Gli americani devono svegliarsi alla realtà di un mondo post-unipolare prima che sia troppo tardi.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da George D. O’Neill Jr. e pubblicato su The American Conservative. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Volodymyr Zelenskiy e Joe Biden - December 21 2022 (foto: REUTERS - Kevin Lamarque)
Volodymyr Zelenskiy e Joe Biden – December 21 2022 (foto: REUTERS – Kevin Lamarque)

 

Mentre assistiamo al crollo di varie narrazioni mainstream, in particolare quelle che riguardano la guerra tra Stati Uniti e NATO con la Russia in Ucraina, gli americani dovrebbero iniziare a rivalutare la loro concezione della leadership nazionale statunitense. La maggior parte dei cittadini americani non ha idea della grande disparità tra ciò che il loro governo fa all’estero e le storie che sentono dai suoi portavoce. Di conseguenza, gli americani sostengono inconsapevolmente ogni tipo di operazione all’estero, senza capire nulla di ciò che sta realmente accadendo. Per anni sono stati ingannati da una campagna di propaganda ininterrotta che solo ora comincia a sgretolarsi.

Stiamo vivendo la fase terminale dell’egemonia unipolare degli Stati Uniti su gran parte del mondo. Finché i cittadini non cominceranno a rendersi conto della portata degli inganni politici del loro governo, sarà sempre più difficile comprendere il cambiamento della posizione globale degli Stati Uniti e adattarsi agli effetti della crescente percezione negativa del nostro Paese da parte di molte persone in tutto il mondo.

Dalla Seconda guerra mondiale, e in particolare dopo il crollo dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti sono stati la potenza mondiale dominante e senza rivali. Invece di essere un guardiano della pace e un onesto “poliziotto del mondo”, gli Stati Uniti si sono sempre più trasformati in un prepotente destabilizzatore. Molti leader di tutto il mondo sono stati riluttanti a parlare della natura sempre più distruttiva della politica estera degli Stati Uniti per paura di essere puniti. Ma con il declino della statura e del potere degli Stati Uniti, ampie parti del mondo hanno cercato di trovare accordi per proteggersi dalla predazione statunitense.

La maggior parte degli americani non capisce il motivo di questi riallineamenti, grazie a un flusso costante di propaganda secondo cui l’America è la “nazione più generosa”, la “nazione eccezionale”, una “nazione che mette da parte i propri interessi per il bene del mondo”, una “importante fonte di bene” in tutto il mondo in quanto “protettrice dell’ordine basato sulle regole”, che si assume sempre la pesante responsabilità di proteggere il sistema internazionale e le nazioni deboli dai cattivi attori, ad nauseam. Secondo diverse fonti, le guerre causate dagli Stati Uniti sono state direttamente responsabili della morte di oltre 10 milioni di persone dalla Seconda Guerra Mondiale. I neoconservatori si burlano di questi fatti e delle loro fonti, ma la maggior parte del resto del mondo li ritiene veri.

La maggior parte degli americani non può accettare queste osservazioni perché contraddicono la narrazione fornita loro dall’onnipresente macchina della propaganda di Stato. Mentre l’elenco sempre più lungo delle malefatte americane all’estero è rimasto per anni in gran parte incontestato in patria, è diventato sempre più evidente a molti in tutto il mondo. Gli americani dovrebbero prendere nota. Ad esempio, il Ministero degli Esteri cinese ha appena pubblicato una panoramica di ciò che considera il comportamento scorretto degli Stati Uniti. L’establishment statunitense e i patrioti benpensanti possono respingere le osservazioni cinesi, ma esse suonano vere per molti che vivono al di fuori della bolla propagandistica neoconservatrice.

Contrariamente alla mitologia dell’establishment, gli Stati Uniti sono famosi per non aver mantenuto le promesse, violato i trattati e abbandonato gli accordi. L’elenco è lungo: la promessa degli Stati Uniti del 1990 di non spingere la NATO a est nei Paesi dell’ex Convenzione di Varsavia, l’abrogazione dei trattati ABM, INF, Open Skies, START, il JCPOA, l’accordo con la Libia e altri ancora. Gli Stati Uniti hanno anche ripetutamente violato il diritto internazionale invadendo i Paesi che non si piegano all’egemonia statunitense.

Ci sono diverse agenzie statunitensi che finanziano segretamente le operazioni di interferenza elettorale delle ONG. La maggior parte degli americani non ha idea del fatto che il National Endowment for Democracy, un ente dell’epoca della Guerra Fredda, sia stato creato per influenzare le elezioni nei Paesi di tutto il mondo e che abbia interferito in molti di essi. (Il National Endowment for Democracy spendeva soldi in Russia finché i russi non lo hanno espulso). Poi ci sono le famose “Rivoluzioni colorate” sponsorizzate da varie agenzie statunitensi. Secondo alcune stime, gli Stati Uniti hanno interferito in ben cinquanta Paesi.

I giorni in cui si fingeva di ignorare questo comportamento distruttivo stanno per finire. Stiamo entrando in un periodo in cui le popolazioni di molti Paesi potrebbero decidere che essere soggetti all’egemonia americana non è nel loro interesse. Un numero crescente di Paesi ha aderito e formato alleanze alternative al di fuori dell’influenza statunitense. SCO, BRICS+, OPEC+ e altre hanno registrato un aumento delle adesioni, in quanto i Paesi che ritengono che i loro interessi siano meglio protetti da queste alleanze non affiliate agli Stati Uniti hanno aderito.

Le conseguenze della tragica e inutile guerra in Ucraina hanno accelerato questo movimento di ricerca di altre associazioni di cooperazione. Come gli alleati europei dell’America stanno imparando, l’associazione con gli Stati Uniti può comportare costi politici ed economici enormi. Le popolazioni europee hanno visto le proprie economie soffrire e pagare a caro prezzo l’energia a causa dei dieci cicli di sanzioni autodistruttive imposte alla Russia.

Il fornitore e protettore dell'”ordine basato sulle regole” ha deciso che la Germania non dovrebbe importare il gas naturale russo a basso costo. Il presidente americano e un alto funzionario del Dipartimento di Stato hanno minacciato di tagliare il gasdotto che fornisce il gas naturale russo se la Russia non si fosse piegata ai desideri di Washington. Per coincidenza, il gasdotto Nord Stream è stato fatto esplodere poco tempo dopo. Il Segretario di Stato americano ha detto che il sabotaggio era un'”opportunità”, e l’assistente del Segretario di Stato sembrava soddisfatto. I neoconservatori che lodano questo atto di terrorismo contro un alleato degli Stati Uniti possono credere che fingere che Washington non sia responsabile rassicuri l’America e l’Europa, ma il resto del mondo la pensa diversamente.

Molti ignoreranno o sminuiranno le conseguenze di un eventuale ruolo degli Stati Uniti nella distruzione del gasdotto Nord Stream. Ma questa aggiunta alla lista di atti insensibili che all’estero si ritiene siano stati perpetrati dagli Stati Uniti minerebbe ulteriormente la narrazione dell’America come “nazione generosa”, “leader del mondo libero”, “protettrice dell’ordine basato sulle regole”. Per anni, queste contraddizioni sono state abilmente sottaciute e ignorate da una stampa compiacente e da istituzioni complici che hanno tratto profitto da questi inganni. Ma quando gli Stati Uniti appaiono meno potenti, il resto del mondo comincia a prenderne atto e a cercare altre amicizie protettive.

Meno di due anni fa, il “più potente esercito della storia dell’uomo” è stato cacciato dall’Afghanistan da un gruppo di militanti straccioni armati di piccole armi e montati su asini, biciclette e motorini. I Talebani hanno ora 80 miliardi di dollari di equipaggiamenti militari statunitensi che i nostri leader hanno abbandonato. Le scuse possono essere state convincenti per le élite di Washington e sono state vendute strenuamente dai media allineati al regime. Il resto del mondo lo sa bene. I vecchi tropi del dopo Vietnam, che sostengono che “avremmo vinto se solo ci fosse stato permesso di combattere”, suonano vuoti dopo vent’anni, centinaia di migliaia di morti e senzatetto e diversi trilioni di dollari spesi per quel disastro.

Contrariamente alle molte affermazioni secondo cui i russi sarebbero crollati per lo shock e lo stupore delle “sanzioni infernali”, il rublo non si è trasformato in macerie come aveva previsto Joe Biden. Gli Stati Uniti e i loro clienti della NATO stanno esaurendo le munizioni e le armi da inviare all’Ucraina, che viene dissanguata per loro volontà. Sembra che la Russia sia intenzionata a distruggere costantemente l’esercito ucraino. Tutto questo ricorda la Prima Guerra Mondiale, che i proto-neoconservatori vendettero come un impegno rapido che sarebbe finito entro il Natale del 1914. Quattro anni dopo, 20 milioni di morti e molti altri feriti o sfollati; in seguito, la maggior parte delle monarchie cristiane europee è crollata, la Russia è scesa nell’incubo settantennale del comunismo e la “guerra per porre fine a tutte le guerre” per rendere il mondo “sicuro per la democrazia” ha posto le basi per l’ancor più orribile Seconda Guerra Mondiale.

Un secolo dopo, stiamo camminando come sonnambuli verso la Terza Guerra Mondiale. Gli americani dovrebbero ignorare la propaganda sponsorizzata dallo Stato (che assomiglia in modo inquietante a quella che ha portato alla Prima Guerra Mondiale), svegliarsi, guardare a ciò che hanno fatto i loro leader e fare tutto il possibile per porre fine al sostegno a questa guerra crudele prima di dover affrontare una conflagrazione simile alla Grande Guerra o peggio.

George D. O’Neill Jr.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments