Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’intervista di Mike Whitney a Paul Craig Roberts, economista escrittore, pubblicata su The Unz Review. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte, comprese eventuali donazioni. Ecco l’intervista nella mia traduzione.

 

Xi-Jinping-e-Vladimir-Putin
Xi Jinping e Vladimir Putin

 

Mike Whitney – L’amministrazione Biden è determinata a provocare la Cina sulla questione di Taiwan. La Casa Bianca ritiene di dover adottare un approccio più aggressivo nei confronti della Cina per contenerne lo sviluppo e preservare il ruolo di egemone regionale dell’America. L’ironia dell’approccio di Washington, tuttavia, sta nel fatto che decine di migliaia di aziende statunitensi sono fuggite dagli Stati Uniti negli ultimi trent’anni per approfittare della forza lavoro cinese a basso salario. Secondo Registration China, infatti, oggi ci sono più di 1 milione di aziende di proprietà straniera registrate nella Cina continentale, molte delle quali sono di proprietà di americani. Queste società sono in gran parte responsabili della rapida ascesa economica della Cina nello stesso periodo di tempo. La domanda che vi pongo è quindi la seguente: Perché la Cina viene incolpata e presa di mira per la crescita esplosiva di cui le società statunitensi sono le principali responsabili? O non è d’accordo con la mia analisi?

Paul Craig Roberts – La sua domanda è davvero molteplice. La domanda stessa identifica la ragione principale o prevalente della marcia indietro di Washington sulla politica di una sola Cina, in vigore dal 1972: la minaccia della Cina all’egemonia statunitense. I neoconservatori (Neocon, ndr) che dominano la politica estera degli Stati Uniti, il cui scopo principale, secondo le loro parole, è impedire l’ascesa di altri Paesi con un potere sufficiente a limitare l’unilateralismo statunitense, ora affrontano sia la Cina che la Russia come minacce all’egemonia statunitense. La punizione della Russia è il conflitto in Ucraina, le sanzioni, i missili al confine e l’esplosione del gasdotto Nord Stream. L’obiettivo è quello di isolare la Russia dall’Europa e di presentare al Cremlino problemi sufficienti a tenere Mosca lontana da Washington.

Così come gli Stati Uniti hanno infranto l’accordo con la Russia di non espandere la NATO e si sono ritirati dagli accordi presi durante la Guerra Fredda che servivano a ridurre le tensioni, Washington si sta ora muovendo verso il ripudio della politica di una sola Cina, poiché non serve più agli interessi di Washington.

Nel 1972, con la guerra fredda e la guerra del Vietnam, allentare le tensioni con la Cina aveva un senso strategico. L’esistenza dell’Unione Sovietica precludeva qualsiasi idea di egemonia statunitense. I neoconservatori hanno avuto la loro idea di egemonia statunitense due decenni dopo, quando l’Unione Sovietica è crollata nel 1991. A quel tempo l’opinione era che la Russia di Eltsin non fosse un problema per il dominio degli Stati Uniti e che ci sarebbero voluti decenni prima che la Cina fosse abbastanza forte da ostacolare Washington. Ma, come sottolinea nella sua domanda, la delocalizzazione della produzione statunitense in Cina ha rapidamente trasformato quest’ultima in una potenza economica, riducendo al contempo la forza economica degli Stati Uniti. Non è stato tanto che le aziende statunitensi se ne siano andate da sole alla ricerca di maggiori profitti derivanti da un costo del lavoro più basso, quanto piuttosto che siano state spinte da Wall Street, che ha minacciato di finanziare acquisizioni per sfruttare l’opportunità di costi più bassi. In breve, la rapida ascesa della Cina è stata il risultato dell’avidità di Wall Street e delle imprese, di cui la Cina non è responsabile.

Gli economisti neoliberali americani hanno spiegato la delocalizzazione dei posti di lavoro manifatturieri statunitensi come il funzionamento del libero scambio di cui l’America avrebbe beneficiato. Sono stati due uomini d’affari miliardari, uno americano e l’altro inglese, il magnate statunitense del settore tessile Roger Milliken e il finanziere britannico Sir James Goldsmith, a mettere in discussione la giustificazione neoliberista per la cessione del settore manifatturiero. Mi hanno fatto riflettere e, una volta fatto, è stato evidente che la delocalizzazione dei posti di lavoro nel settore manifatturiero non ha nulla a che fare con il libero scambio. È difficile distogliere gli economisti dal loro lavaggio del cervello, così come è difficile distogliere i credenti nel racconto dell’11 settembre, nel “vaccino” dell’mRNA e nelle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein. Ho discusso con i principali sostenitori dell’offshoring che affermavano che si trattava di una bonanza del libero scambio, e il Wall Street Journal ha dato risalto al mio dibattito con Jagdish Bhagwati, professore universitario di economia, diritto e relazioni internazionali alla Columbia University. Un decennio fa il mio libro, The Failure of Laissez Faire Capitalism (Il fallimento del capitalismo del laissez faire), dimostrava in modo inequivocabile che la delocalizzazione della produzione statunitense all’estero era enormemente dannosa per l’economia degli Stati Uniti, ma era tutto inutile. Ho concluso che gli economisti statunitensi erano tutti comprati da Wall Street come “consulenti” o vivevano grazie alle sovvenzioni per la ricerca delle società di delocalizzazione e producevano giustificazioni per la politica di delocalizzazione. In breve, l’America ha perso il settore manifatturiero a causa di Wall Street e degli economisti neoliberisti.

Il Presidente Donald Trump ha capito che l’America è stata danneggiata dalla perdita del settore manifatturiero. È stato Trump a iniziare a dare la colpa alla Cina. Non avendo consiglieri competenti, Trump ha associato l’ampio deficit commerciale cinese dell’America a pratiche cinesi sleali, e non al fatto che metà del deficit commerciale degli Stati Uniti (l’ultima volta che ho controllato) era rappresentato dalla produzione offshore di società statunitensi commercializzata negli Stati Uniti. Le merci entrano negli Stati Uniti come importazioni. L’inclinazione di Trump a dare la colpa alla Cina invece che a Wall Street e agli economisti americani è stata rafforzata dalle accuse del Russiagate che ritraggono Trump come operante nell’interesse della Russia. Essere duri con la Cina era un modo per dimostrare che Trump stava difendendo gli interessi dell’America.

In sintesi, la punizione della Cina per aver soppiantato gli Stati Uniti come egemone asiatico è rappresentata dai problemi con Taiwan. Trump ha aperto la porta ai suoi nemici neoconservatori incolpando la Cina per ciò che Wall Street e gli economisti neoliberali sono responsabili.

Considero la minaccia di Washington alla Cina unica una follia, persino più folle delle provocazioni della Russia. La Cina continentale e Taiwan sono in fase di integrazione economica. Non c’è modo che gli Stati Uniti possano fermarla. Inoltre, non c’è alcuna prospettiva che la Cina permetta a Taiwan di diventare una base militare statunitense, così come la Russia non rinuncerebbe alla Crimea.

 

Mike Whitney – Il giornalista Ben Norton suggerisce che le grandi banche statunitensi e Wall Street potrebbero essere la causa del fatto che Washington abbia fatto di Taiwan un problema. Il sistema finanziario cinese è in gran parte socializzato e viene utilizzato per finanziare l’economia reale anziché la speculazione in attività finanziarie. Le banche americane vogliono portare in Cina il casinò del gioco d’azzardo, ma non possono farlo. Pensa che Washington possa usare Taiwan per fare pressione sulla Cina affinché faccia entrare Wall Street?

Paul Craig Roberts – Senza dubbio la causa principale del pericoloso aumento delle tensioni tra Washington e la Russia, la Cina e anche l’Iran è il successo che i neoconservatori hanno avuto nell’imporre l’egemonia come obiettivo primario della politica estera statunitense. Naturalmente, perché l’ideologia neoconservatrice abbia presa, deve servire potenti interessi economici. Le tensioni con la Russia e la Cina servono chiaramente gli interessi materiali del complesso militare/sicurezza. L’egemonia e il ruolo di valuta di riserva del dollaro servono anche al dominio delle banche americane. Ma la politica estera degli Stati Uniti non aumenterebbe le tensioni con la Cina solo per le banche americane. In effetti, le tensioni con la Cina sono pericolose per le numerose aziende statunitensi la cui produzione ha sede in Cina. Queste aziende potrebbero facilmente essere nazionalizzate o vedersi rifiutare le licenze di esportazione. Se gli Stati Uniti possono disobbedire al diritto internazionale, può farlo anche la Cina. Le tensioni con la Cina sono pericolose anche per il mercato dei titoli del Tesoro e per il valore di scambio del dollaro USA. Se la Cina scaricasse i suoi titoli di debito statunitensi sul mercato obbligazionario, la Federal Reserve dovrebbe stampare denaro con cui rimborsare i titoli per evitare che il prezzo crolli. Ma se la Cina scaricasse i dollari ricavati dai rimborsi obbligazionari sul mercato valutario, la Federal Reserve non potrebbe stampare valuta estera con cui acquistare i dollari, e il valore di cambio del dollaro scenderebbe, aumentando il prezzo delle importazioni rese necessarie dalla delocalizzazione delle attività manifatturiere statunitensi e delle importazioni alimentari, peggiorando così l’inflazione statunitense e abbassando il tenore di vita degli Stati Uniti.

L’ostilità dei neoconservatori verso la Russia e la Cina non è assolutamente nell’interesse dell’America. Nel caso della Cina, sono le imprese americane e il dollaro USA che questa ostilità rende vulnerabili, non la Cina. Nel caso della Russia, è l’Europa a soffrire dell’ostilità, non la Russia. Ciò che i neoconservatori stanno ottenendo è l’opposto dei loro obiettivi. La loro politica sta imponendo costi agli europei, non alla Russia, e gli europei si risentiranno della sofferenza imposta loro. Sebbene tutti i governi europei e i giornalisti europei ricevano, come mi disse anni fa l’Assistente Segretario alla Difesa per gli Affari di Sicurezza Internazionale, borse piene di soldi per rappresentare gli interessi di Washington (che raramente, secondo la mia esperienza, hanno a che fare con gli interessi degli americani), prima o poi i popoli europei si renderanno conto che i “loro” governi rappresentano Washington, non loro. La gente soffrirà molto prima che le difficoltà diventino intollerabili. A quel punto, a meno che le persone non siano state uccise con “vaccini” e agenti patogeni rilasciati o in una guerra nucleare, arriverà la ghigliottina e i governi cadranno.

Mike Whitney – Le infrastrutture critiche americane stanno andando in malora. Le strade sono piene di buche, gli aeroporti sono una vergogna e più di mille treni deragliano ogni anno. Nel frattempo, una quota sempre maggiore del reddito netto della nazione continua ad andare ai miliardari che hanno già più yacht e case di vacanza di quanti se ne possano contare. Sareste contrari a che l’amministrazione Biden porgesse un ramoscello d’ulivo a Pechino aderendo al piano infrastrutturale multimiliardario cinese, la Belt and Road Initiative, in modo da poter lavorare in collaborazione con un governo straniero per effettuare importanti revisioni delle strade, dei ponti, dei porti e soprattutto della ferrovia ad alta velocità del Paese? È chiaro che i cinesi sanno quello che fanno e – immagino – il progetto rappresenterebbe decine di migliaia di posti di lavoro per gli operai edili americani. Sarebbe favorevole a una collaborazione come questa o pensa che dovremmo procedere da soli?

Paul Craig Roberts – Mike, come sai, ti considero una delle persone più perspicaci della nostra epoca, ma questa domanda è ingenua oltre ogni dire. Prima di tutto, non fa alcuna differenza ciò che io sosterrei, o tu sosterresti, o il popolo americano sosterrebbe. Non controlliamo né influenziamo le decisioni. È per questo che alla fine si arriva all’asservimento o alla rivoluzione. Il popolo americano ha eletto Trump due volte. La prima volta l’élite non gli ha permesso di governare. La seconda volta gli hanno rubato le elezioni e hanno impedito qualsiasi esame del furto. A causa del potere del denaro nei contributi alle campagne elettorali da parte di interessi acquisiti, ora legittimati dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, negli Stati Uniti è impossibile eleggere un governo che serva gli interessi del popolo e, se ciò accade, l’élite elimina la scelta del popolo utilizzando i media che possiede.

In secondo luogo, qualsiasi americano che si proponga di cooperare con la Cina in qualsiasi modo sarà etichettato come “agente/delinquente cinese”. Lo abbiamo già sperimentato con la Russia. Il Presidente degli Stati Uniti è stato perseguitato dal suo stesso Dipartimento di Giustizia (sic) come agente russo solo perché voleva “normalizzare le relazioni con la Russia”. Sono stato bollato come agente/divo di Putin da un sito web a cui è stato dato risalto dal Washington Post, finanziato da non si sa chi, perché ho fornito un resoconto veritiero e corretto della responsabilità dei neoconservatori nel conflitto in Ucraina.

In terzo luogo, secondo la Teoria Monetaria Moderna, la creazione di denaro da parte dei governi per finanziare progetti infrastrutturali che portano a una maggiore produttività o riducono i costi per le imprese non è inflazionistica. Al contrario, riduce i costi di produzione e rende le imprese di un Paese più produttive e più vincenti nella competizione internazionale. Il rinnovamento delle infrastrutture statunitensi è un obiettivo che possiamo facilmente raggiungere da soli.

Non è assolutamente necessario che gli Stati Uniti partecipino a progetti infrastrutturali come Belt and Road. Quello che Washington dovrebbe fare è eliminare le tensioni gratuite con le due potenze in ascesa. Accettarle e integrarsi con il loro successo. Ciò andrebbe a vantaggio di tutti e allontanerebbe il pericolo di una guerra nucleare.

Ma dove sono i leader americani o occidentali che hanno una visione?

 

Paul Craig Roberts è un economista e scrittore americano. In passato ha ricoperto un incarico di sottosegretario nel governo federale degli Stati Uniti e ha insegnato in diverse università americane. È un promotore dell’economia dell’offerta e un oppositore della recente politica estera degli Stati Uniti.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments