In questi giorni in cui abbiamo assistito anche in Italia al dibattito politico e culturale sollevato dalla proposta di legge Zan sulla “omotransfobia” vi proponiamo un articolo della Catholic News Agency che parla di un documento del vescovo statunitense Carlson su cosa significhi per i Cattolici accogliere le persone con disforia di genere.

La traduzione è a cura di Annarosa Rossetto.

 

Roberto Carlson, vescovo di Saint Louis

Roberto Carlson, Arcivescovo di Saint Louis

 

Cristo si avvicina con amore e compassione, oltre che con una sfida, alle persone che sperimentano un contrasto tra la loro identità di genere e il loro sesso biologico, così ha detto l’Arcivescovo Robert Carlson di Saint Louis in una riflessione del 1 giugno.

“Se ti senti a disagio con il tuo sesso biologico, o se ti percepisci con un’identità di genere in contrasto con il tuo sesso biologico, ecco la prima cosa che voglio che tu sappia: Dio ti ama. Ti ama proprio come sei. Ha un progetto per te”, ha detto Carlson.

“Siamo figli e figlie di Dio, amati nei nostri momenti migliori e in quelli  peggiori. E quando Gesù viene da noi con una parola di compassione, viene sempre anche con una parola di sfida, di richiesta di conversione”, ha aggiunto. “Sì, ci ama come siamo; ciò non significa semplicemente che approvi o festeggi come siamo”.

La sua riflessione di 12 pagine rileva che le persone che soffrono di disforia di genere sono “particolarmente vulnerabili” e devono essere trattate con cura e compassione. L’arcivescovo rileva inoltre che la Chiesa ha il dovere di insegnare e affermare un’antropologia cristiana, che vede l’unità dell’identità di genere e del sesso biologico come la via per la crescita umana e, in definitiva, per il paradiso.

“Dio ci ha creati maschi e femmine. Dio ci ha creati anche come unione di corpo e anima. Dio ha uno scopo e un progetto nel darci il corpo maschile o femminile che abbiamo”, ha osservato l’arcivescovo.

Carlson ha detto di essere stato ispirato a scrivere questa riflessione dopo una visita dei vescovi della sua regione a Papa Francesco nel gennaio 2020. Durante la visita, Papa Francesco ha incoraggiato i vescovi ad affrontare la questione della teoria transgender, o ideologia di genere, con i cattolici nelle loro diocesi.

Carlson è uno esponente di un piccolo ma crescente numero di vescovi cattolici ed esponenti cattolici negli Stati Uniti che hanno rilasciato dichiarazioni sull’ideologia di genere, nonché linee guida per le persone con disforia di genere che partecipano a istituzioni o eventi diocesani. Il Vaticano ha anche recentemente pubblicato documenti sull’argomento, tra cui un libro pubblicato a giugno dal Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, nonché il documento Maschio e Femmina Li Creò del 2019, pubblicato dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica.

Carlson ha affermato che la sua riflessione non voleva fornire una “trattazione completa” del problema, ma piuttosto un indirizzo in alcuni dei suoi “aspetti principali”.

L’arcivescovo ha detto che di aver voluto iniziare e finire la sua riflessione con pensieri di vicinanza e cura per le persone che soffrono di disforia di genere, che ha definito come una condizione che mette le persone “a rischio per tutta una serie di problemi di salute. Hanno tassi più elevati di ansia, depressione e abuso di sostanze e hanno un tasso molto più alto di tentativi di suicidio rispetto alla popolazione generale. Sono particolarmente vulnerabili.”

Le persone con disforia di genere soffrono, ha detto il vescovo. E sia che le persone credano che il loro genere non corrisponda al loro sesso biologico e stanno facendo questa scelta liberamente sia che sentano che è una condizione che non sperimentano per una scelta libera, Cristo si fa vicino a coloro che stanno soffrendo, ha osservato.

Ha poi presentato alcuni esempi dai Vangeli di Cristo che si avvicina alle persone ferite: Zaccheo il pubblicano, che Cristo va a trovare a casa sua, e la donna emorroissa, che viene guarita da Cristo a causa della sua fede toccando il suo mantello.

“Sia che si tratti di peccati che abbiamo liberamente scelto o di condizioni che non abbiamo scelto, i Vangeli lo dicono chiaramente: qualunque sia la nostra ferita, Gesù è venuto per quella ferita. Non si allontana da lì, si avvicina.”

Ma Cristo invita anche le persone a vivere secondo il piano di Dio, ha osservato Carlson.

“Quando il giovane ricco è andato a chiedere come ottenere la vita eterna, Gesù lo ha accolto e lo ha sfidato a convertirsi. È una sfida che fa ripetutamente con varie persone che incontra nei Vangeli. Dobbiamo aspettarci che faccia lo stesso con noi. L’accoglienza e la richiesta di conversione sono entrambe espressioni del suo amore”, ha detto Carlson.

In questo racconto evangelico, un giovane ricco si avvicina a Cristo e gli chiede cosa deve fare per avere la vita eterna. Cristo gli dice di seguire i comandamenti, di vendere tutto ciò che ha per darlo ai poveri e di seguirlo. Il giovane ricco “se ne andò triste, perché aveva molti beni”.

“Vi siete mai chiesto se è tornato? Penso che parte del motivo per cui non sappiamo come sia andata a finire sia che il punto principale della storia non è quello che è successo a lui. Il punto è: io sono il giovane ricco, Gesù chiede qualcosa a me e sono io che devo decidere come rispondere. Posso andarmene triste o accettare la sua sfida”, ha detto l’arcivescovo.

La sfida per le persone con disforia di genere, quindi, è vivere secondo il piano di Dio per la sessualità, che non separa il genere dal sesso, ha osservato Carlson.

“Basata sull’unità della persona umana, la sfida fondamentale alla conversione su questo argomento è articolata dal Catechismo della Chiesa Cattolica quando dice: “Spetta a ciascuno, uomo o donna, riconoscere ed accettare la propria identità sessuale”. Molto prima che l’ideologia di genere fosse un argomento culturale, il Catechismo aveva già definito la questione centrale: si tratta di riconciliarsi con la realtà biologica dell’identità sessuale, non cercando di cambiare la realtà in base a come pensiamo e ci sentiamo”, ha detto.

Ciò non significa che si debba vivere secondo rigidi stereotipi, ha osservato.

“Il modo in cui viviamo la nostra identità maschile e femminile è certamente diversificato, e deve esserci spazio per questo. C’è un’ampia varietà di personalità e non sempre si adattano agli stereotipi di genere. Ma questo non significa che essere maschio o femmina sia negoziabile o che sesso e genere possano essere separati. Essere maschio o femmina è scritto in ogni cellula del nostro corpo e fa parte dell’unità corpo-anima che siamo”.

La visione cattolica dell’antropologia mantiene questa unità nella persona, ha osservato Carlson, inclusa l’unità tra sesso e genere.

“La concezione cattolica della persona umana sostiene che il sesso e il genere non possono essere separati e che ci sono dei limiti a come dovremmo manipolare i nostri corpi. Secondo la concezione cattolica c’è, ed è destinata ad esserci, una profonda unità nella persona umana: ‘Infatti è dal [proprio] sesso che la persona umana riceve le caratteristiche che, a livello biologico, psicologico e spirituale, rendono quella persona un uomo o una donna, e quindi condiziona in gran parte il suo progredire verso la maturità e l’inserimento nella società’”, ha detto, riferendosi a Persona humana, la dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede del 1975 su alcune questioni riguardanti l’etica sessuale.

Affinché gli esseri umani possano sperimentare la vera libertà, la Chiesa insegna che gli esseri umani devono poter scegliere liberamente e scegliere liberamente ciò che è buono.

“Tutti possiamo citare esempi di persone che scelgono liberamente qualcosa che è male per loro e male per gli altri. La libertà si perfeziona nella combinazione di scegliere liberamente e scegliere il bene”, ha detto.

“Una semplice analogia viene dal suonare uno strumento musicale. Non hai più libertà semplicemente perché non hai mai preso lezioni. Sei più libero di fare musica meravigliosa quando sei stato addestrato e hai imparato la tecnica. Lo stesso vale per la perfezione nella vita dell’uomo”.

Nelle applicazioni pratiche di questo insegnamento, Carlson ha affermato che le persone con disforia di genere devono essere accolte nelle istituzioni e negli eventi cattolici dell’arcidiocesi, ma con la consapevolezza che l’unità del loro genere e sesso sarà rispettata, compreso l’uso dei pronomi, nonché servizi igienici e spogliatoi, che corrispondono al loro sesso biologico, “offrendo così ai nostri corpi il sano pudore e la dignità che meritano in tali circostanze”.

“A coloro che sperimentano discordia con il loro sesso biologico non dovrebbe essere negata l’ammissione alle scuole cattoliche o la partecipazione a eventi arcidiocesani o parrocchiali purché acconsentano a rispettare queste linee guida”, ha aggiunto. “È importante essere disposti ad aiutare le persone nelle loro lotte e nelle loro domande. La nostra soluzione non può essere quella di abbandonarli e accoglierli solo dopo che hanno risolto le loro domande da soli. Vogliamo stare con le persone e dobbiamo essere lì per loro e con loro nel mezzo delle loro domande e delle loro battaglie”.

Nella sua riflessione, Carlson attinge anche direttamente dalle parole di Papa Francesco, che più volte ha parlato o scritto del problema dell’ideologia di genere.

Nella sua enciclica Laudato si ‘del 2015, Papa Francesco ha scritto che accettare il proprio sesso biologico come un dono di Dio e come fondamento della propria identità era la chiave per una “autentica ecologia umana”.

” L’accettazione del proprio corpo come dono di Dio è necessaria per accogliere e accettare il mondo intero come dono del Padre e casa comune; invece una logica di dominio sul proprio corpo si trasforma in una logica a volte sottile di dominio sul creato. Imparare ad accogliere il proprio corpo, ad averne cura e a rispettare i suoi significati è essenziale per una vera ecologia umana”, ha scritto Francesco.

“Anche apprezzare il proprio corpo nella sua femminilità o mascolinità è necessario per poter riconoscere sé stessi nell’incontro con l’altro diverso da sé. In tal modo è possibile accettare con gioia il dono specifico dell’altro o dell’altra, opera di Dio creatore, e arricchirsi reciprocamente. Pertanto, non è sano un atteggiamento che pretenda di «cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa», ha aggiunto il papa.

Alla fine della sua riflessione, Carlson ha osservato che la Chiesa e i suoi membri devono sempre dire la verità sul genere e sul sesso con “carità e chiarezza”. Ha osservato che la Chiesa deve sempre respingere la violenza e la discriminazione ingiusta nei confronti delle persone con disforia di genere e che devono essere trattate come “fratelli e sorelle”. Ha anche aggiunto che la Chiesa deve essere lì per prendersi cura delle persone che soffrono dopo aver scelto interventi medici o ormonali “di genere”, nello stesso modo in cui la Chiesa offre assistenza alle donne che soffrono dopo un aborto.

“Poiché abbiamo sperimentato l’amore misericordioso di Gesù, portiamo quell’amore misericordioso al mondo”, ha concluso. “E ricordiamo che il suo amore ha sempre due parti: la compassione e la verità sfidante del progetto che Dio ha su ognuno di noi. Se trascuriamo una delle due, la compassione o la sfida alla conversione, il nostro amore non è pienamente cristiano”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1