“Noi siamo, in primo luogo, responsabili del nostro popolo. E se hanno bisogno di più aiuto per poter crescere più figli e avere una famiglia, allora dobbiamo fornire questo aiuto”. Sono parole di Katalin Novák, ministro ungherese per la famiglia.

Una forte identità cristiana, un’efficace politica di incentivi alle famiglie numerose e di contrasto all’ideologia gender è la ricetta dell’Ungheria per affrontare la piaga della denatalità.

Probabilmente la patria del cardinale Mindzenty  è una delle poche nazioni europee in cui è ancora possibile affermare che le foglie son verdi l’estate …

Per approfondire la notizia, proponiamo l’articolo pubblicato su Catholic News Agency (qui) nella traduzione di Wanda Massa.

 

Katalin Novàk: Il Ministero della famiglia e degli affari sociali del governo Orbán
Katalin Novàk: Il Ministero della famiglia e degli affari sociali del governo Orbán

 

L’Ungheria definisce la famiglia come avere una madre e un padre

Il Parlamento ungherese ha approvato martedì una legge che definisce la famiglia come avere una donna come madre e un uomo come padre, vietando di fatto le adozioni da parte di coppie dello stesso sesso e complicando le adozioni da parte di persone sole.

Il cambiamento è l’ultimo di molti che si sono verificati negli ultimi anni in quello che il governo ha detto essere un tentativo di preservare l’identità cristiana dell’Ungheria e di aumentare il suo tasso di natalità che sta crollando.

Se rinunciamo al nostro cristianesimo, perderemo la nostra identità, come ungheresi, come europei“, ha detto a Cna lo scorso dicembre Katalin Novák, ministro di Stato ungherese per la famiglia.

Circa la metà della popolazione ungherese si identifica come cattolico romano, mentre circa un quinto si identifica come protestante o di qualche altra confessione cristiana. Un altro quinto della popolazione si identifica come non appartenente a nessuna religione, mentre il resto della popolazione è composto da ebrei, musulmani e altre minoranze religiose.

Novák ha detto al CNA nel 2019 che i leader ungheresi erano preoccupati per il futuro del Paese a causa del crollo del tasso di natalità, che è di 1.48, ben al di sotto del livello di sostituzione a 2.1 bambini per donna.

Abbiamo una sfida demografica davanti a noi“, ha detto Novák.

Mentre alcuni paesi possono contare sull’immigrazione, l’Ungheria sta cercando di invertire la tendenza con un duplice approccio: incentivi finanziari per le famiglie ad avere più figli, e la promozione di una cultura a favore della vita e dell’accoglienza delle famiglie numerose, ha aggiunto.

In questo senso, il governo ungherese ha iniziato a offrire incentivi finanziari alle coppie del Paese per sposarsi e avere figli, compresi prestiti agevolati a coloro che si sposano prima del 41° compleanno della sposa.

Gli incentivi per avere figli sono integrati nel prestito. Un terzo può essere condonato se la coppia sposata ha due figli, e l’intero prestito può essere condonato se ha tre figli. Le donne con quattro o più figli saranno esentate dall’imposta sul reddito per tutta la vita. Le famiglie con almeno tre figli hanno diritto a una sovvenzione per l’acquisto di un’auto con sette o più posti a sedere.

L’Ungheria sostiene che le polizze funzionano, poiché il suo ufficio centrale di statistica ha recentemente segnalato un aumento del 20% dei matrimoni nel 2019.

Ma l’aumento della fertilità è ancora da vedere, e altri paesi europei, come Francia e Germania, che hanno tentato di aumentare la fertilità attraverso i sussidi governativi, non hanno visto un aumento significativo dei tassi di natalità.

All’inizio di quest’anno, l’Ungheria ha anche approvato una legge che dichiara il sesso di una persona come sesso biologico alla nascita, bloccando i tentativi delle persone transgender di cambiare la loro identità di genere legale.

I critici hanno anche detto che i cambiamenti politici approvati questa settimana sono un pericoloso allargamento di potere da parte del Primo Ministro Viktor Orban e del suo partito, ha riferito il New York Times.

I critici hanno sostenuto che i cambiamenti politici ridurranno la supervisione della spesa pubblica, così come abbasseranno i requisiti necessari al governo per dichiarare lo stato di emergenza, portando ad una minore responsabilità e ad un maggiore potenziale di controllo da parte del governo.

Ovunque sia stato possibile, Fidesz ha scelto di cementare ancora di più il suo potere con queste leggi“, ha detto al New York Times Agnes Kovacs, esperta legale dell’Eotvos Karoly Policy Institute.

Renata Uitz, docente di diritto costituzionale comparato all’Università dell’Europa Centrale, ha detto al New York Times che le modifiche alla dichiarazione dello stato di emergenza sono state definite in modo così ampio che anche una leggera protesta potrebbe dare al governo l’opportunità di usare i suoi poteri di emergenza.

L’Ungheria vede parte della sua identità cristiana anche nell’aiutare i cristiani vittime di persecuzioni in altri Paesi. In Iraq, il governo ha aiutato a reinsediare le vittime del genocidio cristiano attraverso il suo programma di aiuti Hungary Helps, fornendo più di 3 milioni di dollari per questo sforzo.

Tuttavia, il Paese è stato anche criticato per le sue politiche di immigrazione. Il capo dei diritti umani dell’ONU ha dichiarato che la legge del 2018 che criminalizza l’assistenza ai richiedenti asilo è “palesemente xenofoba“. All’inizio del 2018, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha detto che l’Ungheria ammetteva solo due richiedenti asilo al giorno attraverso le sue zone di transito.

Il relatore speciale dell’ONU sui diritti umani dei migranti, che ha recentemente visitato il paese, ha detto che “i migranti sono ritratti come nemici pericolosi sia nei discorsi ufficiali che in quelli pubblici“.

Novák ha detto nel 2019 che l’Ungheria non “vede l’immigrazione come una soluzione al nostro problema demografico” ed è disposta ad assistere il reinsediamento dei rifugiati, ma non dà priorità all’accettazione dei migranti economici che cercano una “vita migliore“.

Noi siamo, in primo luogo, responsabili del nostro popolo. E se hanno bisogno di più aiuto per poter crescere più figli e avere una famiglia, allora dobbiamo fornire questo aiuto“, ha detto.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1