Intorno alla figura di mons. Carlo Maria Viganò si è creato un grande dibattito per le sue prese di posizione. Rilancio la “difesa” di mons. Viganò scritta da Barbara J. Farrah, non tanto per la difesa in senso stretto, quanto per i contenuti sollevati che credo meritino riflessione e approfondimento. L’articolo della Farrah è apparso sulla rivista Crisis Magazine e ve la propongo nella mia traduzione. 

 

Madonna-di-Fatima-e-mons.-Carlo-Maria-Vigano
Madonna di Fatima e mons. Carlo Maria Vigano

 

Nei suoi scritti su Fatima e sulla Russia, il Venerabile Arcivescovo Fulton Sheen ha sottolineato che il mondo è “diventato così abituato a giudicare gli eventi temporali in termini di altri eventi”, che ha perso di vista quello “standard di giudizio più grande, cioè l’Eterno”. Michael Warren Davis, in un articolo per Crisis, ha recentemente accusato un altro arcivescovo, Carlo Maria Viganò, di essere caduto proprio in questo errore, diventando così assorbito dagli eventi mondani, così “travolto dalle tendenze della politica moderna”, che ha lasciato che “il clamore degli eventi attuali soffocasse… la voce di Dio” e “lo rendesse cieco ai mali del governo russo”.

Non sono assolutamente d’accordo. Infatti, se guardiamo gli scritti di Viganò alla luce della discussione di Sheen su Fatima, possiamo vedere che è vero proprio il contrario. Lungi dall’essere Viganò a soffocare la voce di Dio, è in realtà l’intero mondo occidentale che è colpevole di soffocare non solo la voce di Dio, ma anche i segni molto chiari del Suo intervento e movimento negli eventi mondiali.

Per capire questo, dobbiamo fare un passo indietro e affrontare ciò che Maria intendeva quando ha parlato degli errori della Russia. L’interpretazione più comune è che si riferisse agli errori del comunismo. Ma ci sono diverse ragioni per rifiutare questa interpretazione. In primo luogo, ha parlato di questi errori nella sua apparizione di luglio, mesi prima che i comunisti prendessero il potere. La Rivoluzione di febbraio era stata una rivoluzione “democratica borghese” che aveva messo fine a quella che prima era stata vista come la monarchia zarista divinamente designata. Se Maria intendeva gli errori del comunismo, perché apparire prima che i comunisti prendessero il potere? Perché apparire quando quelli dell’epoca avrebbero pensato che lei si riferisse alla rivoluzione democratica?

Inoltre, il comunismo non era appena nato in Russia nel 1917. A quel tempo, stava diffondendo i suoi errori in Europa e nel mondo da più di 70 anni, e la Chiesa aveva lanciato l’allarme su di esso per tutti quegli anni. Né esso né la sua diffusione erano nuovi per la Russia. In terzo luogo, se Maria intendeva il comunismo, perché non dire semplicemente comunismo o errori comunisti? Perché solo errori?

Sheen ci indica un’altra direzione, in particolare l’anno 1858. Ci chiede di guardare non solo agli eventi mondiali di quell’anno, ma anche a quelli eterni. Rifiutando l’opinione comune che l’Età Moderna sia iniziata con l’ascesa della scienza, cosa che non è in contrasto con la Fede, egli sostiene che è iniziata invece con la scrittura di tre opere fondamentali: Le origini della specie di Darwin, La libertà di Mill e Un contributo alla critica dell’economia politica di Marx. In queste tre opere, l’uomo riassumeva gli errori dell’Età Moderna e annunciava la sua indipendenza da Dio: non siamo stati creati divinamente, ma ci siamo evoluti dalla semplice materia (Darwin, ndr); non c’è un’autorità superiore all’uomo a cui dobbiamo rispondere, la libertà è licenza, le uniche leggi sono quelle che scegliamo di fare (Mill, ndr); e l’uomo e la storia sono guidati dall’economia e dalla politica, non dalla religione e certamente non da qualcosa di spirituale (Marx, ndr).

Questi non sono gli errori del comunismo. Sono gli errori del modernismo. Sono errori che hanno a che fare con la negazione dell’uomo moderno di Dio, della creazione, dell’autorità di Dio sull’uomo, di qualsiasi obbedienza a Lui dovuta. Sheen fa notare che ciò che si diceva effettivamente in quelle opere, in quell’anno 1858, era che tutti gli uomini sono immacolati, tutti nati senza peccato originale. Perché se non c’è stata creazione divina, allora non c’è stata caduta. Nessuna caduta, nessun peccato originale. Se non c’è peccato originale, allora tutti gli uomini nascono immacolati e liberi di essere qualsiasi cosa vogliano essere, rispondendo e non avendo bisogno di alcuna autorità superiore.

Questi furono gli eventi umani chiave del 1858 ai quali Sheen ci indirizza. Poi sposta la nostra attenzione sulla risposta di Dio, il Suo giudizio eterno, che avvenne quello stesso anno: le apparizioni di Lourdes. Maria apparve dal cielo e annunciò: “Io sono l’Immacolata Concezione”. Sheen sottolinea che “nel momento stesso in cui il mondo negava il peccato originale, la nostra Madre ne rivendicava la prerogativa unicamente come sua… lei sola e unica è stata concepita immacolatamente – tutti gli altri sono nati nel peccato originale”.

Nell’apparizione della Beata Madre a Lourdes, nota Sheen, Dio ha risposto all’arrogante pretesa di indipendenza dell’uomo e ha fornito la prova dei suoi errori. La sua stessa apparizione ha detto sì, c’è più della materia; sì, c’è un Dio; sì, c’è un cielo; sì, l’uomo è nato nel peccato originale; e sì, l’uomo deve obbedienza a Dio e riparazioni per i peccati commessi contro di Lui. Ogni errore contenuto in quelle tre opere fondamentali fu contraddetto in quell’unico annuncio: “Io sono l’Immacolata Concezione”.

Così, dice Sheen, iniziò l’Età Moderna – non con la scienza e la ragione, ma con la negazione del peccato originale e la risposta di Dio.

Ma l’uomo non ha preso atto, né ha ascoltato, quel pronunciamento eterno, quel giudizio eterno.

Invece, gli errori modernisti continuarono ad essere diffusi in tutta Europa, insieme a tutti gli altri errori che andavano di pari passo con essi: razionalismo, socialismo, comunismo, e tutti gli altri che Papa Pio IX elencò nella Quanta Cura e nel suo allegato Sillabo degli errori. Ma questo accadeva nel 1864. Nel 1917, quegli errori esistevano e si diffondevano già da più di 50 anni prima della Rivoluzione Russa e dell’apparizione di Maria a Fatima. Non erano unici né per la Russia né per il comunismo. Quindi, cosa c’era di diverso nella Russia perché Maria la individuasse?

La risposta può essere trovata nelle pagine della Rerum Novarum di Papa Leone XIII. In essa, egli dà la risposta della Chiesa al comunismo: l’ineguaglianza e il conflitto di classe non sono aberrazioni da correggere, ma piuttosto fanno parte della condizione umana. L’umanità vive in un mondo decaduto, un mondo abbattuto dalla disobbedienza dell’uomo a Dio. Solo attraverso Dio e con Dio, attraverso la Sua Chiesa, la pace e l’armonia saranno possibili. Tutte le sette, le organizzazioni, le società, le confraternite, tutte le soluzioni governative che i comunisti e i socialisti pensano di poter “aggiustare” il mondo sono futili e deliranti. Nessuna organizzazione o Stato, a parte Dio, potrà mai portare la pace nel mondo. I problemi sociali non possono essere risolti se non da Dio e dalla Sua Chiesa.

Se guardiamo a tutti gli scritti della Chiesa in tutto questo tempo, ciò che vediamo è una crescente preoccupazione non solo per gli errori stessi, ma per la crescente convinzione che l’uomo possa risolvere la condizione umana attraverso la creazione di uno Stato senza Dio, attraverso l’attuazione di meri cambiamenti economici e politici. E questo è ciò che era nuovo in Russia, nella Rivoluzione di febbraio e da completare in quella bolscevica: la creazione con successo di un organismo politico che incorporava tutti quegli errori – uno Stato laico che, a prescindere da qualsiasi riferimento a Dio, sosteneva di essere in grado di risolvere i problemi inerenti alla condizione umana; uno Stato che diceva no a Dio, no a qualsiasi autorità superiore a se stesso, no alla legge naturale; e uno Stato che sarebbe stato abbastanza potente da diffondere quegli errori nel mondo. Come ha detto Sheen, “la Russia ha dato forma politica e sostanza sociale” alla “de-spiritualizzazione del mondo occidentale”.

Il pericolo nel credere che Maria stesse indicando specificamente il comunismo e la Russia risiede nel credere che il problema sia la Russia e l’errore il comunismo, quando in realtà l’errore è credere che l’uomo non sia altro che un animale razionale che può risolvere tutti i suoi problemi sociali attraverso le politiche economiche e politiche promulgate da uno Stato secolare.

Quando Maria apparve a Fatima, il suo primo annuncio fu questo: “Io vengo dal cielo”. Come Dio rispose all’annuncio dell’umanità della sua separazione da Lui nel 1858, così Egli rispose nel 1917 alla sua erezione di uno Stato senza Dio come nuova via alla felicità e alla libertà umana: Maria è entrata nel tempo e ha annunciato che il Paradiso esiste. E se il cielo esiste, allora c’è un’autorità superiore. La salvezza e la redenzione non verranno da uno Stato fatto dall’uomo, ma da Dio e solo da Dio. E per provare questo, per portare a casa il messaggio, Maria sarebbe apparsa sei volte. E nell’ultima, avrebbe portato una prova diretta dal cielo, un miracolo che avrebbe provato la menzogna che l’uomo è la massima autorità sulla terra e pienamente capace di sistemare la terra come lui solo vuole che sia sistemata.

Ma anche con un miracolo testimoniato da decine di migliaia di persone, l’Uomo moderno disse di nuovo di no e non ascoltò il messaggio.

E lo Stato sovietico crebbe e diffuse i suoi errori in tutto il mondo. Non gli errori del comunismo, ma piuttosto gli errori modernisti che l’uomo è indipendente e può creare il proprio percorso verso l’utopia per mezzo dello Stato secolare. In tutto l’Occidente, paese dopo paese, l’uomo cominciò a rivolgersi al governo, allo Stato, per risolvere sempre più spesso i suoi problemi sociali. La cura dei poveri passò allo Stato. La mediazione dei conflitti di classe passò allo Stato. Alleviare la discriminazione, i conflitti razziali, la disuguaglianza di reddito: tutto è passato allo Stato. La carità individuale fu sostituita dalla carità gestita dallo Stato.

Anche la Chiesa si rivolse allo Stato per risolvere i problemi della società, la condizione umana dell’uomo, e spostò la sua attenzione sull’influenza della politica pubblica. Ogni problema sociale venne visto come risolvibile attraverso una nuova politica statale, un nuovo cambiamento istituzionale o sistemico. Era solo una questione di tempo prima che fossero visti anche come il risultato di una cattiva politica di governo, non una ferita nella natura umana dell’uomo. Tutto era risolvibile attraverso lo Stato, non guarendo i cuori e le anime attraverso la grazia ottenuta attraverso la Chiesa che Dio ha creato per guarire le anime degli uomini.

Sheen sottolinea ancora una volta che gli errori non erano specifici della Russia o del comunismo. Hanno preso fuoco nei paesi capitalisti tanto facilmente quanto in quelli comunisti. Egli nota che c’è “una relazione più stretta tra il comunismo e il capitalismo monopolistico di quanto la maggior parte delle menti sospetti. Sono d’accordo sulla base materialistica della civiltà; sono in disaccordo solo su chi debba controllare quella base, i capitalisti o i burocrati”. E inoltre, dice: “L’economia capitalistica è senza Dio; il comunismo rende l’economia Dio…. Il capitalismo nega che l’economia sia soggetta ad un ordine morale superiore. Il comunismo dice che l’economia è la morale”.

Infatti, egli evidenzia come la Chiesa si opponga al capitalismo monopolistico tanto quanto al comunismo. Gli errori permeano entrambi. Entrambi riducono l’uomo ad un mero animale economico. Entrambi usano lo Stato per governare.

Il problema non è che Viganò sia cieco ai mali del governo russo. È l’Occidente che è cieco di fronte ai mali che hanno permeato la sua stessa esistenza fino al suo nucleo. È la Chiesa modernista che è cieca ai mali di pensare che sia giusto sostituire i sacramenti con l’azione sociale, prendendo i soldi del governo per nutrire le pance a spese del nutrimento delle anime.

Viganò guarda il WEF, il FMI, l’ONU, la NATO, l’UE, e tutte le altre associazioni sorte in Occidente e le vede non in termini di altri eventi mondani ma in termini di Eterno. Le vede come Papa Leone XIII vedeva le associazioni secolari del suo tempo: sforzi dell’uomo per fissare il mondo lontano da Dio e dalla Sua Chiesa.

Vede anche che ciò che stanno cercando di fare è creare un nuovo Stato, ancora più potente di quello russo da cui Maria ci ha messo in guardia, uno Stato globale con l’obiettivo dichiarato di creare un Nuovo Ordine Mondiale e una nuova creatura transumana. Il modernismo ha spogliato l’uomo della sua natura spirituale. Il transumanesimo cerca di spogliarlo della sua natura umana più elementare, riducendolo ad una semplice macchina, perfezionata dalla tecnologia e dalla microbiologia.

Viganò non si è fatto assorbire dalla politica. È diventato assorbito dall’Eterno, dal vedere l’Eterno negli affari del giorno, includendo sia le cose che Dio sembra muovere sia quelle che Satana sembra muovere. Non sappiamo se la Consacrazione sia avvenuta come Maria ha chiesto, ma Viganò ci chiede di guardare gli eventi mondiali non solo in termini di altri eventi mondiali, ma in termini di eventi spirituali. Quello che sappiamo è che lo Stato sovietico è crollato nel 1989. E sappiamo che da allora la Russia sta subendo una ricristianizzazione, mentre tutto il mondo occidentale sta vivendo la sua scristianizzazione.

Viganò ci chiede di vedere che non è veramente la Russia, o il comunismo, o il capitalismo che stiamo combattendo, ma piuttosto i Principati, le forze sataniche che cercano di rendere tutti gli uomini schiavi di uno Stato globale senza Dio. Ci chiede di considerare che Dio sta dando alla Russia – la Russia ricristianizzante – la possibilità di espiare i suoi peccati essendo proprio ciò che impedisce la creazione di quello Stato globale.

Ed è così difficile da immaginare? Non è proprio come il nostro Dio? Lasciare che la Russia espii i suoi peccati e sia il mezzo per salvare molte anime?

E non è anche questo proprio come il nostro Dio: Rispondere ancora una volta al rifiuto dell’uomo guidandoci a Lui e alla Nostra Beata Madre Maria? Non è proprio da Lui che, nella festa mariana dell’Annunciazione dell’Incarnazione di Dio, il papa più modernista della storia della Chiesa si è messo in ginocchio e ha chiamato il mondo intero, Oriente e Occidente, a inginocchiarsi allo stesso modo, ogni vescovo, tutto il popolo, in ginocchio, e non solo riconoscere, finalmente, l’Immacolata Concezione, ma di più – consacrare noi stessi, e tutto il nostro mondo, al suo Cuore Immacolato, il Cuore Immacolato dell’Immacolata Concezione, dicendo così, finalmente, dopo tutti questi anni, dopo tutte queste apparizioni, finalmente: sì, c’è un Dio; sì, c’è un cielo; sì, siamo più che semplice materia; sì, siamo tutti peccatori; e sì, dobbiamo obbedire a Dio e riparare i nostri peccati.

Rivolgendo i nostri occhi e i nostri cuori a Maria, non stiamo finalmente ammettendo, concordando con Papa Leone XIII, che senza Dio non ci sarà pace? A parte Dio, nessuna istituzione meramente umana, nessuno Stato senza Dio – non importa quanto grande, quanto globale – ci salverà.

E questo non è proprio come il nostro Dio? Il papa più modernista di tutti i tempi che guida il mondo a rinunciare agli errori più fondamentali del modernismo?

Non è un modo appropriato per l’Eterno di annunciare la fine dell’Età Moderna?

Proprio in quel momento in cui l’uomo non sa nemmeno definire cosa sia una donna, Dio ci ricorda che è a una donna che ha dato il potere di vincere il male, una donna che schiaccerà la testa del Serpente. L’uomo moderno ha perso Gesù. Sua Madre è tornata per aiutarci a trovarlo. Lei ha esperienza in questo.

 

Barbara J. Farrah è una convertita alla Chiesa, ex atea marxista. Ha trascorso 30 anni in ruoli di gestione strategica prima di andare in pensione due anni fa. Ha titoli di studio avanzati in diversi campi, tra cui: M.A. in storia europea, MS in Community Health Administration, e Ph.D. (ABD) in storia americana. Ha tenuto corsi universitari di storia europea e americana, governo degli Stati Uniti, etica della leadership e gestione non profit.

 

Facebook Comments