Il 12 Novembre scorso, l’addetta stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany, intervistata da Fox News sull’affluenza prevista per i raduni pro-Trump di sabato 14, ha dichiarato: “Credo che sarà piuttosto grande da quello che ho sentito. … La gente vuole mostrarsi e farsi sentire.”

Ha 72 milioni di persone che lo amano, che vogliono presentarsi e sostenerlo. La sua base è forte e non si può negare che questo Presidente è il capo titolare del nostro partito per molti decenni a venire e l’entusiasmo che si vede tra la sua base è qualcosa da vedere. Prevedo un grande evento questo sabato“.

I fatti le hanno dato ragione, nonostante il sabotaggio subito dagli organizzatori ad opera della “Big Tech”: le pagine che avevano aperto su Facebook, Mailchimp e Eventbrite per promuovere l’iniziativa sono state arbitrariamente chiuse dalle rispettive aziende tecnologiche (leggi qui).

LifeSiteNews, che ha seguito l’evento con i suoi corrispondenti sul campo, ha dedicato alla Marcia per Trump di sabato 14 novembre, l’articolo di Martin Bürger, che riportiamo di seguito nella traduzione di Wanda Massa.

 

Marcia per Trump, Washington. 14.11.2020
Marcia per Trump, Washington. 14.11.2020

 

Decine di migliaia di sostenitori di Trump si riuniscono oggi (ieri, ndr)  nella capitale della nazione, a seguito delle numerose accuse di brogli elettorali sollevate negli Stati terreno di scontro che sono stati attribuiti a Joe Biden dai media mainstream. Il presidente Donald Trump si è finora rifiutato di cedere, lanciando invece contestazioni legali al conteggio dei voti.

Sul sito della “Marcia per Trump” (https://trumpmarch.com/ ) si legge: “I democratici stanno tramando per togliere il diritto di voto e annullare i voti repubblicani. Spetta al popolo americano fermarlo. Insieme al presidente Trump, NON ci tireremo indietro per garantire l’integrità di queste elezioni per il bene della nazione. Questo è uno sforzo di coalizione e di squadra. Abbiamo bisogno di sostenitori combattivi per proteggere l’integrità del voto“.

Tra gli oratori in programma ci sono membri del Congresso, così come rappresentanti di organizzazioni che hanno sostenuto la presidenza di Trump.

Il sito ufficiale elenca i Reps. Mike Kelly (R-PA) e Louie Gohmert (R-TX), nonché la deputata eletta Marjorie Taylor Greene (R-GA).

Tra gli altri oratori figurano Amy Kremer di Women for America First, Penny Nance di Concerned Women for America e Matt Schlapp dell’American Conservative Union. Schlapp è anche co-presidente di Catholics for Trump.

Il presidente ha twittato ieri: “Scaldatevi di cuore vedendo tutto l’enorme sostegno che c’è là fuori, specialmente i raduni organizzati che stanno spuntando in tutto il Paese, incluso un grande raduno sabato a Washington“. Trump ha persino suggerito che potrebbe “fermarsi da solo“.

L’attivista cattolico e YouTuber Dr. Taylor Marshall, che sarà alla marcia, ha detto ai suoi seguaci: “Portate i vostri Rosari alla Washington DC Rally March for Trump and America! Metterò in relazione il Messaggio di incoraggiamento dell’Arcivescovo Viganò e la preghiera di Sua Eccellenza per il Presidente Trump e gli Stati Uniti alle 13:45 sul palco di fronte al palazzo della Corte Suprema“, ha scritto Marshall su Parler questa mattina.

Sulla pagina facebook Donald J. Trump, è riportato questo commento del presidente a una delle più belle foto della Marcia di Washington: “La gente non si farà rubare questa elezione da una società privata della Sinistra Radicale, Dominion, e molte altre ragioni!” (leggi qui )

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1