La storia di Matteo, uno dei cristiani copti trucidati sulle spiagge libiche da uomini dell’ISIS nel 2015.

“L’uomo così tranquillamente inginocchiato lì in tranquilla attesa del coltello che gli sarebbe stato portato in gola è – si potrebbe immaginare – non solo il figlio di un’altra terra e civiltà, ma anche di un’epoca che da tempo è affondata nel buio della storia: un tempo in cui le persone sapevano esattamente chi erano, e si fidavano di quel linguaggio che presupponeva la realtà, suggellando il proprio destino e non lasciando dubbi su ciò che esso rendeva. I racconti di persone che proclamano “io sono cristiano”, quando sanno che la conseguenza sarà la morte, hanno un anello simile ad un fiaba per le nostre orecchie contemporanee. Si potrebbe essere tentati di dire che è impossibile per chiunque pensare in questo modo oggi, se il sangue di Matteo non fosse fluito dalla sua gola nel mare della Sirte.”

Un brano tratto da The 21: A Journey into the Land of Coptic Martyrs, di Martin Mosebach, nella mia traduzione:

21 coopti martiri dell'ISIS

21 coopti martiri dell’ISIS

 

Il Martyrologium Romanum elenca il 30 agosto come la festa dei santi martiri Felice e Adauctus. Felice era probabilmente un cittadino romano condannato a morte nel 303 durante la persecuzione di Diocleziano. Durante il tragitto verso la sua esecuzione fu visto da uno sconosciuto che, commosso dalla vista di Felice in catene, professò sul posto la sua fede cristiana. Fu poi decapitato al fianco di Felice e, poiché il suo nome rimase sconosciuto, viene venerato come Sant’Adauctus, “l’uomo aggiunto”.

Anche i copti martirizzati su una spiaggia libica nel 2015 hanno avuto un Adauctus, un giovane nero del Ghana che era stato rapito. Inizialmente il suo paese d’origine non era chiaro, e durante la mia visita a El-Aour si parlava ancora di un uomo del Ciad o del Senegal. Ma data l’imprecisa comprensione della provenienza tra la gente con cui ero, la menzione di questi toponimi probabilmente significava poco più che “da lontano”.  Probabilmente non c’erano copti in patria. I rapitori, mi è stato detto, pensavano che non fosse cristiano e volevano lasciarlo andare. Ma lui non lo pensava allo stesso modo: che fosse cattolico, protestante, o appartenente a un’altra fede cristiana, non si preoccupava molto di tali distinzioni. E così i rapitori dovevano credere alla sua parola; era cristiano e lo diceva, e questo bastava per ucciderlo insieme agli altri.

All’inizio ho pensato plausibile che il Synaxarium [la lista liturgica dei martiri copti] lo chiamasse “Matteo” per convenienza, per non dover parlare di un altro “Adauctus”. Nel frattempo, però, ho appreso che il suo nome era in realtà Matteo – e non poteva essere nominato meglio per diventare un santo copto come un africano subsahariano dalla pelle scura. All’evangelista e apostolo Matteo, martirizzato in Etiopia, è tradizionalmente attribuito il merito di aver fondato la Chiesa etiope, la chiesa sorella della Chiesa copta fondata da Marco Evangelista. Così, anche se Matteo non era etiope, il suo nome lo collega ai cristiani copti di tutta l’Africa subsahariana. La Chiesa copta ha rispettato il suo rifiuto di essere separato dai suoi compagni di prigionia, facendo di lui uno dei suoi figli.

Le uniche immagini che abbiamo di Matteo sono i fotogrammi del video che lo mostrano inginocchiato sulla sabbia, tra gli egiziani, con una tuta arancione. Sembra che nessuno in patria abbia sentito la sua mancanza per un bel po’ di tempo. Mentre gli egiziani erano accompagnati nel loro ultimo viaggio dalle speranze e dalle preghiere dei loro parenti, quelli di Matteo hanno saputo del suo destino solo più tardi. Egli sembra nel video sia devoto sia rassegnato; la sua espressione non mostra alcuna paura o tensione. Il suo assassino lo tiene per il colletto, come preoccupato che possa saltare e scappare da un momento all’altro, e così il suo collo nudo, che presto verrà tagliato, è quasi completamente esposto. La sua postura è particolarmente retta.  Potrebbe aver capito il discorso minaccioso pronunciato in inglese dal leader degli assassini. In ogni caso, sicuramente non aveva dubbi sulla gravità e sulla mancanza di speranza della sua situazione. Ma non lo vedeva come un motivo per non tenere la testa alta. Le cose non potevano andare peggio, ma sembra aver riconosciuto che non poteva farci nulla.

Che tipo di uomo era Matteo? Si era avventurato dall’Africa occidentale al Mediterraneo come lavoratore migrante, ed è stato decapitato volontariamente insieme a uomini di un’altra nazione. Quali conclusioni potremmo trarre dal poco che sappiamo di lui?

Sono cristiano”, mi è stato detto che ha detto: Non “ Io credo in Cristo”. La fede appartiene al regno del significato, della certezza, della convinzione; è qualcosa che dichiariamo di noi stessi che comporta sempre dei rischi, poiché nessuno è sconosciuto a noi come noi stessi. Abbastanza spesso abbiamo avuto l’esperienza di una certezza apparentemente assoluta, di un pensiero incontrovertibile, che inizia a decadere inesorabilmente non appena pronunciato, tanto che ci rendiamo conto – con un senso di sollievo e una coscienza colpevole – che avremo chiaramente dei dubbi su ciò che abbiamo appena professato. In Marco 9,24, il padre del bambino epilettico si impegna con queste parole di preghiera nei confronti di Gesù: “Signore, io credo, aiuta la mia incredulità!” Poche persone nella folla circostante che affermano di essere credenti osano andarsene dopo il miracoloso ritorno in salute del bambino.

Al contrario, le parole “io sono cristiano” contengono un grado liberatorio di obiettività. È vero, i cristiani diventano cristiani attraverso la fede, ma c’è anche un aspetto dei sacramenti che non dipende dalla fede: si diventa cristiani attraverso il Battesimo. (Il cristianesimo implica anche l’innegabile fatto che la trasformazione spirituale può essere realizzata per mezzo di cose materiali come l’acqua e l’olio, il vino e il pane.)

Un battezzato può anche dire “io sono cristiano” quando è sopraffatto dal dubbio perché, secondo gli insegnamenti della Chiesa, anche il dubbio più corrosivo non può alterare l’efficacia del battesimo. Ma la dichiarazione di Matteo, “Sono cristiano”, non lascia spazio a dubbi o a considerazioni fuori luogo. Tutto deve essere stato piuttosto semplice per lui.

Immagino che il suo cristianesimo fosse indiscutibile per lui quanto il colore della sua pelle. Negare il suo cristianesimo, a mio avviso, lo avrebbe colpito meno come un tradimento, e più come un cedimento alla disperazione. Probabilmente l’avrebbe trovato inutile.

I suoi rapitori non avevano guardato abbastanza attentamente quando hanno cercato di lasciarlo andare – a un esame più approfondito, si sarebbero presto resi conto che era così sicuro della sua fede che avrebbe potuto anche essere scritto sulla sua fronte. L’uomo così tranquillamente inginocchiato lì in quieta attesa del coltello che gli sarebbe stato portato in gola è – si potrebbe immaginare – non solo il figlio di un’altra terra e civiltà, ma anche di un’epoca che da tempo è affondata nel buio della storia: un tempo in cui le persone sapevano esattamente chi erano, e si fidavano di quel linguaggio che presupponeva la realtà, suggellando il proprio destino e non lasciando dubbi su ciò che esso rendeva. I racconti di persone che proclamano “io sono cristiano“, quando sanno che la conseguenza sarà la morte, hanno un anello simile ad un fiaba per le nostre orecchie contemporanee. Si potrebbe essere tentati di dire che è impossibile per chiunque pensare in questo modo oggi, se il sangue di Matteo non fosse fluito dalla sua gola nel mare della Sirte.

Il fatto che la Chiesa copta annoveri Matteo tra i suoi nuovi santi non era affatto scontato. Se fosse sopravvissuto ed avesse espresso il desiderio di essere accettato come copto, avrebbe dovuto essere battezzato di nuovo perché, come molte chiese ortodosse, la Chiesa copta non riconosce i battesimi di un’altra chiesa.

Quindi Matteo è semplicemente una persona non battezzata che in qualche modo è diventato un santo?  Niente affatto. Con la sua disponibilità a morire accanto ai suoi compagni copti, ha ricevuto il battesimo del sangue sulla costa libica: il suo stesso sangue ha preso il posto sia dell’acqua santa che del battesimo del sacerdote.

 

Fonte: Catholic Herald 

 

Facebook Comments