Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Peter Pinedo e pubblicato su Catholic News Agency. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

mons. Rolando Álvarez, vescovo di Matagalpa (Nicaragua)
mons. Rolando Álvarez, vescovo di Matagalpa (Nicaragua)

 

Il vescovo nicaraguense Rolando José Álvarez Lagos è stato rimandato in prigione mercoledì dopo che i negoziati tra i vescovi nicaraguensi e il governo del dittatore Daniel Ortega si sono interrotti, hanno riferito fonti giornalistiche nicaraguensi.

Secondo ACI Prensa, partner della CNA per le notizie in lingua spagnola, Álvarez, vescovo della diocesi di Matagalpa, a Managua, è stato rilasciato lunedì ma è tornato in carcere mercoledì 5 luglio dopo aver rifiutato di soddisfare la richiesta del regime di Ortega di andare in esilio.

Dopo che i media nicaraguensi e gli attivisti per i diritti umani avevano riferito che era stato rilasciato dal “carcere Modelo” lunedì sera, Álvarez, critico dichiarato della dittatura comunista di Ortega, è stato riportato in carcere.

Secondo quanto riportato dalla Reuters, da quando è stato rilasciato lunedì, Álvarez si è rifugiato nella sede della Conferenza episcopale del Nicaragua (Conferencia Episcopal de Nicaragua, CEN) nella capitale del Paese, Managua.

Il 5 luglio, l’agenzia di stampa nicaraguense “Divergentes” ha riferito che la CEN e il Vaticano stavano negoziando con il governo Ortega per conto di Álvarez.

L’attivista nicaraguense per i diritti umani Bianca Jagger ha dichiarato in un tweet del 4 luglio di essere stata informata che il regime intendeva esiliare Álvarez a Roma.

Álvarez ha rifiutato di essere esiliato a meno che non glielo ordinasse il Papa, secondo il vescovo ausiliare in esilio Silvio José Báez dell’arcidiocesi di Managua.

In una dichiarazione del 5 luglio, Báez ha affermato che Álvarez gli aveva detto “che non avrebbe lasciato il Nicaragua per nessun motivo a meno che il Papa non glielo avesse ordinato”.

“Ha aggiunto che si tratta di una decisione presa in coscienza davanti a Dio. Quindi, non c’è nulla da negoziare”, ha detto Báez. “Conosco Rolando e non avrebbe mai contrattato una decisione di coscienza che ha preso”.

Dopo essersi espresso contro la persecuzione della Chiesa cattolica da parte di Ortega, Álvarez, 56 anni, è stato arrestato nel 2022 e successivamente condannato il 10 febbraio dopo aver rifiutato di salire su un aereo che trasportava 222 dissidenti politici, tra cui quattro sacerdoti, che erano stati trasportati negli Stati Uniti in base a un accordo con il Dipartimento di Stato.

Álvarez è stato condannato a 26 anni e 4 mesi di carcere con l’accusa di tradimento e gli è stata revocata la cittadinanza nicaraguense.

Sotto la dittatura di Ortega e della moglie e vicepresidente Rosario Murillo, centinaia di nicaraguensi, tra cui sacerdoti e religiosi, sono stati arbitrariamente arrestati e deportati, i beni e le proprietà della Chiesa sono stati sequestrati e la libertà religiosa è stata fortemente limitata.

A marzo, dopo che Papa Francesco ha fortemente criticato il regime di Ortega, paragonandolo alla Germania hitleriana, la dittatura ha chiuso l’ambasciata della Santa Sede in Nicaragua, interrompendo ufficialmente tutti i legami diplomatici con il Vaticano.

Peter Pinedo

 

Peter Pinedo è corrispondente da Washington per la CNA. Laureato alla Franciscan University, Peter ha lavorato in precedenza per il Texas Right to Life. È un primo tenente della riserva dell’esercito degli Stati Uniti.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

Facebook Comments