Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Bradley Devlin e pubblicato su The American Conservative. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Zelensky-Esplosione-nucleare
Zelensky

 

La fuga di documenti classificati sulla piattaforma di gioco e chat Discord continua a essere un tesoro di informazioni sulla guerra per procura dell’America con la Russia in Ucraina.

Le precedenti rivelazioni della fuga di notizie su Discord suggerivano che l’Ucraina fosse un animale messo all’angolo. Le ultime dimostrano che potrebbe reagire come tale. Il Washington Post (da ora in poi Post, ndr) ha riportato lunedì che i documenti contenuti nella fuga di notizie sostengono che gli Stati Uniti hanno dovuto costringere l’Ucraina a rinunciare a un attacco diretto contro Mosca. Più volte gli Stati Uniti hanno dovuto frenare o esprimere internamente serie preoccupazioni per i piani dell’Ucraina di combattere la Russia, non solo in Ucraina o addirittura all’interno dei confini russi, ma anche in Medio Oriente e in Nord Africa.

Un rapporto riservato della National Security Agency (NSA) statunitense ha affermato che il Magg. Gen. Kyrylo Budanov, a capo della Direzione principale dell’intelligence (HUR) del Ministero della Difesa ucraino, il 13 febbraio ha dato istruzioni a uno dei suoi ufficiali di “prepararsi per attacchi di massa il 24 febbraio”. L’Ucraina doveva colpire “con tutto ciò che l’HUR aveva”. Il rapporto dell’NSA dice anche che i funzionari ucraini hanno scherzato sull’uso del tritolo per colpire Novorossijsk, una città portuale del Mar Nero a est della penisola di Crimea. Il Post ha affermato che tale operazione sarebbe “in gran parte simbolica”, ma “dimostrerebbe comunque la capacità dell’Ucraina di colpire in profondità nel territorio nemico”.

Budanov ha la reputazione di essere una mina vagante. In precedenza, ha affermato che il Presidente russo Vladimir Putin è malato terminale e che impiega sosia per le apparizioni pubbliche. A quanto pare, è convinto che l’Ucraina travolgerà e respingerà l’invasione russa, compresa la Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014, entro l’estate. Ecco perché sembra che l’apparato di intelligence statunitense abbia iniziato a monitorare le mosse e le comunicazioni di Budanov. E Budanov sembra saperlo. Il Post ha aggiunto che, quando ha intervistato Budanov in alcune occasioni dallo scoppio della guerra, i giornalisti hanno sentito rumore bianco o musica in sottofondo nell’ufficio del maggiore generale.

Questa volta, però, sembra che gli Stati Uniti abbiano impedito alla mina vagante di esplodere. Il 22 febbraio, la CIA ha diffuso internamente un rapporto classificato secondo cui l’HUR “aveva accettato, su richiesta di Washington, di rinviare gli attacchi” contro Mosca. Tuttavia, la CIA ha anche affermato che “non vi è alcuna indicazione” che il Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU) abbia “accettato di rinviare i propri piani di attacco a Mosca intorno alla stessa data”.

Sembra che l’SBU abbia anche rinunciato a qualsiasi piano per colpire in profondità il territorio russo nel primo anniversario dell’invasione russa. Gli sforzi degli Stati Uniti per scoraggiare gli attacchi ucraini in territorio russo, tuttavia, sono durati poco. Circa una settimana dopo l’anniversario dell’invasione russa, il Cremlino ha accusato i droni ucraini di aver colpito infrastrutture relativamente vicine a Mosca.

Questi attacchi con i droni sono la norma nelle recenti operazioni militari dell’Ucraina all’interno del territorio russo. Lo scorso ottobre, la Russia ha accusato l’Ucraina di aver colpito con i droni la sua flotta del Mar Nero in Crimea. Sebbene l’autenticità non sia stata confermata, un video mostra un drone che si dirige verso una nave mentre quelli che sembrano essere spari colpiscono l’acqua intorno alla nave russa. Il Cremlino ha affermato che nell’attacco è stato danneggiato un dragamine. A dicembre, poi, i droni ucraini avrebbero colpito Engels-2, una base aerea militare a circa 400 miglia all’interno del territorio russo. I droni hanno colpito anche altri due aeroporti militari e un impianto petrolifero nella provincia di Kursk.

L’Ucraina sembra ora spingersi più all’interno del territorio russo ed è meno ambigua sul suo coinvolgimento in questi attacchi. All’inizio del conflitto, l’Ucraina ha spesso negato di aver avuto un ruolo negli attacchi alle installazioni e alle infrastrutture russe all’interno dei suoi confini, come l’incidente con l’autobomba dell’agosto 2022 che ha ucciso Daria Dugina, la figlia di Aleksandr Dugin, un nazionalista russo e convinto sostenitore dell’invasione della Russia. Nonostante le ripetute smentite ucraine, la comunità di intelligence statunitense ritiene che l’Ucraina sia dietro l’attacco.

