“Kevin McKernan ha scoperto i contaminanti costituiti da materiale genetico (DNA), e questo è fuori discussione!”

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ignasz Semmelweisz e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

plasmide
plasmide

 

Questo articolo si propone di fornire:

  • una sintesi laica delle prime ricerche (in corso) sul contenuto genetico delle terapie geniche per la COVID di Pfizer e Moderna;
  • una descrizione delle potenziali ramificazioni, con riferimento ad altre ricerche e al contesto.

Ciò al fine di:

  • aumentare la consapevolezza delle questioni implicite ed esplicite della ricerca e aumentarne la diffusione e l’accessibilità;

perché le questioni al centro della ricerca sono di fondamentale importanza. La natura tecnica e dettagliata della ricerca primaria è difficile da penetrare, eppure i non addetti ai lavori hanno bisogno di comprenderne le implicazioni.

Kevin McKernan

Kevin McKernan pubblica ricerche scientifiche primarie direttamente su substack per la revisione paritaria. Da metà febbraio sta sequenziando il contenuto delle terapie geniche Covid bivalenti di Pfizer e Moderna. Questo mese è passato al vaccino monovalente di Pfizer, che è stata la prima terapia genica Covid rilasciata da Pfizer. In breve, le sue scoperte sono cattive, pessime notizie.

McKernan è uno scienziato affermato e competente nel campo della genomica, esperto di tecnologie di sequenziamento genomico. Leggete qui la sua biografia aziendale. All’inizio della pandemia, McKernan si è espresso in modo critico sull’uso del test PCR per Covid in generale. Il suo intervento è riportato di seguito.

I risultati iniziali di McKernan

Un’avvertenza fondamentale indicata da McKernan è la durata di conservazione dei prodotti analizzati. Nel caso del test monovalente Pfizer, il campione era datato 3/4/2022. McKernan riconosce che l’effetto della durata di conservazione è sconosciuto e che sono necessarie ulteriori analisi su campioni con una migliore catena di custodia e condizioni di conservazione. Si tratta di una limitazione importante, ma non invalida automaticamente gran parte di quanto segue.

  1. La frammentazione dell’RNA è evidente in entrambe le marche e in tutti i lotti, ma è particolarmente evidente nelle fiale Pfizer. Sorprendentemente, nei vaccini bivalenti sono stati osservati anche prodotti di mRNA più lunghi della lunghezza prevista. Questi frammenti più lunghi sono stati osservati da Patel et al. con i vaccini monovalenti.

         a) Nei campioni di prodotti bivalenti è stata rilevata la presenza di RNA e mRNA frammentati che non rientrano nelle specifiche del principio attivo (“più lunghi”). Come,                         perché e con quali effetti sono tutte questioni aperte.

      2. Nei vaccini bivalenti Moderna sono presenti due diversi vettori di espressione. Sono stati sequenziati due lotti diversi ed è possibile che in ciascun lotto siano presenti                             plasmidi  di espressione con un background diverso.

  • “Un vettore di espressione, altrimenti noto come costrutto di espressione, è solitamente un plasmide o un virus progettato per l’espressione genica nelle cellule. Il vettore viene utilizzato per introdurre un gene specifico in una cellula bersaglio e può comandare il meccanismo di sintesi proteica della cellula per produrre la proteina codificata dal gene… I vettori di espressione sono gli strumenti di base della biotecnologia per la produzione di proteine”. fonte
  • Il metodo investigativo di McKernan ha rivelato la presenza di materiale genetico (vettori di espressione) che sono residui del processo di produzione dell’mRNA.

     3. È interessante notare che la sequenza di questo vettore del vaccino Moderna è identica al 99,8% a quella dei plasmidi scoperti in campioni di Pseudomonas aeruginosa,                       notoriamente editati dall’NCBI dopo che vi era stata identificata la sequenza della proteina spike. All’epoca si discuteva se questi plasmidi sarebbero rimasti ad alto numero di             copie nel loro ospite senza alcuna pressione selettiva da parte degli antibiotici.

  • “Un plasmide è una molecola di DNA extracromosomico fisicamente separata dal DNA cromosomico e in grado di replicarsi in modo indipendente. I plasmidi esistono naturalmente nelle cellule batteriche, così come in alcune eucariote, e i geni in essi trasportati spesso forniscono ai batteri vantaggi genetici come la resistenza agli antibiotici. Per progettare, modificare o costruire un plasmide è necessario comprendere i componenti specifici che lo compongono e perché ciascuno di essi è importante.” Fonte
  • La sequenza genetica di un vettore di espressione del vaccino Moderna corrisponde al 99,8% a quella di plasmidi contaminati trovati in ricerche correlate. Questi plasmidi sono prodotti dall’uomo, presentano resistenza agli antibiotici e sono potenzialmente associati al processo di produzione del principio attivo mRNA delle terapie geniche Covid.
  • In breve, ciò indica la presenza di strumenti di produzione genetica utilizzati per produrre l’mRNA, nel prodotto Moderna.

4. L’EMA ha fissato i limiti per la contaminazione da dsDNA a meno di 330ng/mg di RNA. Si tratta di circa 1 parte ogni 3.030 molecole di mRNA. Le prove di sequenziamento di cui disponiamo confermano che la maggior parte di questo DNA è in realtà il DNA del plasmide di espressione, completo di proteina spike, promotori di espressione SV40 per i mammiferi, resistenza agli antibiotici aminoglicosidi e origini di replicazione ad alta copia compatibili con l’espressione nei mammiferi e l’amplificazione batterica.

  • Il dsDNA (DNA a doppio filamento) è ciò che costituisce i plasmidi scoperti e l’EMA ha fissato un limite per la sua presenza nei prodotti, ma non si sa come.
  • “I plasmidi artificiali sono ampiamente utilizzati come vettori nel clonaggio molecolare, per guidare la replicazione di sequenze di DNA ricombinante all’interno degli organismi ospiti. In laboratorio, i plasmidi possono essere introdotti in una cellula tramite trasformazione“. Fonte

5. I vettori contengono promotori di mammifero, origini di replicazione batteriche oltre ai geni di resistenza alla neomicina e alla kanamicina. Plasmidi circolari come questo sono utilizzati per la trasfezione stabile e l’espressione continua di geni in cellule di mammifero con il forte promotore SV40.

  • Il contaminante è quindi costituito dai plasmidi, che hanno origini batteriche (la loro produzione è stata impiegata in Escherichia coli), possono replicarsi e interagire in cellule mammifere e batteriche e sono resistenti agli antibiotici neomicina e kanamicina (utilizzati per combattere le infezioni intestinali).

6. Una rapida stima… equivale a 1 vettore ogni 3.000 mRNA. Le fiale Pfizer presentano tassi di contaminazione di un ordine di grandezza superiore. Ciò è coerente con l’analisi dei frammenti che presenta più picchi fuori bersaglio.

  • McKernan ha trovato contaminanti nei campioni di terapia genica monovalente e bivalente di Moderna e Pfizer.
  • McKernan ha inizialmente stimato che il rapporto tra contaminazione e principio attivo mRNA desiderato e specificato nella dose di Moderna è pari a 1 molecola di DNA per 3000 molecole di RNA e ha segnalato che i campioni Pfizer sono di un ordine di grandezza superiore a questo livello di contaminazione (1:350).

7. Questa è una prova inequivocabile che la sequenza vettoriale contaminante è DNA a doppio filamento e non RNA.

  • McKernan conferma che il materiale genetico contaminante è DNA e quindi non può essere una forma di corruzione dell’ingrediente attivo finale mRNA.

Tutto questo è molto importante. I documenti di McKernan sono densi e tecnici. Vediamo di semplificare il significato dei punti da 1 a 7.

Il processo di produzione del principio attivo mRNA (payload) delle terapie geniche Covid prevede la coltivazione di batteri Escherichia coli ingegnerizzati che contengono plasmidi circolari dsDNA. Questi plasmidi sono i vettori di espressione da cui deriva il principio attivo mRNA. I plasmidi sono di per sé competenti per la replicazione, ossia hanno la capacità innata di entrare (trasfettare) in una cellula ospite di mammifero e replicarsi, ma sono anche in grado di trasfettare cellule batteriche e replicare tra le 50 e le 300 copie di se stessi. La sequenza genetica del plasmide ingegnerizzato contiene il codice per la proteina spike e quindi la sua replicazione potrebbe produrre essa stessa la proteina spike in determinate circostanze. Inoltre, questi plasmidi presentano una resistenza agli antibiotici come artefatto della loro progettazione e produzione, che diventa rilevante in seguito. Quindi, se questi plasmidi venissero iniettati in un ospite (in questo caso come contaminante indesiderato), potrebbero replicarsi all’interno delle cellule dell’ospite. Se le condizioni di replicazione sono appropriate, la proteina spike potrebbe essere generata nell’ospite, oltre a qualsiasi proteina spike generata dal carico separato di mRNA (il metodo d’azione previsto delle terapie geniche Covid). Non è ancora chiaro se questi plasmidi, replicandosi all’interno di altre cellule batteriche, produrrebbero proteine spike. Anche questo aspetto sarà importante in seguito.

Come concetto di base fondamentale al di fuori delle terapie geniche Covid, il dsDNA è impiegato nella tecnologia dei vaccini a DNA. L’iniezione di un vaccino a dsDNA induce una risposta immunitaria umana attraverso i geni stimolatori dell’interferone (STING), anche se i motivi e le modalità esatte non sono del tutto noti.

Riassumiamo e combiniamo ciò che McKernan ha scoperto con ciò che sa da ricerche più ampie.

  • Le iniezioni contengono contaminanti plasmidici dsDNA (circolari e linearizzati) competenti per la replicazione in cellule umane e batteriche, resistenti agli antibiotici e portatori della codifica della proteina spike.
  • I campioni di Moderna sono stati inizialmente stimati conformi al limite di contaminazione dell’EMA (1:3000). Quelli di Pfizer non lo erano, di un ordine di grandezza (1:350).
  • I plasmidi sono un artefatto indesiderato del processo di produzione industriale del payload di mRNA, che solleva interrogativi sul controllo di qualità, sulla garanzia e sulla supervisione del processo di produzione, in particolare per quanto riguarda la purificazione del payload di mRNA dagli Escherichia coli ingegnerizzati e dai plasmidi in essi contenuti.
  • La formulazione delle terapie geniche Covid comprende i componenti LNP, il payload di mRNA e il plasmide contaminante dsDNA.
  • Alla temperatura di esercizio, i componenti LNP si autoformano in “involucri lipidici” che incapsulano, proteggono e veicolano l’mRNA, ma hanno la capacità potenziale di fare lo stesso per il plasmide contaminante dsDNA.
  • L’ospite/paziente potrebbe ricevere una combinazione di:
  • un payload di mRNA con la capacità di produrre una quantità prevista di proteina spike; più
  • una quantità non intenzionale e sconosciuta di plasmide dsDNA con la capacità di replicarsi radicalmente all’interno delle cellule dell’ospite e anche all’interno delle cellule batteriche del microbioma intestinale dell’ospite stesso, nel caso in cui i plasmidi arrivino nell’intestino dell’ospite.
  • In base agli studi di biodistribuzione del produttore, è ora noto che gli LNP si accumulano nell’intestino nelle prime 48 ore dopo l’iniezione, il che implica che se gli LNP incapsulano il plasmide dsDNA contaminante, gli LNP lo trasportano nell’intestino dell’ospite e forniscono accesso ai batteri presenti.
  • Se ciò dovesse accadere, l’ospite potrebbe subire un aumento radicale del carico plasmidico che si replica nell’intestino, con effetti sconosciuti. Per fermare la replicazione, un passo logico sarebbe l’uso di antibiotici per uccidere i plasmidi e i batteri ospiti nell’intestino. Il problema è che il plasmide è resistente agli antibiotici e può sopravvivere (“la selezione di batteri resistenti alla neomicina e alla kanamicina nel microbioma intestinale”).

McKernan conclude il suo primo articolo in questo modo:

Si tratta di potenti contaminanti nei vaccini somministrati ai bambini. Miliardi di questi contaminanti per iniezione è probabilmente una stima insufficiente dell’intero carico, poiché questi plasmidi possono auto-replicarsi negli ospiti batterici. Numerosi studi hanno dimostrato una clearance prolungata dell’mRNA del vaccino (Clearance è il volume di plasma (o di sangue) che nell’unità di tempo un organo (spec. il rene) riesce a depurare da una sostanza, che normalmente è destinata a essere in tutto o in parte eliminata (per es. l’urea, ndr). Questo potrebbe essere il risultato dell’m1Ψ nell’mRNA o della trasfezione o trasformazione dei vettori di espressione basati sul DNA. L’introduzione di miliardi di geni di resistenza agli antibiotici in plasmidi ad alta capacità di replicazione dovrebbe suscitare preoccupazioni per l’accelerazione della resistenza globale agli antibiotici.

 

Stima dei contaminanti e plasmidi circolari rispetto a quelli linearizzati

McKernan ha trovato prove di contaminanti plasmidici circolari e linearizzati; la differenza fondamentale tra i due è che i plasmidi linearizzati sono competenti per la replicazione in misura minore, cioè producono meno copie di se stessi.

EDIT tramite Kevin McKernan:

Non abbiamo ancora una buona stima della quantità di DNA lineare o circolare e al momento l’efficienza di trasformazione è molto bassa.

Per quanto riguarda la bassa efficienza di trasformazione, “l’efficienza di trasformazione si riferisce alla capacità di una cellula di assumere e incorporare DNA esogeno, come i plasmidi, durante un processo chiamato trasformazione. L’efficienza di trasformazione è tipicamente misurata come numero di trasformanti (cellule che hanno assunto il DNA esogeno) per microgrammo di DNA aggiunto alle cellule. Una maggiore efficienza di trasformazione significa che un maggior numero di cellule è in grado di assumere il DNA, mentre una minore efficienza significa che un minor numero di cellule è in grado di farlo“.

Quindi, al momento, McKernan afferma che il DNA plasmidico ha una bassa capacità di essere assorbito dalle cellule ospiti.

McKernan ha anche riconosciuto che i metodi di indagine impiegati hanno intrinsecamente soppresso l’amplificazione e quindi la quantificazione della quantità di DNA nei campioni. Ciò lo ha portato a sospettare che le sue stime di 1:3000 e 1:350 tra DNA e RNA fossero probabilmente una sottostima, come ha confermato.

Utilizzando la qPCR e l’elettroforesi, abbiamo dimostrato che i livelli di contaminazione da dsDNA sono 100 volte superiori e implicano trilioni di molecole di DNA per dose. La contaminazione da DNA varia da 8,19 a 11,3 ng/ul con 23-55ng/ul di mRNA. Ciò equivale al 20-35% dell’acido nucleico di ciascun vaccino come vettore di espressione. Si tratta di diversi ordini di grandezza rispetto al limite EMA di 330ng/mg.

EDIT tramite Kevin McKernan:

Il 20-35% proviene dalla stazione di registrazione Agilent e sospettiamo che una piccola percentuale di questa sia competente per la replicazione. Il secondo metodo di sequenziamento ha trovato un indel SV40 di 72 bp che è un segnale di localizzazione nucleare. Questo è probabilmente un problema maggiore della bassa efficienza di trasformazione.

Il metodo di sequenziamento utilizzato ha portato a questa percentuale del 20-35%. Il ritrovamento di un “indel SV40 72bp” suggerisce che la capacità di espressione genica del plasmide è aumentata, cioè ha una maggiore capacità di produrre (esprimere) proteine o altri prodotti genici. L’mRNA sarebbe uno di questi prodotti. McKernan afferma che:

Plasmidi circolari come questo sono utilizzati per la trasfezione stabile e l’espressione continua di geni in cellule di mammifero con il forte promotore SV40. Questo potrebbe portare a un’espressione prolungata della spike nei pazienti a cui sono stati iniettati questi costrutti.

Una parte sconosciuta di questi contaminanti dsDNA sono plasmidi competenti per la replicazione, in grado di trasformare Escherichia coli con un semplice trattamento di shock termico di 20 secondi a 42°C. È improbabile che questi plasmidi esprimano la proteina spike in Escherichia coli non modificati in laboratorio, poiché i segnali ribosomiali nell’mRNA del vaccino sono progettati per la traduzione nei mammiferi. È noto che il promotore T7 perde nelle linee cellulari di mammifero e in alcuni genotipi di Escherichia coli da laboratorio, ma non si prevede che perda in Escherichia coli di tipo selvatico. Ciò potrebbe consentire l’espressione di mRNA da questi plasmidi in cellule di mammifero, ma a meno che i plasmidi non siano integrati nel genoma umano, è improbabile che vengano replicati in un numero elevato di copie.

Da un lato, i plasmidi sono progettati per replicarsi nelle cellule di mammifero e quindi è improbabile che producano la proteina spike in cellule batteriche che non sono state opportunamente ingegnerizzate. Secondo la lettura di VST, ciò suggerisce che i plasmidi che trasfettano i batteri intestinali si replicano da soli, ma non innescano la produzione di proteine spike in quel momento.

D’altra parte, se i plasmidi trasfettano le cellule umane, possono portare alla produzione di mRNA che codifica per la proteina spike. Quindi, secondo la lettura di VST, potrebbe essere espresso l’mRNA che codifica per la proteina spike, oppure potrebbe essere espressa la proteina spike stessa. In entrambi i casi, si tratta di un carico aggiuntivo di proteina spike oltre a quello previsto dal carico di mRNA del colpo.

Ma c’è di più.

Sebbene sia improbabile che i batteri esprimano la proteina spike, i batteri possono replicare questo plasmide e fungere da fonte di bactofezione per l’introduzione di questi plasmidi di espressione dei mammiferi nelle cellule umane.

Se il plasmide si replica solo nei batteri intestinali e non esprime direttamente la proteina spike nelle cellule dei batteri intestinali, l’ospite è comunque gravato da quantità crescenti di plasmidi che possono comunque trasfettare le cellule mammifere dell’ospite stesso. Un processo che consente di ottenere questo risultato è la bactofezione:

Il trasferimento di DNA plasmidico mediato da batteri in cellule di mammifero (bactofezione) è un approccio efficace per esprimere proteine eterologhe codificate da plasmidi (antigeni proteici, tossine o enzimi) in un’ampia gamma di tipi cellulari diversi.

 

I potenziali effetti del dsDNA nelle cellule di mammifero

Gennaio 2022 Alden et al. “dimostrano che l’mRNA di BNT162b2 (vaccino COVID della Pfizer, ndr) viene trascritto inversamente a livello intracellulare in DNA in appena 6 ore dopo l’esposizione a BNT162b2”. In altre parole, questo studio ha dimostrato che il carico di mRNA di Pfizer può, attraverso un processo noto come trascrizione inversa LINE-1, integrarsi con il DNA umano in cellule di cancro al fegato umano. Questo lavoro è stato svolto in vitro e non significa direttamente che il risultato si sarebbe certamente verificato in vivo nel fegato umano normale o in altre cellule.

L’identificazione da parte di McKernan della contaminazione plasmidica e la sua rivalutazione della massiccia quantità di contaminazione per iniezione lo portano a sospettare che il processo di RT LINE-1 possa non essere necessario affinché il dsDNA plasmidico si integri con il DNA umano ospite. Ipoteticamente, c’è così tanto dsDNA contaminante nelle iniezioni che l’integrazione genetica potrebbe avvenire in altri modi, ad esempio per la pura quantità di contaminazione:

I vaccini forniscono trilioni di dsDNA… Con questi livelli di contaminazione, l’attività RT di LINE-1 non è un prerequisito per l’integrazione del genoma. Questi dati non sono in grado di fornire informazioni sull’integrazione del genoma e sono necessari ulteriori lavori di sequenziamento profondo sottoposti a revisione IRB per affrontare i rari eventi di integrazione a mosaico nei pazienti. A prescindere da queste ipotetiche preoccupazioni, la contaminazione da dsDNA supera le specifiche dell’EMA di diversi ordini di grandezza e si dovrebbe procedere a un ulteriore controllo dei livelli di endotossina e di dsRNA in questi vaccini.

Anche se la trascrizione inversa del dsDNA e l’integrazione con il genoma umano non si verificano, McKernan segnala la preoccupazione per i potenziali livelli di endotossine sotto forma di lipopolisaccaridi (LPS).

Le endotossine, chiamate anche LPS, sono il componente della membrana esterna dei batteri gram-negativi e vengono rilasciate in circolo al momento della distruzione dei batteri intatti (morte, lisi cellulare). L’endotossina si trova comunemente ovunque nel nostro ambiente ed è il pirogeno più significativo nei farmaci parenterali e nei dispositivi medici. Le endotossine sono presenti anche nell’apparato digerente. La loro presenza nel flusso sanguigno può causare reazioni settiche con una serie di sintomi quali febbre, ipotensione, nausea, brividi e shock. Concentrazioni elevate possono portare a complicazioni gravi come la coagulazione intravascolare disseminata (CID), lo shock da endotossina e la sindrome da distress respiratorio dell’adulto (ARDS).

https://www.sciencedirect.com/topics/chemistry/endotoxin

I pirogeni sono agenti che causano febbre. L’endotossina è un tipo di pirogeno ed è un componente della parete cellulare esterna dei batteri Gram-negativi, come Escherichia coli (vedi immagine). L’endotossina è un lipopolisaccaride o LPS. L’LPS [comprende] la porzione lipidica A… La porzione lipidica A dell’LPS è la causa dell’attività endotossinica della molecola. Sebbene il lipide A non danneggi direttamente alcun tessuto, le cellule immunitarie di uomini e animali lo considerano un indicatore della presenza di batteri. Pertanto, queste cellule stimolano una risposta volta a respingere gli intrusi indesiderati. Un prodotto sanitario iniettabile, come un vaccino o una soluzione endovenosa, deve essere sterile o privo di batteri vivi, ma il processo di produzione per uccidere i batteri può causare il rilascio di LPS o endotossina nel prodotto. Proprio come nel caso di un’infezione batterica o di una sepsi, se una quantità sufficiente di endotossina entra nel flusso sanguigno o nel liquido spinale, si possono sviluppare febbre, shock e insufficienza d’organo. In casi estremi, può anche portare alla morte.

https://www.horseshoecrab.org/med/endotoxin.html

EDIT tramite Kevin McKernan:

La presenza di plasmidi a base di Escherichia coli (E. coli) è un indicatore di contaminazione da lipopolisaccaridi (LPS o endotossine). Ogni volta che si osservano alti livelli di contaminazione da plasmidi derivati da batteri gram negativi come l’E. coli, ci si deve aspettare alti livelli di contaminazione da endotossine. L’iniezione di endotossina può provocare anafilassi e sindrome da shock tossico.

La preoccupazione di McKernan per le endotossine deriva dall’uso di batteri gram negativi come l’E. coli nel processo di produzione. Egli parte dal presupposto che, essendo presente la contaminazione plasmidica, è probabile che sia presente anche l’endotossina LPS:

Dovrei chiarire da dove penso che provenga l’LPS. Le aziende farmaceutiche utilizzano questi plasmidi per produrre molti E.coli che amplificano i plasmidi. Devono poi purificare questi plasmidi dagli E.coli e questo processo è soggetto a contaminazione da LPS.

Secondo VST, con chiarimenti diretti da McKernan, dato il livello di contaminazione da plasmidi, il potenziale di contaminazione da LPS associato giustifica ulteriori indagini, data la sua potenziale tossicità.

Per riassumere:

  • Il 20-35% del contenuto dei vaccini è costituito da plasmidi dsDNA contaminanti che hanno capacità di replicazione in cellule umane e batteriche.
  • I plasmidi, attraverso molteplici mezzi, tra cui la possibile integrazione con il DNA umano, potrebbero effettivamente prolungare la produzione di spike nell’organismo per un periodo di tempo indeterminato e non previsto.
  • La resistenza agli antibiotici del plasmide lo rende difficile da rimuovere dall’intestino e potrebbe esacerbare la resistenza generale agli antibiotici nell’uomo alla neomicina e alla kanamicina.
  • I livelli di contaminante superano i limiti dell’EMA.
  • L’EMA era a conoscenza del rischio di contaminazione e ha fissato dei limiti, anche se non è chiaro perché e come. Ciò significa che l’EMA era a conoscenza della potenziale presenza di dsDNA e del rischio prima che le terapie geniche fossero diffuse.
  • I plasmidi hanno l’effetto di trasformare l’ospite umano in un terreno di coltura per i plasmidi e, a loro volta, per l’mRNA che può contenere la codifica della spike, aumentando così il carico complessivo di proteine spike.
  • EDIT : la presenza dei plasmidi suggerisce che i livelli di endotossina LPS dovrebbero essere indagati a causa del potenziale di avvelenamento che può essere dannoso o fatale.
  • Questo fenomeno solleva seri interrogativi sull’intero processo di controllo della qualità della produzione, sulla QA e sul controllo normativo, a livello globale.
  • L’enorme volume di contaminazione potrebbe portare all’integrazione nel genoma dell’ospite di dsDNA con effetti sconosciuti e in tempi sconosciuti.

 

Corollari complessi ed effetti sistemici

La ricerca di McKernan ci dà un’idea degli effetti incredibilmente complessi e sistemici delle terapie geniche Covid. Nel contesto dell’ampiezza, della velocità e della giustificazione del lancio globale, tutto ciò è incredibile. Inoltre, questo lavoro viene svolto privatamente e in modo indipendente, senza il supporto di enti regolatori o produttori, e non è mai stato fatto prima. Questo significa che o si trascurano intenzionalmente queste aree di ricerca sistemica sui trattamenti genetici o che si tollera intenzionalmente o addirittura si intende distribuire prodotti con effetti genetici noti e sconosciuti sulla razza umana. Ancora una volta, questo è un altro esempio dei fallimenti potenzialmente monumentali del processo di sviluppo e diffusione della terapia genetica Covid.

Come afferma McKernan, questi prodotti e questi problemi identificati sono stati iniettati nei bambini. Il carico di mRNA è stato ora rilevato nel latte materno e nel sangue, il che significa che è potenzialmente trasferibile attraverso l’allattamento al seno (si veda l’affermazione che i prodotti sono sicuri ed efficaci per le donne) e attraverso la trasfusione di sangue.

Dobbiamo anche determinare se l’mRNA, i contaminanti e la proteina spike sono presenti in qualsiasi secrezione corporea, il che costituirebbe ciò che viene grossolanamente definito nei circoli profani come “shedding” di qualche forma. Se tali fenomeni vengono rilevati a livelli significativi, tali che il trasferimento di uno qualsiasi dei materiali possa conferire un effetto al ricevente, si tratterebbe di un altro esempio di effetti non dichiarati sulla popolazione in generale. In extremis, ciò potrebbe addirittura costituire la prova di quello che è stato definito un “vaccino che si diffonde da solo”.

 

Non finisce qui

Le implicazioni della ricerca di McKernan non finiscono qui. C’è altro da considerare. Pensiamo a ciò che ci si aspettava e che veniva comunicato su questi prodotti dal punto di vista dei pazienti.

 

Il contenuto atteso della terapia genica monovalente Covid di Pfizer

Ci concentreremo sul regime normativo MHRA del Regno Unito per Pfizer e sulla relativa documentazione per illustrare gli ingredienti attesi e comunicati della terapia genica Covid.

I presunti ingredienti della terapia genica monovalente Covid di Pfizer si trovano in diversi luoghi, tra cui:

  1. documentazione regolatoria del produttore e. documentazione di sperimentazione;
  2. contratti di fornitura del produttore.
  3. documentazione di analisi e approvazione regolatoria, ad esempio EUA o CMA*;
  4. foglietti illustrativi del produttore*;
  5. foglietti illustrativi per il paziente dell’ente regolatorio*;

*Questi documenti sono, per definizione, disponibili al pubblico.

Come dimostrato dal caso Pfizer FDA FOIA (richiesta di accesso agli atti, ndr), i documenti normativi presentati dai produttori non sono pubblici. I produttori mantengono la piena proprietà commerciale su tutti i dati degli studi clinici e possono potenzialmente nascondere varie forme di dati alle autorità di regolamentazione, che dipendono dal produttore per rispondere alle domande fino al punto in cui la curiosità dell’autorità di regolamentazione su una determinata questione è soddisfatta. Un esempio di dati trattenuti è lo studio di biodistribuzione di Pfizer. Questo è stato richiesto dall’autorità di regolamentazione giapponese, ma non da quelle statunitensi, britanniche ed europee.

I contratti di fornitura sono completamente riservati, ma alcuni sono stati parzialmente divulgati.

Ecco la pagina principale dell’MHRA per l’approvazione regolamentare del vaccino Pfizer/BioNTech per il COVID-19.

Ecco una versione archiviata del “Foglio illustrativo: Informazioni per il destinatario COVID-19 mRNA Vaccine BNT162b2 concentrato per soluzione iniettabile tozinameran” elencato nell’ultimo aggiornamento del 12/2021. In esso si legge:

Cosa contiene il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2

Il principio attivo è il tozinameran.

Dopo la diluizione, il flacone contiene 6 dosi da 0,3 mL con 30 microgrammi di tozinameran ciascuna.

Questo vaccino contiene polietilenglicole/macrogol (PEG) come parte di ALC-0159.

Gli altri ingredienti sono:

  • ALC-0315 = (4-idrossibutil)azandiil)bis(esano-6,1-diil)bis(2-esildecanoato),
  • ALC-0159 = 2[(polietilenglicole)-2000]-N,N-ditetradecilacetamide, – 1,2-Distearoil-sn-glicero-3-fosfocolina,
  • colesterolo,
  • cloruro di potassio,
  • potassio diidrogeno fosfato,
  • cloruro di sodio,
  • idrogeno fosfato disodico diidrato,
  • saccarosio
  • acqua per iniezioni

Questo elenco di ingredienti specifica gli ingredienti proprietari tozinameran, ALC-0315 e ALC-0159. Tozinameran è il nome proprietario del carico di mRNA che contiene le istruzioni per la codifica della proteina spike che vengono consegnate ai ribosomi del paziente. ALC-031 e 0159 sono componenti dell’involucro della nanoparticella lipidica sintetica che protegge il carico utile di tozinameran e consente la trasfezione.

Nessun altro ingrediente è implicito in questo foglio illustrativo. Non sono indicate specifiche di controllo della qualità, compresa la possibilità o la tolleranza di contaminazione di qualsiasi tipo.

Le Informazioni per gli operatori sanitari sul vaccino COVID-19 Pfizer/BioNTech (Regolamento 174) dell’MHRA contengono lo stesso elenco di ingredienti (“6.1 Elenco degli eccipienti”) e quanto segue:

Tozinameran è un RNA messaggero (mRNA) altamente purificato, a singolo filamento e 5′-capped, prodotto mediante trascrizione in vitro senza cellule dai corrispondenti modelli di DNA, che codifica la proteina spike (S) virale del SARS-CoV-2.

Ma ancora una volta, questo documento non menziona alcuna possibilità di contaminazione o di materiale genetico aggiuntivo.

Il rapporto di valutazione pubblica dell’MHRA Autorizzazione alla fornitura temporanea del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (BNT162b2 RNA) concentrato per soluzione iniettabile elenca e descrive i suddetti ingredienti. Nella sezione II.2 SOSTANZA ATTIVA, una frase specifica riguarda il tozinameran e gli aspetti della sua produzione (grassetto mio):

…Nel complesso, la produzione del principio attivo a partire dai materiali di partenza designati è stata adeguatamente descritta e sono stati applicati adeguati controlli in corso di lavorazione e adeguate specifiche dei materiali di partenza.

I materiali di partenza sono l’adenosina trifosfato, la citidina trifosfato, la guanosina trifosfato, l’uridina trifosfato modificata, il 5′ Cap e il modello di DNA da cui viene trascritto l’RNA. Il modello di DNA da cui viene trascritto l’RNA è fondamentale per la fedeltà dell’mRNA.

La fabbricazione del modello di DNA è stata descritta. Viene prodotto attraverso la fermentazione in una linea cellulare di Escherichia coli consolidata e ben controllata, estratto e purificato. Le specifiche che controllano la qualità del DNA template sono soddisfacenti. Sono stati forniti i dati dei lotti del modello di DNA per diversi lotti per i quali è stato osservato un livello accettabile di coerenza tra i lotti. La genealogia del prodotto finito può essere fatta risalire al lotto di origine del DNA template. Il processo di trascrizione enzimatica dell’RNA in vitro è stato adeguatamente descritto. Il 5’cap e la coda di poli(A) sono co-trascritti con il codone della proteina spike S1S2.

Si nota che i parametri operativi di questo processo coprono un ampio intervallo, tuttavia ciò non solleva alcuna preoccupazione immediata per il lotto in esame. I dati di convalida su scala completa per la trascrizione dell’RNA dimostrano la coerenza e la ripetibilità del funzionamento del processo e sono accettati in quanto qualificano che il processo ha funzionato ai suoi set point target. Il produttore ha eseguito una valutazione di comparabilità dei lotti di sostanza farmacologica utilizzati nel programma di sperimentazione clinica e dei lotti rappresentativi delle successive modifiche di produzione avvenute durante lo sviluppo del prodotto, come l’introduzione di nuovi siti di produzione, le modifiche del processo di produzione e l’aumento della scala dei lotti, compresi i lotti di convalida su scala completa.

Sono stati presi in considerazione i dati di rilascio dei lotti della sostanza farmaceutica per i parametri essenziali che controllano la qualità dell’RNA attivo e diversi parametri dei test di caratterizzazione estesi. Questi dati dimostrano la coerenza tra la sostanza farmaceutica descritta per questa domanda e quelli utilizzati nello studio clinico pivotal. I metodi di procedura analitica sono stati descritti e sono considerati adeguatamente qualificati per controllare questo lotto nel contesto di un’approvazione specifica per il lotto.

La durata di conservazione dell’RNA BNT162b2 (sostanza farmacologica) è stata fornita ed è soddisfacente in relazione alla cadenza tra la produzione della sostanza farmacologica e del prodotto farmaceutico.

Come evidenziato, il principio attivo dell’mRNA della terapia genica Comirnaty deriva dalla produzione di un modello di DNA che viene coltivato all’interno di un ceppo E. Coli, dal quale viene derivato, estratto e purificato l’mRNA desiderato. L’intera sezione implica che da questo processo di produzione non si estrae nient’altro che il principio attivo desiderato.

Supponiamo che la regolamentazione end-to-end della progettazione, della produzione e della distribuzione del prodotto da parte dell’MHRA controlli adeguatamente i processi di Pfizer (nonostante le conclusioni contrarie di McKernan).

 

Contratti di fornitura Pfizer

VST ha scritto qui del contratto di fornitura brasiliano di Pfizer trapelato. Il responsabile di Pfizer Brasile ha testimoniato che i termini del contratto di fornitura erano comuni a 110 Paesi. Sebbene il contratto di fornitura trapelato sia chiaramente solo uno dei molteplici documenti (le specifiche sono state citate e probabilmente sono di grande interesse e rilevanza per questo articolo), esso fornisce comunque una visione delle restrizioni in base alle quali si svolge l’attività regolatoria dell’MHRA.

Nell’ambito di questo contratto, Pfizer ha garantito solo che “al momento della consegna, il Prodotto è sostanzialmente conforme alle relative Specifiche”. In assenza di dettagli sulle specifiche, l’accettazione esplicita di un prodotto dall’efficacia sconosciuta significa che è possibile che Pfizer sia stata incaricata di fornire solo un prodotto realizzato con gli ingredienti specificati in un modo specifico (buon processo di fabbricazione) che soddisfa le specifiche, ma non ha prestazioni specifiche. D’altra parte, la specifica avrebbe potuto contenere criteri di prestazione legati ai risultati degli studi sull’efficacia, ad esempio. Senza la specifica non possiamo saperlo.

Il Brasile ha solo 24 ore di tempo dal momento del ricevimento per esercitare la sua capacità di rifiutare un prodotto difettoso. Ciò richiede che il Brasile sia in grado di identificare difetti di qualsiasi tipo in questo lasso di tempo. E se alcuni di questi difetti si manifestassero solo una volta somministrati in un soggetto? Pertanto, se il Brasile può rifiutare il prodotto solo sulla base della sua limitata capacità di individuare difetti del prodotto prima della somministrazione entro 24 ore, ad esempio confezioni danneggiate, ingredienti identificabili o problemi di consistenza, violazioni della catena del freddo, eccetera, il diritto di rifiutare è estremamente limitato.

Supponendo che le stesse condizioni si applichino al Regno Unito per un determinato lotto, l’MHRA ha 24 ore di tempo dal ricevimento formale per ispezionare qualsiasi aspetto del prodotto e identificare le carenze. Nel caso del contenuto, l’MHRA dovrebbe avere una conoscenza più approfondita e specifiche della composizione del prodotto, comprese le informazioni genetiche, rispetto a quanto riportato nei documenti di riferimento sopra citati, per essere in grado di sequenziare e analizzare i campioni del lotto rispetto a una specifica dettagliata che non è descritta nel documento EPAR dell’MHRA. L’ente regolatore dovrebbe ispezionare il contenuto delle fiale in modo simile a McKernan per rilevare la contaminazione da dsDNA.

 

Contesto normativo e medico che influisce sul consenso informato del paziente

Il primo articolo di McKernan, Deep sequencing of the Moderna and Pfizer bivalent vaccines, identifica la contaminazione dei vettori di espressione progettati per l’amplificazione plasmidica nei batteri, contiene un’ampia panoramica delle questioni fondamentali e di quelle che riguardano la sicurezza e l’efficacia delle terapie geniche Covid. Segue un riassunto laico.

In primo luogo, McKernan illustra la situazione attuale delle terapie geniche Covid.

  1. Nonostante l’autorizzazione alle terapie geniche, l’EMA e il TGA hanno riscontrato prove di difetti di produzione e di qualità, descritti come “problemi di fedeltà”. L’MHRA ha dichiarato: “Il modello di DNA da cui viene trascritto l’RNA è fondamentale per la fedeltà dell’mRNA”. Si tratta di un riferimento ai vettori di espressione (plasmidi).
  2. McKernan sottolinea che è impossibile per un paziente dare un consenso informato adeguato se il trattamento è “scarsamente caratterizzato”, ossia se i suoi ingredienti, la qualità, gli effetti positivi e/o negativi e il rischio-beneficio complessivo non sono compresi e spiegati correttamente. Secondo la documentazione dell’MHRA, se il trattamento non funziona come pubblicizzato, contiene ingredienti non dichiarati (o contaminanti) o conferisce rischi non dichiarati, il consenso informato è fuori discussione.
  3. L’associazione di rischi finora non dichiarati di miocardite e pericardite sono esempi di rischi non dichiarati che incidono sulla sicurezza e sull’efficacia complessiva del trattamento. Molti pazienti hanno assunto questi prodotti senza essere a conoscenza dei rischi di miocardite/pericardite. Il loro processo decisionale sarebbe stato influenzato da questo, se lo avessero saputo in anticipo.
  4. Gli effetti negativi del trattamento possono essere esacerbati dal metodo di somministrazione, in particolare dalla pratica diffusa dell’iniezione non aspirata che aumenta il rischio di iniezione endovenosa involontaria e indesiderata in un vaso sanguigno.
  5. Questi rischi devono essere accuratamente soppesati rispetto a quelli presentati dal virus e dall’infezione, che è dimostrata essere inferiore a un tasso di mortalità per infezione dello 0,5% sulla base dei numeri di infezione e morte pubblicati utilizzando dati ufficiali discutibili.
  6. L’immunità naturale che deriva dal recupero dall’infezione è nota e ammessa come più efficace di qualsiasi immunità conferita dal trattamento.
  7. È necessario considerare il tipo di immunità conferita dal trattamento. Questi trattamenti seguono una strategia a epitopo ristretto, ossia innescano una risposta immunitaria che si concentra solo su una parte altamente specifica (un antigene) del virus, di cui un epitopo è una sottounità dell’antigene più grande.
  8. Una strategia a epitopo ristretto fa sì che il virus muti facilmente in modo che le varianti successive eludano la risposta immunitaria ristretta e altamente specifica, lasciando il paziente vulnerabile a ulteriori infezioni da parte di nuove varianti. I richiami non servono a risolvere questo problema, soprattutto perché i richiami non vengono riformulati e i pazienti hanno ricevuto finora più richiami della stessa formulazione.
  9. Le analisi in corso suggeriscono che la capacità complessiva del sistema immunitario del paziente viene in realtà degradata. Il paziente è di fatto costretto ad assumere più booster per compensare, erroneamente, il degrado indotto dal trattamento. In questo modo, il paziente entra in un ciclo di feedback positivo in cui la capacità complessiva del suo sistema immunitario continua ad essere ulteriormente degradata. Questo mina completamente il consenso informato, perché viene detto ai pazienti di sottoporsi a ulteriori trattamenti con falsi pretesti, ad esempio: a) “L’Australia è ora vaccinata al 96% (16+ 2 dosi) e gli ospedali sono più ricchi del 96% di pazienti vaccinati. L’eccesso di mortalità in Australia è più alto dopo la vaccinazione che durante la pandemia pre-vaccinazione”.
  10. Pfizer, ad esempio, ha intenzionalmente travisato la riduzione del rischio del suo trattamento presentando la riduzione del rischio relativo invece della riduzione del rischio assoluto, violando così la politica della FDA.
  11. Il controllo di qualità è gravemente inadeguato, al punto che McKernan afferma che la fedeltà di questi trattamenti non è stata dimostrata. Si tratta di un problema fondamentale, dato che il processo di progettazione e produzione del trattamento è soggetto a errori. L’enorme numero di particelle di mRNA che vengono somministrate in una singola dose significa che la quantità di particelle di mRNA difettose (frammentate) può essere enorme e conferire rischi praticamente sconosciuti, prima di considerare il contaminante dsDNA che, secondo McKernan, supera i limiti dell’EMA di ordini di grandezza.
  12. Poiché la garanzia di qualità/fedeltà dei trattamenti è inadeguata, vi sono ambiguità su ciò che esattamente viene iniettato ai pazienti. Non si può presumere che l’mRNA difettoso sia assente o presente in quantità innocue, e non sono stati condotti test di sicurezza sugli effetti di materiale genetico errato o contaminante.

 

Si tratta di un’enorme bomba inesplosa.

Prendete tutto quello che avete letto qui, fate un passo indietro e un respiro profondo.

In attesa di una conferma certa del lavoro di McKernan, ecco il modo più semplice per riassumere ciò che stiamo osservando:

I pazienti non hanno la più pallida idea di cosa sia stato loro iniettato, di quali effetti avrà su di loro nell’arco di un qualsiasi periodo di tempo e del motivo per cui è stato permesso loro di essere messi in questa posizione.

In queste circostanze e a fronte delle informazioni fornite dalle autorità di regolamentazione ai pazienti, delle indicazioni fornite ai pazienti e delle affermazioni sulla sicurezza e sull’efficacia, il consenso informato dei pazienti non poteva esistere.

Ci sono due ragioni molto semplici per cui questo potrebbe essere il caso:

  1. Le autorità di regolamentazione non sapevano cosa contenessero effettivamente i lotti di produzione delle iniezioni monovalenti o bivalenti, perché non hanno eseguito alcun tipo di analisi efficace su di essi.
  2. Sapevano cosa c’era nelle iniezioni e non hanno fatto nulla.

In entrambi i casi, gli enti regolatori e tutti coloro che operavano sotto la loro autorità hanno spacciato la menzogna che le iniezioni contenevano solo gli ingredienti elencati nelle informazioni regolamentari e del produttore, sostenendo falsamente che le iniezioni erano sicure ed efficaci.

Alla luce del lavoro di McKernan, l’unica cosa che si può dire che sarebbe vera è “non sappiamo se le iniezioni sono sicure e le nostre affermazioni di efficacia sono dimostrate false dai dati prodotti nello studio clinico di fase 3 e da quelli successivi”.

 

explosion nuclear bomb in ocean
explosion nuclear bomb in ocean

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments