Vi propongo un interessante studio firmato da Anthony M. Kyriakopoulos (Dipartimento di Ricerca e Sviluppo, Laboratorio di Biotecnologie Nasco AD, Grecia), Peter A. McCullough (Chief Medical Advisor, Truth for Health Foundation, USA), Greg Nigh (Naturopathic Oncologist, Immersion Health, Portland, USA), e Stephanie Seneff (Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory, Massachusetts Institute of Technology, USA) e pubblicato su Journal of Neurological Disorders.

In proposito, vi consiglio di leggere anche questi due precedenti articoli (qui e qui).

Vi propongo il sommario e le conclusioni nella mia traduzione per una rapida sintesi. Il neretto del testo è mio.  Di seguito a questi, trovate ampi stralci dallo studio.

 

vaccini DNA dottore ricercatore
Doctor with a syringe on the background of DNA.

 

Premessa: L’integrazione del codice genetico dei virus a RNA nel DNA dell’ospite, un tempo ritenuta un fenomeno raro o addirittura impossibile, è ora riconosciuta come probabile. Il meccanismo di inserimento mediato da Long Interspersed Nuclear Element (LINE)-1 implica che molti RNA virali (oltre a quelli retrovirali) possono essere trascritti inversamente e quindi incorporati in modo stabile nel DNA. È stata descritta la ricombinazione tra RNA esogeno non retrovirale e sequenze retrovirali endogene che porta alla trascrizione inversa e infine all’integrazione del cDNA risultante nel genoma dell’ospite. Dati recenti dimostrano che le sequenze di RNA del SARS-CoV-2 possono essere trascritte in DNA e possono essere integrate attivamente nel genoma delle cellule umane colpite, con la mediazione di retrotrasposoni. In alcuni campioni di pazienti infetti da SARS-CoV-2, è stata dimostrata l’integrazione di un’ampia frazione di sequenze di SARS-CoV-2 e la conseguente generazione di trascritti chimerici di SARS-CoV-2 umani.

Risultati: In questa rassegna viene esplorato il ruolo potenziale degli elementi genetici mobili nell’eziopatogenesi di malattie neurologiche, cardiovascolari, immunologiche e oncologiche e le possibilità di interferenza del DNA umano da parte dell’infezione da SARS-CoV-2 e della vaccinazione. Le cellule germinali vulnerabili (le cellule germinali sono quelle che hanno materiale genetico che può essere trasmesso ad un discendente, ndr), le cellule tumorali e i neuroni possono presumibilmente essere tutti bersagli di un’integrazione anomala dell’mRNA, soprattutto nelle cellule che invecchiano e che mostrano una maggiore attività di LINE-1 rispetto alle cellule più giovani. L’mRNA che codifica per la glicoproteina spike della SARS-CoV-2 nei vaccini è stato accuratamente progettato per aumentare la stabilità e l’efficienza della traduzione della proteina spike, evitando così le normali vie di degradazione dell’mRNA. Ciò potrebbe aumentare il potenziale di integrazione genomica. Se ciò dovesse accadere, le conseguenze previste comportano seri rischi potenziali per la salute umana che necessitano di chiarimenti.

Conclusioni

La recente scoperta dell’integrazione del genoma della SARS-CoV-2 attraverso un meccanismo che coinvolge la LINE-1 o la polimerasi theta suscita grande preoccupazione per la possibile incorporazione indesiderata e duratura di sequenze di proteine spike nel genoma umano. Inoltre, la serie di case report (cioè casi segnalati, ndr) che descrivono disturbi neurologici diagnosticati, aventi come unico fattore causale comune la vaccinazione con mRNA del SARSCoV-2, evidenzia senza dubbio la potenziale associazione dell’attivazione del retrotrasposone alla comparsa di queste malattie. L’interferenza del DNA umano da parte di mRNA sintetici nei vaccini non è solo una possibilità teorica. È stata dimostrata la trascrizione inversa del codice dell’mRNA del vaccino COVID-19 in linee cellulari di epatoma umano, sebbene sia necessaria la conferma del risultato da parte di un gruppo indipendente. Poiché le sequenze codificate sono specifiche per la proteina spike della SARS-CoV-2 e possono essere integrate nel DNA umano, la patogenesi risultante dalla vaccinazione molecolare richiede una valutazione esplicita attraverso la ricerca sulla genotossicità. Oltre al potenziale patogeno delle proteine spike codificate endogenamente (DNA), abbiamo dimostrato che l’attivazione delle reti enzimatiche cellulari che realizzano l’integrazione del DNA comporta un proprio potenziale patogeno distinto e multiforme. Si prevede che questi rischi siano più elevati in specifiche popolazioni vulnerabili, in particolare gli individui in fase di sviluppo (bambini) e i pazienti affetti da neoplasie, malattie autoimmuni, malattie cardiovascolari e neurologiche e disturbi genetici. Riconosciamo che è speculativo suggerire che l’mRNA del vaccino possa dare inizio all’ampia gamma di eventi patologici che abbiamo descritto. Tuttavia, dato il potenziale ampiamente documentato dell’RNA endogeno (retrovirale umano) ed esogeno (virale) di innescare questi eventi, sono urgentemente necessarie indagini pertinenti, soprattutto se si considera l’elevato numero di individui a cui sono stati somministrati uno o più prodotti a base di mRNA che codificano per la proteina spike della SARS-CoV-2.