In un’intervista rilasciata al Post a gennaio, tuttavia, Budanov ha contemporaneamente negato il coinvolgimento dell’Ucraina in molti di questi attacchi e ha affermato che essi continueranno. Tali attacchi hanno “infranto le loro illusioni di sicurezza”, ha affermato Budanov. “Ci sono persone che piazzano esplosivi. Ci sono droni. Finché non verrà ripristinata l’integrità territoriale dell’Ucraina, ci saranno problemi all’interno della Russia”.

Altre rivelazioni contenute nei documenti trapelati dal Discord: L’Ucraina vuole espandere la portata del conflitto al di là dell’Europa continentale e portare i russi in Medio Oriente e in Nord Africa. Il rapporto dell’NSA afferma che l’HUR di Budanov ha pianificato di attaccare il Gruppo Wagner – un appaltatore militare russo con una reputazione di brutalità i cui membri hanno assistito nell’offensiva ucraina – nel Paese africano del Mali. I servizi del Gruppo Wagner sono utilizzati dal governo del Mali per la sicurezza e l’addestramento delle proprie forze militari.

Secondo il documento dell’NSA, “non è noto in quale fase si trovino attualmente le operazioni [in Mali] e se l’HUR abbia ricevuto l’approvazione per eseguire i suoi piani”, secondo il Post.

Allo stesso tempo, l’HUR stava sviluppando piani per colpire le forze russe in Siria collaborando con i curdi. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky avrebbe messo fine all’offensiva delle operazioni speciali in Medio Oriente, ma almeno uno dei documenti esaminati dal Post sostiene che il governo ucraino potrebbe ancora pensare di attaccare le risorse russe in Siria evitando la colpevolezza ucraina.

Non si tratta forse di piani per una guerra mondiale? Gli Stati Uniti non sarebbero forse responsabili se il governo ucraino, che sia militarmente che finanziariamente sarebbe in disfacimento senza quasi 100 miliardi di dollari di aiuti statunitensi, decidesse di portare avanti tali piani?

L’amministrazione Biden negherebbe qualsiasi colpa nell’innescare la Terza Guerra Mondiale, ovviamente. L’amministrazione Biden negherebbe qualsiasi colpa nell’aver scatenato la Terza Guerra Mondiale, sottolineando che gli Stati Uniti proibiscono di usare gli aiuti militari che forniscono all’Ucraina per colpire la Russia. Pertanto, gli Stati Uniti mantengono molta voce in capitolo sui piani di battaglia dell’Ucraina e sono riusciti a sventare con successo grandi piani ucraini per colpire Mosca e diversi altri obiettivi centrali della Russia in diverse occasioni.

I funzionari ucraini lo hanno ammesso anche in privato. Spesso, se l’Ucraina vuole utilizzare un sistema missilistico fornito dagli Stati Uniti per colpire un obiettivo, il personale militare americano in Europa deve confermare le coordinate o fornirle direttamente.

L’amministrazione Biden e il gruppo di politica estera che sostiene il coinvolgimento degli Stati Uniti in Ucraina potrebbero pensare che questo renda il nostro coinvolgimento ancora migliore. Non è così. Rivela chi sta realmente conducendo questa guerra contro la Russia. L’Ucraina, che nell’ultimo decennio è stata un’operazione di riciclaggio di denaro per i benestanti dell’Occidente (vedi Hunter Biden), continua ad esserlo. L’Ucraina è il proxy dell’impero liberale americano nel vero senso della parola.

I sistemi d’arma, le munizioni e l’equipaggiamento militare che gli Stati Uniti forniscono all’Ucraina mantengono un certo livello di fungibilità, e i dollari degli aiuti sono più importanti dell’equipaggiamento fisico. Fornire aiuti militari, anche con gli attuali vincoli, espande il bacino di risorse dell’Ucraina, che può così dedicare ciò che è “suo” alle operazioni e ai teatri che preferisce.

Trattenere l’Ucraina sta diventando sempre più difficile e finanziare gli sforzi militari dell’Ucraina sempre più rischioso. Questo è chiaro dalla valutazione americana dei piani di guerra dell’Ucraina, rivelata dalla fuga di notizie di Discord. Il Pentagono, il Dipartimento di Stato e la Casa Bianca dovrebbero essere messi alla berlina per essersi lanciati alla cieca in un conflitto che l’Ucraina vuole far diventare globale.

 

 

Bradley Devlin è giornalista dello staff di The American Conservative. In precedenza, è stato Analysis Reporter per il Daily Caller ed è stato pubblicato sul Daily Wire e sul Daily Signal, tra le altre pubblicazioni che non includono la parola “Daily”. Si è laureato in economia politica all’Università della California, a Berkeley.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments