“Importanti concili, come quello di Trento, hanno reagito alle false dottrine e hanno fatto chiarezza, mentre oggi i processi sinodali, come le nanoparticelle dei vaccini a base di mRNA, agiscono come vettori che trasportano le sostanze nocive o le eresie e sono essi stessi tossici”, scrive il vescovo Mariano Eleganti. 

Di seguito la traduzione fatta da Lifesitenews e apparsa sul suo sito. Ecco la mia traduzione dall’inglese.

 

Mons. Marian Eleganti, benedettino e vescovo ausiliare di Coira (Svizzera)
Mons. Marian Eleganti, benedettino e vescovo ausiliare di Coira (Svizzera)

 

Il saggio che segue è del vescovo svizzero Marian Eleganti, che è stato vescovo ausiliare di Coira dal 2010 al 2021. In questa presentazione, Mons. Eleganti prende di mira il Sinodo sulla sinodalità, affermando che non si tratta di stabilire un “nuovo modus operandi per la Chiesa”, ma di presentare “per l’ennesima volta” le innovazioni dottrinali a lungo desiderate dai politici “interni alla Chiesa”. Dopo aver condannato lo scandalo dell’omosessualità predatoria nel clero, paragona i processi sinodali in corso alle inoculazioni COVID, scrivendo che “agiscono come vettori che trasportano le sostanze nocive o le eresie e sono essi stessi tossici”.

 

Il presunto Sinodo sulla sinodalità


La Chiesa non è stata sulla strada sbagliata per 2000 anni per essere illuminata e corretta ai nostri giorni da un processo sinodale nel 21° secolo. Per questo, non abbiamo bisogno né di un terzo Concilio Vaticano, né di un evento sostitutivo snellito chiamato “Sinodo sulla sinodalità”.

Pensavo, come dice il titolo, che il tema da discutere fosse la “sinodalità” come presunto nuovo modus operandi della Chiesa. Invece no: si tratta di nuovo degli stessi avanzi sinodali riscaldati per l’ennesima volta dagli anni ’70: democrazia, partecipazione, coinvolgimento nel potere, donne in tutti gli uffici e diaconato femminile o sacerdozio femminile; revisione della morale sessuale per quanto riguarda il sesso extraconiugale, il matrimonio e l’omosessualità; eliminazione della centralità del sacerdote nella liturgia, ecc. Lo sappiamo tutti.

Le ripetute proposte vengono riversate in nuove bottiglie sulle quali vengono incollate le etichette “Ascolto”, “Inclusività”, “Accoglienza”, “Diversità” [e] “Uguaglianza” in una sorta di campagna di marketing che vende come fresco il prodotto di ieri e lo vende gentilmente all’uomo o alla donna. Sono tutti termini piacevoli ed emotivamente positivi, ma sono frasi vuote rispetto alla verità o alla correttezza della posizione in gioco. Quando si parla di furto e di eccesso di velocità, siamo esclusivi. A quanto pare, è solo nella dottrina che non dobbiamo esserlo.

Inoltre, nel Vangelo e nelle parole di Gesù, c’è chiaramente “esclusività”. Lì le persone sono escluse dalla sala delle nozze o ne sono cacciate in un luogo dove prevalgono il pianto e lo stridore di denti. Queste sono le parole di Gesù.

Vorrei ricordare loro Matteo 25 (il giudizio finale). Ora Dio ci viene venduto come l’amore onnicomprensivo che approva tutto e benedice ciò che gli uomini fanno perché tutti sono figli di Dio. Un tale Dio cessa di essere la Verità e la Giustizia, che spesso sono esclusive, escludendo l’errore, il peccato e coloro che non si astengono da quest’ultimo. Almeno, questo è ciò che dice Gesù. Ma non si fermano nemmeno davanti a Lui.

A parte questo, anche i sinodi dal 2014 hanno messo in gioco le questioni sopra citate, e la maggior parte di esse sono state negoziate male, motivo per cui vengono rimesse sulla graticola finché non vengono finalmente mangiate [nota del traduttore: un idioma in lingua tedesca].

Tutto ciò non ha nulla a che fare con un processo di riforma guidato dallo Spirito. Non è altro che la politicizzazione interna alla Chiesa di questi temi in contrasto con il discernimento dello Spirito, che non viene nemmeno intrapreso a questo proposito o è già stato intrapreso e concluso, ad esempio nella questione del sacerdozio femminile. Altrimenti, si dovrebbero respingere le posizioni che contraddicono palesemente l’insegnamento e la tradizione della Chiesa e non continuare a promuoverle. Questo sarebbe un vero discernimento. Il discernimento, tuttavia, sembra avvenire solo perché i programmi sono stati fissati fin dall’inizio (cfr. la Via Sinodale in Germania e le sue brutte copie in altri Paesi come la Svizzera) e ora devono essere portati avanti universalmente e l’opposizione deve essere ammorbidita dopo un lungo periodo di cosiddetta riforma arretrata sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Qualsiasi bambino può rendersene conto.

L’ipocrisia è sconfinata. Per 60 anni ho sperimentato e sentito solo cose vecchie e familiari fino alla nausea, perché le cose non migliorano né diventano più convincenti con la ripetizione. Ciò che si è perfezionato sono i sofismi e la semantica. [Il vescovo Bätzing è diventato eccezionalmente bravo in questo. Quelli sbagliati vengono scartati. La Roccia di Pietro è una duna mobile che va avanti (syn-odos), a malapena o con esitazione, ma non fa veramente chiarezza. E quella chiarezza che i suoi predecessori e i precedenti concili ecumenici avevano creato non è più accettata. Questo vale anche per i testi del Concilio Vaticano II, ad esempio sul sacerdozio e sull’episcopato. Si finge invece che si tratti ancora di questioni dottrinalmente aperte.

Abbiamo dimenticato che la Chiesa è una Chiesa “docente” (ecclesia docens), una “mater et magistra”, “madre e maestra” della verità e della morale o della fede, non una sonnambula che si lascia prendere per mano dallo spirito del tempo. È sempre stata guidata dallo Spirito Santo attraverso i tempi e non si contraddice nel suo insegnamento, ad esempio nel giudizio sull’omosessualità, un grande male del clero degli ultimi 50 anni, che non viene ancora affrontato ma tanto più coperto con successo, anche ai vertici del Vaticano. Sebbene tutti gli studi abbiano dimostrato che la maggior parte delle violenze sessuali nel clero hanno connotazioni omosessuali, lo scandalo viene “incorniciato” e “coperto” con il termine “clericalismo” o “abuso di potere”. Quest’ultimo (abuso di potere) è ovviamente in gioco, ma è solo una spiegazione necessaria, ma non sufficiente, per il fenomeno delle vittime prevalentemente maschili del clero, che, a differenza della società civile in generale, non sono in maggioranza bambini o bambine, ma piuttosto adolescenti maschi o giovani uomini adulti.

Si voltano dall’altra parte e, insieme alla società secolare, cercano di stabilire e approvare l’omosessualità anche all’interno della Chiesa come variante della creazione voluta da Dio. Anche un maggior numero di donne in posizioni di leadership nella Chiesa non risolverà [il problema]. Non sono esseri più innocenti degli uomini (cfr. la dottrina del peccato originale) e non dovrebbero considerarsi una cura per ogni male della Chiesa o essere presentate come tali, solo per abolire il sacerdozio riservato agli uomini e promettere una Chiesa presumibilmente purificata dal clericalismo, una pura illusione.

Il mondo secolare e i suoi costumi non sono certo una fonte di rivelazione attraverso la quale lo Spirito di Dio ci parla, come si sostiene. Perché tra lo spirito del mondo e lo spirito di Dio c’è inimicizia e poca intersezione, come spiegano chiaramente [San] Paolo e [San] Giovanni.

L’insegnamento della Chiesa è immutabile perché è vero, ad esempio per quanto riguarda il matrimonio binario e sacramentale tra un uomo e una donna. Non può essere stravolto dall’inganno di una nota a piè di pagina.

Le innovazioni nella dottrina non sono da attendersi, ma sono da attendersi nella comunicazione della fede. Storicamente, tali innovazioni nella fede sono sempre state eresie che hanno portato a nuove divisioni (cfr. Protestantesimo). Oggi è lo stesso. Concili importanti, come quello di Trento, hanno reagito alle false dottrine e hanno fatto chiarezza, mentre oggi i processi sinodali, come le nanoparticelle nei vaccini a base di mRNA, agiscono come vettori che trasportano le sostanze nocive o le eresie e sono essi stessi tossici.

Quando ci saranno le scuse del Vaticano per l’abuso di potere riguardo alle vaccinazioni obbligatorie e alla propaganda vaccinale, che ha propagandato le vaccinazioni come un dovere morale in contraddizione con la sua stessa agenzia, sebbene oggi, visibile a tutti e anche ben documentato per gli informati, non abbia potuto impedire né la trasmissione del virus né l’infezione da parte dello stesso, cosa che era nota all’amministratore delegato della Pfizer, che è stato ricevuto con rilievo dal Papa? La divisione della società e la discriminazione dei non vaccinati, anche da parte della Chiesa e del Vaticano (diritto all’integrità corporea e a condizioni di lavoro eque), è un tema aperto, e il ruolo del Vaticano in questo modo è inglorioso e fatale. Il silenzio non aiuta.

Vieni Spirito Santo! Non mi aspetto nulla di buono dal prossimo Sinodo, erroneamente intitolato “Sulla sinodalità”. Non mi fido più. La confusione che i Sinodi hanno già istigato dal 2014 è inequivocabile e mi rende pessimista sul discernimento dello Spirito in questi eventi. Gli spiriti che sono stati chiamati sono, come si può vedere in Germania, difficili da domare come un coccodrillo possa essere trasformato in un animale domestico. Perché? Perché non vengono da Dio. Parlare continuamente dello Spirito Santo e rivendicarlo per sé non è altro che propaganda e (auto)inganno e fondamentalmente una strumentalizzazione di Dio. Io non lo faccio, mi limito a dare qui la mia opinione.

Il testo del vescovo Marian Eleganti è stato originariamente scritto in tedesco e poi tradotto, con il suo permesso, da LifeSiteNews.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

Facebook Comments