Le mascherine facciali peggiorano la malattia e non hanno alcun impatto sul rischio di infezione oculare. Un articolo scritto dal Dott. Robert. W. Malore, pioniere della tecnologia dell’mRNA. Ve lo proponiamo nella nostra traduzione. 

 

Dott. Robert W. Malone
Dott. Robert W. Malone

 

L’effetto Foegen

Un meccanismo per cui le mascherine facciali contribuiscono al tasso di mortalità dei casi COVID-19

Fögen, Zacharias MD∗ The Foegen effect, Medicine: February 18, 2022 – Volume 101 – Issue 7 – p e28924 doi: 10.1097/MD.0000000000028924

Sommario: Ampie evidenze in letteratura supportano l’uso obbligatorio di mascherine per ridurre il tasso di infezione da sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2, che causa la malattia da coronavirus (COVID-19). Tuttavia, l’effetto dell’uso della mascherina sul decorso della malattia rimane controverso. Questo studio mirava a determinare se l’uso obbligatorio della mascherina influenzasse il tasso di mortalità dei casi in Kansas, USA, tra il 1° agosto e il 15 ottobre 2020.

Questo studio ha applicato dati secondari sugli aggiornamenti dei casi, sull’obbligo di mascherina e sullo stato demografico dello Stato del Kansas, USA. Su questi dati è stata condotta un’analisi di parallelizzazione basata su dati a livello di contea. I risultati sono stati controllati eseguendo più analisi di sensibilità e un controllo negativo.

Un’analisi di parallelizzazione basata sui dati a livello di contea ha mostrato che in Kansas, le contee con obbligo di mascherina avevano tassi di mortalità significativamente più elevati rispetto a quelle senza obbligo di mascherina, con un rapporto di rischio di 1,85 (intervallo di confidenza al 95% [95% CI]: 1,51-2,10) per i decessi correlati al COVID-19. Anche dopo aver corretto il numero di “persone protette”, cioè il numero di persone non infette nel gruppo con obbligo di mascherina rispetto al gruppo senza mascherina, il rapporto di rischio è rimasto significativamente alto, pari a 1,52 (95% CI: 1,24-1,72). Analizzando l’eccesso di mortalità in Kansas, questo studio determina che oltre il 95% di questo effetto può essere attribuito esclusivamente al COVID-19.

Questi risultati suggeriscono che l’uso della mascherina potrebbe rappresentare una minaccia ancora sconosciuta per l’utilizzatore, invece di proteggerlo, rendendo l’obbligo della mascherina un intervento epidemiologico discutibile.

La causa di questa tendenza viene qui spiegata utilizzando la teoria dell'”effetto Foegen”; in altre parole, la re-inalazione profonda di goccioline ipercondensate o di virioni puri catturati sotto forma di goccioline nelle maschere facciali può peggiorare la prognosi e potrebbe essere collegata agli effetti a lungo termine dell’infezione da COVID-19. Sebbene l'”effetto Foegen” sia stato dimostrato in vivo in un modello animale, sono necessarie ulteriori ricerche per comprenderlo appieno.

Il mio amico Dr. Byram W. Bridle ha scritto un ottimo articolo su un tema che mi sta molto a cuore. Consiglio vivamente di leggere l’intero articolo. Di seguito ne riportiamo un estratto:

Smettete di mascherare i bambini che hanno bisogno di interagire con il mondo microbico

Isolare i bambini dal mondo microbico favorisce lo sviluppo di malattie croniche.

I bambini piccoli devono interagire con il mondo microbico. È assolutamente essenziale per il corretto sviluppo del loro sistema immunitario. Non mi addentrerò in troppi dettagli scientifici perché ne ho parlato in un articolo pubblicato su The Conversation nel marzo 2021. Si intitola “Un anno di restrizione per COVID-19 mette i bambini a rischio di allergie, asma e malattie autoimmuni”. ”.

In poche parole, nasciamo con un sistema immunitario ingenuo e immaturo. Il nostro sistema immunitario non matura completamente fino all’adolescenza, ma la maggior parte dello sviluppo avviene tra la nascita e i sei anni di età.

La capacità del sistema immunitario di autoregolarsi si basa sulle interazioni con il mondo microbico, soprattutto attraverso le interazioni con altre persone, in particolare con i membri della famiglia. In questo modo il sistema immunitario impara a distinguere le cose pericolose da quelle che non lo sono. A sua volta, il sistema immunitario diventerà in grado di rispondere ai pericoli, prevenendo al tempo stesso le risposte potenzialmente dannose a ciò che non rappresenta una minaccia, come le molecole ambientali inerti, i normali batteri residenti nell’intestino, ecc.

L’isolamento del bambino dai microbi non pericolosi presenti nel suo ambiente compromette le componenti “immunoregolatrici” del suo sistema immunitario. Un sistema immunitario sregolato si manifesta spesso sotto forma di allergie, asma e malattie autoimmuni.

Mi sono sentito costretto a scrivere di questo problema nel maggio 2021, dopo aver assistito all’isolamento cronico di bambini per più di un anno. Un anno è stato il momento in cui ho ritenuto che il sistema immunitario dei bambini potesse subire danni sostanziali e potenzialmente irreparabili. Sono sconcertato dal fatto che molti bambini stiano sopportando questa situazione da ben più di due anni, senza che per alcuni sia prevista una fine.

Le mascherine sono controverse e, probabilmente, largamente inefficaci nel prevenire la diffusione dei virus in modi diversi da tosse e starnuti. Tuttavia, possono rappresentare una barriera ragionevole per le particelle ambientali più grandi (ad esempio, particelle di polvere, forfora, polline, ecc.) e per i batteri. Se a ciò si aggiunge l’uso eccessivo di prodotti come i disinfettanti antibatterici per le mani, la chiusura in casa e la mancanza di interazioni fisiche, siamo sulla buona strada per avere una microgenerazione di bambini che saranno stati isolati come nessun altro essere umano nella storia.  Purtroppo, questi bambini faranno ora parte di un esperimento imprevisto su scala globale, che servirà a valutare realmente la validità della cosiddetta “ipotesi dell’igiene”. Anche se vorrei sbagliarmi, i principi immunologici di base suggeriscono che i bambini molto piccoli che hanno dovuto subire le politiche di isolamento per COVID-19 potrebbero trovarsi di fronte ai più alti tassi di malattie autoimmuni, allergie e asma della storia umana.

Il dottor Bridle conclude il suo articolo con la seguente dichiarazione:

Andare avanti

La morale di questa storia è smettere di isolare i nostri bambini dal loro mondo microbico. Lasciateli sporcare. Lasciateli interagire con altri bambini. Lasciate che abbraccino i membri della famiglia e gli amici. Prendete in considerazione l’idea di prendere un gatto o un cane con cui possano interagire da vicino. Portateli a fare escursioni nei boschi o in campagna. Fate in modo che si lavino le mani con il normale sapone, ma riducete i saponi antibatterici e i disinfettanti. Ogni volta che si uccide la normale flora della pelle si rischia di ripopolarla di agenti patogeni.

E, per carità, lasciate che i bambini vedano le bocche degli altri per imparare a parlare correttamente.

Il male fatto negli ultimi due anni e mezzo è fatto. Ma, per favore, non continuiamo a rinchiudere, allontanare fisicamente e mascherare i nostri figli fino alla nausea. Non per la SARS-CoV-2, non per l’influenza annuale, non per il vaiolo delle scimmie. Non per qualsiasi cosa, a meno che non sia dimostrato, attraverso una scienza trasparente, obiettiva, divulgata pubblicamente e discussa apertamente, che si tratta di una minaccia reale per la vita di una percentuale sostanziale di bambini.

Manifestazioni oculari e trasmissione del COVID-19: Raccomandazioni per la prevenzione

Cliccare qui per l’articolo originale completo

Premessa

La malattia da coronavirus 2019 (COVID-19), causata da un nuovo coronavirus denominato coronavirus-2 della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV-2), è stata collegata a segni e sintomi oculari in diverse casistiche. La ricerca ha dimostrato che la SARS-CoV-2 si diffonde principalmente attraverso il contatto ravvicinato tramite le goccioline respiratorie, ma esiste la possibilità di una trasmissione oculare, con la congiuntiva che funge da tramite e da fonte di infezione.

Discussione

Le manifestazioni oculari della SARS-CoV-2 includono la congiuntivite follicolare e sono state ripetutamente riscontrate come sintomo iniziale o successivo nei pazienti COVID-19-positivi. Soprattutto nei pazienti con manifestazioni oculari, è dimostrato che il virus può essere presente nelle lacrime, in base al rilevamento del SARS-CoV-2 in campioni di tampone congiuntivale tramite la reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa. Il virus può quindi essere trasmissibile dalla superficie oculare a un nuovo ospite attraverso il contatto con la mucosa oculare, le lacrime o i fomiti successivi.

Conclusioni

Tutti gli operatori sanitari devono chiedere ai pazienti se i sintomi oculari sono compatibili con la SARS-CoV-2 e utilizzare protezioni per gli occhi, come occhiali o schermi facciali, come parte dell’equipaggiamento di protezione personale standard per i pazienti ad alto rischio, oltre a indossare maschere sia da parte del paziente che dell’operatore, e devono considerare le lacrime come potenzialmente infettive.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments