Un certo numero di mutazioni suggeriscono che la variante Mu potrebbe resistere alle difese immunitarie e forse anche avere una trasmissione più veloce di altre varianti.

 

Coronavirus, variante Mu
Coronavirus, variante Mu

 

 

di Sabino Paciolla



Come noto, il coronavirus è un virus molto cangiante, ha già superato le 1.000 mutazioni. Ovviamente non tutte sono importanti, ma alcune possono distinguersi per parametri che possono spaziare dalla contagiosità accentuata, alla maggiore letalità, alla capacità di fuga dal vaccino o eludere i trattamenti. 

Dopo le varianti Alpha (inglese), Beta (sudafricana) e Delta (indiana), adesso arriva un’altra che sta destando preoccupazione. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta monitorando una nuova variante del coronavirus nota come “Mu”, formalmente nota come B.1.621, e lo sta facendo poiché teme che sia più resistente ai vaccini.

“La variante Mu ha una costellazione di mutazioni che indicano potenziali proprietà di fuga immunitaria”, afferma il rapporto dell’OMS.

I risultati degli studi che l’OMS sta conducendo portano a pensare che la variante Mu potrebbe essere in grado di eludere gli anticorpi generati sia da precedenti infezioni che da vaccini contro il coronavirus, sebbene queste ipotesi debbano essere confermate. 

Identificata per la prima volta nel gennaio 2021 in Colombia, la variante Mu è stata finora rilevata in circa 40 paesi, inclusi Regno Unito, Stati Uniti, Hong Kong e in Europa, e potrebbe diffondersi ulteriormente. A livello globale, la variante rappresenta meno dello 0,1% di tutti i casi in tutto il mondo. Tuttavia, l’OMS ha notato che è diventata notevolmente più diffusa in Colombia ed Ecuador, dove rappresenta circa il 39% e il 13% dei rispettivi casi.

Giovedì, ha riportato il The Japan Times, il ministero della Sanità giapponese ha confermato che due casi di variante Mu sono stati rilevati nel paese a giugno e luglio durante gli screening aeroportuali, il primo proveniente dagli Emirati Arabi Uniti e il secondo proveniente dal Regno Unito, sebbene entrambi fossero asintomatici.

Il dottor Julian Tang, virologo clinico presso l’Università di Leicester, ha dichiarato al Telegraph che Mu condivide alcune parti del genoma con Alpha e Beta, e che “Sappiamo che queste mutazioni proteiche [spike] danno luogo a un certo grado di fuga dal vaccino e ad una maggiore trasmissibilità”.

“[Mu] ha anche mutazioni in altre parti del genoma del virus che potrebbero farlo comportare in modo leggermente diverso dalle altre varianti, ma saranno necessari studi di laboratorio e del mondo reale per caratterizzare completamente l’impatto di questo”.

Il professor Danny Altmann, esperto di immunologia presso l’Imperial College di Londra, ha dichiarato al The Telegraph che l’emergere di nuove varianti è un duro promemoria che la pandemia non è finita.

“Al momento, sembra che ci sia un vero motivo di preoccupazione negli Stati Uniti, in America Centrale e in Sud America, ma come abbiamo visto con Delta, una potente variante può attraversare il mondo in un batter d’occhio”, ha detto.

“Mu sembra potenzialmente bravo nell’evasione immunitaria. Per i miei gusti, è un duro promemoria che tutto questo non è affatto finito: su un pianeta di 4,4 milioni e più di nuove infezioni a settimana, ci sono nuove varianti che spuntano continuamente e poche ragioni per sentirsi compiacenti “, il Prof Altmann ha aggiunto.

Altri non sono così preoccupati, o non mostrano di esserlo. Tra questi il dottor Anthony Fauci, il quale  giovedì ha affermato che la nuova variante Mu di COVID-19 non è considerata “una minaccia immediata” per gli Stati Uniti. “Stiamo prestando attenzione. Prendiamo tutto sul serio, ma non la consideriamo una minaccia immediata in questo momento”, ha continuato Fauci.

Ad oggi, l’agenzia delle Nazioni Unite ha classificato quattro varianti preoccupanti – Alpha, Beta, Delta e Gamma – insieme a cinque varianti di interesse, tra cui Mu. Le varianti significative si differenziano dalle Varianti di preoccupazione perché riducono l’efficacia delle misure di sanità pubblica e sociali o diagnostiche e terapeutiche.

Ma la variante Mu non è l’unica. Scienziati del Sudafrica e in un certo numero di altri paesi, designata come C.1.2. Anche questa desta una certa preoccupazione perché potrebbe essere più infettiva ed eludere i vaccini, secondo un nuovo studio preprint (cioè non peer-reviewed ma in attesa di questa fase) dell’Istituto nazionale sudafricano per le malattie trasmissibili e del KwaZulu -Natal Research Innovation and Sequencing Platform.

La nuova variante è “mutata sostanzialmente” rispetto a C.1, da cui proviene, e sembra essere più lontana dal virus originale rilevato a Wuhan rispetto a quasi qualsiasi altra variante.

 

 

 

Facebook Comments