Riprendo alcuni stralci dall’intervista che Vittorio Messori, il primo giornalista scrittore ad aver pubblicato un libro intervista con un papa, Giovanni Paolo II prima ed il card. J. Ratzinger,l dopo, ha rilasciato oggi a La Verità.

Vittorio Messori, scrittore e giornalista

Vittorio Messori, scrittore e giornalista

“Oggi con Bergoglio si ha l’impressione che si voglia in qualche modo mettere le mani sulla dottrina. Il Papa è il custode del depositum fidei. Dopo il Concilio, i tre grandi papi Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno molto modernizzato lo spirito con cui leggere e vivere il Vangelo, ma non si sono mai permessi di toccare la dottrina.

E papa Francesco?

L’impressione è che Bergoglio metta le mani su quello che un Papa dovrebbe invece difendere. La dottrina così come è stata elaborata in 2.000 anni di ricerca viene consegnata al Pontefice perché la difenda e non la cambi. Ora l’impressione è che stia avvenendo proprio questo, e ciò allarma soprattutto i credenti. Lo stesso Bergoglio di recente ha riconosciuto che qualcuno sta meditando uno scisma. Cosa che egli comunque die di non temere.

Lei che sensazione ha?

Certamente lo scisma non avverrà, ma c’è forte inquietudine perché siamo di fronte al primo Papa il quale molte volte sembra dare del Vangelo una lettura che non segue la tradizione.

 

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1