La questione della “misericordia” e dell’”accompagnamento” è ancora molto accesa. “Carità senza verità” o “Verità nella carità”? È di questo che parlano Jordan Peterson, uno dei più famosi psicologi del mondo, e mons. Robert Barron, vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Los Angeles. Ecco un sunto del punto più importante del colloquio, il cui video potete vederlo in fondo all’articolo . 

L’articolo è di Pete Baklinski, la traduzione è la mia.

Jordan Peterson (psicologo) e mons. Robert Barron (vescovo)

Jordan Peterson (psicologo) e mons. Robert Barron (vescovo)

 

Lo psicologo di fama mondiale Jordan Peterson ha detto al vescovo degli Stati Uniti Robert Barron che una Chiesa che enfatizza la misericordia e il perdono senza richiedere alle persone di abbandonare la loro cattiva strada è una Chiesa che non “si preoccupa” delle persone. 

“Se davvero ami qualcuno, non puoi tollerare quando sono meno di quanto potrebbero essere”, ha detto Peterson in una conversazione del 13 luglio con Barron che è stata trasmessa sul canale YouTube di Peterson (puoi guardare l’intera conversazione di 1,5 ore in fondo all’articolo).

I commenti sono stati fatti quando il vescovo Barron, fondatore di Word on Fire Catholic Ministries e vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Los Angeles, stava raccontando a Peterson che la “grazia di Dio” non è “solo misericordia, e non solo giustizia: Sono le sue due braccia”.

“Penso che questo è ciò che stiamo perdendo molto nella Chiesa, le due braccia”, ha detto il vescovo, aggiungendo: “In un certo senso, siamo diventati una Chiesa troppo ‘misericordiosa’”.

Peterson ha risposto: “Sì, lo so, è quello che penso. Non credo che voi chiediate abbastanza alla vostra gente. Non gli state dando l’inferno”.

Barron dopo aver risposto che pensa che ci sia “qualcosa di giusto in proposito”, ha continuato a citare gli insegnamenti di Papa Francesco sull'”accompagnamento” e la Chiesa come “ospedale da campo” per le persone profondamente ferite. 

“Dobbiamo accompagnare le persone fino in fondo prima che possano salire”, ha detto Barron. 

Papa Francesco ha sottolineato nei suoi insegnamenti sulla “misericordia” e sull'”accompagnamento” che le persone possono vivere una vita cristiana che è gradita a Dio senza seguire le leggi di Dio o gli insegnamenti perenni della Chiesa sul matrimonio e la sessualità. 

Nella sua Esortazione Apostolica Amoris Laetitia del 2016, il Papa ha indicato che Dio vuole attivamente che le persone, in certe situazioni – come nel caso di una coppia “irregolare” dove un uomo già sposato vive con una donna con cui non è sposato – commettano atti contrari alle “esigenze del Vangelo”.

La coscienza può riconoscere, ha affermato Papa Francesco, “con sincerità e onestà ciò che per il momento è la risposta generosa che si può offrire a Dio, e scoprire con una certa sicurezza morale che quella è la donazione che Dio stesso sta richiedendo in mezzo alla complessità concreta dei limiti, benché non sia ancora pienamente l’ideale oggettivo.” (303).

Gli insegnamenti del Papa in materia sono stati usati da sacerdoti, vescovi e cardinali “progressisti” per portare avanti la normalizzazione all’interno della Chiesa cattolica dei cosiddetti secondi matrimoni senza annullamento (adulterio), omosessualità, convivenza e altre pratiche peccaminose contrarie all’insegnamento morale cattolico. Seguendo l’esempio di Cristo a cui fu portata la donna sorpresa a commettere adulterio, la Chiesa ha sempre insegnato che ricevere la misericordia e il perdono di Dio significa anche seguire il suo comando dato alla donna dopo che fu perdonata, cioè “va e non peccare più” (Gv 8,1-11). 

Peterson ha detto a Barron nell’intervista che il vero amore può essere una “cosa terribile” perché “se ami i tuoi figli, non [puoi] lasciarli andar via con qualcosa. Li richiami sulle loro trasgressioni”.

Il professore ha raccontato come una volta ha ripreso suo figlio che gli aveva mentito e come gli chiese di rendere conto del male. 

“C’era qualcosa che non era giusto” racconta Peterson. “E non gli avrei consentito di farla franca perché non potevo fargli capire che fosse accettabile farlo, o che l’avrei tollerato. Così, glI sono stato dietro, sai, per molto tempo. E si è scoperto che mi stava dicendo qualcosa che non era vero”, ha aggiunto.

Peterson ha detto che ha chiamato suo figlio a rendere conto della trasgressione, anche se “faceva davvero male”, perché “se ami veramente qualcuno, non puoi tollerare che sia meno di quanto potrebbe essere”.

“E così quando qualcuno entra nella Chiesa, ed è tutto perdono, non c’è nessuna preoccupazione. È come [la Chiesa dovrebbe dire]: ‘Che diavolo stai facendo? Guardati. Sei dipendente. Sei assuefatto alla pornografia. Tradisci tua moglie. Stai facendo una cosa terribile al lavoro. Non ti prendi cura di te stesso. Che diavolo c’è che non va in te? Dove sei veramente?'”.

Peterson ha detto che chiunque sia soggetto a quel tipo di valutazione, “purché sia fatto con cura, e non con [l’atteggiamento], ‘Io sono meglio di te'” può essere aiutato a migliorarsi. 

“Uomo, non sei come dovresti essere”, ha detto Peterson, è l’approccio che oggi deve essere adottato dai leader spirituali.

Il professore ha detto più avanti nella conversazione con Barron che ciò che è necessario per aiutare realmente le persone di oggi è una “riaffermazione della potenziale nobiltà dell’essere umano e della responsabilità morale di fare di quella nobiltà una realtà”. 

“Siamo fatti per la nobiltà”, ha detto Peterson. 

Barron ha sottolineato che le persone di oggi sono “così preoccupate per i sentimenti delle persone e per i sentimenti che fanno male” che hanno “paura ad usare quel linguaggio [che parla di] un’aspirazione ‘nobile'” che chiama le persone a qualcosa di meglio e di più in alto.  

Peterson si è detto d’accordo, aggiungendo che “abbiamo paura di ferire i sentimenti delle persone nel presente e siamo disposti a sacrificare assolutamente il loro benessere in futuro”.

“Questo è il segno di una cultura molto immatura e poco saggia, perché dovrebbe essere il contrario”, ha detto.

Quando si cerca di aiutare qualcuno che sta facendo scelte sbagliate, la “conversazione iniziale quando si mettono a nudo le cose e si mette tutto sul tavolo e si discute quali sono i problemi e forse le possibili soluzioni…..amico, questa è una conversazione dura”, ha detto Peterson. “È quasi più di quanto la gente possa sopportare”. 

“Ma, se si tratta di una discussione sulla realtà, beh, la stanno già sopportando. E, il fatto che sono loro stessi a mettere le cose sul tavolo indica che c’è qualcuno disposto ad ascoltare, e non è così terribile da [….] non potersi nominare”, ha aggiunto. 

All’inizio di quest’anno, Peterson ha detto a Dennis Prager, un ebreo conservatore, che il cattolicesimo è [la cosa] “più sana che la gente possa avere”. Interrogato sulla sua antipatia per la domanda se crede in Dio, Peterson ha detto che “non si è mai sentito a suo agio a dire altro che “Cerco di agire come se Dio esistesse, perché solo Dio sa cosa saresti se tu credessi veramente”.

 

Fonte: LifeSiteNews 

 

Facebook Comments