Un uomo rimasto incapace di lavorare per otto mesi dopo il vaccino Covid ha dichiarato che migliaia di persone stanno soffrendo di sintomi neurologici “che cambiano la vita” e che lui chiama “long vax”. Di seguito un articolo scritto da Frank Chung e pubblicato su news.com.au. Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

vaccino vaccinazione puntura siringa braccio covid
Foto: Stephane de Sakutin/AFP

 

Uno scienziato australiano, rimasto incapace di lavorare per otto mesi in seguito a una reazione neurologica debilitante che attribuisce al vaccino Covid, ha paragonato il trattamento delle persone che subiscono lesioni da vaccino a quello dei veterani che rientrano con problemi di salute dopo la guerra del Vietnam.

Il dottor Rado Faletic ha criticato il processo di segnalazione degli eventi avversi da parte della Therapeutic Goods Administration (TGA), affermando che l’ente regolatore dei farmaci, incaricato della sorveglianza sulla sicurezza dei vaccini, si è “semplicemente disinteressato” a indagare sui suoi sintomi nonostante abbia presentato più segnalazioni.

“Sono simile a migliaia di australiani. Dopo il vaccino ho avuto un’enorme costellazione di sintomi dalla testa ai piedi”, ha detto il 46enne, descrivendoli come simili al “Covid lungo mutante”.

“La cosa peggiore è stata una nebbia cerebrale opprimente. Ho avuto mal di testa, dolori al petto, dolori addominali, incredibili contrazioni muscolari, problemi a mettere a fuoco la vista. In pratica non ho potuto lavorare per otto mesi. Solo ora comincio a sentirmi un po’ normale. Non si tratta di un effetto collaterale lieve, ma di una cosa che mi ha cambiato la vita”.

Il dottor Faletic ha detto che i medici e gli specialisti non sono riusciti a trovare nulla di evidentemente sbagliato in lui.

“Vai in ospedale, ti prelevano il sangue, fanno un ecocardiogramma, una radiografia o una risonanza magnetica e non trovano nulla”, ha detto. “Ti dicono: “Sembra che tu stia bene, vai a casa e riposati””.

E ha aggiunto: “Non do necessariamente la colpa ai medici. Il problema è che non c’è stato un test per scoprire cosa c’è che non va. So che ad alcune persone viene diagnosticata erroneamente l’ansia o un disturbo neurologico funzionale, ma non è questo il problema. Si tratta di un danno fisico”.

Il dottor Faletic, che ha conseguito il dottorato di ricerca in tecnologia ipersonica presso l’ANU e ora dirige una società di consulenza internazionale con sede a Canberra, afferma che la sua fiducia nella comunità scientifica e medica è stata fortemente scossa dalla sua esperienza.

Ha ricevuto la prima dose di Pfizer il 19 ottobre dello scorso anno e la seconda il 9 novembre. Ha avuto una reazione negativa a entrambe “nel giro di poche ore”, ma dice che la seconda è stata “drammaticamente fuori scala”.

“Ho aspettato un po’ [a prendere il vaccino] – lavoro con la tecnologia e ho una formazione scientifica, quindi ho capito che con un nuovo prodotto, una nuova tecnologia, potrebbero esserci cose che non conosciamo”, ha detto.

Ho pensato: “È passato abbastanza tempo, sicuramente il nostro governo avrebbe segnalato eventuali reazioni preoccupanti”. L’ho preso e mi sono successe tutte queste cose. Non si tratta di una coincidenza: è successo tutto a poche ore dalle iniezioni. Allora ho pensato: “Sicuramente il governo sarà interessato a quello che mi è successo? No”.

Il dott. Faletic dice che presto gli è apparso chiaro che il TGA non era interessato.

“Ho fatto 50 incontri con il TGA su questo argomento”, ha detto.

Mi hanno detto: “Non possiamo trovare segnali di pericolo”, e credo che questo sia falso, se non addirittura una vera e propria menzogna. Nella mia ristretta cerchia personale conosco più di una dozzina di persone con diversi problemi di lunga durata legati ai vaccini, che vanno da continui mal di testa, problemi di memoria o nebbia cerebrale ad alcune persone che sono state praticamente costrette a letto per mesi”.

Quando è andato alla ricerca di risposte, ha trovato “centinaia di persone” in gruppi online che avevano sperimentato sintomi simili e hanno presentato loro stessi dei rapporti.

“La TGA continua a sostenere che non c’è nulla da vedere”, ha detto.

“Ci trattano con lo stesso tipo di derisione e condiscendenza dei veterani del Vietnam quando tornavano danneggiati. Il governo non vuole riconoscerci, la gente della comunità ci guarda dall’alto in basso. Ci sono molti parallelismi”.

Negli anni ’70, le truppe australiane rientrate dal Vietnam cominciarono a manifestare un’alta incidenza di tumori e altre malattie, con il governo che inizialmente negava che la colpa fosse dell’esposizione all’Agente Arancio e ad altre sostanze chimiche spruzzate dall’esercito americano.

Sebbene le autorità sanitarie e i produttori di farmaci, tra cui Pfizer, abbiano in precedenza negato qualsiasi legame causale tra i vaccini e i sintomi neurologici, sembra che la situazione stia lentamente cambiando, dato che un numero crescente di esperti chiede ulteriori indagini.

All’inizio di quest’anno, Daniella Lenarczyk, 34 anni, di Sydney, ha parlato dei suoi sintomi persistenti, tra cui emicranie, acufeni, dolore al collo e intorpidimento del braccio.

Negli Stati Uniti, l’anno scorso il National Institutes of Health ha condotto un piccolo studio osservazionale su pazienti che hanno riportato problemi neurologici entro un mese dalla vaccinazione Covid, tra cui spilli e aghi al viso o a un arto, ortostasi – improvvisa diminuzione della pressione sanguigna quando si sta in piedi o seduti – intolleranza al calore e palpitazione.

Il documento, attualmente in preprint, conclude che “una varietà di sintomi neuropatici può manifestarsi dopo la vaccinazione contro la SARS-CoV-2 e in alcuni pazienti potrebbe essere un processo immuno-mediato”.

“Non sembra esserci una teoria maggioritaria”, ha detto il dottor Faletic.

“Sebbene siamo stati tutti danneggiati allo stesso modo, il gruppo di sintomi varia da persona a persona”.

In una dichiarazione, la TGA ha affermato di “monitorare la sicurezza dei vaccini Covid-19 utilizzando informazioni provenienti da diverse fonti, tra cui l’analisi delle segnalazioni di eventi avversi presentate alla TGA, la letteratura emergente pubblicata, i dati sulla sicurezza a livello mondiale presentati dagli sponsor dei vaccini e le informazioni condivise dalle autorità di regolamentazione internazionali”.

“Se il TGA identifica un problema di sicurezza, intraprenderà un’azione normativa per risolverlo e fornirà prontamente informazioni al pubblico”, ha dichiarato una portavoce.

“Gli effetti avversi riconosciuti dei vaccini Covid-19 sono inclusi nelle informazioni di prodotto (PI) approvate. Queste vengono aggiornate quando vengono identificate nuove informazioni sulla sicurezza. Ad oggi, il TGA ha intrapreso 26 azioni con gli sponsor per includere nuove informazioni sulla sicurezza nelle PI dei vaccini Covid-19”.

Tra queste, l’aggiunta dell’ipoestesia (riduzione del senso del tatto o intorpidimento) e della parestesia (una sensazione insolita della pelle, come un formicolio o una sensazione di strisciamento) alle PI di Comirnaty (Pfizer) e Vaxzevria (AstraZeneca).

Poche richieste di risarcimento approvate

Nel frattempo, nuovi dati ottenuti da news.com.au rivelano che il programma di risarcimento per lesioni da vaccino del governo federale ha approvato solo 16 pagamenti in sei mesi di attività.

Il programma di risarcimento per i vaccini Covid-19 consente alle persone di richiedere un pagamento una tantum che va da 1.000 a 20.000 dollari per la perdita del salario o per altre spese in caso di reazione negativa; in caso di morte, la famiglia può richiedere le spese funerarie.

Ma il sistema è stato criticato da esperti legali e dalle vittime in quanto eccessivamente complesso e mirato a un numero molto limitato di effetti avversi ufficialmente riconosciuti.

Services Australia ha confermato di aver ricevuto 2225 domande al 2 giugno. Di queste solo 16 sono state approvate, 49 sono state ritirate e 671 sono “in attesa di ulteriori informazioni da parte dei richiedenti”.

“Il processo di valutazione può essere complesso e le richieste possono essere esaminate in modo indipendente da medici e altri esperti adeguatamente qualificati”, ha dichiarato un portavoce.

“In molti casi, Services Australia ha dovuto richiedere ulteriori informazioni ai richiedenti per far progredire l’esame della loro domanda. In altri casi, le domande sono state ritirate. Se ritenuti idonei, i richiedenti hanno fino a sei mesi di tempo per accettare un’offerta di risarcimento, quindi la finalizzazione delle richieste può richiedere del tempo”.

Services Australia ha rifiutato di fornire dati sull’ammontare dei risarcimenti o sui tipi di richieste, adducendo problemi di privacy a causa dell’esiguo numero di persone coinvolte.

Secondo l’ultimo aggiornamento sulla sicurezza del TGA, ci sono state 129.995 segnalazioni totali di eventi avversi su 59,4 milioni di dosi di vaccino somministrate fino al 5 giugno.

Undici decessi sono stati ritenuti probabilmente legati alla vaccinazione, tutti a carico di AstraZeneca.

In Australia, su circa 41 milioni di dosi somministrate, nessun decesso è stato ufficialmente collegato a Pfizer.

In Nuova Zelanda, tre decessi sono stati ritenuti probabilmente dovuti alla miocardite indotta dal vaccino Pfizer, per circa 11 milioni di dosi.

Il mese scorso, la famiglia di uno degli 11 australiani morti dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca ha parlato per la prima volta.

Robyn, una donna vittoriana di 77 anni “in forma e in salute”, è morta nel settembre dello scorso anno a causa della sindrome di Guillain-Barre.

Parlando alla ABC Radio, i suoi figli hanno detto che, pur continuando a sostenere la vaccinazione Covid, si sono sentiti delusi dalla mancanza di sostegno da parte del governo.

Hanno detto di ritenere di avere diritto a un pagamento forfettario di 70.680 dollari più le spese funerarie, ma hanno criticato la complessità del processo di richiesta.

Il figlio Ross ha detto che, leggendo la polizza di risarcimento per i vaccini, è sembrato insensibile.

“È una polizza pensata per proteggere i professionisti del settore medico da ripercussioni legali se succede qualcosa, come a mia madre”, ha detto.

“Mi sembra di capire che serva a facilitare l’effettiva diffusione dei vaccini, in modo che i medici non abbiano paura di somministrarli. Ma per le persone che hanno sofferto degli effetti collaterali, è come se fossimo solo un ripensamento”.

Il dottor Faletic ha detto di aver esaminato attentamente il programma e che “è assolutamente chiaro che l’hanno scritto per non includere le persone come me”.

“Da un punto di vista filosofico, abbiamo avuto queste massicce, vaste, ampie sanzioni economiche su tutti noi – lockdowns, blocco dei viaggi – tutto fatto perché qualcuno potrebbe trasmettere Covid, il principio di precauzione”, ha detto.

“Ma quando si tratta di questi vaccini è l’esatto contrario: bisogna dimostrare ogni singola cosa”.

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments