L’ultima pretesa del cardinale Arthur Roche di difendere le restrizioni alla Messa latina tradizionale è in contrasto con l’insegnamento dei papi di tutta la storia.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Michael Haynes e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Papa Francesco e Card. Arthur Roche
Papa Francesco e Card. Arthur Roche

 

Difendendo le crescenti restrizioni alla Messa tradizionale in latino, il cardinale Arthur Roche – che guida la Congregazione (ora Dicastero) vaticana per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti – ha affermato che “la teologia della Chiesa è cambiata”.

Parlando alla BBC Radio 4 per un programma andato in onda il 19 marzo, Roche ha difeso le restrizioni alla Messa tradizionale, che sia lui che Papa Francesco hanno attuato dal luglio 2021.

“La teologia della Chiesa è cambiata”, ha sostenuto Roche. “Mentre prima il sacerdote rappresentava, a distanza, tutto il popolo – esso veniva incanalato attraverso questa persona che da sola celebrava la Messa”.

Ora, invece, Roche ha affermato che “non è solo il sacerdote a celebrare la liturgia, ma anche coloro che sono battezzati con lui, e questa è un’affermazione enorme da fare”.

Pochi istanti prima, i commenti di Roche sono stati anticipati dal biografo papale Austen Ivereigh, che ha sostenuto che i devoti alla Messa tradizionale sono “diventati un movimento che mina il Concilio Vaticano II”. Per questo, ha detto Ivereigh, le restrizioni erano necessarie “per porre un limite, per mettere dei confini, non per sopprimere il movimento, ma per rimetterlo nelle mani dei vescovi”.

 

Traduzione del primo tweet: “No, la teologia della Chiesa non può cambiare. Ma il fatto che gli attuali potenti credano che possa cambiare è tutto ciò che bisogna sapere sulla radice della nostra attuale crisi.”

Traduzione del secondo tweet: “Stamattina ho notato che il cardinale Arthur Roche si è messo di nuovo in imbarazzo, questa volta alla BBC Radio 4…
‘Sapete, la teologia della Chiesa è cambiata…’. – Beh, non è così, ma continui a dimostrare che l’ermeneutica della rottura è ora in pieno svolgimento alla DDW, Sua Eminenza.”

 

Lo studioso di liturgia Matthew Hazell ha sottolineato i commenti di Roche, osservando che, contrariamente a quanto affermato dal cardinale, l’insegnamento della Chiesa non è cambiato. Egli ha fatto riferimento all’insegnamento di Papa Pio XII nella sua enciclica Mediator Dei del 1947, in cui il pontefice ha delineato l’insegnamento cattolico sull’unione della congregazione al sacerdote nel sacrificio della Messa.

Ora è chiaro che i fedeli offrono il sacrificio per mano del sacerdote dal fatto che il ministro dell’altare, offrendo un sacrificio a nome di tutti i suoi membri, rappresenta Cristo, il Capo del Corpo Mistico. Perciò si può giustamente dire che tutta la Chiesa offre la vittima per mezzo di Cristo.

Mentre l’argomento del “popolo sacerdotale” è stato molto proposto dopo il Vaticano II, soprattutto da coloro che cercano di sradicare la differenza tra sacerdoti e laici, Pio XII ha notato chiaramente la differenza nelle loro rispettive azioni:

Il fatto però che i fedeli partecipino al sacrificio eucaristico non significa che siano anche dotati di potere sacerdotale. È molto necessario che lo facciate capire bene alle vostre greggi…

Ora i fedeli partecipano all’oblazione, intesa in questo senso limitato, a modo loro e in modo duplice, cioè perché non solo offrono il sacrificio per mano del sacerdote, ma anche, in una certa misura, in unione con lui. È in virtù di questa partecipazione che anche l’offerta fatta dal popolo è inclusa nel culto liturgico….

Ma la conclusione che il popolo offre il sacrificio con il sacerdote non si basa sul fatto che, essendo membro della Chiesa non meno del sacerdote stesso, compie un rito liturgico visibile; perché questo è privilegio solo del ministro che è stato divinamente designato a questo ufficio: La Chiesa non ha bisogno di un rito liturgico visibile, ma si basa sul fatto che il popolo unisce i suoi cuori nella lode, nell’impetrazione, nell’espiazione e nel ringraziamento con le preghiere o le intenzioni del sacerdote, persino del Sommo Sacerdote stesso, affinché nell’unica e medesima offerta della vittima e secondo un rito sacerdotale visibile, siano presentati a Dio Padre.

È ovviamente necessario che il rito sacrificale esterno significhi, per sua natura, il culto interno del cuore.

Pio XII ha attinto anche da Papa Innocenzo III per denotare l’insegnamento della Chiesa nell’offerta congiunta del sacrificio:

Non solo”, dice Innocenzo III di immortale memoria, “i sacerdoti offrono il sacrificio, ma anche tutti i fedeli: perché ciò che il sacerdote fa personalmente in virtù del suo ministero, i fedeli lo fanno collettivamente in virtù della loro intenzione”.

Pertanto, l’affermazione di Roche secondo cui la teologia è cambiata non sembra essere supportata dall’insegnamento della Chiesa – sia quello dei tempi recenti sia quello dei papi delle epoche antiche. La sua tesi secondo cui il popolo ora si unisce al sacerdote nell’offerta del sacrificio è sempre stata insegnata, con l’attenta differenziazione tra i vari ruoli del sacerdote e del popolo.

Tuttavia, la sorprendente affermazione del cardinale inglese secondo cui “la teologia della Chiesa è cambiata” non è senza precedenti.

L’anno scorso ha parlato con Vatican News, affermando che le restrizioni alla Messa tradizionale erano semplicemente una “regolamentazione della precedente liturgia”, necessaria perché il Vaticano II ha proposto “una nuova liturgia per la vita vitale della Chiesa”.

Il cardinale ha dichiarato:

Tutto ciò che sta avvenendo è la regolamentazione della vecchia liturgia del Messale del 1962, interrompendo la promozione di quella, perché era chiaro che il Concilio, i Vescovi del Concilio, sotto l’ispirazione dello Spirito Santo, stavano proponendo una nuova liturgia per la vita vitale della Chiesa, per la sua vitalità”.

Questo compito è “davvero molto importante”, ha detto, prima di aggiungere “resistere a questo è qualcosa che è davvero molto grave”.

Alcune settimane dopo Roche si è spinto a suggerire che i cattolici devoti alla liturgia tradizionale sono “più protestanti” che cattolici. Ha citato una necessaria “riforma” della liturgia – una riforma che, a suo dire, ha portato al Novus Ordo.

Ma i devoti della Messa tradizionale latina si stavano “trascinando” nell’opposizione, ha affermato Roche.

La riforma è in atto, ma è un processo lento perché c’è chi la sta frenando e non solo la sta frenando, ma si oppone ostinatamente a ciò che la Chiesa ha effettivamente decretato.

È una questione molto seria. Alla fine, le persone devono chiedersi: sono davvero un cattolico o sono più un protestante?

Ha descritto il Concilio Vaticano II come “la più alta legislazione che esiste nella Chiesa”, sostenendo che “se non si tiene conto di questo, ci si mette di traverso, ai margini della Chiesa. Si diventa più protestanti che cattolici”.

Ma contrariamente all’affermazione di Roche secondo cui il Vaticano II avrebbe proposto una “nuova liturgia”, nel suo discorso del 1988 che attaccava l’arcivescovo Marcel Lefebvre, il cardinale Joseph Ratzinger ha dichiarato: “Questo particolare Concilio non ha definito alcun dogma, e ha deliberatamente scelto di rimanere a un livello modesto, come un consiglio meramente pastorale; eppure molti lo trattano come se si fosse trasformato in una sorta di superdogma che toglie importanza a tutto il resto”.

Nel frattempo, si dice che Roche stia preparando ulteriori restrizioni alla liturgia tradizionale, con già tre documenti di questo tipo emessi contro di essa dal luglio 2021. Secondo l’autorevole giornalista vaticanista Robert Moynihan, un prossimo decreto di Francesco contro la Messa tradizionale non solo conterrà una “ulteriore soppressione della TLM”, ma avrà anche “il ‘peso’ di un’esortazione apostolica”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments