Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Philip M. Giraldi, Ph.D., e pubblicato su Unz.com. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Da sinistra, il presidente del Brasile Luiz Inacio Lula da Silva, il presidente cinese Xi Jinping, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa, il primo ministro indiano Narendra Modi e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov a Johannesburg, il 23 agosto 2023 (Gianluigi Guercia/Pool via AP, LaPresse)
Da sinistra, il presidente del Brasile Luiz Inacio Lula da Silva, il presidente cinese Xi Jinping, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa, il primo ministro indiano Narendra Modi e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov a Johannesburg, il 23 agosto 2023 (Gianluigi Guercia/Pool via AP, LaPresse)

 

Il 23 agosto è stato un giorno di grandi notizie in tutto il mondo. L’attenzione dei media occidentali sugli eventi di quel giorno si è concentrata sulle affermazioni, non dimostrate, secondo cui il presidente russo Vladimir Putin sarebbe dietro il sabotaggio o l’abbattimento di un jet executive che ha ucciso il suo ex collaboratore Yevgeny Prigozhin. In realtà, però, c’era una storia molto più importante che stava arrivando dal Sudafrica. In effetti, Putin aveva un lavoro molto più importante da svolgere quel giorno, a causa del suo desiderio di fare progressi nel togliere agli Stati Uniti la loro egemonia sul dollaro. Putin era impegnato in videoconferenza nelle discussioni in corso a Johannesburg sull’espansione della cosiddetta unione monetaria dei BRICS, in parte per includere misure che avrebbero diminuito il dominio del dollaro nell’economia mondiale.

Questo obiettivo sarebbe stato gravemente danneggiato se Putin fosse stato coinvolto nello spettacolare assassinio pubblico di un rivale nello stesso giorno della riunione dei BRICS, che sarebbe stato non solo imbarazzante ma anche molto dannoso per la sua credibilità come statista. Se Putin avesse voluto davvero uccidere Prigozhin, ci sarebbero stati modi meno dannosi dal punto di vista politico per farlo e, al momento in cui scriviamo, la causa dell’incidente aereo rimane sconosciuta. Secondo una teoria, la morte di Prigozhin è stata causata da una bomba d’aereo piazzata dai servizi segreti statunitensi o britannici che lavoravano con agenti ucraini all’interno della Russia per screditare il leader russo, sapendo che, anche se fosse stato innocente, sarebbe stato incolpato dell’omicidio, che è esattamente come la storia si è sviluppata negli Stati Uniti e in Europa.
Il nome BRICS deriva dall’acronimo di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. L’economista di Goldman Sachs Jim O’Neill avrebbe coniato il termine BRIC (senza il Sudafrica) nel 2001 e il gruppo è stato creato qualche anno dopo utilizzando l’acronimo. Recentemente, la spinta all’espansione dei BRICS ha preso slancio a seguito della guerra in Ucraina, del tutto evitabile. Il venerabile status quo della finanza internazionale è stato sviluppato all’indomani della Seconda Guerra Mondiale a Bretton-Woods, dove sono stati creati gli strumenti della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale (FMI), tra cui l’approvazione del dollaro come valuta di riserva mondiale de facto per molte transazioni. L’intera struttura è gestita, per disegno, da una cabala capitalistica transatlantica con sede a Washington.

Attualmente esiste solo una limitata concorrenza al FMI e alla Banca Mondiale nel mercato globale del credito, dei prestiti, dell’emissione di denaro e di capitali, del potere di far crescere e sviluppare le economie, del finanziamento di progetti e di rimanere competitivi con l’afflusso di capitali tanto necessari per ospitare, vestire, educare o sfamare le popolazioni del mondo. Gli Stati Uniti lo sanno e usano il loro controllo sul sistema finanziario per tenere in riga i Paesi dal punto di vista politico.

Il modello bancario dei BRICS, basato su un mondo multipolare con più valute e accordi di prestito, ha offerto un’alternativa a questo mostro fuori controllo del monopolio bancario globale gestito dal FMI. È per questo che 132 Paesi, che avevano chiesto all’ONU un nuovo modello finanziario, hanno immediatamente visto la speranza nelle iniziative bancarie e di finanziamento alternative dei BRICS, che hanno iniziato a prendere forma nel 2015. Entro il primo anno, 57 Paesi hanno formalmente aderito alla Banca asiatica di investimento per le infrastrutture (AIIB) guidata dalla Cina, costituendo la prima rottura totale con le istituzioni occidentali di Bretton Woods, con una capitalizzazione iniziale della Nuova Banca di sviluppo dei BRICS dichiarata di 100 miliardi di dollari.

Il BRICS esiste nella sua forma attuale da circa otto anni, ma il suo interesse è esploso con gli eventi legati all’inizio della guerra in Ucraina. Poco più di un anno e mezzo fa, gli Stati Uniti hanno risposto all’intervento russo in Ucraina usando il loro controllo sul sistema bancario internazionale per imporre sanzioni sulle attività finanziarie di Mosca in tutto il mondo, compreso il congelamento di miliardi di dollari nelle banche di New York. Secondo una stima, sono stati congelati 1.000 miliardi di dollari in beni russi e alle banche russe è stato negato l’accesso al servizio di trasmissione globale SWIFT, che collega le istituzioni finanziarie e facilita i pagamenti rapidi e sicuri. Washington ha poi annunciato che il denaro congelato non sarebbe stato restituito e sarebbe stato invece utilizzato per la ricostruzione dell’Ucraina. Questo ha fatto scattare le luci di allarme in tutto il mondo, anche se gli Stati Uniti avevano già avuto un comportamento simile in relazione ai beni iraniani e venezuelani. Molti si sono chiesti: “Se possono farlo a una grande potenza come la Russia, possono farlo anche a me per punirmi? Cosa dovrei fare?”. Naturalmente la risposta più semplice è quella di abbandonare il dollaro come valuta di riserva, anche se è stato difficile farlo visto che la maggior parte delle vendite e degli acquisti di energia continuano a essere, per accordi, denominati in dollari. Da qui la transizione dei BRICS dal dollaro, consentendo transazioni finanziarie in una serie di valute.

L’incontro annuale del BRICS Partner Countries Business Forum, come si definiscono loro stessi, si è svolto a Johannesburg in Sudafrica dal 21 al 24 agosto. Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa, ospite dell’incontro, ha annunciato che Argentina, Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti entreranno formalmente a far parte del gruppo di nazioni BRICS, in quanto le loro candidature sono state approvate dai leader degli attuali Stati membri. I sei nuovi arrivati diventeranno membri a pieno titolo del club BRICS a partire dal gennaio 2024. Il club, che rappresenta la cerchia ristretta del sistema bancario, è attualmente composto dai fondatori Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, anche se ci sono molti altri paesi non membri che godono di privilegi bancari limitati, tra cui Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia, Nuova Zelanda e Australia. L’opportunità dell’espansione dei BRICS è stata al centro dell’agenda del vertice di Johannesburg per tutta la settimana. Il Presidente russo Vladimir Putin, la cui nazione assumerà la presidenza BRICS a rotazione l’anno prossimo, ha parlato ai partecipanti in videoconferenza e ha ringraziato il padrone di casa per l’ospitalità e il contributo al buon esito del vertice.

Il Presidente cinese Xi Jinping ha partecipato al vertice, così come i capi di Stato di Brasile, Cina e India, per discutere un’ampia gamma di questioni geopolitiche, economiche e commerciali. Il Presidente Xi ha dichiarato al gruppo che, nel contesto della crescita dei BRICS, “la Cina si trova fermamente dalla parte giusta della storia e crede che una giusta causa debba essere perseguita per il bene comune”. Ha anche denunciato indirettamente gli Stati Uniti, affermando che “qualche Paese, ossessionato dal mantenimento della propria egemonia, ha fatto di tutto per indebolire gli EMDC (mercati emergenti e Paesi in via di sviluppo)”. Ha sostenuto che i tentativi di punire e contenere i Paesi in via di sviluppo sarebbero “inutili” e che “l’ascesa collettiva dei Paesi emergenti e in via di sviluppo rappresentati dai BRICS sta cambiando radicalmente il panorama globale…[poiché] i Paesi emergenti e in via di sviluppo hanno contribuito fino all’80% della crescita globale negli ultimi 20 anni”. Ha aggiunto che “sono lieto di notare che oltre 20 Paesi stanno bussando alla porta dei BRICS. La Cina spera che altri si uniscano al meccanismo di cooperazione dei BRICS”.

Il modello bancario multipolare dei BRICS, che abbraccia più valute, e le risorse messe a disposizione attraverso la sua Nuova Banca di Sviluppo sono chiaramente concetti il cui tempo è arrivato e la sua adesione probabilmente aumenterà nei prossimi anni, mentre gli Stati Uniti continuano a cercare di governare il mondo attraverso sanzioni che distruggono le economie e impoveriscono intere nazioni, come avviene attualmente in Siria e Venezuela. Nel documento conclusivo del vertice, i partecipanti hanno attaccato indirettamente l’uso delle sanzioni da parte degli Stati Uniti, affermando che dovrebbe esserci “preoccupazione per l’uso di misure coercitive unilaterali”. In gran parte del mondo in via di sviluppo c’è particolare risentimento per i tentativi degli Stati Uniti di usare sanzioni primarie e secondarie per costringere i Paesi che non sono disposti a farlo a sostenere lo sforzo bellico della NATO in Ucraina.

Il BRICS gode di alcuni vantaggi nella sua crescita, tra cui la leadership della Cina, che potrebbe già essere la più grande economia del mondo, e l’impegno delle grandi economie sviluppate in rapida crescita di Russia, Brasile, India, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Iran. Il BRICS allargato comprende il 36% dell’intero PIL mondiale (più grande del G7) e il 47% della popolazione mondiale. I Paesi membri dei BRICS controlleranno presto quasi la metà delle risorse energetiche mondiali e, se il Venezuela, l’Algeria e il Kazakistan saranno inclusi tra i nuovi membri già nel 2024, potrebbero controllare fino al 90% di tutto il petrolio e il gas scambiati a livello globale. Si dice che ben quaranta nuovi Paesi abbiano chiesto di entrare a far parte dell’Alleanza. Anche il Vaticano ha chiesto di aderire come osservatore.

L’ascesa dei BRICS significa che il dollaro USA perderà, come minimo, il suo monopolio relativo sul commercio e la vendita di petrolio e gas. Il dominio dell’economia del dollaro si affievolirà quindi inevitabilmente e il dollaro declinerà sicuramente come prima valuta di riserva del mondo, anche se continuerà indubbiamente a sopravvivere in tale veste nelle parti del mondo in cui gli Stati Uniti continuano ad avere una notevole influenza politica ed economica, come l’America Latina. Quali saranno le conseguenze per l’economia degli Stati Uniti e per i cittadini americani? È difficile da calcolare, e alcuni sono prevedibilmente restii ai possibili esiti negativi, ma il dollaro si ridurrà inevitabilmente di valore, danneggiando i consumatori, e gli americani troveranno senza dubbio molti mercati potenziali chiusi allo sviluppo e agli investimenti statunitensi. Questo è in parte il motivo per cui a Capitol Hill c’è tanto panico per la Cina. La Cina non rappresenta una minaccia militare, ma compete con gli Stati Uniti a livello globale e, operando attraverso i BRICS e altri meccanismi, è già la nazione leader di un’alleanza economica altamente competitiva e attraente che rifiuta decisamente il modello americano ed europeo occidentale. Naturalmente, gli Stati Uniti potrebbero rispondere alleggerendo le politiche economiche coercitive che hanno utilizzato per lungo tempo, ma c’è poco da pensare che Joe Biden o Donald Trump scelgano di percorrere questa strada. Saranno i consumatori e i contribuenti americani a soffrire e a pagare il prezzo di qualsiasi passo falso. E l’ultimo possibile scenario dell’orrore è: “Gli Stati Uniti saranno “costretti” a ricorrere al nucleare contro i BRICS per salvare il dollaro?”. Non si può fare affidamento sui neoconservatori e sui globalisti che dominano Washington. Restate sintonizzati!

Philip M. Giraldi

 

Philip M. Giraldi, Ph.D., è direttore esecutivo del Council for the National Interest, una fondazione educativa.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments