“La dichiarazione del Parlamento europeo stigmatizza la nazione polacca e lo Stato polacco come omofobi e come coloro che non vogliono riconoscere la libertà di un altro essere umano”, ha detto l’arcivescovo Marek Jędraszewski nell’omelia pronunciata sulla radura Rusinowa nei Monti Tatra.

“Ma che tipo di libertà vogliono proporci e a cosa vogliono condurci? ” ha aggiunto.

Articolo di Adam Zygiel su RMF24 nella traduzione di Claudio Ademollo.

 

Marek Jędraszewski, Arcivescovo
Marek Jędraszewski, Arcivescovo

 

Sabato 3 luglio le celebrazioni del 160° anniversario delle apparizioni della Madonna di Jaworzyna hanno avuto luogo presso l’altare da campo a Rusinowa Polana. Nella sua omelia, l’arcivescovo metropolita di Cracovia ha fatto riferimento al cosiddetto Rapporto Matić votato a maggioranza il 24 giugno al Parlamento europeo.

Si vuole proporre un tale stile di pensiero e di vita come se Dio non ci fosse, e se non c’è Dio, allora – come ha scritto Fëdor Dostoevskij – tutto è possibile, tutto può essere detto all’uomo e tutto può essere introdotto. L’uomo e la sua libertà vengono assolutizzati ed esaltati, e sembra che possa fare qualsiasi cosa, anche cambiare se qualcuno è un uomo o una donna. Potete ridefinire cos’è una famiglia e come dovrebbe essere la vita comunitaria. Tutto è possibile e sappiamo che si cerca di imporcelo“, ha detto l’arcivescovo Jędraszewski.

L’arcivescovo metropolitano ha avvertito che può portare a “una grande catastrofe demografica. Da qui questo elogio dell’uccisione del bambino non ancora nato. Difenderanno i diritti degli animali e persino dell’erba, ma considereranno l’uomo un parassita che sarebbe meglio non esistesse affatto nel mondo. Sembra che queste persone vogliano condurre il mondo, almeno il mondo occidentale, all’autodistruzione in nome di alcune strane ideologie, impossibili da capire, impossibili da conciliare con il senso comune“, ha detto, riferendosi alla dichiarazione adottata dal Parlamento europeo.

Il metropolita ha ricordato la storia dell’apparizione della Madonna su Wiktorówki (Vistola) alla quattordicenne Marysia Murzanska nel 1860. La pastorella, cercando delle pecore smarrite sul pendio di Wiktorówki, vide tra gli alberi una figura splendente di “bella Signora“. Marysia ha ricevuto dalla Madonna la promessa di trovare la pecora smarrita. La Madonna ha anche dato a Marysia tre comandi. In uno di loro le ha detto che deve lasciare Rusinowa Polana, perché è minacciata da “pericoli spirituali“. Gli altri due riguardavano l’ammonire le persone a non peccare e a pentirsi delle vecchie colpe. La Madonna doveva anche avvertire gli abitanti degli altipiani della perdita dei pascoli e delle foreste dei Tatra.

Dopo questo evento, uno dei pastori pose un’immagine di carta della Vergine Maria su un abete rosso, e nel 1902 su Wiktorówki fu costruita una piccola cappella, modellata su una capanna di pastori, in cui fu posta una figura scolpita della Madre di Dio.

Anche se l’apparizione su Wiktorówki non è stata approvata ufficialmente dal Vaticano, perché nessuno ne ha fatto richiesta, questo luogo è famoso per numerosi miracoli. Il primo miracolo avvenne alcuni anni dopo l’apparizione ed è legato ad una visione privata di una donna, alla quale la Madonna disse in sogno di scavare una sorgente a Wiktorówki. L’acqua scorse effettivamente nel luogo indicato e guarì la donna che soffriva di una malattia alle gambe.

Wiktorówki fu visitato come turista molte volte dal futuro papa – prete, vescovo, poi cardinale Karol Wojtyła.

Ogni anno, il santuario di Wiktorówki è visitato da quasi mezzo milione di pellegrini.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print