I sostenitori dell’aiuto all’Ucraina fino a che non raggiunga la “vittoria” e quindi non umili la Russia stanno flirtando irresponsabilmente con un possibile olocausto nucleare. 

Vi propongo un interessante articolo scritto da Ted Galen Carpenter, pubblicato su The National Interest. Eccolo nella mia traduzione. 

 

carri armati russi (Reuters)
carri armati russi (Reuters)

 

Analisti e opinionisti negli Stati Uniti e in Europa sono sempre più ottimisti sul fatto che l’Ucraina possa vincere la sua guerra contro la Russia. Stanno anche spingendo l’amministrazione Biden ad aumentare il flusso di attrezzature militari a Kiev per massimizzare le possibilità di vittoria dell’Ucraina. Una nuova missiva lungo queste linee viene dal Council on Foreign Relations Senior Fellow Max Boot in un articolo del Washington Post del 2 maggio. Boot sostiene che gli Stati Uniti dovrebbero fornire all’Ucraina “ogni arma di cui ha bisogno per vincere”. Né, secondo Boot, l’amministrazione dovrebbe lasciare che le minacce di escalation di Vladimir Putin dissuadano Washington da questa linea d’azione.

Più preoccupante dei sentimenti sconsideratamente da falco da parte di opinionisti compiaciuti è che i funzionari statunitensi ed europei parlano anche apertamente di aiutare l’Ucraina a vincere la sua guerra e infliggere una sconfitta umiliante alla Russia. La delegazione statunitense guidata dalla presidente della Camera Nancy Pelosi che ha visitato Kiev all’inizio di maggio ha ripetutamente enfatizzato questo tema, insieme alla promessa di una continua assistenza militare di Washington fino alla vittoria.

Ciò che questi individui non sembrano comprendere è che l’Ucraina è un interesse vitale per la sicurezza russa, e il Cremlino probabilmente farà tutto il necessario – probabilmente anche l’uso di armi nucleari tattiche – per evitare una sconfitta. L’incapacità di capire quanto sia importante l’Ucraina per la Russia ha fatto sì che i leader occidentali ignorassero gli avvertimenti di Mosca per più di un decennio contro l’adesione di Kiev alla NATO o come un alleato militare informale. Per la stessa ragione, sembrano fare un errore ancora più pericoloso ignorando gli ultimi avvertimenti del Cremlino sulle conseguenze terribili se la NATO usasse l’Ucraina come una pedina in una guerra per procura contro la Russia.

Boot e altri esperti liquidano persino i commenti provenienti dalla Russia sul possibile uso di armi nucleari tattiche. Michael McFaul, un ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, sostiene allegramente che gli avvertimenti di Putin sull’uso di armi nucleari in risposta alla crescente assistenza militare occidentale a Kiev dovrebbero essere ignorati. “La minaccia di escalation è un discorso da quattro soldi”, afferma McFaul con sicurezza. “Putin sta bluffando”.

Boot considera allo stesso modo il rischio di un confronto nucleare come minimale. “Lo scenario meno probabile è quello più apocalittico: La Russia che attacca i paesi della NATO con armi convenzionali o nucleari. Putin non è un suicida, e sa che la risposta degli Stati Uniti sarebbe devastante”. Boot ammette che “un uso più limitato di armi nucleari contro basi ucraine o centri abitati è leggermente più plausibile”. Tuttavia, Biden può sventare un tale scenario

…sottolineando che, mentre nelle circostanze attuali gli Stati Uniti non combatteranno direttamente la Russia, tutte le scommesse sono aperte se Putin passa al nucleare. Anche senza ricorrere ad armi nucleari proprie, la NATO potrebbe lanciare attacchi aerei che affonderebbero rapidamente l’intera flotta russa del Mar Nero e distruggere gran parte dell’esercito russo in Ucraina e dintorni. Questo scuoterebbe il regime criminale di Putin nelle sue fondamenta.

Questi falchi fiduciosi insistono che l’amministrazione Biden non ceda al “ricatto nucleare” della Russia. Sembrano serenamente ignari delle probabili conseguenze nel caso in cui si sbagliassero. Tipicamente, Boot sembra credere che la semplice minaccia di attacchi aerei della NATO contro obiettivi russi intimidirebbe Putin. La possibilità che la Russia decida invece di scatenare una guerra nucleare più ampia in risposta all’affondamento “dell’intera flotta russa del Mar Nero” o alla distruzione di “gran parte dell’esercito russo in Ucraina e dintorni” non sembra nemmeno venirgli in mente. Eppure una tale risposta da parte di una grande potenza messa all’angolo che affronta una sconfitta catastrofica che coinvolge un interesse vitale per la sicurezza (un’Ucraina compiacente) non è solo possibile, è altamente probabile.

Contrariamente agli atteggiamenti pericolosamente blasé da parte dei falchi della politica estera, è imperativo per gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO prendere molto sul serio i nuovi avvertimenti del Cremlino. Forse le élite occidentali credono erroneamente che i leader russi siano inclini come le loro controparti statunitensi a invocare il concetto di interessi vitali con disinvolta promiscuità. I leader politici che hanno insistito che il Vietnam e l’Iraq costituivano interessi vitali per la sicurezza degli Stati Uniti erano certamente colpevoli di questo reato. Il grado di rischio che gli Stati Uniti stanno correndo nell’ assistere l’Ucraina è l’ultima prova di tale negligenza e sciatteria.

Tuttavia, le nazioni hanno veri interessi vitali, e le grandi potenze faranno quasi tutto per prevalere in tali situazioni. Per esempio, gli Stati Uniti non tollererebbero mai un’interferenza esterna se intraprendessero un’azione militare per impedire al Canada o al Messico di unirsi a una potente e ostile alleanza militare guidata dalla Cina. Qualsiasi sforzo da parte di Pechino per sostenere una “resistenza” armata canadese o messicana sarebbe considerato un atto estremamente provocatorio. E se Washington concludesse che a causa di quell’interferenza esterna starebbe per perdere la guerra, sarebbe straordinariamente pericoloso per la Repubblica Popolare Cinese supporre che i leader statunitensi manterrebbero il conflitto non nucleare.

L’Ucraina ha un’importanza per la Russia paragonabile a quella del Canada o del Messico per gli Stati Uniti. Impedire che l’Ucraina diventi una pedina militare della NATO è il più vitale degli interessi vitali per i leader russi. Più Mosca si avvicina a subire una sconfitta nella guerra in Ucraina, più è probabile che il Cremlino farà tutto ciò che è necessario, assumendo tutti i rischi necessari, per prevenire un tale risultato. I sostenitori che vogliono aiutare l’Ucraina a raggiungere la “vittoria” e quindi umiliare la Russia stanno flirtando con l’Armageddon.

Ted Galen Carpenter

 

Ted Galen Carpenter, senior fellow in studi di difesa e politica estera al Cato Institute e redattore collaboratore del National Interest, è autore di dodici libri e più di 950 articoli sugli affari internazionali.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments