Le misure di allontanamento sociale, comprese le mascherine, sono sospettate di aver causato un calo dello sviluppo dei bambini piccoli fino al 23% durante la pandemia di COVID, secondo un nuovo studio. Di seguito un articolo di Alex Hammer pubblicato sul Daily Mail, nella mia traduzione. 

 

Bambini in gabbia per lockdown

Le misure di allontanamento sociale, comprese le mascherine, sono sospettate di aver causato un calo dello sviluppo dei bambini piccoli fino al 23% durante la pandemia di COVID, secondo un nuovo studio.

Gli scienziati della Brown University Sean CL Deoni, Jennifer Beauchemin, Alexandra Volpe e Viren D’Sa, hanno scritto la recensione, in collaborazione con la società di consulenza globale Resonance, raccogliendo dati da 1.600 bambini – e i loro caregiver – che sono stati iscritti allo studio tra le età di 0 e 5 anni su base rotante.

La ricerca ha analizzato lo sviluppo cognitivo dei giovani attraverso l’infanzia, la fanciullezza e l’adolescenza, e ha esaminato come i punteggi medi di sviluppo in tre aree chiave sono stati influenzati durante l’era COVID – con risultati scioccanti.

 

 

Nello studio, i ricercatori hanno prima analizzato 1.070 valutazioni somministrate a 605 bambini prima del marzo 2020, quando sono iniziati i blocchi e il mascheramento di COVID.

Poi, sono state effettuate altre 154 valutazioni da 118 bambini somministrate tra marzo 2020 e giugno 2021, durante il culmine della pandemia.

Nel frattempo, 39 bambini nati nel 2018 e 2019 sono stati analizzati nel corso della pandemia, nel 2021.

Il team ha poi effettuato controlli su tre misure ampiamente accettate di sviluppo del bambino – il complesso di apprendimento precoce (ELC), il quoziente di sviluppo verbale (VDQ) e il quoziente di sviluppo non verbale (NVDQ).

Il complesso di apprendimento precoce di un bambino è derivato dalla sua motricità fine, dalla ricezione visiva, dalle scale del linguaggio ricettivo ed espressivo, ed è l’equivalente dei primi anni di vita di un punteggio di QI.

I due quozienti di sviluppo misurano come un bambino sta maturando nelle sue abilità linguistiche e in altre abilità rispetto a un campione di giovani della sua stessa età.

I risultati hanno mostrato che il risultato medio composito di apprendimento precoce è sceso di un enorme 23 per cento, da un massimo di poco meno di 100 nel 2019, a circa 80 nel 2020, e infine 77 nel 2021.

Nel frattempo, anche il quoziente di sviluppo verbale è sceso drasticamente, da una media di 100 nel 2018 a poco meno di 90 nel 2020, e circa 70 nel 2021.

Anche il quoziente di sviluppo non verbale ha sperimentato un tuffo simile, da un punteggio medio di circa 105 nel 2019, a 100 nel 2020 e circa 80 nel 2021.

Lo studio ha concluso che “i bambini nati durante la pandemia hanno prestazioni verbali, motorie e cognitive generali significativamente ridotte rispetto ai bambini nati prima della pandemia”.

Inoltre”, aggiunge il rapporto, “le mascherine indossate in ambienti pubblici e in contesti scolastici o di asilo possono avere un impatto su una serie di capacità di sviluppo precoce, come l’attaccamento, l’elaborazione facciale e l’elaborazione socio-emotiva”.

 

Gli autori hanno detto che i ragazzi provenienti da ambienti poveri erano più a rischio di un calo dei punteggi dei test cognitivi, con i genitori più ricchi meglio in grado di mitigare gli effetti della pandemia.

Hanno spiegato: ‘Confrontando i punteggi medi annuali dal 2011, controllando per età, sesso, indicatori demografici e socioeconomici, troviamo prove sorprendenti di declino del funzionamento cognitivo complessivo nei bambini a partire dal 2020 e continuando attraverso 2021.

“Troviamo che i maschi sembrano significativamente più colpiti delle femmine, e che uno status socioeconomico più elevato (SES, misurato dall’educazione materna) aiuta a tamponare questo impatto negativo”.

“A un livello più individuale, abbiamo esaminato le tendenze longitudinali pre e durante la pandemia negli stessi bambini dal 2018 al 2021, trovando di nuovo cali di abilità nel 2020 e 2021”.

I risultati dello studio arrivano mentre i genitori di tutto il mondo sono alle prese con l’idea che indossare maschere possa interferire con le naturali esperienze di apprendimento e le capacità di comunicazione dei loro bambini.

‘Ci sono periodi sensibili nello sviluppo della prima infanzia in cui lo sviluppo del linguaggio e lo sviluppo emotivo sono davvero in rapido sviluppo per i primi anni di vita,’ Ashley Ruba, un ricercatore post-dottorato presso l’Università del Wisconsin-Madison’s Child Emotion Lab, ha detto alla CNN in agosto.

La dottoressa ha aggiunto che i bambini in via di sviluppo hanno bisogno di vedere i sottili spunti verbali o facciali degli altri per discernere accuratamente come si sente qualcuno – un’abilità che si dimostra fondamentale con l’età dei giovani.

Per di più, non essere in grado di vedere la faccia di qualcuno inibisce anche i bambini dal riconoscere se qualcosa o una situazione è sicura o pericolosa, ha affermato Ruba.

Detto questo, le maschere potrebbero non essere la cosa che stimola la drastica riduzione delle capacità cognitive dei bambini, lo studio afferma, aggiungendo che ci sono probabilmente una serie di fattori legati alla pandemia che possono essere incolpati per il calo – in particolare la mancanza di interazioni sociali tra i giovani ancora in via di sviluppo.

Ciò è avvenuto dopo che le scuole sono state chiuse per l’apprendimento in presenza, con molti esperti che incolpano la mancanza di contatto sociale per un boom di problemi di salute mentale tra i bambini, e alcune aree che vedono un picco di suicidi giovanili.

Le infezioni da COVID tendono ad essere innocue per i bambini più piccoli, con appena 731 morti confermate di COVID registrate per i giovani tra 0 e 18 anni da marzo 2020 al 24 novembre 2021, secondo i dati del CDC.

Questo ha visto molti genitori chiedere che la maggior parte delle restrizioni siano rimosse per i bambini, in particolare perché i bambini dai cinque anni in su possono ora essere vaccinati.

Coloro che vogliono che i bambini rimangano coperti dicono che non c’è modo di sapere se un bambino perfettamente sano può subire una grave infezione da COVID. Sottolineano anche come i bambini potrebbero non cadere gravemente malati, ma potrebbero comunque passare l’infezione a un adulto come un genitore, un nonno o un insegnante che potrebbe soffrire di sintomi gravi o addirittura mortali.

“La pandemia di COVID-19 ha alterato fondamentalmente il panorama della salute dei bambini, con madri incinte e individui e bambini che vivono in un ambiente economico, psicosociale ed educativo sorprendentemente diverso da quello che era presente solo 18 mesi fa”.

“In questo contesto ambientale, rimangono domande senza risposta riguardo all’impatto del lavoro da casa, del ricovero sul posto e di altre politiche sanitarie pubbliche che hanno limitato l’interazione sociale e le esperienze tipiche dell’infanzia sul neurosviluppo infantile precoce”.

Aggiunge: “Mentre i fattori socioeconomici sembrano mitigare le conseguenze negative della pandemia, i fattori primari alla base delle nostre tendenze osservate rimangono sconosciuti”.

“La comprensione di questi fattori è fondamentale per garantire che i bambini colpiti si riprendano quando la pandemia si concluderà e rientreranno negli asili e nelle scuole; così come l’attuazione di ulteriori politiche di salute pubblica ed educative che si rivolgono ai bambini più colpiti, in particolare quelli delle famiglie a basso reddito”.

 

 

Facebook Comments