Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ted Snider e pubblicato su Anti.War. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Volodymyr Oleksandrovyč Zelenskyy, Presidente dell'Ucraina
Volodymyr Oleksandrovyč Zelenskyy, Presidente dell’Ucraina

 

La guerra in Ucraina è iniziata con l’Ucraina pronta a negoziare un accordo di pace con la Russia, mentre gli Stati Uniti non lo erano. La guerra potrebbe finire allo stesso modo?

Inizialmente, l’invasione russa ha portato l’Ucraina al tavolo delle trattative molto velocemente, e la breve guerra avrebbe potuto finire. Ma il Dipartimento di Stato americano si è rifiutato di sedersi al tavolo, affermando che i colloqui mentre la guerra è in corso “non sono una vera diplomazia. Queste non sono le condizioni per una vera diplomazia”. Un mese dopo, il Dipartimento di Stato continuava a rifiutare una fine negoziata della guerra, anche se la soluzione negoziata avesse soddisfatto gli obiettivi dell’Ucraina, perché “questa è una guerra che per molti versi è più grande della Russia, è più grande dell’Ucraina”.

Poi è arrivato il tentativo dell’allora primo ministro israeliano Naftali Bennett di mediare i negoziati. Secondo Bennett, i colloqui avevano “buone possibilità di raggiungere un cessate il fuoco” prima che gli Stati Uniti li “bloccassero” ancora una volta.

L’ultima possibilità era rappresentata dai colloqui di Istanbul dell’aprile 2022. Questi sono stati i colloqui più fruttuosi di tutti e hanno prodotto un accordo “provvisorio”. Ma, ancora una volta, gli Stati Uniti e i loro alleati non erano pronti. L’allora primo ministro britannico Boris Johnson si precipitò a Kiev per far proseguire la guerra, dicendo al presidente ucraino Volodymyr Zelensky che Putin “dovrebbe essere messo sotto pressione, non negoziato”, aggiungendo che “anche se l’Ucraina è pronta a firmare alcuni accordi sulle garanzie con Putin, [noi] non lo siamo”. Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu e Numan Kurtulmus, vicepresidente del partito di Erdogan, hanno entrambi affermato che “Zelensky stava per firmare”, ma “gli Stati Uniti… vogliono che questa guerra continui”.

Da allora, la guerra si è intensificata e i tentativi di dialogo si sono allontanati. Nessuna delle due parti ha parlato e, a un certo punto, Zelensky è arrivato a invocare un decreto che vieta di negoziare con Putin. Il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale, John Kirby, ha dichiarato che “non sosteniamo le richieste di cessate il fuoco in questo momento”. E, più recentemente, il Segretario di Stato Antony Blinken ha respinto le richieste di cessate il fuoco.

La prossima apertura per i colloqui consentita dagli Stati Uniti sembrava essere dopo che il tavolo era stato apparecchiato dalla controffensiva ucraina. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il Segretario di Stato Antony Blinken hanno a lungo insistito sul fatto che l’obiettivo è quello di mettere l’Ucraina nella migliore posizione “sul campo di battaglia [per] essere nella posizione più forte possibile al tavolo dei negoziati”. Per arrivare a questa posizione, l’obiettivo era una controffensiva che minacciasse la Crimea, o interrompesse il ponte terrestre verso la Crimea, ma non la conquistasse, sia per mancanza di capacità sia per la minaccia di un’escalation russa. La minaccia alla Crimea getterebbe nel panico la Russia e metterebbe l’Ucraina nella posizione più forte possibile.

La prima menzione di negoziati dai primi giorni di guerra è arrivata un anno dopo l’ultima menzione. Nell’aprile del 2023, Andriy Sybiha, vice capo dell’ufficio di Zelensky, ha dichiarato che “se riusciremo a raggiungere i nostri obiettivi strategici sul campo di battaglia e quando saremo al confine amministrativo con la Crimea, siamo pronti ad aprire [una] pagina diplomatica per discutere la questione”.

Ma cosa accadrebbe se la controffensiva non andasse come sperato? E se l’esercito ucraino non riuscisse a raggiungere il confine con la Crimea? Allora un esercito ucraino forse impoverito ed emaciato sarebbe in attesa di un massiccio contrattacco russo che potrebbe lasciarlo in una posizione peggiore sul campo di battaglia e più debole al tavolo dei negoziati.

Nonostante un quadro timidamente più roseo di “piccoli” progressi delle forze ucraine, i primi giorni della controffensiva non sembrano andare bene per l’Ucraina come si sperava. Analisti affidabili della guerra hanno riferito che la Russia ha finora mantenuto la sua linea senza essere respinta nelle sue fortificazioni, con la tragica perdita di migliaia di vite ucraine, di radar critici, di molte attrezzature pesanti e di decine di carri armati, tra cui, forse, la metà dei carri Leopard forniti all’Ucraina finora. Anche la CNN ha riferito che “le forze ucraine hanno subito perdite di equipaggiamento pesante e di soldati, avendo incontrato una resistenza maggiore del previsto da parte delle forze russe nel loro primo tentativo di sfondare le linee russe”. Secondo la CNN, “un funzionario degli Stati Uniti ha descritto le perdite – che includono veicoli blindati per il personale MRAP forniti dagli Stati Uniti – come ‘significative'”.

Potrebbe esserci una tacita consapevolezza che una battuta d’arresto della controffensiva potrebbe innescare i negoziati così come un successo della controffensiva?

Il 10 giugno, Stephen Bryen di Asia Times ha riferito che il Ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha inaspettatamente annunciato che “l’Ucraina è pronta per i negoziati e per un accordo di pace se la Russia cambia gli obiettivi precedentemente dichiarati dell’operazione militare speciale”.

La dichiarazione che l’Ucraina potrebbe negoziare se riuscisse nella controffensiva proviene dall’ufficio di Zelensky; l’affermazione che l’Ucraina potrebbe negoziare quando potrebbe non riuscirci non proviene dal ministero della Difesa. Potrebbe essere difficile per Zelensky fare questa dichiarazione. Potrebbe affrontare l’opposizione politica dei suoi sostenitori della NATO e l’opposizione esistenziale dei nazionalisti di estrema destra in patria.

Seymour Hersh ha riferito che un gruppo di Paesi, guidato dalla Polonia e comprendente Germania, Ungheria e altri Paesi dell’Europa orientale, ha riconosciuto che potrebbe non essere più possibile per Zelensky proporre o accettare negoziati. Secondo fonti dell’intelligence statunitense, ciò ha portato a suggerire che, se necessario, Zelensky potrebbe persino doversi dimettere per aprire la strada ai negoziati. Sebbene sia ben lontano dalle dimissioni, su cui Zelensky “non cede”, la disponibilità a negoziare attraverso Reznikov e il ministero della Difesa e non attraverso Zelensky o l’ufficio del presidente potrebbe essere una sorta di soluzione di compromesso.

L’impatto della dichiarazione di Reznikov dipenderà da due cose. Il primo è se ha l’autorità per parlare a nome dell’Ucraina. La seconda è che cosa include negli “obiettivi precedentemente dichiarati dell’operazione militare speciale” che devono essere cambiati”. La Russia ha già chiarito che questo non può includere la rinuncia alla Crimea o ad altre regioni annesse. Anche se i confini delle regioni di Zaporizhe e Kherson, recentemente annesse, potrebbero essere aperti alla negoziazione. Inoltre, non potrebbe includere la garanzia che l’Ucraina non si unisca alla NATO.

Ma potrebbero esserci degli obiettivi da includere. Bennett afferma che Putin ha fatto “enormi concessioni” durante i negoziati, tra cui la promessa di non uccidere Zelensky e la rinuncia alla richiesta russa di “disarmo dell’Ucraina”.

Poiché l’Ucraina e gli Stati Uniti non hanno ancora raggiunto il punto in cui sono disposti a concedere pubblicamente il territorio alla Russia, anche se potrebbero averlo fatto in privato, il professore emerito di storia all’University College Cork Geoffrey Roberts, un’autorità in materia di storia diplomatica e militare russa, mi ha detto che probabilmente non è stato ancora raggiunto il punto in cui i negoziati sono possibili.

Roberts mi ha suggerito la possibilità che la dichiarazione di Reznikov faccia parte di una campagna di propaganda ucraina volta a convincere i Paesi della NATO, che stanno esitando a prendere impegni di adesione con l’Ucraina al prossimo vertice NATO, che l’Ucraina è disposta a negoziare la fine della guerra.

Se è sincera, la dichiarazione di Reznikov potrebbe essere il primo accenno di speranza, per quanto piccola e improbabile, per l’inizio di una soluzione diplomatica alla guerra; se è propaganda volta a sostenere la possibilità di adesione dell’Ucraina alla NATO, allora potrebbe solo prolungare la guerra.

Ted Snider

 

Ted Snider scrive regolarmente di politica estera e storia degli Stati Uniti su Antiwar.com e The Libertarian Institute. Collabora spesso anche con Responsible Statecraft e The American Conservative, oltre che con altre testate.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments