Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo pubblicato su Moon of Alabama. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

carri armati tedeschi abbattuti nella guerra in Ucraina giugno 2023
epa10683896 A handout still image taken from a handout video provided by the Russian Defence Ministry’s press service on 10 June 2023 shows German ˜Leopard-2A6™ and American BMP M2 ‘Bradley’ tanks destroyed in combat in the Zaporizhzhia region, southern Ukraine. The Russian Defense Ministry said the Russian military destroyed two columns of armored vehicles of the Armed Forces of Ukraine in the Zaporizhzhia region, including nine tanks, four of which were Leopard. EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY PRESS SERVICE/HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

 

Dopo un mese di tentativi falliti di raggiungere le linee di difesa russe, l’Ucraina è bloccata. Le sue forze non riescono nemmeno ad attraversare la zona di sicurezza di fronte alle linee russe. La controffensiva a lungo promossa, lanciata su pressione di Washington e della NATO, è indubbiamente fallita. Poiché ha causato enormi perdite senza guadagni sostanziali, l’esercito ucraino sta cambiando tattica.

Ieri il segretario del Consiglio nazionale di sicurezza e difesa ucraino, Oleksiy Danilov, ha twittato in inglese e russo:

In questa fase delle ostilità attive, le Forze di Difesa ucraine stanno adempiendo al compito numero uno – la massima distruzione di uomini, attrezzature, depositi di carburante, veicoli militari, posti di comando, artiglieria e forze di difesa aerea dell’esercito russo. Gli ultimi giorni sono stati particolarmente fruttuosi. Ora la guerra di distruzione è pari alla guerra dei chilometri. Più distrutti significa più liberati. Più efficace la prima, più efficace la seconda. Stiamo agendo con calma, con saggezza, passo dopo passo.

 

 

Nella notte l’esercito ucraino ha lanciato altri missili sulla città di Donetz e sulle regioni russe di Belgograd e Kursk.

La guerra di logoramento è ovviamente ciò che la Russia ha praticato negli ultimi dodici mesi distruggendo sistematicamente le forze ucraine, in particolare l’artiglieria e i rifornimenti di armi lungo la linea del fronte e nelle profondità dell’Ucraina. Quando entrambe le parti si impegnano in una guerra di logoramento, come nella Prima Guerra Mondiale, di solito vince chi ha più risorse. In questo conflitto quella parte è senza dubbio quella russa.

La leadership ucraina nega profondamente questo fatto:

Clash Report @clashreport – 9:12 UTC – 5 luglio 2023
Oleksandr Syrskyi, comandante delle forze di terra dell’Ucraina:

La controffensiva sta andando secondo i piani. Il comando assicura che Bakhmut sarà liberata, e le perdite dei russi sono 8-10 volte superiori a quelle ucraine.

Negli ultimi mesi i russi hanno sparato dieci volte più munizioni di artiglieria degli ucraini. La Russia ha anche una specifica operazione di contro-batteria che sta uccidendo i sistemi di artiglieria ucraini.

Nella guerra moderna l’artiglieria causa circa tre quarti di tutte le perdite. Il numero reale di morti e feriti da parte ucraina è quindi circa 10 volte superiore a quello russo. La prima volta che ho scritto di questo argomento è stato nel maggio 2022. Il tema è continuato fino a dicembre e più recentemente.

Syrsky probabilmente lo sa, ma deve mentire per non spingere il morale delle sue truppe sotto il punto di congelamento.

Per una vera guerra di logoramento, l’esercito ucraino dovrebbe ritirarsi per costruire linee di difesa e cercare di tenere a bada qualsiasi cosa i russi decidano di fare. Non c’è ancora alcun segno che l’Ucraina lo stia facendo.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

Facebook Comments