Ieri l’altro era la Giornata della Memoria. Vogliamo ricordare con questo articolo pubblicato su History.com una figura davvero eroica che nell’inferno di Auschwitz cercò di rendere dignitoso il parto di tante donne e la breve vita dei loro bambini. Stanislawa Leszczyńska fu incaricata di uccidere i bambini, ma si rifiutò. Parliamo della Serva di Dio Stanislawa Leszczyńska.

Ecco l’articolo nella mia traduzione.

Annarosa Rossetto

 

Stanislawa Leszczyńska

Stanislawa Leszczyńska, Serva di Dio

 

Auschwitz è conosciuto come un luogo di morte: un infernale campo di sterminio, il più grande del suo genere, dove si pensa che almeno 1,1 milioni di persone siano state assassinate. Quindi è strano pensare al campo anche come a un luogo di vita.

Tuttavia, grazie ad una donna di nome Stanislawa Leszczyńska, lo è stato.  Durante i suoi due anni di internamento ad Auschwitz, l’ostetrica polacca ha fatto nascere 3.000 bambini nel campo, in condizioni impensabili. Sebbene la sua storia sia poco conosciuta al di fuori della Polonia, testimonia la resistenza di un piccolo gruppo di donne determinate ad aiutare le loro compagne prigioniere.

Fu soprattutto il desiderio della Leszczyńska di aiutare gli altri a portarla ad Auschwitz. Era nata a Lodz nel 1896 e aveva trascorso i suoi primi anni in relativa pace: si era sposata, aveva studiato per il diploma di ostetrica, aveva avuto dei figli.

Adolf Hitler visita le truppe vicino a Lodz, 1939

Adolf Hitler visita le truppe vicino a Lodz, 1939  (Credit: Heinrich Hoffmann/ullstein bild via Getty Images)

Nel 1939, tutto cambiò quando i nazisti marciarono sulla Polonia.  Improvvisamente, la Leszczyńska si trovò a vivere in un paese occupato e la sua città – sede del secondo maggior numero di Ebrei in Polonia – vide la nascita di un ghetto . Più di un terzo della popolazione della città era ristretta in una piccola area e costretta a lavorare per i nazisti .

Inorridita dalle condizioni del ghetto, la Leszczyńska e la sua famiglia, compresi i suoi quattro figli, avevano deciso di dare una mano. Come membri di una crescente resistenza polacca portavano documenti falsi e cibo agli Ebrei all’interno del ghetto.

Nel 1943, il lavoro della famiglia fu scoperto e furono interrogati dalla Gestapo.  Mentre il marito e il figlio maggiore della Leszczyńska riuscirono a fuggire, i figli più piccoli e la madre vennero arrestati. La Leszczyńska fu separata dai suoi figli maschi, che furono mandati in diversi campi ai lavori forzati e lei fu inviata ad Auschwitz con la figlia, una studentessa di Medicina. Suo marito continuò a combattere i nazisti, ma fu ucciso durante l’insurrezione di Varsavia del 1944. Non lo vide mai più.

Infermiera e bambini durante la liberazione di Auschwitz, 1945. (Credidt: TASS/Getty Images)

Infermiera-balia con i  bambini durante la liberazione di Auschwitz, 1945. (Credidt: TASS/Getty Images)

Quando arrivò al campo, la Leszczyńska trovò un medico tedesco e gli disse che era un’ostetrica. Fu mandata a lavorare nel “reparto di maternità” del campo, una serie di baracce sporche che erano più un luogo per far morire le donne in gravidanza che un posto dove prendersene cura.

La maggior parte delle donne in gravidanza ad Auschwitz venivano semplicemente mandate nelle camere a gas. Le donne che scoprivano al campo di essere incinte a volte venivano fatte abortire da Gisella Perl, una dottoressa che ha fatto sì che centinaia di donne non partorissero: spesso, quando si scopriva che una donna era incinta, veniva sommariamente giustiziata.

Altre venivano mandate in una baracca dove aspettavano la conclusione della gravidanza in condizioni squallide. “Sorella Klara”, un’ostetrica che era stata mandata al campo per aver ucciso un bambino, supervisionava la baracca insieme ad una donna chiamata “Sorella Pfani”. Erano incaricate di dichiarare “nati morti” i bambini che nascevano nel reparto, per annegarli poi in un secchio, spesso sotto gli occhi delle madri che avevano appena partorito. Il ruolo di sorella Klara non includeva l’assistenza durante il parto.

“Questa divisione del lavoro è stato uno degli esempi più grotteschi del Nazismo, da un lato, cinicamente aderente agli standard “legali” – non volendo che un’infermiera non diplomata assistesse al parto – ma dall’altro, assegnandola all’omicidio dei neonati ebrei “, scrive lo storico Michael Berkowitz.

Quando la Leszczyńska sentì cosa ci si aspettava da lei nel macabro reparto di maternità, si rifiutò. Quando venne portata davanti al medico che supervisionava l’intero campo, rifiutò nuovamente. “Perché non l’abbiano uccisa allora, nessuno lo sa”, ha detto Bronislaw, figlio della Leszczyńska, nel 1988.

Foto di bambini e capi d'abbigliamento trovati ad Auschwitz. (Credito: François Lochon/Gamma-Rapho/Getty Images)

Foto di bambini e capi d’abbigliamento trovati ad Auschwitz. (Credito: François Lochon/Gamma-Rapho/Getty Images)

Nonostante le minacce e le percosse subite da Klara, la Leszczyńska iniziò semplicemente a prendersi cura delle madri e a far venire alla luce i loro bambini. Pur sapendo che la maggior parte dei bambini che faceva nascere sarebbero stati uccisi entro poche ore, lavorò per salvare quante più vite delle madri possibile. Era un lavoro quasi impossibile: niente acqua corrente, poche coperte, niente pannolini, poco cibo. La Leszczyńska imparò rapidamente a far giacere le donne in travaglio sulla stufa di mattoni che veniva accesa di rado al centro della baracca, l’unico posto che poteva ospitare una donna partoriente.  Pidocchi e malattie erano comuni nell’ “ospedale”, che si riempiva di centimetri d’acqua quando pioveva.

La Leszczyńska in seguito dichiarò di aver fatto nascere, assistita da sua figlia e da altre prigioniere, circa 3.000 bambini durante i suoi due anni ad Auschwitz.  Continuò a rifiutarsi di uccidere i bambini nonostante gli ordini ripetuti di farlo, anche davanti al Dr. Josef Mengele, il famigerato “Angelo della morte” del campo, noto per i suoi brutali esperimenti su gemelli e altri detenuti.

Non tutti i bambini furono immediatamente uccisi: a partire dal 1943, alcuni furono dati alle coppie naziste come bambini “ariani” nell’ambito del programma Lebensborn della Germania nazista, che rapì fino a 100.000 bambini nella sola Polonia. La Leszczyńska e le sue assistenti fecero del loro meglio per tatuare i bambini che venivano portati via nella speranza che in seguito avrebbero potuto essere identificati e riuniti alle loro madri. Altre donne uccidevano i loro stessi bambini piuttosto che consegnarli ai Nazisti.

Donne tedesche che portano bambini in un centro di Lebensborn. (Credito: Keystone-France/Gamma-Keystone via Getty Images)

Donne tedesche che portano bambini in un centro di Lebensborn. (Credito: Keystone-France/Gamma-Keystone via Getty Images)

Ad alcune donne non ebree veniva permesso di tenere i loro bambini, ma di solito essi morivano in breve tempo a causa delle condizioni di vita nel campo. Tuttavia, anche ad alcuni bambini Ebrei fu concesso di vivere, anche se non è chiaro cosa sia loro successo. Secondo le parole dello storico Zoé Waxman, “Se a un bambino veniva permesso di sopravvivere, probabilmente era per uno scopo specifico e per un tempo specifico”.

La Leszczyńska si sentiva impotente mentre guardava i bambini che aveva fatto nascere venire assassinati o morire di fame, perché alle loro madri era proibito allattare. Ma continuava a lavorare, battezzando i bambini cristiani e prendendosi cura il meglio possibile delle donne nella baracca. La chiamavano “Mamma”.

Dei 3.000 bambini fatti nascere dalla Leszczyńska, gli storici della medicina Susan Benedict e Linda Sheilds scrivono che metà di loro furono annegati, altri 1.000 morirono in poco tempo di fame o di freddo, 500 furono inviati ad altre famiglie e 30 sono sopravvissuti al campo. Si ritiene che tutte le madri e tutti i neonati siano sopravvissuti al parto.

All’inizio del 1945, i nazisti costrinsero la maggior parte dei detenuti di Auschwitz a lasciare il campo in una “marcia della morte” verso altri campi. La Leszczyńska si rifiutò di partire e rimase nel campo fino alla sua liberazione.

L’eredità della Leszczyńska è sopravvissuta a lungo dopo la liberazione di Auschwitz, sia nei ricordi delle sopravvissute i cui bambini aveva tentato di far nascere in modo dignitoso, sia nelle vite dei pochi bambini che avevano lasciato in vita il campo, sia nel lavoro dei suoi stessi figli che sopravvissero tutti alla guerra e divennero medici loro stessi.

“Fino ad oggi non so a quale prezzo [ha fatto nascere il mio bambino]”, ha detto negli anni ’80 Maria Saloman, la cui bambina la Leszczyńska ha fatto venire alla luce. “La mia Liz deve la sua vita a Stanislawa Leszczyńska. Non riesco a pensare a lei senza che mi salgano le lacrime agli occhi.”

La Leszczyńska è tornata alla vita dopo la guerra come ostetrica a Lodz e ha iniziato a raccontare del periodo passato ad Auschwitz quando è andata in pensione nel 1957. È ancora venerata in Polonia e la Chiesa cattolica ha avviato il processo per la sua canonizzazione. Ma anche se non diventasse mai una santa ufficiale, il suo lavoro così importante in quell’inferno sulla terra parla da solo.

 

 

Facebook Comments
1