Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog la prefazione integrale di Sua Eccellenza Mons. Mutsaerts al libro intitolato La diga sfondata, rilanciata dal giornalista Michael Haynes, pubblicato sul blog PerMariam. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

E’ possibile trovare una versione online o una versione PDF scaricabile del libro qui. 

 

Vescovo Robert Mutsaerts, ausiliare di 's-Hertogenbosch nei Paesi Bassi
Vescovo Robert Mutsaerts, ausiliare di ‘s-Hertogenbosch nei Paesi Bassi

 

La prefazione integrale di Sua Eccellenza Mons. Mutsaerts a La diga rotta di José Antonio Ureta e Julio Loredo

 

La dichiarazione Fiducia Supplicans (FS) ha suscitato scalpore in tutto il mondo, non da ultimo per la confusione che crea. FS prevede la possibilità di benedire coppie dello stesso sesso quando, due anni prima (Responsum 2021), il Vaticano si era chiaramente espresso contro questa possibilità. L’opinione che FS sia coerente con questo Responsum e con la dottrina e la tradizione in materia è insostenibile. FS presenta evidenti contraddizioni. La Bibbia e la Tradizione sono perfettamente coerenti quando si tratta delle implicazioni morali dell’omosessualità. FS rompe con questo offrendo la possibilità di benedire una relazione peccaminosa in nome di Dio. Naturalmente, il fatto che questa benedizione possa durare solo pochi minuti e non sia impartita vicino a un altare non cambia questa verità. Non c’è alcuna base nella Scrittura o nella Tradizione per una tale benedizione.

Il cardinale Fernández ha detto che la dottrina del matrimonio rimane invariata. Ma non è questa la questione. La domanda è: può un sacerdote dare la sua benedizione a un’unione che la Bibbia considera peccaminosa? È una domanda retorica. Sicuramente state chiedendo la benedizione di Dio per sanare la rottura della vostra vita, non per perpetuare la vostra situazione disordinata. Non si può rifiutare il giudizio e le esigenze morali di Dio e continuare ad appellarsi alla sua misericordia.

Il problema risiede principalmente nel fatto che FS non affronta la dimensione morale della relazione. FS rifiuta di dare un nome al male. In questo senso, è in sintonia con lo Zeitgeist attuale: la negazione del peccato, che è una conseguenza del soggettivismo e del relativismo oggi dominanti, e la negazione della verità, che, per definizione, si applica a tutti in ogni momento.

Un altro problema è che la misericordia viene proclamata senza pentimento. Tutti sono i benvenuti. Todos, todos, todos,* tutti, grida incessantemente Papa Francesco. Tutti sono benvenuti? Certamente. Ma non incondizionatamente. Dio fa delle richieste. L’intera Bibbia potrebbe essere riassunta come una chiamata al pentimento e una promessa di perdono. L’uno non può essere separato dall’altro. Tutti sono i benvenuti, ma non tutti accettano l’invito. Conosciamo certamente la parabola del re che invita tutti al banchetto di nozze del figlio. Arriva un momento in cui la porta viene chiusa. All’inferno lo scenario è diverso. Lì tutti sono accolti incondizionatamente. Lo slogan del diavolo è: “Vieni come sei”.** Non devi cambiare. Non devi chiedere perdono. Non dovete alzare un dito per aiutare gli altri nelle loro necessità. Tutti sono i benvenuti all’inferno. Todos, todos, todos.

La misericordia esiste perché esiste il peccato. La misericordia esiste perché esiste il giudizio. La misericordia esiste perché esiste l’inferno. Dove si nasconde il peccato, si nasconde anche l’essenza della misericordia. Lo scopo della misericordia non è dire agli altri quanto sono cattivi, ma parlare loro del perdono dei peccati. Tutto ciò che si deve fare è chiedere con sincerità. Non ci sono vincoli. Ringrazio Dio ogni giorno per la sua infinita misericordia. Vedo tanta rabbia e aggressività ai nostri tempi. Le persone non sarebbero così aggressive e arrabbiate se conoscessero il perdono di Dio. Tuttavia, chiedere perdono significa riconoscere il peccato. Questa è la chiave per la pace della mente e del cuore. Niente funziona in modo così disastroso come negare il male. Di solito le cose vanno di male in peggio.

Sembra che FS voglia fare pace con la società secolare, ma la pace a spese della moralità e della verità è la “pace” più spietata che si possa immaginare. Dio ama tutti. Ama tutti i peccatori, ma odia i vostri peccati. Spera ardentemente che ritorniate a Lui, proprio come sperava nel ritorno del Figliol Prodigo. Non desidera altro che voi condividiate il suo amore.

Per questi motivi, accolgo con favore il chiarimento fornito dall’attuale libro La diga rotta di José Antonio Ureta e Julio Loredo. Esso dimostra pienamente come Fiducia supplicans sia il risultato di un processo preparato da un gruppo di pressione molto ben organizzato all’interno della Chiesa cattolica.

 

Facebook Comments