano, la Cina probabilmente lo sta violando. Essa giustizia più persone ogni anno rispetto al resto del mondo messo insieme. Ha fatto abortire con la forza centinaia di milioni di donne sotto la politica del figlio unico che ha funzionato per 35 anni. Ha imprigionato tra 1 e 3 milioni di musulmani uiguri e kazaki nel Far West solo negli ultimi anni, costringendoli a mangiare carne di maiale e bere alcolici e recitare i detti di Xi Jinping. Stanno abbattendo le chiese cattoliche a destra e a manca, distruggendo le chiese protestanti, quindi questo riflette un modello di un regime che è guidato da una brama di potere e da una brama di denaro.

 

“Penso che la Chiesa cattolica dovrebbe aggiungere la sua voce ad un certo numero di noi critici dei diritti umani delle violazioni della Cina e aiutare a porre fine a tutto questo”, ha detto Mosher.

 

Fonte: LifeSiteNews

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1