 

**********

 

Di seguito stralci dallo studio. Data la lunghezza, si è usato un traduttore automatico. I numeri si riferiscono ai riferimenti ad altri studi che potranno essere consultati direttamente dallo studio.

 

Un argomento importante a favore della sicurezza a lungo termine della vaccinazione COVID-19, come analizzato da Pardi et al., 2018 [1], è stato dichiarato dagli autori come segue: ”Nelle persone vaccinate, i rischi teorici di infezione o di integrazione del vettore nel DNA della cellula ospite non sono una preoccupazione per l’mRNA. Per questi motivi, i vaccini a mRNA sono stati considerati un formato di vaccino relativamente sicuro”. Questo è stato affermato come un vantaggio dei vaccini a mRNA rispetto ai vaccini a vettori di DNA, dove l’integrazione genomica è molto più probabile. Ma non si può affermare con certezza che l’integrazione dell’mRNA sia impossibile.

(…)

Sebbene il SARS-CoV-2 sia un virus a RNA a singolo filamento e non un retrovirus, la sua integrazione genomica nel DNA umano è possibile in vari modi: 

 

– Tramite la trascrizione inversa (RT) endogena Long Interspersed Nuclear Elements-1 (LINE-1) [5,6]. 

– Attraverso la nuova trascrittasi inversa umana, la polimerasi theta, la cui attività di trascrizione inversa è paragonabile a quella del retrovirus dell’immunodeficienza umana (HIV) [7]. 

– Attraverso meccanismi difettosi di riparazione della rottura del doppio filamento di DNA [8,9]. Le copie di cDNA risultanti di più elementi virali sono in grado di integrarsi in più siti dei cromosomi umani, come descritto nelle belle recensioni di Katsourakis e Glifford 2010 [10] e Geuking et al. 2009 [11]. 


L’inserimento di frammenti di RNA da virus a RNA nel DNA dell’ospite, che comporta l’attività di retroelementi endogeni, è simile all’inserimento di pseudogeni [12].

(…)

Una duplicazione genica causata dalla retrotrasposizione comporta l’inserimento di una copia senza introni del gene parentale in una posizione casuale del genoma, e questo fenomeno è molto diffuso [13]. I geni senza introni costituiscono il 3% del genoma umano. Rappresentano aggiunte recenti al genoma, create principalmente dalla retrotrasposizione di mRNA elaborati, e mantengono la loro funzionalità [14]. In particolare, le copie di sequenza del SARS-CoV-2 più frequentemente integrate nel DNA umano sono quelle vicine alle regioni non tradotte (UTR) 5′ e 3′, mostrando una preferenza per le sequenze vicine ai promotori e alle code di poli(A) [4]. L’integrazione della sequenza di SARS-CoV-2 LINE-1 RT nel DNA umano non sembra essere casuale, ma è diretta verso i siti associati agli esoni umani [5].

(…)

È stata confermata l’integrazione nel genoma umano di sequenze genomiche intere o segmentate di altri retrovirus o virus a RNA o DNA, che possono fissarsi nei cromosomi dopo diverse generazioni [10]. Pertanto, la presenza di mRNA sintetici [1] nei vaccini a mRNA, che trasportano sequenze della proteina spike patogena del SARS-CoV-2 in prossimità di una coda di poli (A), significa anche che questi hanno tutti i prerequisiti per inserirsi nel DNA umano e produrre malattie. Inoltre, nel processo di produzione degli mRNA sintetici è stata prestata particolare attenzione alle modifiche innaturali, come la conversione di tutte le uridine in metilpseudouridine, allo scopo di proteggere l’mRNA dalla degradazione [1]. Questa maggiore longevità all’interno della cellula aumenta la probabilità di trascrizione inversa e di incorporazione nel DNA attraverso vari meccanismi che coinvolgono elementi mobili [15]. In questo articolo vengono quindi rivisitati i possibili meccanismi di interferenza genetica umana e le conseguenze per la salute umana. È stato dimostrato in esperimenti sui topi che gli spermatozoi dei mammiferi sono pienamente in grado di tradurre l’RNA messaggero esogeno in DNA, di raggruppare il DNA in plasmidi e di rilasciare questi plasmidi nell’ambiente locale durante la fecondazione. L’ovulo fecondato può accogliere i plasmidi e conservarli durante lo sviluppo fetale, dopo la nascita e per tutta la durata della vita. Possono anche essere trasmessi alle generazioni future. Questi plasmidi possono rimanere autonomi e sono in grado di clonare il loro DNA indipendentemente dal genoma umano [16]. È quindi ipotizzabile che un tale processo possa avvenire in seguito alla vaccinazione con mRNA, il che porterebbe a un neonato le cui cellule avrebbero la capacità di sintetizzare la proteina spike e il cui sistema immunitario vedrebbe la proteina spike come un’autoproteina. Le conseguenze a breve e a lungo termine della produzione endogena di proteine spike sono sconosciute.


Ricercatori svedesi hanno condotto uno studio in vitro su una linea cellulare di carcinoma epatico umano (cellule Huh7) esposta al vaccino BNT162b2 di Pfizer BioNtech, esaminando nello specifico se queste cellule abbiano la capacità di convertire l’mRNA del vaccino in DNA [17]. Gli autori hanno riscontrato che le cellule hanno prontamente e spontaneamente assorbito le nanoparticelle di mRNA e hanno risposto all’esposizione con una upregolazione di LINE-1. Un’analisi immunoistochimica ha rivelato che i livelli di LINE-1 erano aumentati nel nucleo in risposta alle nanoparticelle di mRNA. Inoltre, hanno verificato che una regione reporter di 444 coppie di basi (amplicone) di mRNA è stata prontamente trascritta intracellularmente in DNA già 6 ore dopo l’esposizione. Tuttavia, un altro gruppo ha tentato di ripetere lo studio, anche se con diverse differenze nella metodologia, e non ha trovato prove di integrazione SARS-CoV-2 [18]. Gli studi sui traccianti hanno dimostrato che gli mRNA dei vaccini entrano nel sistema linfatico e vengono infine assorbiti dalle cellule di diversi organi, con il fegato che è secondo solo alla milza nella concentrazione rilevata [19]. Alden et al. hanno suggerito che le cellule epatiche potrebbero esporre la proteina spike sulla loro superficie, inducendo così un attacco autoimmune alle cellule da parte degli anticorpi [17]. Questo potrebbe spiegare diversi casi di epatite autoimmune osservati in risposta al vaccino [20-22]. L’mRNA nei vaccini è stato ingegnerizzato per avere una lunga coda di poli (A), che aiuta a facilitare la traduzione in proteine e ad aumentare il tempo di sopravvivenza dell’mRNA.

(…)

 

Il cancro aumenta il rischio di retrotrascrizione dell’mRNA di Spike?

(…)

Alti livelli di attività di LINE-1 sono associati a molti tessuti tumorali, tra cui il cancro al seno, il cancro esofageo, il cancro del colon e il carcinoma polmonare a cellule squamose. LINE1 può mediare l’inattivazione dei geni soppressori del tumore e promuove la proliferazione e l’invasione cellulare [25]. L’esperimento di Alden et al. che ha dimostrato la trascrizione inversa dell’mRNA di spike ha coinvolto cellule di carcinoma epatico umano coltivate.

(…)

Queste osservazioni suggeriscono che i vaccini a base di mRNA potrebbero indurre o accelerare l’avanzamento del carcinoma epato-cellulare (HCC) negli esseri umani esposti attraverso un processo simile, cioè attraverso l’up-regolazione dell’attività di LINE-1.

(…)

LINE1 ipometilato e altamente espresso è stato trovato anche in malattie autoimmuni come il lupus eritematoso sistemico, la sindrome di Sjogren e la psoriasi [25]. Poiché l’esposizione all’RNA della SARS-CoV-2 ha causato un aumento dell’espressione di LINE-1 nei pazienti infetti [5], ciò suggerisce anche che gli mRNA genetici del vaccino possono causare un aumento del rischio di sviluppare il cancro o una malattia autoimmune tramite possibile integrazione del DNA mediata da LINE-1. Si può prevedere che ciò acceleri la progressione di queste malattie.

 

Gli elementi genetici mobili e l’eziopatogenesi delle malattie neurologiche

(…)

Durante gli studi per scoprire le relazioni proteina-proteina della SARS-CoV-2 e dell’uomo, sono state rivelate 332 interazioni ad alta confidenza tra le due specie [1]. Queste interazioni hanno effettivamente dimostrato la promettente efficacia della clorochina e di un farmaco antipsicotico, l’aloperidolo, contro il SARS-CoV-2. Tuttavia, queste numerose interazioni proteina-proteina complicano ulteriormente la possibile espressione proteica delle sequenze di SARS-CoV-2 nel DNA umano e le loro interazioni attraverso le trascrittasi inverse codificate dal DNA genomico umano, Alu e LINE-1 e altre proteine endogene umane [37]. È stato dimostrato che tali interazioni hanno gravi conseguenze nelle malattie neurologiche [38]. Ciò può essere ancora più importante per i pazienti già infettati dal SARSCoV-2 che ricevono le sequenze di proteine spike nei vaccini a mRNA e hanno già sequenze di SARS-CoV-2 trascritte inversamente sparse in organi sensibili come il sistema nervoso centrale [1,4,5]. Ciò può essere molto importante per quei pazienti che soffrono anche di malattie neurodegenerative preesistenti [38]. Sono già emersi rapporti sull’associazione della vaccinazione con l’mRNA COVID-19 con l’accelerazione del morbo di Parkinson [39,40] e della malattia da prioni [41]. Recenti indagini rivelano la presenza persistente nel sangue, fino a 15 mesi dopo l’infezione, della subunità S1 della spike del SARS-CoV-2 (S1), in grado di attraversare la barriera emato-encefalica, probabilmente all’interno di esosomi, in pazienti affetti da sequele post-acute dell’infezione da SARS-CoV-2 [42]. Tuttavia, questo risultato richiede ulteriori indagini per capire se la proteina S1 stessa sia trasportata in modo persistente dai monociti non classici CD14lo, CD16+ per un lungo periodo di tempo, o se invece la presenza di S1 sia il risultato della produzione di DNA endogeno, dato che in questo studio è stata esclusa la possibilità di persistenza del virus intero nelle cellule [42]. La retrotrasposizione può spiegano anche la presenza duratura sia dell’mRNA che della proteina spike nei centri germinali linfonodali fino a 60 giorni dopo la vaccinazione [43].

 

La proteina Spike aumenta il rischio di malattia da prioni tramite LINE-1?


La poliproteina Gag è una proteina presente in tutti i retrovirus. È una proteina essenziale che si lega agli acidi nucleici e supporta l’assemblaggio del virione e facilita la trascrizione inversa e l’integrazione nel DNA dell’ospite. Anche la proteina prionica umana, PrP, è una proteina che lega gli acidi nucleici e si è scoperto che PrP può agire come chaperone per facilitare la sintesi di cDNA mediata dalla trascrittasi inversa, in modo molto simile al ruolo della proteina Gag. In effetti, un articolo fondamentale pubblicato nel 2020 da Lathe et al. ha proposto che la tossicità della PrPSC mal ripiegata (SC si riferisce alla “scrapie”, la malattia da prioni che colpisce gli ovini) coinvolga un altro attore, e che quest’altro attore sia molto probabilmente il retroelemento endogeno, LINE-1. Inoltre, questi autori forniscono una forte evidenza che la PrP facilita l’esportazione dell’mRNA di LINE-1 insieme alla PrP stessa negli esosomi [44]. Lathe et al. hanno scritto: “La forma (naturale) più probabile dell’agente trasmissibile è, probabilmente, una particella fosfolipidica simile a un esosoma che contiene anche PrP e RNA, in particolare RNA di retroelementi o loro frammenti” [44]. È ormai assodato che l’infettività dei prioni si diffonde lungo le fibre nervose [45]. L’infettività inizia spesso nei centri germinali della milza e dei linfonodi e la PrP mal ripiegata si manifesta in questi centri germinali molto prima della manifestazione della malattia nel cervello. È stato proposto che gli esosomi rilasciati dalle cellule immunitarie nella milza trasportino la PrP mal ripiegata al cervello lungo fibre nervose come il nervo vago, come riportato in [19]. Tali esosomi indurrebbero probabilmente una risposta infiammatoria nelle fibre nervose durante il loro trasporto, portando a condizioni come la malattia di Guillain Barre. I linfociti T, i linfociti B, i monociti e le cellule dendritiche umane esprimono tutti la PrP, la cui espressione è regolata in risposta all’attivazione [46]. I vaccini a base di mRNA vengono trasportati nella milza dalle cellule dendritiche, dove ha luogo il complesso processo che induce la produzione di anticorpi. Ciò comporta l’attivazione dei linfociti B e dei linfociti T, che logicamente dovrebbero aumentare l’espressione della PrP. Lo studio di Alden et al. ha dimostrato che le cellule di cancro al fegato aumentano l’espressione di LINE-1 in risposta alla trasfezione con l’mRNA della spike [17]. È probabile che qualcosa di simile si verifichi nelle cellule immunitarie della milza. Queste argomentazioni suggeriscono che i vaccini a base di mRNA potrebbero indurre il rilascio di esosomi dalle cellule immunitarie dei centri germinali contenenti quantità variabili della proteina spike, dell’mRNA per la proteina spike e/o della PrP complessa con l’mRNA di LINE-1. L’invio di questi esosomi al cervello indurrebbe una neuroinfiammazione che potrebbe portare alla malattia da prioni e ad altre malattie neurodegenerative. È plausibile che anche le stesse fibre nervose si infiammino a causa dell’esposizione a questi esosomi carichi. Ciò invita anche alla possibilità di conversione dell’mRNA della proteina spike in DNA all’interno dei neuroni che assorbono gli esosomi, con conseguenze sconosciute. Il mosaicismo genomico complesso è una caratteristica dei neuroni nel cervello e aumenta nel contesto della malattia di Alzheimer [47].

(…)

Queste osservazioni pongono le basi per la possibilità che la vaccinazione COVID-19, con la somministrazione di nanoparticelle lipidiche dell’mRNA che codifica per la proteina spike, aumenti ulteriormente il complesso mosaicismo genomico delle cellule neuronali.

 

L’mRNA del SARS-CoV-2 può causare interferenze con il DNA genomico umano come altri RNA virali.

 

Le molecole di RNA hanno la capacità di modificare spontaneamente le loro sequenze e, anche quando sono frammentate, di dirigere la sintesi delle rispettive copie [51]. La ricombinazione dell’RNA [52] e la trasmissibilità via sperma [16] o tramite reazioni di metatesi alla generazione successiva di cellule è uno dei principali ostacoli da superare nell’applicazione della tecnologia dell’mRNA per la vaccinazione contro le malattie infettive [1].

(…)

Questo è vero anche con piccoli dosaggi di mRNA nei vaccini, dove le sequenze di RNA della proteina spike SARSCoV-2 a lunga vita potrebbero essere trascritte inversamente all’ingresso nella cellula e successivamente codificate in librerie di linee germinali. Ciò può causare una produzione aggiuntiva di sequenze di proteine spike oltre a quelle inizialmente previste dall’espressione endogena [1]. A questo proposito, l’assemblaggio di virioni con sequenze chimeriche di SARS-CoV-2 è una probabile conseguenza a lungo termine [5,7]. Inoltre, le inserzioni funzionali all’interno delle sequenze HERV, non guidate dall’evoluzione [10], possono risvegliare i geni HERV e LTR, altrimenti silenziati a livello epigenetico. L’aspetto più preoccupante è che questi possono diventare attivi e svolgere un ruolo causale nell’autoimmunità, nella tumorigenesi e nella progressione di altre malattie [55].

(…)

Questi sfortunati eventi genetici possono verificarsi semplicemente disturbando i naturali meccanismi di difesa dell’ospite contro il cancro, sviluppati nel corso di milioni di anni dalla co-evoluzione dello scambio e della diffusione di materiale genetico dell’ospite e del virus in tutto il genoma umano come linea di difesa della salute [57].

 

Potenziale di induzione di oncogenesi e metastasi: Il ruolo delle cellule staminali

 

Per ottenere risultati ottimali di espressione proteica durante lo sviluppo di una tecnologia di somministrazione intradermica con mRNA sintetici, era necessaria una sequenza di macromolecole di almeno 900 bp [58]. Il peso molecolare medio dei ribonucleotidi monofosfati è di 339,5 g/mol (MW) [59]. Questo fa sì che le dosi di 30 μg e 100 μg di vaccini a base di mRNA sintetico sembrino a prima vista estremamente basse per essere in grado di interferire geneticamente nelle cellule umane [58]. Per le cellule non in divisione, sembra che il rischio di mutagenesi inserzionale sia basso [58]. Tuttavia, gli mRNA sintetici, anche pochi minuti dopo la vaccinazione, si diffondono rapidamente dal sito di iniezione alla vicina rete di drenaggio dei linfonodi [60]. Le nicchie diffuse dei linfonodi in tutto l’organismo contengono cellule staminali precursori indifferenziate quiescenti che ricevono segnali di proliferazione in condizioni di stress e quindi la divisione mitotica di queste cellule è elevata [61]. Le cellule staminali ematopoietiche umane (HSC) hanno un’enorme capacità di divisione mitotica accelerata che conferisce loro una maggiore capacità di trasformarsi in cellule staminali tumorali. In effetti, è grazie alla loro capacità unica di rigenerarsi e di formare somiglianze con i tessuti ex vivo che la tecnologia di editing dell’RNA è stata sviluppata per servire a scopi curativi [62]. In particolare, l’editing dell’RNA delle CSE perseguito in laboratorio viene trasmesso in modo robusto e con un’alta frequenza dalle CSE parentali alle generazioni successive di cellule che poi diventano cellule staminali modificate dal cancro. Considerando le caratteristiche regolatorie altamente complesse e meticolosamente organizzate all’interno del nucleo delle CSE del sistema linfatico [53], e data la disregolazione epigenetica e trascrizionale che l’mRNA sintetico potrebbe indurre all’interno dell’ambiente di nicchia delle CSE descritto in precedenza, è ragionevole considerare la possibilità che l’mRNA sintetico associato a queste vaccinazioni possa indurre cambiamenti patologici in quella rete regolatoria [61]. L’editing dell’RNA (modifiche epigenetiche e regolazione post-trascrizionale) è un processo altamente sensibile, i cui errori possono determinare la malignità delle cellule staminali. Le cellule staminali hanno un’orchestrazione altamente vulnerabile di eventi genetici in risposta a fattori sia intrinseci (all’interno della cellula) sia estrinseci (fuori dalla cellula) [62]. Inoltre, è stato dimostrato che la comparsa di malignità da cellule staminali precedentemente sane può essere facilmente indotta dall’interferenza di microRNA (miRNA) endogeni (regolazione epitrascrittomica) durante l’editing dell’mRNA [62]. Inoltre, poiché la stimolazione dell’attivazione, della differenziazione e della proliferazione è un compito comune delle cellule immunitarie e di altre cellule stromali situate nei linfonodi [61], non si può escludere il rischio di interferenze sul DNA o di disturbi epigenetici da parte anche di una sola macromolecola di mRNA sintetico che entra nella cellula.

 

Potenziale di induzione della segnalazione oncogena da parte della proteina Spike tramite JAK/STAT


Si può facilmente affermare che una cellula staminale in un linfonodo è vulnerabile all’oncogenesi attraverso l’influenza della glicoproteina spike, che viene prodotta obbligatoriamente dall’mRNA del vaccino. Molti studi hanno dimostrato che la proteina spike da sola è in grado di indurre una sovraespressione della citochina pro-infiammatoria interleuchina-6 (Il-6) [63-65]. Questa citochina induce a sua volta la fosforilazione tirosinica di STAT3, che migra poi nel nucleo per indurre una risposta infiammatoria [63]. Nel nucleo, STAT3 si lega e attiva i promotori di un ampio gruppo di geni che codificano proteine che inducono la proliferazione cellulare, un passo fondamentale verso la tumorigenesi [66]. L’iperattivazione di STAT3 si verifica in molti tipi di cancro, tra cui la leucemia mieloide acuta, il mieloma multiplo e i tumori solidi di vescica, ossa, seno, cervello, cervice, colon, esofago, testa e collo, rene, fegato, polmone, ovaio, pancreas, prostata, stomaco e utero [66].

(…)

Il priming di Il-6 attraverso un recente vaccino a base di mRNA potrebbe accelerare il tasso di mutazione nell’mRNA della proteina spike durante una successiva infezione attiva con SARS-CoV-2, direttamente attraverso l’upregolazione degli enzimi ADAR da parte delle citochine pro-infiammatorie [68]. È stato dimostrato che la somministrazione di plasma di convalescenza a un paziente immunocompromesso determina la rapida comparsa di nuovi ceppi in quel paziente [69]. Si può prevedere che un individuo immunocompromesso vaccinato, quando infettato con il SARS-CoV-2, sia anche un ospite per una rapida evoluzione virale, a causa della persistente esposizione del virus agli anticorpi inefficaci indotti dal vaccino. Questo potrebbe spiegare la rapida comparsa di varianti resistenti del SARS-CoV-2 negli ultimi mesi, dopo un’aggressiva iniziativa di vaccinazione a livello di popolazione.

(…)

Le cellule tumorali circolanti nel linfonodo sono comunemente presenti nei pazienti con tumori maligni diagnosticati. La presenza di queste cellule non dipende, ovviamente, da una diagnosi certa e dovrebbe essere riscontrata anche in pazienti con una neoplasia non diagnosticata. La presenza di queste cellule conferisce un potenziale metastatico clinicamente importante rispetto alle cellule maligne circolanti nel sangue che sono sfuggite ai tumori primari, e questo processo può essere aumentato da qualsiasi interferenza dell’RNA. Poiché gli mRNA sintetici tendono a disperdersi e ad accumularsi nei linfonodi regionali [60] e le cellule maligne che circolano nel linfonodo hanno un ciclo cellulare staminale a mosaico di proliferazione [55,62] e utilizzano l’intero sistema linfatico per spostarsi, il rischio di un aumento del potenziale metastatico può essere considerato elevato anche in questi casi [71].

(…)

Meccanismi di riparazione del DNA: Un ruolo attivo per la Polimerasi Theta

 

Normalmente, quando una cellula viene infettata da un virus, avvia immediatamente la segnalazione dell’interferone di tipo I al rilevamento dell’RNA virale. Una delle conseguenze importanti della successiva cascata di segnalazione è l’upregulation del gene soppressore del tumore p53. P53 induce l’arresto del ciclo cellulare al rilevamento di rotture del DNA a doppio filamento, proteggendo così la cellula da gravi difetti genetici durante la replicazione e quindi sopprimendo i tumori. Sono disponibili diverse strategie di riparazione del DNA per riparare le rotture in modo che la replicazione possa riprendere. La P53 arresta anche la replicazione virale, rallentando così la produzione di copie multiple del virus per favorire la diffusione dell’infezione [81]. Qualsiasi rottura del doppio filamento di DNA (DSB) apre la possibilità di una traslocazione cromosomica, in cui i due pezzi frammentati si riattaccano a cromosomi diversi. Ciò può comportare sia geni mancanti sia geni in più, che possono alterare profondamente l’integrità cromosomica, causando una progressione verso il cancro.

(…)

La polimerasi theta (PolΘ) è un importante enzima di riparazione del DNA che coinvolge le rotture del DNA a doppio filamento utilizzando la MMEJ, nota anche come “synthesisdependent end joining” e “theta-mediated end joining”.

(…)

La PolΘ è un motore chiave dell’evoluzione del genoma e della mutagenesi mediata da CRISPR/Cas9 [85]. Si ipotizza che i vaccini mRNA che codificano per la proteina spike creino una situazione in una cellula trasfettata, in particolare in uno stato proliferativo, che potrebbe essere altamente suscettibile a gravi aberrazioni cromosomiche. Poiché questa tecnologia comporta ampie modifiche all’mRNA virale originale per nascondere la sua origine virale, essa consente di entrare “furtivamente” nella cellula senza provocare la normale risposta dell’interferone di tipo I [86]. La cellula avvia immediatamente un’efficiente traduzione dell’mRNA per produrre abbondanti quantità di proteina spike. La proteina spike provoca gravi danni al DNA, tra cui rotture del doppio filamento, come descritto in precedenza. Questo stress genetico avvia una risposta interferonica di tipo I, ma è ritardata in modo tale che il danno significativo avviene prima che la p53 sia sufficientemente upregolata. Inoltre, l’interferone β indotto dai danni al DNA è direttamente implicato nella senescenza cellulare e nell’inibizione della funzione delle cellule staminali associata all’invecchiamento accelerato [87].

(…)

Come affermato da W. Feng et al., “la dipendenza da Pol Θ/TMEJ è associata a un aumento dei livelli di DSB associati alla replicazione, indipendentemente dalla fonte iniziale del danno” [89]. Ciò implica che un danno eccessivo al DNA induce un’upregolazione della polΘ. Ciò suggerisce che le cellule tumorali e le cellule immunitarie proliferanti trasfettate con la proteina spike subirebbero un tasso accelerato di mutazioni genetiche, portando alla progressione del cancro. Uno studio pubblicato nel 2021 ha rivelato l’inaspettata scoperta che la PolΘ è in grado di trascrivere inversamente l’RNA in DNA [7].

(…)

La PolΘ sembra essere unica tra le polimerasi umane nella sua capacità di trascrivere l’RNA inverso, con un’efficienza equivalente a quella dei retrovirus. È quindi possibile che la PolΘ sia in grado di trascrivere inversamente l’mRNA trasfettato dal vaccino in DNA e di integrarlo nel genoma nei siti di rottura del DNA. Tutte queste considerazioni sono riassunte nel diagramma di flusso illustrato nella Figura 2.

 

 

Meccanismi di riparazione delle rotture del DNA: Quando l’RNA incontra il DNA


Da tempo si è ipotizzato che, a parte i retrovirus che hanno la capacità di inserirsi nel DNA umano mediante trascrizione inversa, il materiale genetico di tutti gli altri virus a RNA non può essere inserito nel DNA in nessuna circostanza [1]. Tuttavia, sperimentalmente è stato dimostrato da tempo che non è così.

(…)

L’interazione attiva di tutti gli elementi genetici virali a RNA con il DNA eucariotico è oggi un fenomeno facilmente riscontrabile che sostiene la biodiversità umana [15]. Ad aggravare il potenziale problematico dell’integrazione dell’mRNA virale o del vaccino nel DNA della cellula ospite c’è il potenziale impatto distruttivo della stessa proteina spike sul DNA. Le rotture del DNA a doppio filamento sono un tipo grave di danno al DNA e comportano il rischio maggiore di avviare una trasformazione maligna nella progenie delle cellule colpite.

(…)

La letteratura pubblicata di recente sulle lesioni cellulari e tissutali causate dalla proteina spike della SARS-CoV-2 rivela un gran numero di sindromi da lesioni da vaccino COVID-19 [35,40,41,94-104]. Molte di queste lesioni sono prevedibili se sono in atto i meccanismi descritti nel presente lavoro. La Figura 2 riassume i nostri risultati descrivendo i molteplici modi in cui l’mRNA del vaccino SARS-CoV-2 può indurre patologie nelle cellule umane in divisione. Esiste una forte evidenza che la proteina spike stessa induce un danno al DNA e i successivi meccanismi di riparazione del DNA. Inoltre, provoca un aumento dell’espressione di LINE-1, che è in grado di convertire l’mRNA in DNA. Dai processi che avvengono nel nucleo possono emergere trascritti chimerici. I complessi RNA-proteina derivati dall’mRNA del vaccino portano a sequele imprevedibili. L’insieme di questi processi suggerisce che l’esposizione all’mRNA che codifica per la proteina Spike è potenzialmente oncogena, in particolare nei soggetti che presentano già polimorfismi in p53 o BRCA e in quelli con malignità latente o manifesta.

 

Associazione di retrotrasposoni e tipi di disturbi neurologici diagnosticati come conseguenza della vaccinazione con SARS-CoV-2 mRNA 


Tra la famiglia degli elementi trasponibili (TE), noti anche come “geni saltatori”, la sottofamiglia dei retrotrasposoni contiene le categorie clinicamente importanti dei trasposoni a ripetizione terminale lunga (LTR) e non LTR. I retrotrasposoni LTR, noti anche come retrovirus endogeni (ERV), rappresentano l’8% del genoma umano (HERV) e partecipano attivamente all’eziopatologia della sclerosi multipla (SM), della sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e della poliradiculoneuropatia infiammatoria cronica demielinizzante (CIDP) [38]. I LINE-1 sono trasposoni autonomi non LTR che contribuiscono al 17% del genoma umano e partecipano alla patogenesi molecolare dei disturbi neurologici [105-108]. Entrambi i trasposoni HERV e LINE-1 funzionano in modo “copia-e-incolla” e hanno un intermedio di RNA nel processo di amplificazione, che può causare malattie nell’uomo integrandosi nei geni. Lo spettro dei disturbi neurologici causati da inserzioni di LINE-1 nel DNA nell’arco della vita umana è ampio e va dall’autismo, alla psicosi e alla schizofrenia, fino alla malattia di Alzheimer [109]. La sindrome di Aicardi-Goutieres (AGS) è una malattia genetica che si presenta come una grave encefalite nell’infanzia, associata a infiltrazione di linfociti nel cervello e a elevati livelli di interferone di tipo I nel liquido cerebrospinale. Causa la demielinizzazione dei motoneuroni e di solito provoca gravi handicap mentali e fisici e morte prematura.

(…)

In un documento preprint, è stato osservato che la vaccinazione con mRNA che codifica la proteina spike del SARSCoV-2 non stimola un aumento della risposta interferonica nell’AGS [113]. Tuttavia, e sorprendentemente, un caso di studio, che ha coinvolto un paziente AGS che ha presentato una panniculite generalizzata post-COVID-19, ha dimostrato che l’RNA della SARS-CoV-2, in particolare l’RNA della proteina spike, può indurre una risposta interferonica di tipo I nell’AGS [114]. In questo caso di AGS, non è stato possibile rilevare particelle virali al microscopio elettronico nelle biopsie delle lesioni e la positività delle IgG al SARS-COV-2 ha confermato una risposta immunitaria alla proteina spike [115]. Ciò implica che la proteina spike, inducendo un’aumentata espressione di LINE-1, può causare i sintomi dell’AGS attraverso una maggiore presenza di DNA LINE-1 a singolo filamento. Un numero crescente di casi nella letteratura scientifica descrive disturbi neurologici diagnosticati come conseguenza della vaccinazione con SARS-CoV-2 mRNA.

(…)

I risultati più intriganti dello sviluppo della sclerosi multipla (SM) e della polineuropatia infiammatoria cronica de-mielinizzante (CIDP) a seguito della vaccinazione con l’mRNA del SARS-CoV-2 sono probabilmente i più importanti a suggerire l’attivazione di HERV dovuta a una disregolazione epigenetica [119,120]. La proteina spike del SARSCoV-2 è nota per indurre una risposta pro-infiammatoria attraverso l’attivazione del TLR4 [121-129]. Analogamente, la proteina env di HERV-W attiva in modo patogeno il TLR4 sulle cellule precursori oligodendrogliali, con conseguente compromissione della differenziazione di queste cellule e conseguente mancanza di capacità di riparare la mielina. Questo porta ad assoni demielinizzati e degenerati, come si riscontra nella SM [38].

 

Conclusioni

La recente scoperta dell’integrazione del genoma della SARS-CoV-2 attraverso un meccanismo che coinvolge la LINE-1 o la polimerasi theta suscita grande preoccupazione per la possibile incorporazione indesiderata e duratura di sequenze di proteine spike nel genoma umano. Inoltre, la serie di case report (cioè casi segnalati, ndr) che descrivono disturbi neurologici diagnosticati, aventi come unico fattore causale comune la vaccinazione con mRNA del SARSCoV-2, evidenzia senza dubbio la potenziale associazione dell’attivazione del retrotrasposone alla comparsa di queste malattie. L’interferenza del DNA umano da parte di mRNA sintetici nei vaccini non è solo una possibilità teorica. È stata dimostrata la trascrizione inversa del codice dell’mRNA del vaccino COVID-19 in linee cellulari di epatoma umano, sebbene sia necessaria la conferma del risultato da parte di un gruppo indipendente. Poiché le sequenze codificate sono specifiche per la proteina spike della SARS-CoV-2 e possono essere integrate nel DNA umano, la patogenesi risultante dalla vaccinazione molecolare richiede una valutazione esplicita attraverso la ricerca sulla genotossicità. Oltre al potenziale patogeno delle proteine spike codificate endogenamente (DNA), abbiamo dimostrato che l’attivazione delle reti enzimatiche cellulari che realizzano l’integrazione del DNA comporta un proprio potenziale patogeno distinto e multiforme. Si prevede che questi rischi siano più elevati in specifiche popolazioni vulnerabili, in particolare gli individui in fase di sviluppo (bambini) e i pazienti affetti da neoplasie, malattie autoimmuni, malattie cardiovascolari e neurologiche e disturbi genetici. Riconosciamo che è speculativo suggerire che l’mRNA del vaccino possa dare inizio all’ampia gamma di eventi patologici che abbiamo descritto. Tuttavia, dato il potenziale ampiamente documentato dell’RNA endogeno (retrovirale umano) ed esogeno (virale) di innescare questi eventi, sono urgentemente necessarie indagini pertinenti, soprattutto se si considera l’elevato numero di individui a cui sono stati somministrati uno o più prodotti a base di mRNA che codificano per la proteina spike della SARS-CoV-2.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email