Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jonathan Liedl e pubblicato su Catholic News Agency. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte, comprese eventuali donazioni. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

I co-presidenti del progetto del cammino sinodale tedesco, il vescovo Georg Bätzing, presidente della conferenza episcopale tedesca, e Thomas Sternberg, presidente del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (CNS photo/Julia Steinbrecht, KNA)
I co-presidenti del progetto del cammino sinodale tedesco, il vescovo Georg Bätzing, presidente della conferenza episcopale tedesca, e Thomas Sternberg, presidente del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (CNS photo/Julia Steinbrecht, KNA)

 

I delegati del Cammino sinodale tedesco hanno approvato sabato a stragrande maggioranza misure per cambiare le pratiche della Chiesa basate sull’ideologia transgender e per spingere la Chiesa universale a ordinare le donne al diaconato sacramentale.

Le votazioni hanno avuto luogo nell’ultimo giorno dell’assemblea conclusiva del processo, tenutasi a Francoforte dal 9 all’11 marzo. Nei giorni precedenti, i delegati hanno votato a stragrande maggioranza per l’adozione delle benedizioni per le persone dello stesso sesso, per la normalizzazione della predicazione laica e per chiedere a Roma di “riesaminare” la disciplina del celibato sacerdotale.

Mentre i tedeschi hanno portato avanti queste misure controverse, l’assemblea si è trattenuta dal superare una linea stabilita dal Vaticano riguardo all’istituzione di consigli sinodali a livello nazionale, diocesano e parrocchiale. Il Vaticano ha affermato che il modello del consiglio sinodale, che prevede un governo condiviso tra vescovi e laici, non è coerente con l’ecclesiologia cattolica.

L’assemblea sinodale ha deciso di rimandare il voto sulla proposta. La proposta sarà invece esaminata da un comitato sinodale di nuova istituzione nei prossimi tre anni, mentre la leadership del Cammino sinodale cercherà di far cambiare idea ai funzionari vaticani e di ottenere un’approvazione più diffusa nella Chiesa universale.

Alla conferenza stampa conclusiva, il vescovo Georg Bätzing di Limburg, presidente della Conferenza episcopale, ha affermato che i risultati danno ai vescovi il mandato di apportare alcuni cambiamenti in Germania ora, spingendo al contempo per una riforma più ampia.

“La Chiesa sta visibilmente cambiando e questo è importante”, ha detto Bätzing.

Irme Stetter-Karp, presidente del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK), ha affermato che i risultati mostrano che il percorso sinodale in Germania continuerà.

“Non finisce qui. È solo l’inizio”, ha detto.

Gli osservatori, tra cui 103 vescovi internazionali che hanno firmato una lettera in cui si avverte che il cammino sinodale potrebbe portare allo scisma, hanno espresso preoccupazione per le idee eterodosse promosse dal processo e per l’effetto che potrebbe avere sulla Chiesa in generale se il Vaticano non interviene a sufficienza.

 

Voto sull’ideologia di genere

Il testo di attuazione “Affrontare la diversità di genere” è passato con il sostegno del 96% dei 197 delegati votanti. Trentotto vescovi hanno votato a favore, mentre solo sette hanno votato contro. Tredici si sono astenuti dal voto.

In linea con uno schema che ha attraversato tutta l’assemblea, ci sarebbero stati abbastanza voti per bloccare la misura se gli astenuti avessero votato contro. I critici del Cammino sinodale affermano che l’eliminazione del voto segreto da parte degli organizzatori ha creato un’atmosfera di paura che ha impedito a molti vescovi di votare liberamente.

La risoluzione chiede “miglioramenti concreti per i fedeli intersessuali e transgender”, tra cui la modifica dei registri di battesimo per farli corrispondere al genere autoidentificato, il divieto di prendere in considerazione la propria identità di genere per i ruoli pastorali ministeriali e la formazione obbligatoria per i sacerdoti e i dipendenti della Chiesa per “affrontare il tema della diversità di genere”. Intersex si riferisce alle persone nate con caratteristiche sessuali miste.

Il testo impedisce anche che le “caratteristiche sessuali esterne” siano usate come criterio per “accettare un uomo come candidato al sacerdozio”, una misura che potrebbe aprire la porta a tentativi di ordinazione di donne.

Durante il dibattito, una piccola minoranza di vescovi ha espresso la propria opposizione alla misura, sottolineando al contempo che la Chiesa dovrebbe migliorare la propria cura pastorale nei confronti di coloro che si identificano come transgender. Il vescovo ausiliare Stefan Zekorn, del Bistum Münster, ha detto di non poter sostenere un testo basato sull’ideologia di genere, mentre il vescovo Stefen Oster, di Passau, ha affermato che il documento non sottolinea che l’identità primaria di un cristiano deve essere radicata in Gesù Cristo.

Ma la stragrande maggioranza degli intervenuti si è espressa a favore del provvedimento. Gregor Podschun, capo della Federazione eterodossa della gioventù cattolica tedesca, ha affermato che le affermazioni dell’ideologia gender sono “un fatto scientifico” e che la negazione della Chiesa sta causando il suicidio delle persone. Julianne Eckstein, docente di teologia all’Università Johannes Gutenberg di Magonza, ha affermato che il libro della Genesi è una base inadeguata per le questioni di antropologia sessuale. Viola Kohlberger, giovane adulta di Augusta, ha affermato che non esiste una “norma” per il genere e che la tradizione della Chiesa cattolica ostacola il progresso.

“E oggi vorrei romperla”, ha detto.

Quando il voto è passato, i delegati si sono alzati in piedi per applaudire, mentre alcuni hanno srotolato bandiere arcobaleno che esprimevano sostegno all’omosessualità e all’ideologia transgender.

 

Sostegno all’ordinazione femminile

I delegati hanno approvato il testo di attuazione “Le donne nel ministero sacramentale: Prospettive per il dialogo della Chiesa universale” con un margine altrettanto ampio. Solo 10 vescovi su 58 hanno votato contro il provvedimento, che chiede ai vescovi tedeschi di portare avanti la questione dell’ordinazione sacramentale delle donne a livello continentale e universale della Chiesa.

Una mozione adottata dall’assemblea ha sostituito la richiesta di istituire un “diaconato sacramentale delle donne” con “aprire il diaconato sacramentale alle donne”. La distinzione ha chiarito che il Cammino sinodale sta spingendo per integrare le donne negli ordini sacri già esistenti, un’idea che la Chiesa ha ripetutamente affermato essere impossibile.

I delegati hanno adottato un’altra mozione che modifica le priorità relative al sacerdozio interamente maschile, chiedendo che la pratica sia semplicemente riesaminata, piuttosto che terminata, a livello universale della Chiesa. Il cardinale Reinhard Marx di Monaco e Frisinga ha detto che la mozione era necessaria per “costruire il consenso” per le modifiche all’insegnamento dogmatico della Chiesa relativo al sacerdozio.

Altri erano meno interessati all’approccio lento. Diverse delegate sono state viste in lacrime dopo il voto, rattristate dal fatto che il testo non richiedesse più esplicitamente la presenza di sacerdoti donne.

“La discriminazione di qualcuno a causa del suo genere deve finire nella Chiesa cattolica”, ha detto la delegata Susanne Schumacher-Godemann.

“Il patriarcato deve essere distrutto”, ha aggiunto Podschun.

Il vescovo di Ratisbona Rudolf Voderholzer ha parlato in opposizione al testo, definendo la spinta per l’ordinazione delle donne al diaconato come “un primo passo verso l’apertura” del sacerdozio e dell’episcopato.

Il vescovo di Ratisbona, amico intimo di Papa Benedetto XVI, è uno dei soli tre vescovi tedeschi ad aver votato pubblicamente contro ciascuno dei testi controversi del Cammino sinodale.

L’assemblea sinodale ha anche eletto 20 membri del comitato sinodale transitorio che lavorerà nei prossimi tre anni per preparare l’istituzione di un consiglio sinodale permanente a livello nazionale. I 20 membri eletti, composti da 19 laici e un vescovo ausiliario, si aggiungeranno ai 27 vescovi a capo delle diocesi e ai 27 membri del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK) già presenti nel comitato.

Il Cammino sinodale, iniziato nel 2019, è stato uno sforzo di collaborazione tra la ZdK e la Conferenza episcopale tedesca.

Jonathan Liedl

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments