Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ted Snider e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky è stato accolto in Polonia dall’omologo polacco, Andrzej Duda
il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky è stato accolto in Polonia dall’omologo polacco, Andrzej Duda

 

La Polonia è stata una delle più assertive sostenitrici dell’ingresso dell’Ucraina nella NATO e del crescente coinvolgimento della NATO nella guerra, dalla fornitura di carri armati a quella di jet da combattimento. Poiché le possibilità dell’Ucraina di entrare rapidamente nella NATO si sono affievolite e le sue possibilità di vittoria nella guerra stanno crollando, si è parlato della minaccia che la Polonia possa intervenire più direttamente per portare l’Ucraina nella NATO o la NATO in Ucraina.

Il Presidente russo Vladimir Putin e il Presidente bielorusso Alexander Lukashenko hanno recentemente discusso molto pubblicamente della minaccia che percepiscono di un’occupazione dell’Ucraina occidentale da parte della Polonia e della minaccia rappresentata dall’ammassamento di truppe polacche al confine con la Bielorussia.

Diversi analisti hanno anche suggerito che si è discusso di un’unione della Polonia con l’Ucraina occidentale, che avrebbe attirato le restanti parti dell’Ucraina nella NATO, o che si sarebbe mossa militarmente nell’Ucraina occidentale o contro la Bielorussia, attirando la Russia in una risposta ai sensi dell’articolo 5 e la NATO nella guerra in Ucraina.

Il 21 luglio Putin ha parlato pubblicamente del trasferimento dei militari polacchi nell’Ucraina occidentale “per la successiva occupazione di questi territori”, dove “rimarranno … per sempre”. Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha definito la strategia come l’assorbimento “a pezzi” dell’Ucraina nella NATO. Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il Presidente polacco Andrzej Duda si sono incontrati spesso. Secondo quanto riferito, hanno parlato più volte “di un’unione tra i due Paesi che eliminerebbe il confine tra la Polonia e l’Ucraina occidentale” e di una loro “integrazione globale”.

L’ex segretario generale della NATO Anders Rasmussen ha dichiarato che se la NATO non accoglierà l’Ucraina, la Polonia potrà intraprendere un’azione militare unilaterale.

Hans Petter Midttun, analista della sicurezza ed ex ufficiale della marina norvegese, ha affermato che “la Polonia potrebbe diventare la punta di diamante della NATO. . . . Sta costruendo una potenza militare per fare – se necessario – ciò che gli Stati Uniti e la NATO non faranno: cioè combattere a fianco delle Forze armate ucraine per fermare una guerra che minaccia la sicurezza e la stabilità europea”.

L’analista militare Stephen Bryen riferisce che le forze polacche che si stanno ammassando al confine con la Bielorussia sono aiutate da consiglieri britannici, “causando l’allarme a Minsk e a Mosca “che la vera questione potrebbe essere un’iniziativa della NATO per salvare l’Ucraina attaccando la Bielorussia” e si chiede se gli Stati Uniti “useranno il loro proxy, la Polonia, per attaccare la Bielorussia per cercare di salvare l’Ucraina?”.

Anatol Lieven, direttore del Programma Eurasiatico del Quincy Institute, mi ha detto che, sebbene sia possibile “una qualche forma di associazione o di relazione speciale” tra Polonia e Ucraina, un accordo tra i due Paesi su una “unione” è “del tutto impossibile”. Un’unione de facto potrebbe plausibilmente verificarsi “se la Polonia intervenisse militarmente e l’esercito polacco finisse per occupare permanentemente parti dell’Ucraina”.

Ci sono diverse ragioni per cui un’unione formale della Polonia e dell’Ucraina occidentale, che inserirebbe l’Ucraina occidentale nella NATO, sarebbe difficile. Il primo ostacolo sarebbe la NATO stessa. Geoffrey Roberts, esperto di storia militare russa e professore emerito di storia all’University College di Cork, mi ha detto che “i membri della NATO non permetteranno che una tale mossa venga usata come espediente per garantire una parziale adesione dell’Ucraina all’alleanza”.

Il secondo è che, come mi ha detto Alexander Hill, professore di storia militare all’Università di Calgary, “storicamente l’attrito dell’Ucraina con la Polonia è stato considerevole, e l’attuale apparente calore delle loro relazioni si basa sulla reciproca ostilità verso la Russia e sul fatto che “il nemico del mio nemico è mio amico”. Gli unici che i nazionalisti ucraini hanno storicamente osteggiato quanto i russi e gli ebrei sono i polacchi.

La terza è la prospettiva polacca su quella storia. La Polonia si è arrabbiata con l’Ucraina per ciò che percepisce come la glorificazione di quel passato nazionalista anti-polacco. A gennaio, un funzionario polacco ha ricordato all’Ucraina che “continua a glorificare” il leader nazionalista ucraino Stepan Bandera, “responsabile del genocidio dei polacchi nel 1943-44, quando le truppe dell’UPA uccisero orribilmente circa 100.000 cittadini polacchi”. Il Parlamento polacco ha adottato una risoluzione che prevede il “riconoscimento della colpa” dell’Ucraina per il genocidio come condizione per la “riconciliazione polacco-ucraina”.

Ma nonostante la pubblica fratellanza, i problemi tra Polonia e Ucraina sono molto più profondi. L’Ucraina ha lamentato il tradimento delle restrizioni polacche all’importazione di grano ucraino. Facendo eco alle recenti dichiarazioni di Stati Uniti e Regno Unito, Marcin Przydacz, capo dell’Ufficio del Presidente polacco per gli Affari Internazionali, ha detto che l’Ucraina dovrebbe essere “più grata”. Alla televisione polacca ha rimproverato duramente che Kiev “dovrebbe iniziare ad apprezzare il ruolo che la Polonia ha svolto per l’Ucraina negli ultimi mesi e anni”. In risposta alla rabbia, Kiev ha convocato l’ambasciatore polacco in Ucraina presso il Ministero degli Affari Esteri. Furioso, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha risposto che “la convocazione dell’ambasciatore polacco presso il Ministero degli Esteri ucraino – il rappresentante dell’unico Paese che è rimasto a Kiev il giorno in cui la Russia ha invaso l’Ucraina – non sarebbe dovuta avvenire”. L’azione di Kiev è stata “un errore … visto l’enorme sostegno che la Polonia ha fornito all’Ucraina”.

Attirare la Russia in una risposta militare ai sensi dell’articolo 5 si rivelerebbe altrettanto difficile. Si è parlato di due strategie. La prima è una forza congiunta polacco-ucraina che intervenga nell’Ucraina occidentale. Se la Russia attaccasse una forza ucraina di questo tipo, attaccherebbe anche una forza polacca, il che consentirebbe alla Polonia di chiedere una risposta ai sensi dell’Articolo 5. La seconda consiste nel capitalizzare una presunta aggressione bielorussa per lanciare un attacco polacco alla Bielorussia che porti la Russia a difenderla e faccia scattare l’articolo 5. La Polonia ha già inviato le truppe per la difesa dell’Ucraina.

La Polonia ha già inviato truppe ed elicotteri da combattimento al confine bielorusso dopo aver accusato la Bielorussia di aver violato il suo spazio aereo con elicotteri militari. La Bielorussia ha negato la violazione del confine. La Polonia ha anche accusato le forze Wagner bandite in Bielorussia di essere state “riassegnate al fianco orientale della NATO per destabilizzarlo”. La “risposta della Polonia alla provocazione è di aumentare le dimensioni dell’esercito polacco al confine orientale del Paese, dislocando truppe da ovest”.

Putin ha dichiarato che “la Bielorussia fa parte dello Stato dell’Unione, e lanciare un’aggressione contro la Bielorussia significherebbe lanciare un’aggressione contro la Federazione Russa. Risponderemo a questo con tutte le risorse a nostra disposizione”. Ha definito l’idea di un’aggressione contro la Bielorussia “un gioco estremamente pericoloso”.

Alexander Hill mi ha detto che “la Polonia è senza dubbio un ‘falco’ all’interno della NATO per quanto riguarda il conflitto con la Russia, e gli altri membri dell’alleanza dovranno stare attenti a non farsi trascinare ulteriormente nel pantano ucraino da personaggi come la Polonia”. Tuttavia, ha affermato che, sulla base delle poche informazioni disponibili, “sembra altamente improbabile che Wagner sia coinvolto in qualsiasi tipo di incursione. . in territorio polacco dalla Bielorussia”. Anatol Lieven mi ha detto che, sebbene un futuro intervento russo in Bielorussia per risolvere una crisi politica “potrebbe dare alla Polonia una scusa per intervenire nel tentativo di attirare il resto della NATO”, la Polonia non sarebbe probabilmente “disposta a fare la prima mossa, in quanto ciò sarebbe profondamente impopolare con la maggior parte degli altri Paesi della NATO”. Geoffery Roberts mi ha detto inoltre che è difficile vedere “la Polonia fare qualcosa senza il pieno sostegno e il via libera degli Stati Uniti. Né vedo gli americani permettere a loro stessi o alla NATO di essere trascinati dai polacchi in un coinvolgimento diretto. Se ciò accadrà, sarà una decisione di Washington”.

Poiché i notevoli sforzi della Polonia per aiutare l’Ucraina a entrare nella NATO e a sconfiggere la Russia diventano sempre più chimerici, la Polonia potrebbe essere tentata di intervenire più direttamente per portare la parte esistente dell’Ucraina nella NATO e la NATO nella guerra in Ucraina. Ma entrambi questi obiettivi potrebbero essere ancora più chimerici di quelli che intendono sostituire. Per far entrare l’Ucraina occidentale nella NATO, unendola alla Polonia, ci sono ostacoli formidabili in Ucraina, in Polonia e nella NATO, mentre per far entrare la Russia in un’azione di attivazione dell’articolo 5 sarebbe necessario che la Polonia facesse l’improbabile mossa di andare contro la maggioranza della NATO e contro la volontà degli Stati Uniti. Le dichiarazioni polacco-ucraine e le risposte pubbliche russo-bielorusse potrebbero essere in parte intese come deterrenti per tenere la Bielorussia fuori dalla guerra e come deterrenti per un maggiore coinvolgimento polacco e della NATO.

Ted Snider

 

Ted Snider scrive regolarmente di politica estera e storia degli Stati Uniti su Antiwar.com e The Libertarian Institute. Collabora spesso anche con Responsible Statecraft e The American Conservative, oltre che con altre testate.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments