I giovani maschi hanno sofferto di infiammazioni cardiache a tassi più elevati dopo una dose di richiamo del vaccino COVID-19 di Pfizer, secondo i dati recentemente pubblicati dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Rilancio un articolo di Zachary Stieber, pubblicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

Pfizer vaccino

 

I giovani maschi hanno sofferto di infiammazioni cardiache a tassi più elevati dopo una dose di richiamo del vaccino COVID-19 di Pfizer, secondo i dati recentemente pubblicati dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

I maschi di 16 o 17 anni hanno avuto circa 139 casi di miocardite, una forma di infiammazione cardiaca, per milione di seconde dosi somministrate, secondo i dati ricavati dal Vaccine Safety Datalink (VSD), un sistema di monitoraggio dei CDC.

Ma lo stesso gruppo ha registrato 200 casi di miocardite per milione di dosi di richiamo somministrate, secondo i dati, che si riferiscono al periodo compreso tra il 14 dicembre 2020 e il 28 maggio 2022. Nel periodo di tempo studiato sono state somministrate oltre 2 milioni di serie primarie Pfizer-BioNTech nei bambini e circa 230.000 dosi di richiamo.

Anche i maschi di età compresa tra i 30 e i 39 anni hanno registrato un tasso più elevato di infiammazione cardiaca dopo un richiamo Pfizer rispetto alla seconda dose, così come le femmine di 16 e 17 anni.

Entrambi i vaccini Pfizer e Moderna si basano sulla tecnologia dell’RNA messaggero e vengono somministrati in serie primarie di due dosi, distanziate da alcune settimane a diversi mesi.

I nuovi dati sono la prima volta che un sistema di monitoraggio federale ha rilevato un tasso più elevato di miocardite dopo una dose di richiamo, ma alcuni studi precedenti avevano indicato che i giovani uomini erano più a rischio dopo un richiamo rispetto alla seconda dose.

Né la miocardite né una patologia correlata, la pericardite, sono state rilevate negli studi clinici dei vaccini Pfizer o Moderna. Poiché le iniezioni sono state somministrate dopo l’autorizzazione, le segnalazioni delle patologie hanno dato il via a esami delle cartelle cliniche e ad altre indagini, che hanno portato alla conclusione che i vaccini sono collegati alle patologie.

Il vaccino di Moderna non è ancora disponibile per i bambini.

I nuovi dati sono stati presentati al comitato consultivo sui vaccini della Food and Drug Administration, a cui è stato chiesto se il vaccino Moderna debba essere disponibile per i bambini.

I dati sono stati presentati dal dottor Tom Shimabukuro, ricercatore del CDC sulla sicurezza dei vaccini.

“I tassi di incidenza dopo la vaccinazione tendono a essere più alti nei maschi e più alti dopo la seconda dose”, ha detto Shimabukuro. Osservando i nuovi dati, “si noterà che i tassi di incidenza sono in realtà più alti nei maschi dopo il primo richiamo e nelle femmine dopo il primo richiamo”, ha proseguito. “Tuttavia, il numero di casi è piuttosto piccolo e gli intervalli di confidenza al 95% sono piuttosto ampi, quindi non possiamo dire che ci sia una differenza tra l’incidenza della dose 2 e quella del primo richiamo sulla base di questi dati”.

L’incidenza tipica della miocardite nella popolazione generale è di 8 casi per 100.000 bambini, di cui 1,8 per 100.000 giovani tra i 15 e i 18 anni. L’incidenza diminuisce con l’età.

Il VSD è un sistema collaborativo gestito dal CDC e da nove organizzazioni sanitarie, tra cui Kaiser Permanente Southern California e il Marshfield Clinic Research Institute del Wisconsin.

Secondo i dati del sistema, non tutti i gruppi erano più a rischio dopo il richiamo.

I maschi di età compresa tra i 12 e i 15 anni hanno registrato 152 casi di miocardite per milione di seconde dosi somministrate, e solo 17 casi per milione di dosi di richiamo somministrate. Anche i maschi di età compresa tra i 5 e gli 11 anni hanno registrato un tasso molto più basso dopo il richiamo, mentre le donne tra i 18 e i 39 anni hanno registrato un tasso marginalmente inferiore.

I dati di un altro sistema, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), hanno indicato un tasso di 75,9 casi di miocardite per milione di seconde dosi nei maschi di 16 e 17 anni e di 46,4 casi per milione di seconde dosi nei maschi di età compresa tra 12 e 15 anni. Si sono inoltre registrati tassi superiori al previsto dopo la vaccinazione con Pfizer e Moderna in maschi di 49 anni e femmine di età compresa tra 12 e 29 anni.

Secondo i dati VAERS, i tassi dopo un richiamo sono stati inferiori a quelli della seconda dose per tutti i gruppi di età, sia nei maschi che nelle femmine.

Dopo 90 giorni, circa quattro pazienti su cinque erano completamente o probabilmente completamente guariti, secondo le indagini condotte dal CDC presso gli operatori sanitari. L’agenzia ha in programma di seguire i pazienti che non si sono ripresi per valutare il loro stato a più di 12 mesi dal problema.

A differenza di altri Paesi, i funzionari statunitensi non hanno sospeso la somministrazione dei vaccini Pfizer o Moderna, nonostante i crescenti dati sull’infiammazione cardiaca. Martedì i funzionari hanno chiesto al comitato consultivo se il vaccino Moderna debba essere disponibile per i bambini di età compresa tra i 6 e i 17 anni e mercoledì se entrambi i vaccini debbano essere disponibili per i bambini di 6 mesi.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments